I Friedkin dicono no alle tentazioni saudite: la Roma non è in vendita

96
1899

NOTIZIE AS ROMAI Friedkin non mollano la Roma. E resistono perfino alle tentazioni che provengono dall’Arabia e dalla pioggia di milioni di euro che i sauditi sarebbero pronti a investire per prendere il controllo del club giallorosso.

L’interesse degli sceicchi è concreto, così come la volontà dei texani di non intavolare trattative con nessuno per la cessione del club. Le manifestazioni di interesse arriverebbero dal fondo Pif (Public investment fund) che è la cassaforte del regno Saudita con un patrimonio stimato che sfiora gli 800 miliardi di dollari e che  è proprietaria del Newcastle.

A far concorrenza ci sarebbe anche sua Eccellenza Turki Alalshikh, presidente della General Entertainment Authority dell’Arabia Saudita che è stato a Trigoria qualche mese fa. L’obiettivo è acquisire il 100% della Roma, per iniziare a investire in Italia. Terra che rappresenta un importante traino per il turismo, uno dei punti cardine del futuro della economia araba. Oltre a offrire un importante polo geopolitico.

Le cifre previste sono da capogiro: 900 milioni subito, altri 300 sotto forma di clausola da far scattare se e quando ci sarà il via libera al progetto definitivo del nuovo stadio a Pietralata. La notizia ha invaso social e chat di tutta Roma. Da Trigoria però raffreddano i bollori: nessuna trattativa, nessuna voglia di intavolarla. Se interesse c’è, rimarrà tale.

Fonti: Leggo / La Repubblica

Articolo precedenteNdicka in finale della Coppa d’Africa con la Costa d’Avorio: battuto il Congo per 1 a 0
Articolo successivoRinato Sanches: con DDR arriva la grande occasione anche per il portoghese

96 Commenti

    • Caro Vito ricorda che Repubblica, come gli altri editi dal gruppo Elkan, è ufficialmente organico alla propaganda liberal capitalista che è ormai dittatura ovunque, specie in questo vassallo paese dove da decenni si alternano governicchi di pseudo sinistra e pseudo destra che hanno però obiettivi identici, quello di assoggettarci completamente al capitale finanziarizzato inteso come classe! I sauditi sono amici degli americani e tuttavia disorganici al potere di cui sopra.
      Daje!

    • mica tanto disorganici..c hanno dei datteri che sò 7 bomtà ..i sokari..no i somari..eh eh..certo che con gli Houthi sotto casa..tt sta voja de venì a Roma..uhm..eh eh eh

    • Ma che disorganici, senza il loro petrolio (purtroppo) sai come funziona l’economia mondiale? Funziona corca.

  1. Chi troppo vuole ,nulla stringe. Se l’offerta vi fa rientrare dei soldi investiti anche virtualmente , non esitate, 4 anni sono stati più che sufficienti a farvi capire che non fa per voi e a Giugno saranno dolori ,la gente ha pure aperto gli occhi, se fosse vero l’interesse,andate in pace!

    • Monika che spiega come si fa a chi gestisce un business da oltre 10 miliardi di dollari in mezzo globo terrestre….
      Internet è un posto fantastico 🙂

      Ps: so’ 2 anni che Repubblica ogni trimestre tira fuori ‘st’articolo….
      Strano perchè gli arabi quando vogliono qualcosa la prendono e basta,
      noi abbiamo beccato gli unici timidi.
      E attenzione, io non sono assolutamente contrario,
      è solo che la cosa non esiste.

    • Mi ero gia comprato il costume stile fantozzi tigrato , niente tutto rimandato nessun tuffo alla Mister OK

    • Peccato che quello che si esaltava per nulla ieri eri tu. Poi gli abbocconi sono gli altri. Questa costante necessità di dimostrarsi più sveglio degli altri è triste e controproducente.

    • Merico’, non so se valga la pena il tuffo nella piscina vuota per occupare il nono posto in classifica attualmente appannaggio del Newcastle.
      Per arrivare noni bastava tenersi Mourinho…

  2. Mi fido più di Dagospia che di Repubblica, anche perché se l’offerta fosse davvero quella, nessun imprenditore sano di mente rinuncerebbe. Qualcosa sicuramente c’è a questo punto, al di là della smentita obbligatoria in questi casi, ma dubito i numeri e i compratori siano quelli

  3. Peccato! E’ una grandissima occasione per la Roma, forse irripetibile!! Con gli arabi non avremmo più problemi di investimenti e acquisti….. I Friedkin avrebbero dovuto tenerlo presente, con i loro progetti di una Roma che “alleva” i giocatori giovani eppoi le rivende per far cassa si torna all’era Pallotta!!

    • bhe certo 800 miliardi di capitale e come se io vado a comprare una smart usata
      🙂 🙂 🙂

  4. ma se questi texani non parlano mai, queste verità assoluta, chi le spoilera? a Roma sono anni che si ipotizzano scenari mai confermati, quindi….

    • “i fatti parlano” e quali sarebbero?? mica vorrai menzionare ora le due finali e la coppa vinta , perche per te che sei anti Mourinhano sarebbe come darsi la zappa sui piedi
      🙂 🙂 🙂

    • Merico’, quando presero Mourinho, Lukaku, Abraham, Dybala, Wijnaldum, Matic, eri dispiaciuto? Al di là di chi si è rivelato flop o no…

    • @Mericoni, quindi la coppa l’ha vinto Mourinho e i settimi posti e l’eliminazioni in Coppa Italia sò della squadra, giusto?

  5. Cercando di mantenere sotto controllo la temperatura, questa pseudo trattativa non ha molto senso né per i venditori né per gli ipotetici acquirenti.
    Acquirenti che noi immaginiamo accendersi sigari cubani con banconote da 100 dollari sprezzanti del loro valore, ma non è esattamente così.
    Non ha senso per nessuno in questo momento pagare 900 milioni per un club che ancora ne perde oltre 100 l’anno con la chimera stadio che è troppo lontana per rassicurare chiunque.
    I venditori dovrebbero invece accontentarsi di un semplice, chiamiamolo così, “rimborso spese” in attesa di una buona mancia sempre legata al destino ancora incerto del nuovo impianto.
    E’ una trama troppo debole scritta così, deve esserci dell’altro oppure è una bufala.
    E a quanti già sognano l’arrivo contemporaneo di Haland e Mbappé ricordo che finora il modus operandi dei sauditi al Newcastle non è stato esattamente questo: la squadra si trova al nono posto in classifica, dietro persino al Brighton di De Zerbi.
    Nell’ultimo mercato hanno investito circa 150 milioni a fronte di una 40ina di uscite, una cifra assolutamente normale per gli standard della Premier, di cui quasi la metà solo per Tonali.
    Quindi calma, calma, e ancora calma, perché qui di bruschi risvegli ne abbiamo avuti sin troppi.

  6. hanno speso fin’ora 900, se mi offri 900 e metti un bonus di 300 al solo ottenimento dello stadio, vuol dire che se lo stadio non si fa non ho il minimo guadagno. Gli mettessero in mano 1,1-1,2 diretti…e vedi come, giustamente, vendono all’istante.
    E comunque, io uno come Dan lo vorrei sempre come presidente…se riuscisse anche solo nell’impresa di avere degli emiri come partner (e la storia ci dice che non accade quasi mai) ci divertiremmo, e pure tanto! il psg, il m.city, l’inter… ci hanno svoltato con le sponsorizzazioni farlocche da 60 all’anno per un nome sulla maglietta o per il nome al centro sportivo… il bello è che già mi immagino le proteste per il cambio nome del Fulvio Bernardini 😉

  7. i Sauditi? Che comprerebbero i migliori giocatori sul mercato? Che finalmente ci farebbero vincere?..
    Ma quando mai!
    Ci teniamo questi due SORDOMUTI americani che ci faranno SOFFRIRE ben bene. Come siamo abituati da SEMPRE…
    Dovessimo per una volta tanto divertirci anche noi!

    • è una condanna la nostra siamo talmente sfigati che è probabile che se vengono gli arabi ce toccano gli unici senza soldi

    • Minteh, Livramento, Barnes, Tonali.
      Chi sono? I giocatori arrivati nell’ultimo mercato estivo al Newcastle. Scommetto che tu conosca il solo Tonali.
      No Bellingham, no Haland, Vinicius, Mbappé. Investimenti sostenibili su profili under 25, addirittura in ossequio al FFP.
      Dovessimo ancora una volta cascare dalle nuvole?

    • A spadò, ma pure se fosse, so’ acquisti. Mica prestiti e giocatori comprati co li pagherò…

    • Baldanzi non è un acquisto Gira’?
      Chiaro che se stai appresso ai Wijnaldum, Sanches, Lukaku e compagnia so’ tutti pagherò che poi non paghi per scialare milioni di stipendio senza ritorni.

    • Sì, uno dopo du’ anni da l’urtimo, Celik a 7. A Spadò, ma spiegame perché t’affanni tanto a confutà na proprietà Saudita a vantaggio de li Friedkin. Me parli de noni posti e acquisti poco faraonici, come se stessimo in mano ar gruppo Etihad, che invece de portacce Lukaku in prestito, c’ha comprato Haaland a 125 cucuzze e ce facessero male le braccia a forza de sollevà Scudi e Champions

    • Girà’, qua per noi quando si dice arabi è come se fossero tutti uguali, come se a te dessero dell’europeo insomma. E tu lo sai bene che tra te e un finlandese corre una certa differenza.
      L’unico metro di paragone che abbiamo per giudicare “questi” arabi al momento è per forza di cose quello del Newcastle.
      E finora tale progetto non mi sembra quello di uno sperpero di capitali confluiti tramite sponsorizzazioni più o meno legittime, ma fatto di investimenti sostenibili su prospetti giovani e dal prezzo ancora abbordabile (per gli standard Premier, of course).
      Tu pensi che sia questa l’idea degli “arabi” che hanno i tanti che in questi momenti sono corsi a cambiarsi l’intimo?

    • Non disperiamo.
      Magari basterà che le cose vadano mooooolto per le lunghe, come di consueto.
      Magari a quel punto gli basterà pure un utile inferiore ma cospicuo vendendo una Società risanata.
      Comunque, magari se ne vanno e arriva qualcuno che intenda investire sulla competitività della squadra, cosa che ormai gli americani c’hanno fatto dimenticare, al punto di crederlo impossibile.

    • È l’esatto contrario. Per massimizzare il guadagno devono avere l’approvazione del progetto definitivo.

  8. Allora di vero c è l interesse e una trattativa sicuramente ma aspettano lo stadio .La notizia grave è che stiamo senza un DS e un uomo spogliatoio ! .

  9. bene cosi’.

    gli ingrati qui dentro si rimangeranno tutto il fango che stanno spalando su questa famiglia che merita assoluto rispetto e gratitudine. una famiglia di successo globale in svariati settori che ha dimostrato nel tempo di saperci fare eccome. una famiglia discreta e capace e con stile da vendere…altro che parolacce contro gli arbitri nei parcheggi degli stadi e dito negli occhi dei colleghi (da vigliacco da dietro le spalle!)…

    la coppa conference e finale di EL che tanto decantate per voi l’ha vinta solo mourinho e questo e’ il piu’ grande problema a roma, l’idolatria del singolo.

    in realta’, i friedkin sono i veri artefici di tutto quello che sta facendo la roma in questi ultimi anni, sia quando le cose vanno bene sia quando vanno male. sono loro che pesano e prendono tutte le decisioni.

    e ricordo a tutti che sono appena arrivati con due anni di covid e una montagna di problemi lasciati dalla gestione precedente il tutto con le regole FFP che sono entrate in vigora realmente solo 3 anni fa.

    eccola l’eredita’ di mourinho ha convinto tutti che la colpa e’ dei friedkin – e purtroppo a roma sti giochetti funnzionano alla grande, so 2000 anni che si chiacchera di politica e religione (il nulla assoluto) e mentre gli altri avanzano, noi ci crogioliamo nella storia di quello che fu.

    ma na bella svejata collettiva no?

    staremo a vedere come si mettono le cose nei prossimi mesi soprattutto con la questione stadio e poi ne riparliamo.

    keep calm and carry on Dan

    • I friedkin a oggi nel mondo del pallone non sono nessuno. In altri settori sono stati bravi ma nel calcio chi ha vinto è Mou non loro. Mou ci ha difeso dagli arbitri che nella nostra storia ci hanno impedito di avere qualche titolo o coppa in più e l’ha fatto mettendoci la faccia a differenza di chi si è nascosto. Se nella nostra storia abbiamo vinto poco è stata colpa sia degli arbitri e sia dei presidenti che spendevano sempre meno dei concorrenti e spesso anche peggio perché hanno scelto ds scandalosi e perdenti come testimonia la loro carriera. A oggi i friedkin non sono neanche riusciti a organizzare una società di calcio. Avevano affidato 2 ruoli ds/gm a una sola persona, peraltro, inadatta a entrambi i ruoli e unica società al mondo a fare questa scelta. Fanno più calciomercato con i dirigenti che con i calciatori. E poi hanno firmato un SA penalizzante che non consente di fare mercato e di conseguenza di investire o meglio se lo fai vieni multato. Una società che non investe non ha futuro. Aspetto di vedere campagne acquisti faraoniche per poterli incensare. Finora sono più gli errori che i successi.

    • @alda

      “Se nella nostra storia abbiamo vinto poco è stata colpa sia degli arbitri e sia dei presidenti che spendevano sempre meno dei concorrenti e spesso anche peggio perché hanno scelto ds scandalosi e perdenti come testimonia la loro carriera”

      svejate

      se nella storia hai vinto poco e’ perche’ gli altri sono stati piu’ bravi. punto.
      se la roma non e’ un club appetibile fattela una domanda. e’ un ambientaccio in cui si lavora poco e male, e questo vale per la citta’ in generale, basta a vedere come e’ ridotta per capire il degrado e l’incompetenza assoluta che regna dai secoli. e meno male che c’e’ il vaticano che storicamente ha speso un patrimonio per mantenerla la nostra cara citta’, altrimenti gran parte del vanto non esisterebbe nemmeno.

      se la roma sta diventando appetibile e’ perche’ qualcuno l’ha resa tale e non sto parlando di campo. tu glorifichi mourinho e dai tutti i meriti a lui.

      io invece penso che sia la societa’ ad aver creato tutto questo. e parlo di stadio pieno e prezzi popolari, soprattutto per famiglie e giovani, parlo di settore giovanile, di squadra femminile, del centro sportivo, delle presentazioni al nuovo colosseo, dellla nuova sede e di di centinaia di persone che lavorano tutti i giorni per far crescere la societ’a ed il marchio.

      tu continua a pensare che tutto questo sia opera di mourinho, grazie a dio c’e gente un tantino piu’ intelligente e preparata di quelli come te che capisce che un’azienda con centinaia di dipendenti e centinaia di milioni di fatturato non dipende mai da un solo uomo, figuriamoci un uomo di solo campo…

      per inciso, altri grandi, grandissimi e ricchissimi club hanno silurato il tuo idolo svariate volte. erano grandi prima del suo arrivo e rimangono grandi dopo la sua partenza. il che dimostra che la grandezza di un club non si misura nel dai giocatori ne tantomeno dall’allenatore ma solo ed esclusivamente dalla forza e dimensione della societa’.

      e per creare una grande societa’ servono sia i soldi, idee e competenza. a me sembra onestamente che la famiglia friedkin abbia e stia fornendo tutti gli ingredienti per far crescere la roma.

      poi c’e’ chi come te vuole l’instant team per vincere tutto e subito, quindi ben venga lo sceicco di turno (lui si che di calcio ci capisce eh…) anche a costo di non incarnare i valori della citta’ che il club dovrebbe rappresentare.

      quelli come me preferiscono invece costruire un mattone alla volta. ora inizia la fase 2 del progetto friedkin, vedremo nei prossimi mesi chi avra’ ragione…

    • I Friedkin non sono nessuno nel pallone però in tre anni hanno vinto una Conference e arrivati in finale di Europa League…
      Ah le ha vinte Mourinho? Tutto solo?
      E’ bella sta favoletta comunque eh… sono le favolette dei bimbi dove il protagonista ha sempre ragione e si batte contro le malefatte dei cattivi proprietari che a sfregio lo pagano pure.

    • “Anche a costo di non incarnare i valori della città che il club dovrebbe rappresentare”. Quali valori incarnano i Friedkin? Gli americani ci vedono come una colonia e non rispettano le nostre bandiere (come Losi). Mou che ha vinto tutto e ovunque (Roma compresa) non va bene. E con chi dobbiamo costruire una squadra vincente? Ora c’è klopp libero. Lo prendessero. Cosa faranno in futuro non lo so ma a oggi non sono stati ancora in grado di costruire una società non dico vincente ma una società con professionisti. Hanno scelto un gm scarso e gli hanno fatto fare pure il ds. Ora ci mancano entrambe le figure. Hanno mandato via un allenatore che ci ha fatto fare 2 finali europee in 2 anni una vinta e l’altra rubata, con la società in silenzio e Mou unico a difenderci, e che ci ha fatto fare plusvalenze con calciatori che lui ha preso dalla primavera e ha valorizzato. Se portano klopp o uno del suo livello e investono tanto ma soprattutto bene allora non si potranno più criticare. Se la Roma non è competitiva ad alti livelli la colpa è solo loro. Anche se fosse colpevole Mou è sempre colpa loro perché l’hanno scelto. Anche se a guardare i curricula Mou nel calcio è un vincente di alto livello i friedkin no.

    • h. p. l non ho detto che ha vinto Mou da solo ma senza di lui non avresti vinto. Poi Mou era stipendiato dai Friedkin quindi bravi loro ad assumerlo. I Friedkin hanno vinto con un allenatore tra i più vincenti al mondo. Quindi ribadisco che la storia dei Friedkin nel calcio non è paragonabile a quella di Mou come testimoniato dalla realtà. Se però paragoni i Friedkin a zeman allora i Friedkin sono dei super vincenti. Non è però una battaglia tra i friedkin e Mou. Mou due finali europee ce l’ha fatte raggiungere e ora non c’è più. Perciò adesso dobbiamo cercare di vincere ancora di più con chi c’è. Guardiamo al presente e al futuro con la speranza di avere finalmente un presidente che costruisca una società solida e una squadra vincente.

    • @ALDA,
      ho capito e non è che voglia darti contro, figurati. Semplicemente vedo un fenomeno molto diffuso su sto forum. Le cose belle le fa uno le cose brutte le ha fatte un altro. Non è così, la realtà è diversa.
      Mou ha aiutato la squadra a vincere la Conference, verissimo, pur vero che non fosse stato per i Friedkin temo Mou sarebbe stato ancora a spasso. Ma ci metto pure Pinto, i tifosi ecc ecc…

  10. A me onestamente non farebbe impazzire finire in mano agli arabi. Certo, sportivamente parlando sarebbe fantastico, ma eticamente avrei i miei dubbi. La Roma è altro per me.

    • @simone asr
      Assolutamente.
      Se domandi dalle parti di formello o in curva nord sono tutti d’accordo: ASR in mani americane per sempre, mai agli arabi che se diventano come PSG e MC se seppellimo.

    • assolutamente d’accordo, finchè si tratta di avere uno sponsor saudita sulla maglia ci sta, ma dare la Roma a un certo Mohammad bin Salman non è proprio il massimo dell’etica

    • Sono d’accordo con te ma estendo lo stesso discorso agli americani in generale. Ma se leggi i commenti pare l’etica appartenga ad un altro mondo.
      Pensano a fa rosicà le quaglie…

  11. cioè siamo degli ingrati che non ringraziamo perché la Roma non va oltre il sesto posto da quattro anni? siamo degli ingrati che non ringraziamo che la Roma ha fatto due sessioni di calciomercato spendendo non più di 7 milioni prendendo solo prestiti e parametri zero? siamo degli ingrati se non ringraziamo se siamo tornati all’ età del progetto giovani e plusvalenze?

    • guardi solo quello che ti fa comodo.

      risultati negativi in campionato = colpa dei friedkin
      risultati positivi in europa = merito di mourinho

      bella come equazione

  12. la vera minaccia è stato Pallotto..quella si che sarebbe stata la Fine..poi però..è arrivata la santa Provvidenza dei F…,SARà INTERVENUTO mr.T?..chi vivrà vedrà..intanto beccateve S.Remo..eh eh eh eh..

    • Orange pedonami. Pallotta ha preso una Roma indebitata come i Friedkin, Pallotta ha come obbiettivo primario lo stadio, come i fridkin, i Fridkin non parlano e ci hanno relegato e settimi posti perenni, Pallotta disse che in attesa dello stadio avrebbe mantenuto compettiva la squadra con le plusvalenze e lo ha fatto,, Pallotta ha venduto perchè non gli hanno fatto fare lo stadio, i Friedkin venderanno se non glielo faranno fare prima di rimettterci altri soldi, e vedneranno se glielo faranno fare ac ifre da capogiro cos’ faranno un profitto. Dimmi dunque perchè Pallotta è stata una minaccia? Ah dimenticavo Pallotta rivedette ai Friedkin al quintuplo, allora devono essere stati dei polli, se vo vuol dire che quelli che tu indichi come minaccia per la Roma, alla fine l’hanno valorizzata…….

  13. spero che arrivino gli arabi e soprattutto che non comprino la lazio perche sarebbe una vera sciagura sportiva per i nostri colori. Quindi cari americani non fate gli schizzinosi e vendete e liberateci da quest’era avara di successi e gloria

  14. Caro il Pogo lo so che mou non c’è più, ma l’esaltazione continua. Ho letto e sentito cose del tipo, calcio spettacolo, si vede la mano di De Rossi, persino qualcuno dire che con De Rossi dall’inzio avremmo conteso lo scudetto all’inter, perchè sembra che sia cambiata la Roma, ne siete sicuri? In 20 partite con Mourinho la Roma ha avuto una media tiri di 13 a partita, in 3 con de Rossi la media è stata di 11,33, e con 2 squadre con 1 piede in B, le prime 2 ci hanno preso a Pallonate, un pò meglio col Cagliari, ma 3 dei 4 gol sono venuti da calcio d’angolo, anche se qualcuno ha detto di aver rivisto il Brasile di Pelè……

    • Considerando che con mou mou da calcio piazzato non se quajava più na fava mi sembra un discreto passo avanti. Ti sei dimenticato nel confronto il +4 nel conto punti in classifica

  15. C’è chi chiama ingrati i Romanisti che non gradiscono una proprietà con la quale la AS Roma galleggerà sempre nella mediocrità.
    C’è chi osteggia a priori Proprietà danarose che farebbero dell’AS Roma una squadra di vertice.
    C’è chi interviene sul forum da Formello: per ragioni logistiche la war-room è stata attrezzata da quelle parti, per evitare ai lavoratori lunghi e noiosi spostamenti.

    • Ila’ sveja, il Newcastle de sto megafondo PIF è nono in classifica, je magna in testa il Brighton di De Zerby e l’allenatore è tale Eddie Howe che in vita sua ha allenato Bournemouth e Burnley.
      Stanno conducendo campagne acquisti perfettamente in linea coi parametri del FFP.
      Al momento non si intuisce potenza di fuoco ai livelli di PSG e City.
      Prima di sbrodolare aspetterei che le cadute dal seggiolone sono già state numerose e dolorose.

    • So latziali e tifosi strisciati. Come quell’antro che quarche settimana fa ha scritto “Sono SIMPATIZZANTE della Roma, se dovesse finì in mani arabe smetto di seguirla”
      1) STICAZZI
      2) Sta a fa’ la m€rda perché a’ Roma la simpatizzi, ma la giuve la tifi. Na Roma Saudita te fa sparì la squadra der casso tua.
      Capito sì!?! NA Roma così fa “simpatia”. Io vojo esse odiato da l’artri tifosi, li devo vedè schiumà rabbia e invidia. La simpatia verso l’As Roma da parte vostra, me fa solo che schifo…

    • Laziali, strisciati e per giunta gettonati.
      Il problema è chi gli va appresso.

  16. Le operazioni del passato, tipo PSG o Chelsea con acquisti folli per molti anni, non sono più possibili per le regole UEFA ma a quanto pare restano nell’ immaginario del tifoso ruspante. Un cambio di proprietà permette un anno circa di elasticità poi ci si deve riallineare a quanto si incassa.

    • O’ sai quanto te fa incassà na sequela de sponsorizzazioni saudite? Miriadi de sponsor dar Regno Saudito, tournee in medio oriente e merchandising mondiale, lo sai a quanto te porta er fatturato?

    • TT quindi non e vero che il Chelsea l anno scorso ha speso soldi.
      Moises Caicedo (dal Brighton): 116 mln.
      Romeo Lavia (dal Southampton): 62,1 mln.
      Christopher Nkunku (dal Lipsia): 60 mln.
      Cole Palmer (dal Manchester City): 47 mln.
      Axel Disasi (dal Monaco): 45 mln.
      Nicolas Jackson (dal Villarreal): 37 mln.
      Robert Sanchez (dal Brighton): 28,7 mln.
      Lesley Ugochukwu (dal Rennes): 27 mln.

    • Arancì, la benza me serve pe shampà le tre strisciate, più er duo obeso Lotito&DeLa. Poi, dopo er lavaggio, c’è l’asciugatura, ma senza phon, solo co l’accendino…

  17. A MOLTI NON è CHIARA LA STRATEGIA DEI FRIEDKIN, ma spero di fare chiarezza.

    La strategia aziendale dei friedkin è rendere appetibile, a investitori facoltosi, una squadra che era messa in ginocchio da un gestione negativa, nell’ultimo periodo, della precedente gestione.

    L’uscita dalla borsa è un esempio lampante di tutto questo.

    Sanare le casse della roma? la stessa cosa.

    Tutto quello che non stiamo accettando, come il non fare il mercato, mandare via un allenatore come mourinho pagato 8mln netti l’anno, sono tutte azioni volte a rendere appetibile un azienda.

    Paradossalmente la roma di ddr è più appetibile di quella di mourinho, per un semplice fatto: giovane, in rampa di lancio ma soprattutto capace di valorizzare i singoli e quindi dare valore agli asset che compongono un azienda.

    Io ci credo che i friedkin vogliano vendere, anche perchè loro, come pallotta, ma come tutti i presidenti nel mondo o quasi, vogliono lucrarci, ergo guadagnarci dalla roma.

    I grandi imprenditori guardano al futuro, quindi mi sembra chiaro che con il progetto stadio, una squadra sanata e sostenibile qualsiasi investitore possa avvicinarsi.

    Concludo dicendo che nell’alta finanza, quando si parla di valorizzazione dei propri asset, l’obiettivo finale non è fare chissà quali utili (quanto ci guadagnano i friedkin dalla roma?), ma far aumentare il valore dell’azienda per poi venderla con il cosi detto exit.

    La roma è stata comprata a circa 500/550 mln di euro e la richiesta di oggi è oltre il miliardo, vuol dire che se dovessero vendere entro il 2025/26 la roma, in 5 anni avrebbero fatto una cosa come più del doppio, il 100/150% del loro investimento iniziale.

    Avrebbero portato a casa una differenza in positivo di oltre 500 milioni di euro.

    Fate voi.

    Sai a quelli di mourinho che gliene frega.

    • Si dimentica che anche gli ultimi 3-4 anni dopo il passaggio di proprietà sono stati in perdita con una media di 150 milioni anno.

    • Non proprio così. L’esborso di capitale del gruppo Friedkin per la Roma è pari a quasi 900 milioni, altro che 500/550 (591 esattamente) che fu definito come EV (Enterprise Value).
      L’esborso cash per l’acquisizione fu di 199 mln e gli altri quasi 700 erogati per sanare perdite di esercizio, estinzione del vecchio bond, prestiti soci finalizzati alla ricapitalizzazione la cui data per il completamento è fissata a giugno 2025 (posticipata di 6 mesi rispetto al previsto).
      Vuol dire che con 900 milioni certi rientrano appena delle spese, a meno che non siano gli acquirenti a farsi carico della ricapitalizzazione, ma allora col cavolo che la cifra sarebbe 900.
      La valorizzazione di cui parli è ancora lontana, molto lontana. La Roma potrà valere oltre un miliardo con lo stadio fatto o quasi e perdite di esercizio ragionevoli, nell’ordine di una 20ina di milioni l’anno.
      Per me uno che spendesse oggi cifre sul miliardo per la Roma sarebbe un folle, e io di matti in giro non ne vedo.

    • Pallotta ha lasciato 325 milioni di debito consolidato. Il resto degi 900 milioni si sono accumulati con i Friedkin,alla media di 200 milioni l’anno.
      Spadone,non contar balle….

  18. E continua a puzzare di caxxata. Certo basterebbe rendersi conto che un “giornale” che parla dell’acquisto di una società, per un miliardo di Euro, come fosse una trattativa per un vecchio orologio russo a Porta Portese, non può essere considerato affidabile, se non si è sotto l’effetto di sostanze. Poi, che gli arabi (come chiunque) possano avere interessi a Roma è una notiziona incredibile, ma di quelle da accogliere con un sonoro “grazie al ca**o”

  19. I texani non venderanno la Roma. Il loro modello catalano con De Rossi al posto di Guardiola, i ragazzi della primavera e tanti piccoli Angelino comprati con competenza
    , ci porterà ai livelli delle squadre più forti.

    Senza Pallotta e i magnati della Toyota, la società sarebbe fallita da tempo

  20. Per massimizzare il guadagno devono avere l’approvazione del progetto definitivo dello stadio. Forse, sottolineo forse, solo allora i muti saranno un po’ meno muti. Fino a quel giorno smentiranno anche che si chiamano Dan e Ryan.

  21. Progetto giovani, allenatore giovane e riduzione degli monte ingaggi ma dove vogliamo andare co questi qui? Vendessero in fretta perché la pazienza dei tifosi sta finendo e non c’è più Mourinho che fa da parafulmine

  22. ragazzi non scherziamo, finalmente abbiamo intrapreso la strada giusta per puntare al vertice e proprio adesso dovrebbero vendere??? ma l’avete visto il PSG quante CL ha alzato??? se dovuto accontentare di una decina de Scudetti e Trofei in quest’ultimo decennio… mejo puntare su un progetto giovani con ingaggi leggeri e future plusvalenze quando serve!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome