I nuovi baby di Mourinho: ecco gli altri talenti da lanciare in prima squadra

15
1557

NOTIZIE AS ROMA – Dopo aver lanciato in prima squadra diversi giovani, alcuni dei quali sono diventati piano piano dei pezzi importanti della rosa e altri sono stati sacrificati in nome delle plusvalenze, la Roma dei grandi si prepara ad accogliere altri prodotti assai promettenti del vivaio. 

Le nuove perle che cominceranno ad entrare nelle rotazioni di Mourinho sono principalmente tre: il primo è Giacomo Faticanti, 19 anni il prossimo 31 luglio, centrocampista di spicco della Primavera che ha giocato il Mondiale U20 con l’Italia e ha già esordito in prima squadra nella vittoriosa trasferta di Europa League contro l’Helsinki.

Nel gioco delle somiglianze, per corsa e personalità, a molti ricorda un capitano storico della Roma, Daniele De Rossi, con cui ha in comune una fisicità importante anche se ancora da terminare nella definizione. Certo, per il momento adesso la concorrenza in prima squadra è elevatissima, ma l’allenatore portoghese potrebbe riservargli qualche bella sorpresa, visto che le prove con l’Italia baby ha conquistato molti.

Sempre centrocampista, ma con caratteristiche molto diverse è Niccolò Pisilli. Potremmo definirlo un giocatore “box to box”, pronto cioè a coprire tutto lo spazio che c’è fra entrambe le aree, mettendo in luce anche ottime doti da cannoniere (25 reti e 13 assist i Primavera). Anche lui nella stagione appena conclusa ha conosciuto l’emozione dell’esordio in prima squadra, anche se arrivata in occasione della sconfitta interna contro l’Inter.

Discorso differente quello che riguarda Luigi Cherubini. Attaccante esterno, in grado di giocare in tutte le posizioni dell’attacco, anche se sembra dare il meglio sulla fascia sinistra. In ogni caso sembra essere un calciatore che vede bene la porta avversaria, non a caso nell’ultima stagione ha realizzato 21 gol e fornito 15 assist. Il “bambino” sembra ormai pronto per il grande salto.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteLutto nel mondo del calcio: è morto Vincenzo D’Amico, aveva 68 anni
Articolo successivoRenato Sanches e Scamacca: la Roma si prepara a piazzare i suoi colpi

15 Commenti

    • Cassano lo vedrei in prestino al Real Madrid lo manderei li con una pelliccia ad agosto e poi un po’ alla Sampdoria e un brevissimo ma brevissimo periodo al Entella poi opinionista su YouTube 🤣🤣🤣🤣🤣

    • Ritengo Faticanti e Pagano due profili di prospettiva per una serie A alta, a questi tra va inserito anche Pagano.

  1. intanto la primavera della ROMA vincitrice della coppa italia
    giochera par la supercoppa italiana contro il lecce
    un altro titolo contro I forti pugliesi vincitori del campionato
    derby di colori giallorossi (coloré dominante)

  2. I numeri in primavera ovviamente non li puoi trasferire in serie A ma è importante che Mou mantenga attivo questo rapporto con la prima squadra per cercare di far fare il salto a qualcuno e ritrovarsi poi davvero dei potenziali talenti.
    In molte squadre straniere funziona così e funziona bene. Speriamo che questi giovani possano esordire al meglio e darci tante soddisfazioni.

  3. Questi nomi che fate sono niente a confronto di Mattia Mannini classe 2006,campione d’Italia con l ‘under 17 e titolare della nazionale di categoria. Ha già esordito nella Roma Under 18 e in primavera, perché tutti lo vogliono. Nella partita di semifinale contro la fiorenzuola appena entrato ha segnato il 3° gol della Roma che poteva essere decisivo. Ma lui è un centrocampista universale, sa fare tutto e soprattutto benissimo.
    Unico particolare, salvatelo da Pinto.

  4. Questi lupacchiotti promettono bene e nella lista bisogna aggiungere Cassano, Pagano e Keramitsis.
    Più avanti si potrebbe fare una valutazione anche su Falasca.
    Vediamo come sfrutteranno eventuali opportunità in prima squadra e speriamo bene.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome