HUIJSEN: “Mi sento spagnolo. Con De Rossi rapporto incredibile. L’esultanza alla Ronaldo? Ecco com’è nata…”

8
770

AS ROMA NOTIZIE – Dean Huijsen ha debuttato con la maglia della Spagna, Under 21, dopo il recente cambio di nazionalità che l’ha reso convocabile dalla ‘Roja’. Il difensore centrale ha rilasciato un’intervista a Marca. Queste le sue parole:

Hai giocato nell’Olanda, eri il più piccolo dell’Under 21, alto quasi due metri e sei cresciuto a Malaga. Non dirmi che non è strano.
“Sì, mi sento molto spagnolo, davvero. Sono molto felice di far parte di questa Nazionale, dato che sono cresciuto a Malaga da quando avevo cinque anni”

Sei un difensore centrale tecnico, con un ottimo lancio e questo si adatta bene alla Roja. Dove hai acquisito questa abilità?
“Da quando ero piccolo. All’inizio, quando avevo cinque anni, ho iniziato come attaccante ma poi ho iniziato a giocare come difensore centrale e sono sempre stato bravo a partire pulito con il palla”

È curioso che, essendo cresciuto in Spagna, hai avuto l’opportunità di firmare per il Real Madrid o il Barça, ma alla fine hai scelto la Juventus e l’Italia. Perché?
“Perché allora credevo che l’Italia mi avrebbe dato più cose in termini di apprendimento. Avevo già acquisito quel gioco con la palla, ma dovevo migliorare nei duelli con gli attaccanti, nel contrasto, nell’aspetto tattico. E effettivamente la Serie A mi sta dando quelle cose per rendermi un giocatore migliore, anche se devo ancora imparare molto”

Ti è successo qualcosa di incredibile in questa stagione. Eri alla Juventus, José Mourinho ti chiama e vai alla Roma. Ma poche settimane dopo, Mou viene licenziato…
“Sì, è andata così. Mourinho mi ha sempre trattato bene, ma ora anche con Daniele de Rossi il rapporto è incredibile. Si prende molta cura di me, è una persona fantastica e mi trovo bene con lui”

Chi ammiravi come difensore centrale?
“Sergio Ramos. È una persona a cui chiederei consigli, oltre a una foto [ride]…”

Adesso stai facendo bene in Serie A, tra quanto tempo ti vedi nella Liga?
“Non lo so. Nel calcio non si sa mai e adesso sto bene dove sono”

Hai diverse particolarità, come quella di giocare con i calzini bassi. È raro in un difensore centrale…
“Sì, li porto così fin da quando ero piccolo. Non so perché, ma ho sempre fatto così. Non esiste una ragione particolare”

Nella partita contro il Frosinone hai festeggiato il ​​gol imitando Cristiano Ronaldo. Perché lo ammiri?
“Beh, è ​un aneddoto. Il giorno prima stavo giocando alla Play con un amico e gli ho detto che se avessi segnato, avrei festeggiato così. E così è stato”.

Fonte: Marca

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedente“ON AIR!” – PETRUZZI: “De Rossi intrigato dalla coppia Abraham-Lukaku”, ROSSI: “Zaniolo? Giocatore da Conference”, COSENZA: “Con la Champions 70 milioni da spendere sul mercato”
Articolo successivoBoniek: “Con Mourinho giocatori mentalmente esausti. Il mio Roma-Lecce? Dovevamo vincere 9 a 1, mi sembra incredibile averla persa”

8 Commenti

  1. io il cambio di Nazionale non l’ho mai capito.

    mi pare una paraculata enorme.

    la Nazionale non è un Club.

    ❤️🧡💛

  2. Avrà pure capacità/potenziale (tutto da dimostrare però..) ma a me non piace per nulla e non non mi va quest “aria che si dà”…come dicono i suoi nuovi connazionali “chulito de mis c….”

  3. Non sapevo che avesse iniziato da attaccante…quel gol e l’esultanza me la sarò rivista centinaia di volte…bravo ragazzo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome