Lutto nel mondo del calcio: è morto Vincenzo D’Amico, aveva 68 anni

66
3445

ALTRE NOTIZIE – A 68 anni, dopo una breve malattia, è morto Vincenzo D’Amico, l’ennesimo protagonista dello scudetto del ’74 che ci lascia prematuramente, in quella che è una vera maledizione.

“Mi dicono che i malati oncologici tirano fuori forze inaspettate”, aveva annunciato così di avere iniziato, da tempo, una lotta contro il male.

Ma quel male contro cui ha combattuto è stato spietato. L’ultimo dribbling, quello alla sorte infame, non è riuscito. Nonostante la fantasia, la creatività, che in campo ne aveva fatto uno dei talenti più brillanti della sua generazione.

Fonte: Repubblica.it / Corriere.it

Articolo precedenteEl Shaarawy rinnova, il messaggio sui social: “Ti pare che non torno? Daje Roma” (VIDEO)
Articolo successivoI nuovi baby di Mourinho: ecco gli altri talenti da lanciare in prima squadra

66 Commenti

  1. R.I.P. Vincenzo ❤️
    Talento in campo, sportivo e ironico fuori
    tra l altro ha commentato più di una volta la Roma ed era uno dei miei preferiti, nonostante fosse un laziale doc

  2. Mi dispiace. Mai sguaiato, mai antipatico, mi è sempre sembrato un signore. Uno dei pochi da quella parte. Mi ricordo la doppietta che ci fece al derby, loro lottavano per la b, noi in coppa dei Campioni, quel pomeriggio ci fece soffrire. Riposa in pace

  3. Abitava a Latina, l’ho conosciuto tramite mia cognata , era una bella persona veramente, è stata una delle bandiere della Lazio, non ha avuto fortuna in nazionale, Bruno aveva qualcosa in più, condoglianze alla famiglia da noi tifosi Romanisti , con tantissimo rispetto
    buon viaggio Vincenzo❤️

  4. Ciao vincenzo da romanista me facevi incacchiare ridevo per i schiaffoni che ti dava Chinaglia, mo da lassu’ ve riggiocate il Derby naturalmente lo perdete….Un dispiacere …come commentatore stavi sopra le parti gli ultimi tempi non lo vedevo piu’ sostituito da…..Di Canio si fa’ per dire , riposa in pace .

  5. R.I.P grande calciatore, lo ricordo come un agnellino in una squadra di Aquile feroci. Aveva la mia età, e l’ho sempre ammirato nonostante fosse di parte avversa.

  6. Se qualcuno mi avesse posto questo scenario “Un catastrofe e’ imminente. Puoi salvare solo alcune cose” e poi mi avesse chiesto “Tra i laziali chi salveresti?”, avrei risposto senza dubbio: Vincenzo D’Amico.
    Sentite condoglianze a tutta la famiglia e alla Lazio.

  7. Sono romanista ma Vincenzo oltre che simpatico era molto competente e professionale come cronista e opinionista sportivo, anche di classe come Wilson e Pulici. Mi rattrista molto…😔

  8. Talento biancazzurro sempre fedele ai colori societari. Non ricordo mai atteggiamenti provocatori in campo o dichiarazioni faziose nei post-partita, anche nei derby. Famoso il calcio che prese da Chinaglia in un partita, perché non si impegnava abbastanza. Altri tempi, ealtri stili sportivi e altri giocatori laziali da tempo inttrovabili…

  9. Un grande dolore , per un uomo e per un giocatore nostro rivale , ma sempre corretto, le mie piu’ sentite condoglianze alla famiglia, che la terra ti sia lieve.

  10. Grandissimo uomo, grandissimo giocatore!
    lo voleva il presidente Dino Viola, lui rispose di no per onestà. Un numero dieci con il talento e l’istinto dei fuoriclasse. Oltre i colori, rispettato sempre, simpatico, sorridente, gioviale. Una grave perdita, per tutti. R.I.P.🙏

    • ciao Vincenzino, compagno di tante belle serate in quel di Gol di Notte, avversario leale , uomo ironico e grandissimo numero 10 . Addio caro Vincenzo

  11. Continua la sfortuna dei giocatori della Lazio del primo scudetto. Molti morti giovani (compreso il mister Maestrelli). Insieme a Pulici (che conobbi personalmente perché frequentavamo giurisprudenza alla Sapienza nello stesso periodo), D’Amico non mi è mai stato antipatico, escluso quel derby nel 1984 in cui ci fece una doppietta. R.I.P.

  12. che brutta notizia, era anche abbastanza giovane, mi dispiace davvero. Non ricordo una sola polemica o frase sguaiata da parte sua, una persona corretta e perbene. ciao Vincenzo

    • una prece anche per i due miserabili che pure in articoli come questo spolliciano tutti, che vita di cacca dovete avere, vi compatisco

  13. Grande calciatore, uomo e commentatore davvero simpatico.
    Vederlo giocare era uno spettacolo.

    Mi dispiace tantissimo.

  14. Notizia devastante per chi come me al di là delle bandiere e’legato ancora al calcio di una volta…Vincenzino R.I.P.

  15. Uno dei pochissimi laziali che non detestavo e detesto . Una persona perbene un bravo calciatore e un avversario leale . Voglio esprimere le mie più sentite condoglianze alla famiglia…

  16. Uno dei pochi forti in campo e fuori.

    In quel derby col tricolore sul petto, pronti via ce fece 2 GOL . Poi fini 2a2.
    Grande avversario.

    Condoglianze alla famiglia e alla Lazio. RIP

  17. Rivale forte e leale, personaggio di un calcio d’altri tempi….onore a Vincenzo, condoglianze alla famiglia agli amici e ai laziali.

  18. Mi spiace tanto, era un brava persona e devo dire che uno degli ex laziali più simpatico anche quando scherzava sulla Roma, ma veramente “astioso”. Come calciatore ha avuto molto meno di quello che meritava, ma lui stesso ammise che era stato troppo “pigro”, ma per me, era il giocatore con più classe che ho visto con la maglia “sbiadita”. Ricordo la puntata di Gol di Notte qunado raccontò che era stato ad un passo dall’essere venduto alla Roma e non se ne fece nulla solo per questione di tranquillità dei due presidenti e quando Michele Plastino gli chiese se ci sarebbe andato lui disse “era si la Roma… ma era la Roma di Falcao, Bruno Conti, Ancelotti… come avrei potuto dire di no!”. Allora con mio padre commentammo che eravamo andati vicini dall’avere uno dei centrocampi più forti di tutti i tempi… RIP Vincenzo, fatti ora due palleggi con Ago e gli altri!

  19. Vincenzo era un talento vero.

    Talento che andava oltre la rivalità più accesa… oltre lo sport .

    Di lui il dottor Dino Viola dirà:
    “Caro D’Amico, Liedholm e Falcao lo vorrebbero alla Roma…”
    “Presidente,io sto alla Lazio.”

    Grazie Vincenzo,da semplice appassionato e… da “rivale accanito”,è stato un onore poterla seguire in tv!

  20. Ciao Vincenzo, ti ho conosciuto che eravamo ragazzi e ci siamo ritrovati casualmente due anni fa.
    Sei sempre stato una bella persona, professionale, simpatico, un rivale nello sport, un uomo per sempre.
    R.I.P 🙏
    Condoglianze alla famiglia.

  21. Al di la’ del profondo dispiacere, rimane sempre la domanda: tutte queste morti di giocatori che hanno giocato in epoche di inesistenti controlli antidoping e successivi anni di abuso di farmaci sono figlie della casualita’ oppure conseguenze biologiche di degenerazioni organiche dovute a reiterate assunzioni di sostanze tossiche che alla lunga hanno causato danni irreparabili? Zeman docet…

  22. Fulvio Stinchelli, Gianfranco Giubilo, Vincenzo d’Amico… Quando obiettività e professionismo avevano un loro significato Si poteva essere d’accordo o nò, ma le loro opinioni le ascoltavi con piacere. Ciao Vincenzo. Che la Terra ti sia Lieve R.i.p!

  23. Un vero Signore d’uomo e giocatore sopraffino, onesto e competente come opinionista e telecronista, una persona degna del massimo rispetto pur essendo laziale vero!
    Buon viaggio Vincenzo!

  24. Ciao Vincenzino, compagno di tante belle serate a Gol di Notte, uomo intelligente, mai scortese, ironico e competente. Se ne va un’altro pezzo di calcio antico che tanto abbiamo amato e che rimpiangiamo, ciao grande numero 10.

  25. incredibilmente e direi casualmente stavo allo stadio a vedere un Lazio Bologna quando segnò il primo gol in serie A su assist di tacco di Chinaglia. bel giocatore…

  26. Vincenzo ha rappresentato un periodo storico ormai scomparso. Un calcio al di là degli interessi economici dove si era tifosi ma anche rispettosi. Lassù potrai giocare con il nostro Agostino e magari fare due palleggi con Maradona.

    • Vorrei sapere chi sono quei soggetti che anche in un momento di dolore per una famiglia riesce ad essere negativo nei commenti. Mi dispiace ma non fate parte dei valori della nostra Roma

  27. Spiace ovviamente per l’uomo e per la sua famiglia, ma soprattutto per il vuoto che lascia nel mondo, ormai tragico, dei commentatori sportivi. Mi chiedo se abbia provato ad insegnare qualcosa a Di Canio, senza successo ovviamente. A Vince’ se je vuoi da’ qualche ripetizione te lo puoi chiama’ lassù’… qua piangeranno in pochi!
    RIP

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome