I Friedkin pensano di salutare Digitalbits con un anno di anticipo: Toyota pronta a subentrare come main sponsor

34
2859

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – La Roma l’anno prossimo potrebbe avere un nuovo main sponsor al posto di quello attuale. Lo rivela oggi Calcio e Finanza, che svela anche quale potrebbe essere il nome che apparirà sulla maglia giallorossa.

In vista della prossima sfida di campionato contro l’Hellas Verona allo stadio Olimpico, (domenica 19 febbraio) andrà in scena l’AS Roma Business Club Crypto Summit. Un incontro dove sarà presente anche Daniele Mensi, Managing Director di DigitalBits, sponsor di maglia del club giallorosso dall’estate 2021.

Tra il brand di criptovalute e la società dei Friedkin al momento non sono segnalati problemi per quanto concerne i pagamenti, come sta accadendo con l’Inter. Questo perché il club capitolino in primis ha costi molti più leggeri (accordo da 35 milioni complessivi nel triennio dal 2021/22 al 2023/24) rispetto alla società nerazzurra, che invece ha un contratto da 80 milioni per le stagioni dal 2022/23 al 2024/25.

Inoltre, il contratto tra la Roma e DigitalBits prevede un importo a salire fino alla stagione 2023/24: si è partiti infatti con circa 6 milioni complessivi nella prima stagione, mentre l’ultimo anno di contratto prevederà valori più alti rispetto alla precedenti due.

Per evitare eventuali problemi nell’ultimo anno di contratto, come sta avvenendo con l’Inter, la Roma non vuole farsi trovare impreparata e per questo ha già scelto la Toyota come possibile sostituto.

Fonte: Calcio e Finanza

Articolo precedenteMontella in visita a Trigoria incontra Mourinho e la squadra (FOTO)
Articolo successivoMou ha deciso, a Salisburgo i migliori

34 Commenti

  1. cioè quando dovrebbero darci di più, li esoneriamo…

    poi, per carità, se dovessero darci la sola, ben venga il cambio
    mi augurerei che con Toyota si possa accordare una cifra consona.
    se l’Inter vale quasi 30 milioni, spero che a noi ne arrivino non meno di 20 (magari 25?)

    • Credo che il primo parametro che uno sponsor va a guardare per valutare il valore di un marchio sia il numero di supporter della squadra e quindi il numero di persone a cui la loro pubblicità può potenzialmente arrivare.
      Dunque… se i numeri sono corretti, l’Inter conta circa 55 milioni di sostenitori nel mondo mentre noi siamo “solo” 22 milioni. Mica male direi, ma di fatto siamo 2/5 rispetto a loro, meno della metà. I numeri combaciano abbastanza bene: 2/5 numero tifosi, 2.2/5 (35/80) valore sponsor in un triennio. Mi sembrano cifre corrette.
      Un rapporto pari o maggiore a 20/30 fra i nostri ricavi e quelli dei milanesi mi pare un po’ sbilanciato e improbabile poiché sarebbe almeno 3.3/5; vedi l’enorme e improbabile differenza rispetto a prima?. E poi scusami ma sta cosa che “l’Inter vale quasi 30 milioni” dove l’hai letta nell’articolo? Suppongo parlassi di cifre annuali ma vorrei esserne sicuro.

      P.S.: ho mantenuto 5 come denominatore per avere un riferimento fisso, avrei potuto usare ad esempio 7/16 per i ricavi triennali invece di 2.2/5 ma poi sarebbe stato un casino fare un discorso minimamente comprensibile.

    • In pratica non ci hai capito una mazza .il rischio è che proprio quando dobbiamo prendere di più, non prendiamo nulla ,come è successo all inter

    • Diego,
      il valore del club per gli sponsor dipende sopratutto dall’esposizione mediatica che è più significativa del solo numero dei propri tifosi.
      Vincere trofei e fare la Champions League vuol dire raggiungere un pubblico nettamente superiore al bacino d’utenza del club.
      La piccola e sconosciuta Atalanta grazie alle continue partecipazioni alla Champions degli anni passati raccoglie in sponsorizzazioni più di società metropolitane con milioni di tifosi.

    • @Diego
      esatto, avevo fatto un conto arrotondato del contributo annuale.
      comunque, forse il tuo discorso sul numero di tifosi è corretto.
      ma se questo vuol dire che la Roma meriti un main sponsor da non più di 10-15 milioni, la vedo dura pensare di poter salire nelle gerarchie…

      per me devono valere anche altre cose
      il nome che solo noi portiamo
      il nostro tifo unico
      il nostro allenatore
      il percorso europeo che abbiamo fatto negli ultimi anni
      la capacità imprenditoriale della nostra proprietà

      questi sono un valore aggiunto, che ci deve essere riconosciuto.
      per questo, ripeto, se l’Inter vale un main sponsor da 26-27 milioni l’anno, la Roma ne deve valere, per me, una ventina.
      o almeno ci spero!

    • In parte ci ha pensato max a rispondere. Aggiungo che per la fredde mente calcolatrice di uno sponsor, contano solo i numeri e non la passione del tifo o altro. Se tot persone si collegano alla tv vedendo il nostro stemma, ti do tot cifra. Meno persone, meno soldi, e viceversa.
      In un mondo ideale andrebbe come dici, ma il mondo reale và così

  2. Ebbè, ti pare poco se fosse vero. Che poi è ciò che abbiamo sempre sperato dall’inizio, dati gli stretti rapporti che intercorrono tra il gruppo Friedkin e la casa automobilistica nipponica.
    Ovvio che stiamo a livello di “si dice”, anche se la fonte non è di quelle da disprezzare a priori in quanto ad affidabilità.
    La speranza è che la partnership sia solida e che arrivi ad interessare anche il nuovo impianto di Pietralata.
    Se dopo Adidas arrivasse pure Toyota, credo cadrebbero anche gli ultimi dubbi dei più scettici riguardo ai “Pallotta2”.
    Le intenzioni sono serie e io avevo pochi dubbi al riguardo, ma non si può pretendere che la costruzione di un club e di un’azienda da vertice possa avvenire nel giro di due anni o tre, soprattutto se le cose le fai con soldi “veri” e non quelli di un fondo sovrano con dietro un intero stato con petrodollari da buttare.
    La crescita sarà pure lenta, ma sarà reale, e la Roma anche dopo i Friedkin sarà in grado di camminare da sola. E’ più di una speranza.

    • I miei dubbi cadranno quando vedrò scendere in campo una squadra competitiva, in grado di lottare prima per lo scudetto (e magari vincerlo) e poi per la CL (vincerla è un sogno, il divario dalle corazzate europee è pressoché incolmabile almeno finché ci saranno certe regole a cercare il pelo nell’uovo nei bilanci dei club normali e a soprassedere su quelli delle corazzate).
      I mezzi, leciti, per arrivarci sono pane per i denti di Friedkin, a me interessa il risultato.
      Di Celik, Vina, Shomu, e compagnia bella non se ne può più. Con questi il salto di qualità non lo faremo mai. Con o senza Toyota.
      Se Friedkin ritiene che sia utile per acquistare calciatori forti ben venga Toyota, così come Adidas, se invece andremo avanti con le mezze tacche sarà tutto inutile.

    • e abbi fiducia ! 😉

      e cmq aldilà dell’aspetto economico “TOYOTA” sulla maglia è troppo più bello dal punto di vista grafico !

      👊❤️🧡💛

  3. Mi piacerebbe dire che questo potrebbe essere un momento molto importante per la crescita della società..

    Ma è una settimana che i miei commenti sono bloccati.. Qualsiasi cosa scrivo non viene pubblicata..

    Ed onestamente non capisco il perché, non ho mai insultato nessuno, né fatto altre cose che vanno contro il regolamento..

    Ed anche questo è un modo per vedere se questo commento sarà pubblicato..

    Forza Roma..

  4. Qualcuno ha convinto i Friedkin: l’unico modo per crescere è avere top sponsor, non c’è niente da fare!!! Sono anni che dico: sponsor che pagano poco uguale a Rometta. Volete mettere i 10-13 milioni degli anni passati per sponsor produzione maglia più sponsor frontale contro i 50 milioni di Adidas e spero altri 40-50 da Toyota? Parliamo di oltre 70 milioni in più, netti, rispetto ad ora. Senza considerare una eventuale partecipazione Champions che vorrebbe dire almeno 30 milioni assicurati. Quando hai 100 milioni in più e fai qualche cessione, ti puoi permettere di aumentare monte ingaggi ed acquistare giocatori forti. Con lo Stadio di proprietà altri 50-100 milioni netti. Quando avrai 200 milioni netti in più all’anno rispetto ad oggi ti cambierà la vita come Società. Rui Patricio, Klostermann, Ndika, Llorente, Grimaldo, Hjulmand, Laimer, Dybala, Szoboszlai, Ziyech, Mitrovic. Vicario, Celik, Mancini, Thairovic, Spinazzola, Wijnaldum, Matic, Zalewski, Pellegrini, Solbakken, Belotti.

    • Ebbè, certo, perché c’avevano bisogno d’esse convinti da quarcuno…d’altronde fino a ieri hanno gestito un chiosco de grattachecche…

    • Ah, allora sei tu il GM dell’Amazon!
      Scusa se i nostri presidenti fatturano SOLO 10milrd l’anno e quindi hanno bisogno dei tuoi consigli. Cosi’ come Pinto e soprattutto Mou, il piu’ perdente degli allenatori in attivita’.

  5. nonostante io sia un romanista convinto mi permettete di esprimere una emozione stasera dopo Milan tottenham? nto’culu ad Antonio conte a vitaaaaaaaaaaaaa!!! forza roma

  6. Subito Toyota e via quell’azzardo di criptovalute.
    Friedkin gioca d’anticipo di un anno e se lo fa ci ha visto lungo prima di prendere la sola come l’Inter.

  7. I Friedkin non sono rivenditori Toyota negli USA? Come fanno i vari PSG, Manchester City, ecc, nel nostro piccolo potremo aumentare le entrate tramite lo sponsor di nostra stessa proprietà e avere più fiato rispetto ai limiti del Fifa Agreement…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome