Il fallimento dei Friedkin: un miliardo di euro nella Roma per restare sempre fuori dalla Champions

126
2081

NOTIZIE AS ROMA – La vittoria netta dell’Atalanta sul Torino spegne i sogni di Champions della Roma, che per il settimo anno consecutivo non è stata capace di raggiungere le grandi al loro tavolo e di spartire con loro i tanti soldi provenienti da quella competizione.

Un danno economico, ma anche di immagine per il club dei Friedkin, che ora sul mercato faticheranno ad avere appeal con i calciatori da corteggiare in estate. A meno che non si prospetti loro un progetto davvero convincente, in grado di far uscire la Roma da questo anonimato in cui è piombata da anni.

La cura dei Friedkin è servita a poco: i texani hanno immesso quasi un miliardo di euro nelle casse giallorosse da quando sono arrivati a Trigoria tra acquisizione del club, ricapitalizzazioni, un’opa per uscire dalla Borsa e il rimborso da 96 milioni di euro del bond emesso dalla vecchia proprietà.

Sul mercato però i soldi sono evidentemente stati investiti male. Le scelte operate dalla proprietà Usa non sono state indovinate, soprattutto nella scelta degli uomini a cui affidare la costruzione della squadra. La mossa Mourinho si è rivelata un boomerang non potendogli garantire i giocatori di fascia top di cui avrebbe avuto bisogno. Puntare su Tiago Pinto, gm con pochissima esperienza sul mercato, ha fatto il resto.

Adesso i Friedkin hanno operato un cambio piuttosto radicale, affidandosi a Florent Ghisolfi come direttore sportivo e a De Rossi come allenatore per invertire la rotta. I tifosi si augurano che sia la volta buona.

Fonti: La Repubblica / Il Messaggero / Gazzetta dello Sport

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteRifondazione romanista
Articolo successivoCalciomercato Roma, rispunta Morata per il dopo Lukaku: può liberarsi con 12 milioni

126 Commenti

  1. Cambio radicale?
    Abbiamo un DS senza esperienza e un allenatore senza esperienza.
    Non ce l’ho con DDR, che anzi ha fatto molto oltre le mie aspettative, ma la realtà è quella.
    Qui ormai si spera di essersi infilati in un tunnel, che almeno il tunnel una via d’uscita ce l’ha, perché questa somiglia sempre di più ad una tomba.
    Ce ne sarebbe a josa per contestare pesantemente fuori Trigoria. Ma pesantemente, proprio.

    • Articolo cinico e feroce. Però purtroppo innegabilmente realistico.
      I Friedkin hanno speso tanto e malissimo.

    • vediamo un po’ quest’anno con l’allentamento dei paletti UEFA, questo è l’anno della verità sennò comincio a pensare allo “stadio…….”

    • Il problema è che non si vuole capire davvero da parte dei tifosi.
      Ci si illude che i Friedkin siano dei benefattori che elargiscono quattrini per farti vincere. Ma non è così.
      Le cose vanno viste dalla giusta prospettiva ed allora tutto è chiaro.
      Gli americani sono semplicemente degli imprenditori che vogliono fare profitti.
      Prendere la Roma è stato un investimento legato all’affare stadio. L’unica cosa che rende davvero appetibile la Roma e dà prospettive di crescita.
      Poi ci può scappare anche una coppetta, ma non è questo l’obiettivo, diciamo che è un effetto collaterale che occasionalmente può capitare.
      C’erano delle prospettive che però non sono maturate. Non resteranno a lungo e cederanno il passo a chi pensa di essere in grado di sbloccare l’affare stadio.
      Una storia già vista con Pallotta.
      Basta capire questo, e allora tutto è molto più chiaro.

    • basta alibi. la Roma non si discute, si ama. tutto ciò non vale e non è applicabile a una proprietà che è arrivata al punto di non ritorno.
      nelle maglie ci devi mettere i giocatori. Mourinho l’aveva detto, in modo chiaro. DDR rappresenta la furbizia dei texani, che in nome dell’amore che abbiamo per il giocatore che fu, vogliono continuare a prenderci in giro.
      basta alibi .

    • Rod Sensi metteva i suoi di soldi come l ing .Viola se vieni qua a campare di rendita per questi bellissimi tifosi , bhe allora la cazzata l hanno fatto cacciando Mourinho e mettendo lo specchietto per le allodole Derossi , potevano aspettare e prendere Allegri o conte visto che va al napoli, vedrai i sold out quest anno e quanti abbonamenti i romani so fantastici ma se li prendi per il c.. te se ritorce contro

    • Il DS senza esperienza mi dici chi è? Perché se leggi il curriculum di PINTO al Benfica e quello a Roma sono solo successi… Quello di GHISOLFI anche, secondo te caro IDI DI MARZO è stato facile portare il Lens e il Nizza al vertice della Ligue 1? Forse parla solo di DDR che come calciatore è stato un TOP, come allenatore ancora deve dimostrare… a Roma se dice…”Ancora je puzza a bocca de latte!”

    • Leggo tutte risposte su cui non sono d accordo, articolo compreso. Nel calcio ci sono due tipi di gestione : cercare di “guadagnare” , plusvalenze principalmente e se ci scappa anche il risultato sportivo, esempi : Bologna , Sassuolo, Udinese. L Atalanta ha fatto un salto di livello con l ingresso americano che ha portato “Denaro” nelle tasche di Percassi. Il Bologna di Saputo ( miliardario) è forse la gestione più esemplare , se vogliamo, con un ciclo azzeccato dopo 15 anni di gestione americana , seria e oculata. Penso torneranno nei posti di classifica consoni. Poi abbiamo il Napoli di De Laurentis, bravissimo imprenditore, li l esborsò fu però irrisorio, una ventina di Milioni e quindi molto avvantaggiato. Poi ci sono i “grandi Club” di cui la Roma, stranamente fa parte, con esborsi Miliardari. Questo salto di livello, marcio fino al midollo come per Inter, Milan, più giusticate perché Blasonate, sa di riciclaggio lontano un miglio. Il Italia ormai la gestione è diventata totalmente americana , manca solo la Juventus che ancora resiste. Lo stadio, nel caso Roma è uno specchietto per le allolodole, non produce niente o quantomeno non abbastanza come vogliono far credere, vedi Juventus e debito contratto per rimanere nel circuito delle grandi. Quanto sta accadendo in casa Milan ( iniziato con la vendita farlocca di Berlusca) e ieri di Zhang dovrebbe far riflettere. La federazione continua a far finta di niente ma la GDF no, a mio parere. È anche vero che senza tutto questo denaro “facile” il calcio non potrebbe reggersi in piedi e si dovrebbe pesantemente rideminsionare.

    • @Fra, certo, non ho nessun pregiudizio contro Ghisolfi. Non so chi lo abbia pescato, forse Souloukou che almeno esperienza di calcio ne ha, ma resta il fatto che è un tipo di scelta diverso da un, ad esempio, Sartori, ma pure Giuntoli, un Sabatini perfino un Corvino o similari. La Roma non è andata a prendere un DS affermato perché sa che qui serve uno con molta esperienza per raddrizzare una situazione difficile, ha preso uno che deve ancora dimostrare che è bravo.
      Poi magari Lina ha fatto come Sabatini quando ha preso Marquinhos, ma in questo momento non ci siamo messi in casa una certezza. E se già tutto traballa, il segnale non è confortante.

    • Rod, hanno messo un miliardo nella Roma finora. Se non invertono la rotta ci butteranno un altro miliardo e nel frattempo lo stadio sarà ancora in divenire.
      A quanto dovranno venderla la Roma per rientrarci?
      Già adesso chi te lo dà un miliardo per un club senza stadio, un patrimonio giocatori pesantemente depauperato, da sesto posto fisso?
      Mi sembra una visione troppo semplicistica delle cose.

    • Idi di Marzo mi risulta strano leggere che scrivi “non c’è l’ho con DDR” … cosa che dovrebbe essere ovvia per un romanista. Sicuro di tifare Roma?
      Continuo a leggere i soliti commenti (non solo da parte tua ovviamente) che rappresentano il manuale del tifoso tarato, rancoroso e in balia solo delle ultime prestazioni. La proprietà è chiamata ad un compito non facile, vincere con un club che, avendo i vertici del calcio contro, ha vinto quasi mai nei suoi quasi cento anni di esistenza. Per provare a vincere ha investito (male) quel che si poteva investire, prendendo delle scelte (quella di Mourinho, condivisa da tutta la piazza… non da me sinceramente) che poi non si sono rivelate giuste (una coppa però è arrivata…). Per il resto solito tiro al bersaglio contro i giocatori (reduci da una rimonta non finalizzata ma comunque buona). Cristante sino a due settimane fa (dopo un buon campionato e una dozzina di grandi prestazioni) veniva considerato da tutti un grandissimo giocatore al quale non si poteva mai rinunciare, ora, dopo due o tre partite sottotono come tutta la squadra, diventa lui “il problema”. Naturalmente insieme al solito Pellegrini (lui se gioca bene è troppo normale, se stringe i denti e gioca sempre è il cocco degli allenatori, se si infortuna è di cristallo, se gioca alla grande è un traditore perché non gioca sempre così…). La realtà è che questa rosa era da primi quattro posti se allenata decentemente da inizio campionato (con la media punti con de Rossi saremo secondi o terzo)… questa rosa con Pellegrini, Paredes e Cristante titolari (vanno tutti in nazionale infatti…tutti scemi nel resto del mondo vero?). Ovviamente la rosa va migliorata e, purtroppo, non sarà facile farlo tagliando solo i mediocri (almeno due tra Karsdorp, Kristensen, Celik, quel che resta del paziente Sanchez, Rui Patricio) e integrando la rosa dato che si perderà Lukaku che, nonostante tutto, se utilizzato bene e motivato bene è parecchio forte. Io vedo bene un calciomercato dove non sprechi il patrimonio tecnico attuale a causa di istintivi deliri disfattisti e lo integri (senza dimenticare i nostri giovani da inserire stabilmente in rosa per dar loro consapevolezza e fiducia) con una carrellata di giovani franco-africani che possono darti quelle caratteristiche poco presenti in rosa.
      Forza Roma sempre

    • Idi, un allenatore senza esperienza ha fatto più di un allenatore con 26 trofei, questa è la realtà: numeri alla mano, hai perso la champions per le prime 20 partite e non per le successive 18. La media punti di Mourinho è stata di 1,45 a partita, quella di DDR 1,88: proiettando questo rendimento sulle 38 partite, saremmo arrivati a 71 punti, quindi champions.

      Un miliardo di investimenti perché la vecchia proprietà ha lasciato le macerie, un po’ come quando Sensi prese la Roma da Ciarrapico. Pallotta non ha mai investito queste cifre e per otto lunghi anni, nessuno ha parlato di questo.

      Di buono c’è che sono riusciti a rallentare la pressione del FFP, prima del tempo.
      Si può costruire prendendo giocatori giovani, forti, e di gamba.

      In questa piazza i meriti sono tutti di mourinho ed i demeriti dei friedkin: la prima campagna acquisti fu di 90 milioni, 44 dei quali spesi per Abraham. Vi ricordate chi ha caldeggiato questo acquisto? Proprio il mago di Setubal.

      Il primo anno, sul libro paga, c’erano 60 calciatori. A fine mercato, meno di 30. E sono stati piazzati giocatori del calibro di Pastore e Pau Lopez.

      La gente ha la memoria corta perché in questa città comanda Guidone Corsi, che ha finito di mangiare con la Roma.

    • Fabio, a un certo punto, dopo svariate tinteggiature, una casa deve essere ristrutturata profondamente.
      Questa gente qua si avvia verso la trentina ormai, sanno che non saranno mai nelle mire di top club reali, sono comodamente sprofondati nella cosiddetta “comfort zone” di una squadra comunque decente, in una bella città, con un ottimo stipendio.
      Il discorso nazionale lo lascerei da parte: tranne Paredes, che forse è nelle grazie di un CT che convoca lui ma lascia a casa Dybala, gli altri nella nazionale italiana più scarsa di sempre non sono mai stati titolari fissi con diversi CT.
      Pellegrini a 28 anni si avvia forse a disputare per la prima volta la fase finale di un torneo importante e vanta le stesse presenze di un Locatelli.
      Ma li hai visti i convocati nel centrocampo dell’Italia? Escluso Barella l’elenco è deprimente.
      Bisogna fare entrare tanta aria fresca nelle stanze di Trigoria e lasciare uscire quella viziata, in tutti i sensi.

    • via Mou e via Pinto la prima pietra del nuovo progetto è l’acquisto di Baldanzi, forse non è ancora chiaro a tutti ma siamo in mani sbagliate, la catastrofe vera deve ancora arrivare.
      Genesi: la disfatta è il licenziamento in tronco di Mou.
      Licenziano improvvisamente l’unico uomo di calcio di tutta la società ASRoma, l’unico con esperienza, capacità, ambizione e palmares. Una proprietà con un minimo, dico un minimo di capacità lo tiene fino la termine della stagione, preparando intanto, con astuzia, la prossima. Ora pare che abbiamo ds ma non un dt, un allenatore principiante, debuttante in serie A, bravo a rilasciare interviste, ma dalle capacità tecniche e tattiche non all’altezza di un club di primo piano, cui ci si arriva per gradi, dopo aver ampiamente dimostrato innovazione, metodo e vittorie! Ad un pivello dalla lingua sciolta gli hanno consegnato squadra, ruoli, competenze e responsabilità. Su centinaia di commenti su queste pagine ne ho letti solo qualche decina lucidi, e fino a qualche settimana fa erano ancora meno! Quando scrivevo che siamo da 6/7 posto, era appena finita l’altra campagna acquisti. Non perché io sia particolarmente intelligente e preparato, ma forse perché il calcio mi piace e lo seguo da oltre 50 anni e di partite ne ho viste migliaia. La strada è lunghissima e purtroppo molte pecorelle sono ancora perse nei campi, si bevono tutto, forse non le recupereremo proprio e sono molto preoccupato. Solo noi tifosi potremmo far cambiare rotta a questa proprietà, ma non mi pare ci siano i presupposti.
      I friedkin sono una disgrazia!

    • @Fabio1974, alle provocazioni da asilo non rispondo. DDR in curriculum aveva un esonero in serie B punto. Questo è quello che è stato chiamato a salvare la baracca. I fatti sono questi, la parabola era quella di Mazzarri e Calzona a Napoli. Fortuna (come ho scritto, se tu ti fossi degnato di leggere) che invece DDR ha dimostrato (perché a Febbrajo doveva dimostrarlo) di non essere Mazzarri, anche se alcune toppate clamorose le ha prese pure lui, se non vogliamo metterci il prosciutto davanti agli occhi. Ma è normale, DDR deve fare esperienza, appunto per via del suo curriculum. Sinceramente, non capisco lo scopo di commenti astiosi a titolo gratuito (tarato ci sarai tu).
      Il resto del’lanalisi, per me, è condivisibile. Se prendi Mou ma gli organizzi un ritiro a Ibiza, non gli dai la squadra, arriva Lukaku alla terza giornata, poi lo butti fuori e ci metti uno come DDR, immetti soldi a palate ma non riesci a fare un semplicissimo organigramma societario con DT e DS, il DS che hai scelto (che non è un DS) compra Vinha e Shomurodov con 100 milioni, poi ti porta Sanches e Aouar e fa quei rinnovi a quelle cifre…. di chi è la colpa? Sarà mica del capo della baracca?
      @Tifoso giallorosso, DDR e Mou hanno fatto la stessa parabola, l’anno scorso a Marzo eravamo terzi, poi il botto. Il problema è strutturale, dopodiché è lampante che Mou i suoi errori li ha fatti, ma il fattore critico, per me, non è stato lui, peraltro abbandonato dalla società a fare il factotum.

    • @fred concordo su ogni parola che hai scritto e aggiungo che siamo su una china che completerà il disastro annunciato , c’è solo una via d uscita cacciare una decina di giocatori a cominciare da mr n 7 e mettere sul mercato non meno di 100 milioni iniziando con una programmazione che preveda anche l under 23 ecco in questo modo si puo rientrare in champion e iniziare a creare qualcosa che in un futuro vicino ci porti altri trofei

    • Un Ds senza esperienza era Tiago. Questo lo sa fa er mestiere. Ex carciatore, ex allenatore, Ds da 5 anni in du’ squadre differenti de Ligue1. Nun associate la figura de Ghisolfi a quella de Pinto, che venimo da du anni e mezzo de disastri tecnici. Poi era bravo a fa quadrà li conti, ce credo, era quello er mestiere suo, er ragioniere-commercialista

    • Idi di Marzo contano i risultati e De Rossi complessivamente li ha fatti. Sarebbe stato al terzo posto incluso il ciclo finale ingiocabile. Mou era già nono, chissà come saremo finiti. Ed eravamo due anni e mezzo senza giocare a calcio. Se sei d’accordo con quello che ho scritto (ovvero l’integrazione della rosa senza buttare a mare nessuno) allora non parliamo di smantellamento o di cacciare via tutti (proprietari inclusi) così eviterò di innervosirmi ed essere irrispettoso (e per questo chiedo scusa).

    • A Fabio1974 tocca levaj er vino. Con l’Atalanta quarta nun c’è stata partita. Avemo pareggiato ( grazie a Dio) a Firenze e a Lecce manco lo sapemo noi come. Ancor co sta storia de Mourinho. Ma basta!!!
      La squadra è quella che è. L’anno scorso con Mou hai fatto la finale e sei arrivato sesto. Quest’anno in campionato e in coppa sei andato pure peggio. Nun è che forse so i giocatori che sono strapagati e sopravvalutati? Basta co sto caxxo de Mourinho.
      Er problema è che in squadra hai giocatori inguardabili. Ma quale primo quattro posti. Ma che dite

    • Premesso che concordo su ogni cosa detta da IDI, sinceramente non capisco come qualcuno possa ancora provare a scaricare Mou.
      De Rossi non ha vinto uno scontro diretto che uno..Gli anni passati Mourinho magari con partite brutte però i risultati li ha portati Lo scorso anno ha dovuto scegliere tra EL e campionato perché non aveva la panchina ed ha quasi portato a casa la coppa (se non ci fosse stato l’autogol di Mancini, ripetuto..).
      DDR non ha scelto e non ha raggiunto né l’uno né l’altra (sconfitte contro Atalanta Bologna ed Empoli per me gravissime).
      I Friedkin hanno sbagliato le scelte dall’inizio e continuano a sbagliare. Scegliere un DS francese che non ha gli agganci giusti con il mercato italiano è una cazz.ta. Pinto non è stato cacciato ma se ne è andato lui (con probabile congrua buonauscita) per loro poteva restare.. hanno cacciato Mou!!
      La contestazione doveva essere fatta da tempo!!!

    • Aspetta mo hanno preso ghisolfi un’altro sconosciuto straniero , hanno bisogno che qualcuno gli spieghi che questa e la ROMA non una squadra di NBA !

    • Non so se è chiaro che non stiamo parlando di un allenatore, un dirigente o un giocatore… ma dei proprietari della AS Roma, che ti piaccia o no, non possono andare via almeno ché non venga venduta la società. Hanno investito un miliardo di Euro, sicuramente sbagliando alcuni investimenti, ma certo non si può dire che non tengano alla squadra, anche se ovviamente per un loro tornaconto personale

    • Si, se ne devono andare, ma secondo voi chi viene?
      Un altro che investe per lo stadio. Uno stadio che la politica romana non farà mai fare.
      E’ questa la nostra rovina.

    • perché se ne devono anna’?
      perché nun famo la Champions?
      Ma come, ai tempi de Pallotta dicevate “CHE CE FAMO COI PIAZZAMENTI, ERA MAJO ‘NA COPPETTA”
      ….oltre ovviamente a sputare sulla semifinale di Di Francesco perché “NUN È UN TROFEO”

  2. Colpa loro indubbiamente..Hanno scelto pinto che ha fatto una catastrofe sul mercato e sui rinnovi.Altre colpe che hanno è quello di aver taciuto su certi torti che abbiamo subito.Ma questi sono altri discorso.Hanno speso una barca di soldi ritrovandosi alla prima casella del gioco dell’oca.Devono aprire gli occhi anche loro sennò ciaone.Di presidenti casinari ne abbiamo già avuti abbastanza.

    • non sono d’accordo, questa Presidenza ha fatto l’errore di fidarsi di chi gli diceva che la squadra era forte e che sarebbero serviti un paio di innesti l’anno per farla diventare competitiva ad ogni livello, e dare continuità al progetto tecnico. Hanno riscattato Smalling, perché glielo chiedevamo tutti, tenuto Zaniolo, perché glielo chiedevamo tutti, e così anche per Cristante Spinazzola e Pellegrini. la Tesi era che la colonna portante della squadra era forte..ci hanno creduto, hanno aspettato più di 3 anni rinforzando con giocatori di nome che completissimo una squadra che aveva solo bisogno di essere completata dai vari Maatic, Wijnaldum, Dybala, Lukaku. e invece ora è tutto chiaro, bisognerebbe cambiare almeno 7 degli 11 titolari, trovare un centrale veloce tipo Rudiger o Manolas, due centrocampisti di corsa e tecnica tipo Strootman e Nainggolan, due esterni difensivi che sappiano anche fare un cross se necessario, tipo Cassetti e Tonetto, due esterni d’attacco che sappiano saltare l’uomo, tipo Gervinho Salah o Perotti, oltre che un centravanti alla Dzeco..

    • Mirco er problema è proprio questo.Tu non te devi fidà devi far gestire tutto a persone competenti che possibilmente sono navigate nel mercato italiano.E invece danno tutto in mano a pinto che come ds non aveva esperienza…Hanno sbagliato.Si può dire?..Mica è lesa maestà.Speriamo non sbaglino più.

    • @Mirco lo sai che se provavi a scrivere un commento del genere 4 anni fa ti beccavi una marea di pollici rossi perchè allepoca era colpa di FonSega se la squadra giocava male?

    • Mirco ti ha risposto in modo esaudiente solo che non è stato esplicito nel nome di chi ha consigliato l’acquisto dei giocatori elencati e aggiungo io è riuscito a far andare via Matic e Mikytarian o gente come calafiori un allenatore gestisce la squadra e ne percepisce gli umori cosa che non avviene per chi è pieno di se.Voleva tutti campioni se non è stato soddisfatto poteva dimettersi,come facciamo noi nella vita quotidiana,e con tutti campioni è sufficente DDR.

  3. La Mossa del parafulmine De Rossi l ultima cavolata, tanto vi si ritorcerà contro. Vendete la Roma se avete ancora un briciolo di dignità

    • L avevo scritto in tempi non sospetti ,derossi era solo un parafulmine ,nella realtà sono veramente gianni e Pinotto ,nel loro campo sono sicuramente degli industriali affermati ma nel calcio sono appunto Gianni e Pinotto ,Mourinho faceva peggio di sto scempio? Non si poteva dfare come ho detto 100 volte ,tenere Mourinho fino a fine campionato e da lì ripartire con un nuovo allenatore magari Allegri,no dovevano fare vedere che loro hanno i muscoli,ecco questo e il risultato e preparatevi perché ci rimpiangeremo quella gioia della conference per anni

    • a Nando
      con quella.media punti che nel finale.di stagione come sempre sarebbe pure peggiorata avremmo chiuso intorno ai 45 punti

      ti elenco in breve 4 ragioni per cui i fatti dicono che invece ti sbagli di grosso

      1
      La classifica.( non saremmo rientrati neanche tra i 9 )

      2
      Paredes é rinato
      Svilar non ne parliamo

      più in generale il valore complessivo della rosa é.cresciuto e volendo sperare che ci sia una rifondazione sarà importante anche incassare qualcosa in più dalle cessioni

      3
      DDR ora sappiamo che sulla panchina ci sa stare invece di passare l’estate a chiederci chissà com’ é

      4
      Allegri per carità del cielo…dalla padella alla brace un sopravvalutato… con questa rosa.ci porterebbe dritti in serie B Facile vincere quando guidi la juve
      ma.ricordo ai suoi estimatori che é l’unico allenatore nella storia ad essere riuscito a.non vincere lo scudetto con Ibrahimovic (finché under 35) in squadra …ma ha fatto anche peggio é riuscito a fare scappare Pirlo dal Milan alla juve che proprio grazie.a.pirlo é arrivata a giocarsi due finali di cl…. Pirlo che invece la squadra te la faceva da solo

    • @nando: mourinho ha fatto peggio de sto scempio, la storia di mou alla Roma e’ finita a budapest, se ancora non l’hai capito fatte fa un disegnino da qualcuno poesse che c’arrivi pure tu, Dan grande immobiliarista ma calcisticamente orbo oltre che muto.

    • Paolo 33 ecco dimmi che sarebbe cambiato se arrivavo 7 o 8 “ho vinto quacchecosa?” io invece a voi geni dico cosa veramente cambiava se lasciavi mourinho , i vari pellegrini abbassavano le penne o stavano in tribuna e magari oggi se ne andavano , potevi programmare con 5 mesi in anticipo un nuovo allenatore e una nuova strategia invece di avere un ds a fine campionato quando gli altri iniziano a muoversi a gennaio , il cambio di allenatore e solo servito a 4 straccioni di giocatori per continuare a fare cio che gli pare , io preferivo arrivare 8 e avere gia una programmazione futura in atto magari anche una under 23 come hanno atalanta e juve oggi che vi ritrovate??? un 6 posto un allenatore gia contestato un nuovo ds che gia viene considerato un cialtrone , magari aprire la capoccia e riflettere non fa male.

  4. Chiaramente noi tifosi ci aspettavamo di più per sognare in grande.
    Però riflettendo valuto l’immensa mole di denaro profuso dai Friedkin dopo la voragine lasciata da Pallotta, poi un fairplay finanziario scellerato valido solo per alcuni (vediamo inter e milan solo per rimanere in Italia) che obbligava a vendere per comprare.
    Ovviamente alcuni investimenti sono stati sfortunati (Abraham 40 mln), però , secondo me dobbiamo avere ancora pazienza (noi giallorossi siamo abituati) ed aspettare il ciclo di De Rossi. Il precedente ci ha portato una coppa europea, ed un secondo posto, poco rispetto alle aspettative.
    Pazienza con i giocatori che arriveranno e con quelli che abbiamo in rosa, non crocifiggiamo nessuno, tantomeno i giovani.
    FRS

  5. non è esatto sul mercato hanno speso solo il primo anno quando sono arrivati shomorodov vina abrahm ecc poi sono stati fatti mercati a costo zero tra prestiti e parametri zero, la squadra non è stata mai rinforzarta ma addirittura indebolita dzeko per abraham zaniolo per solbakken ecc prima si sono affidati a pinto e abbiamo visto i risultati adesso un altro ds straniero pescato con l’algoritmo e mossa de rossi per avere un parafulmine, nessuno che parla, nessuno che difende la società un fallimento totale

  6. Credo che chi finora ha parlato di bonsai debba rivedere il proprio pensiero, in caso contrario dopodomani non potrà perdersi la grande finale per il Trofeo: Fiorentina-Olympiacos…

    • Pogo te sei romanista come io so ciociare , continui a screditare l unica coppa che abbiamo vinto in campo internazionale dopo 60 anni , abbiamo una bacheca in 100 anni con 3 scudetti 2 coppe europee una vinta 2 anni fa e 9 coppe italia l ultimo successo lo scudetto ero ragazzino e te ancora screditi una coppa vinta , va a formello a tifa i pecorari

    • ma quale pallottaro…
      er pòro Pogo è un lazziale che quando scrive 10 post, 9 sono per screditare la Conference League, vinta dalla Roma due anni fa…
      pensa come ancora je brucia er cvlo, poveraccio… 😂

  7. Dopo quattro anni di fallimenti non hanno ancora voglia di vendere? Anche il bologna e l’atalanta che rispetto a noi hanno 4 tifosi ci hanno doppiato. Sono padre e figlio come ruggero de ceglie e gianluca. Possono fare giusto qualche scenetta comica e nulla più.

  8. sta storia del miliardo mi sembra quella del signor Bonaventura: io sto miliardo (se e come vero) in campo non l’ho mai notato. seguotiamo a farli passare per i salvatori della patria i 2 silenti che facciamo il bene della roma. di sicuro. vedrai che l’anno prossimo si realizza la triste profezia di ddr: arrivare decimi.

  9. Scusa Mario bisogna vedere da quale angolazioni noi valutiamo queste teorie perchè la Roma di oggi…Si de oggi de ieri de domani de dopodomani quà ve siete tutti rincojoniti se va avanti così padre pure lei ce se butta dentro quella piscina cor coso de foriiii!!!!.

    Mario Brega da “Un sacco bello” di Carlo Verdone.

  10. “vendete”, “lasciate il passo”… Guardate che trovare qualcuno disposto a investire cifre del genere in una squadra di calcio che – alla fine dei conti – non ha storia e con sto cacchio di FFP non è facile per niente. Soprattutto in Italia, dove c’è un campionato con scarso appeal in mano a 3 papponi e dove per fare una roba banale in tutto il resto del mondo come uno stadio stai in ballo 20 anni (se non sei la Juve). E’ palese che le proprietà straniere non ci abbiano portato i risultati sperati e che la squadra sia a questo punto da rifondare, ma io non vedo alternative realistiche ai Friedkin al momento

    • E’ dai sensi in poi che si dice che nessuno vuole la Roma. Da allora in poi abbiamo cambiato proprietà già due volte. Pertanto quello che tu affermi non corrisponde alla realtà. E’ ovvio che qualsiasi eventuale compratore non è disposto a strapagare un brand che vale poco. Pertanto, la difficoltà nel vendere la Roma è dovuta al prezzo richiesto. Chi vende vuole rientrare dei soldi buttati per i propri errori, chi compra vuole pagare il reale valore del club.

  11. be hanno portato due campionissimi, Lukaku e Dybala , poi hanno portato il number One mou … e stadio sempre pieno …a livello di spettacolo non si può imputare nulla . ora nuovo progetto sportivo con DDR e 3 anni di esperienza , nn sono pochi. stavolta punteranno su rinnovo rosa..che é arrivata al capolinea x molti giocatori

  12. Se non spendi come pretendi di arrivare,, siamo tornati la roma anni 90 quando ci chiamavano inparametro,! Spendete sti soldi senno andatevene a casa vostra!

  13. Friedkin incompetenti e presuntuosi. Le scelte di Mourinho, Pinto e De Rossi sono tutte sbagliate. Mourinho non era adatto a questo progetto, gli altri 2 non hanno esperienza

    • Mourinho era adatto se gli portavi chi tichiedeva voleva zhaka gli portavi vina, hai fatto partire veretout che era l unico che correva hanno permesso a 4 filibustieri vedi capitano , di remare contro l allenatore per farlo cacciare , non hanno mai difeso l AS Roma ma andavano a braccetto con Ceferin che ci aveva appena fregato una coppa , poi l inadatto era mourinho …..

    • Costante americana: mettono soldi di qua, miliardi di la……ma ‘ndo? Ma chi li vede!?
      Sul mercato finiscono sempre ZERO DOLLARI, e questo è ciò che conta, ciò che fa la differenza tra una squadra competitiva e una squadretta mediocre. Una squadretta da sesto-settimo posto.
      Però per carità, i friedkin sono intangibili……prendiamocela sempre col DS, con l’allenatore sfigato di turno, coi giocatori mediocri che scendono in campo.
      Che, ovviamente, sono stati scelti e ingaggiati da me….mica dai friedkin.
      Anche questi americani se ne devono andare il prima possibile, hanno già generato uno scenario senza ritorno come il post-monchi di pallottiana memoria.
      Hanno fallito.

    • Ilario – Friedkin Group FLC *focene low cost* – vaglielo a far capire a chi scrive qua che se Sensi non spendeva UN MILIARDO per Batistuta la Roma lo scudetto non lo vinceva

    • Nando, a Mourinho vanno dati i campioni. Lui è un grande gestore alla Ancelotti. Non è adatto a questa Roma che deve ancora diventare grande.

    • Rui campione? Pellegrini campione? Felix campione? Mancini, Cristante, Zalewski et alia… campioni? Eppure ci ha fatto vincere la ConfL con i “campioni”. DDR arriva, ci dice che questa squadra e’ fenomenale, sono tutti campioni e …. arriva sesto e senza finali in Europa. Finiamola con i luoghi comuni, per favore.

  14. Se qualcuno avesse voglia sul serio di prendere la Roma questo sarebbe il momento giusto per fare un’offerta.
    Temo non vi sia nessuno in vista.
    Molto probabilmente avremo i texani per parecchio tempo.
    A questo punto mi affido a De Rossi per un nuovo ciclo.
    La Champion il prox anno è quasi impossibile.
    Intanto rifacciamo una squadra di giocatori in buona salute e livello medio-alto, che i fuoriclasse qui non ci vengono per ora.
    Forza Roma e un abbraccio a tutti i Romanisti, vecchi e ragazzini, noi restiamo qui.

  15. Come ho già scritto in questi tre anni di ciclo Friedkin-Pinto-Mourinho non ci sono innocenti…
    I Friedkin hanno iniziato a gestire la roma senza persone con esperienza ed anno chiamato un manager come Pinto a fare da DS
    Pinto non ha azzeccato un acquisto solo svilr sta rendendo ma visto che è stato in panchina per due anni e mezzo a questo punto direi che è un caso
    MOurinho invece oltre alla pessima gestione dello spogliatoio non ha fatto il minimo gioco di squadra con Pinto, ne l’ha indirizzato verso giocatori funzionali, accettando qualsiasi pacco gli arrivasse salvo poi lamentarsi mesi dopo nelle conferenze stampa

  16. Sopra c’è scritto che questi hanno speso 1 Miliardo.
    I commenti sono “pulciari, andatevene, vendete la roma se avete dignità”-
    Ovviamente non si sa a chi,
    o chi avrebbe voglia di buttare così 1 miliardo in 3 anni.
    Però “ANDATEVENE”.
    Alti quozienti intellettivi, ragionamenti costruttivi, qui impallidirebbe anche Eco signori…

    Però da ieri non vedo ancora un mezzo commento su queste pippe strapagate
    (terzi per stipendi da anni con il Milan, lì non si fallisce mai il podio),
    e attenzione che non parlo di quelli che vanno e vengono alla Solbakken o alla Azmoun,
    ma delle nostre “colonne” che son fortissime, campioni assoluti, gli eredi di Totti,
    ma che ci fanno finire sempre sesti/settimi da anni.
    No, si contesta Lukaku che ne ha messi 21, Dybala che gioca poco ma quando gioca
    fa capire quali sono i livelli giusti, o tappabuchi come Kristensen….
    Il capitano che ha una media gol peggiore di Aouar e che per 4-5 mesi all’anno
    passeggia in campo è intoccabile, solo per fare un esempio.
    Meglio dare addosso a Cristante che non è Ancelotti ma ha giocato 8 miliardi minuti vero?
    O a Mancini che non è certo Aldair ma almeno sputa l’anima in ogni partita giusto?
    No, meglio Hujsen, che dopo 20 minuti buoni dovevamo essere pronti a pagare anche
    20 Milioni se richiesti, no?

    Magari se avanti avessimo giocatoti utili sarebbe meglio.
    Speriamo in Ghisolfi e negli Arabi.
    Non per prendersi la società che non si capisce perchè dovrebbero,
    ma magari per portarsi via qualche pippa strapagata delle nostre.

    • 1 miliardo ndo l’hanno speso?
      è tutto compreso l’acquisto, il debito che c’era, il pagamento di 202 milioni per ballotta, per l’uscita dalla borsa etc etc.
      per la squadra non hanno messo un centesimo ed anzi hanno preso soldi (miliuniii)

  17. friedkin pure peggio di ballotta, sempre americani sono, della ROMA a questi non gli frega proprio nulla, pensano soli allo stadio che non gli faranno mai, intanto pero’ sesti e settimi posti a raffica, spero che se ne vadano, prima che la nostra ROMA sprofondi del tutto

  18. Ah, ecco…
    ingaggiare un DS da una società di calcio francese a 20 punti dalla prima in classifica e che a sua volta è di proprietà dei Friedkin, ora si chiama “cambiamento radicale”.
    Possiamo sempre consolarci che se lo avessero preso dalla Ternana, saremmo rimasti delusi poco, pochino, pochissimo di più…
    Il “cambiamento radicale”…

    • per tua informazione, visto che manco conosci quello che scrivi, Ghisolfi lavorava per il Nizza (OGC Nice) mentre i Friedkin sono proprietari del Cannes, che milita in 3a divisione francesce…

  19. Se i Friedkin hanno veramente immesso nella Roma un miliardo (ma per me non è così, perché loro garantiscono solo un debito di 625 milioni che scaricheranno su un successore) senza mai sentire il profumo della Champions, è chiaro che hanno sbagliato la conduzione aziendale, per aver scelto persone non all’altezza, spesso con il proposito di un’evidente derisione dei medi, che proponevano soluzioni differenti. . Tutto ciò aggravato dall’assurda strategia di non parlare mai, con l’arroganza propria di chi pensa che chi mette i soldi non deve render conto di niente a nessuno.
    Adesso, dopo 4 anni di tonfi, si sono affidati a un allenatore apprendista con molto opportunismo, garantendogli un triennale ingiustificabile dopo avergli fatto un trimestrale come periodo di prova (fallito) e a un D. S. ignoto. Non c’è garanzia di risultati e di svolta in tutto c3, ma solo tanta approssimazione.

    • Investire è diverso che garantire un prestito. Zenone ha ragione.
      Si rischia di più, ma per rilanciare un’azienda servono investimenti. Se hai la voglia e il coraggio di farlo. E se volevi investire non accettavi supinamente il FFP, vera manna dal cielo per una proprietà col braccino cortissimo.
      Ma di investitori veri credibili non se ne vedono in giro, temo.

    • Finiamola di inventarci i debiti, oltre la metà di quelli sono a voce finanziamento soci e l’indebitamento lordo verso terzi ammonta a meno di 200 milioni. Il debito verso i soci sarà convertito in conto capitale entro il 2025.
      La Roma da un punto di vista finanziario è assolutamente solida e la Romulus & Remus Investments LLC è parte integrante di un gruppo che fattura 12 miliardi di dollari l’anno.
      Non è nelle condizioni di quando un soggetto privato si è trovato nelle condizioni di dovere ricapitalizzare per oltre 300 milioni e non ne aveva la minima intenzione.
      Si può dire che manca il resto e non è poco, ma non inventarsi storielle.

    • @drastico saprai bene che il fatto di far parte di un gruppo che fattura 12 miliardi non significa nulla, e che un gruppo di società serve solo a compartimentare i rischi di ciascuna entità e ad evitare che le sorti di ciascuna pregiudicano le sorti delle altre. La Roma ha un debito totalmente insostenibile, è infatti è soggetta alle condizioni del FFP. Solo nel calcio di oggi questo può associarsi ad un concetto di solidità.

    • Appunto Cocco, è quella è una garanzia di continuità aziendale.
      Prima eri guidato da una cordata di individui, non in grado né vogliosi di gestire oltre 200 mln di perdite di esercizio e 375 mln di debiti, perdie che invece sono gestibili da un gruppo industriale da 12 miliardi di dollari. non ci vuole molto a capirlo.
      In quanto al FFP, la Roma è uscita da SA sul Transfer Balance e le regole che valgono adesso per lei sono quelle che valgono per tutti, 80% dei ricavi da spendere tra cartellini, commissioni e ingaggi.
      L’anno scorso il fatturato è stato di 277 mln, vediamo al 30 giugno cosa sarà per farsi due conti.

  20. I Friedkin hanno dimostrato grande motivazioni ma scarsa esperienza. Circondarsi di dirigenti incapaci, scegliere DS come Petrachi o Pinto, bravissimo a vendere ma incapace a distinguere un buon giocatore da un brocco, sono stati errori imperdonabili. Ora bisogna solo sperare che De Rossi sia l’allenatore che abbiamo visto fino alle partite contro il Milan e che Ghisolfi sia un vero mago del mercato. Forza Roma Sempre 💛❤️

  21. qualche giorno fa si parlava di affiancare Burdisso a GHisolfi….magari fosse e.ancora ci spero…come.spero che i Friedkin abbiano capito quanto potrebbe essere importante affidarsi all’esperienza di chi il calcio lo ha vissuto

    aggiungerei Boniek e/o Ranieri e comincerei ad avere uno staff DS e DT di persone competenti calcisticamente parlando

    garantendo a DDR di preoccuparsi solo di come mettere la squadra in campo tutto il resto é noia

  22. Il fallimento americano consiste nell aver utilizzato modi ,sistemi e metodi che in America funzionano, qui no. Perseverare con nomi altisonanti o volere tutto e subito ha portato al disastro, idem non aver reagito con ferocia a situazioni esterne poco chiare ( vedi Taylor) Non mi convince DDR , né mi convincono i senatori.

  23. fallimento su tutta la linea… siamo tornati ad essere la rometta….
    nn abbiamo campioni su cui puntare, nn abbiamo uno stadio che oramai doveva essere pronto, non abbiamo un ruolo significativo nei salotti del calcio italiano anzi bistrattati e umiliati da decisioni figlie dell’avversione che i soliti hanno verso la roma…incapaci di una guida tecnica di spessore e senza personalità di spicco e capacità conclamate nei ruoli focali dirigenziali…l’ultima scelta del Ds è veramente ridicola…. hanno pensato di mettere De rossi a fare il parafulmine..tnto i tifosi ci vanno sempre allo stadio a cantare e pagare il biglietto…
    basta il credito è finito, come le illusioni di tutti quelli che pensavo che il problema era Mou e nn la società…è anche responsabilità nostra che nn sappiamo più cos’è una contestazione e ci va bene qlsiasi umiliazione, siamo nati per soffrire….ma nn così. per me i lFriedking son peggio di pallotta che almeno aveva messo un vero DS e dei campioni in campo…ora il nulla

  24. Finalmente si comincia a parlare di ciò che è già evidente a chi non si fodera gli occhi col prosciutto: i friedkin hanno inanellato fallimento su fallimento.
    Sarà che di tutti questi soldi che avrebbero messo nell’AS Roma sul mercato ne sono finiti ZERO. Non appena arrivò Mourinho (al di la di cosa ciascuno pensi di costui…) dissi subito che se non gli avessero comprato i giocatori saremmo andati incontro a un disastro epocale: detto fatto. Per questo non mi feci sopraffare dall’entusiasmo e non cambiai mai nick, e purtroppo ebbi ragione.
    Adesso, dopo quattro anni di friedkin, ci ritroviamo al punto di partenza: squadra da rifondare, allenatore inesperto per una grande piazza, un DS straniero con un curriculum piccolo piccolo, alieno al mercato che conta e pronto a pescare in squadrette francesi di livello infimo questi fantasmagorici giovani talenti che diverrano fuoriclasse e faranno le fiamme in campo (cit.). Una tristezza assoluta, un altro fallimento annunciato. Dovremo affrontare la prossima serie A senza una squadra di serie A. Dalla dirigenza, al tecnico, ai giocatori.
    Il Napoli l’anno scorso ha vinto lo scudetto, quest’anno ha fatto una stagione disastrosa e fallimentare restando fuori dalle Coppe e che fa? Prende Conte e rilancia, perchè si sa che Conte non ti considera proprio se non sa che arriveranno calciatori adeguati.
    Noi coi friedkin siamo sempre arrivati sesti o settimi, non siamo andati in Champions e i friedkin cosa fanno? Rilanciano, ma al contrario. Al ribasso.
    E al quinto anno si presentano col fantasmagorico progetto giovani, ne sentiamo parlare ormai da lustri con le proprietà americane, i risultati direi che li conosciamo, a meno di non volere far tabula rasa nelle nostre menti e cancellare gli ultimi 12-13 anni.
    E adesso i Romanisti dovrebbero aspettare quanto per vedere i frutti di cotanto progetto!?
    Altri cinque, sei, sette anni?
    Perfettamente d’accordo con l’articolo: quello dei friedkin è un fallimento totale e irreversibile, almeno da non voler tornare subito sui propri passi, cacciare i dollari e costruire una squadra competitiva: dirigenza, allenatore e calciatori.
    Altrimenti non se ne esce.
    Ora spolliciate pure, tra qualche mesetto ne riparliamo.

  25. ma quando mai hanno messo un miliardo nella Roma fosse stato vero avevamo uno squadrone ma non è così, hanno preso una squadra che era la quarta forza del campionato e l’hanno fatta diventare la sesta

  26. A mio parere gli errori sono stati molteplici.
    Il ds per primo. Ma io dico, ma perchè nessuno va sotto casa di sartori.
    Un ex giocatore con personalità nell’area tecnica.
    Gli acquisti tutti sbagliati, mi ricordo anguissa a 700 mila non preso, mi ricordo koopmainers offerto a più riprese etc etc.
    Sartori crea il chievo e l’atalanta, ora il Bologna ma no, andiamo da un ragazzo francese.
    L’ad greco che non parla mai nemmeno lei……
    Vi segnalo, anche se lo avrete già capito, che se Conte va al Napoli sono guai.
    Se non litiga con dela in champions va sicuro, se gasp rimane a bergamo coni soldi della champions va sicuro
    Inter e juve pure e noi rimaniamo fuori, salvo miracoli.
    Sono preoccupato

    • Ma tu sei sicuro che non ci abbiano provato? E perché il Bologna te lo dovrebbe lasciare? Pare che conti solo la volontà della Roma…Prendete questo, prendete quello…Ma non pensate che hanno dei contratti, che non vogliano venire? Fate tutto facile, da casa vostra. E non lo dico per difendere nessuno, uso solo la logica.

    • Sartori ha militato in Chievo, Atalanta, Bologna.
      Ha quasi 70 anni, siamo certi che abbia voglia di lavorare in ambienti che non gli garantiscono la necessaria tranquillità e la possibilità di lavorare col metodo che preferisce?

  27. ma questi hanno pensato solo ai loro business, e allo stadio…da dopo covid e da quando hanno preso la Roma il gruppo friedkin ha aumentato il loro fatturato di 2 miliardi di dollari e stamo a pensa ai soldi della champions..

    • comunque hanno rilevato l’As Roma femminile nel 2020 entro il 2024 hanno vinto 2 scudetti e 2 coppe italia e nonostante l’inesperienza hanno fatto un buon cammino anche in champion ,la squadra maschile ha cambiato allenatori giocatori e ànche dirigenti non e ‘ che I tentativo non sono stati fatti
      aggiungo che buona parte dei club hanno dirigenze o affiliazioni con gli americani
      compreso il bologna o l’atalanta

  28. Personalmente manderei via, A QUALSIASI PREZZO ( AL RIBASSO) : karsdorp,celik,smalling,kumbulla,cristante, pellegrini, aouar, zalewski,shomurodov,belotti,solbakken e abraham. Al loro posto gente giovane ( max 24/25 anni), sana e che corre. Sarebbe sinonimo di cambiamento reale. C’È SOLO L’ ASROMA!🟡🔴

  29. Concordo i Friedkin non hanno esperienza nel mondo del pallone e per questo l’investimento più grande dovevano farlo con il direttore sportivo. In questo Pallotta fu più bravo, scelse Sabatini e si affidò a Baldini , quest’ultimo però lo tradì credendo di fare il fenomeno e alla fine infischiandosene di quanto accadeva a Trigoria, ma Pallotta la colpa più la commise rivendendo sempre tutti i giocatori buoni che gli trovava Sabatini , ma almeno al’epoca la Roma in Champion ci andavamo.
    SE i Friedkin falliranno anche con Ghisolfi questa volta la piazza non glielo perdona. Se vuoi fare il pilota di formula uno devi saper guidare la macchina.

  30. Non siamo il Barcellona, perché andate dietro ai giornali? State facendo il loro giico. Cosa dicono della Lazio? Aveva i soldi della Champions, delle vendite, del campionato: cosa ha comprato? cosa ha fatto? Il grande Milan si è fatto tre anni di Europa League uscendo agli ottavi prima di tornare in Champions. Siamo una realtà modesta, abbiamo avuto limiti finanziari (in due anni speso 30 milioni, quanto ha speso l’Atalanta?) Io sono più delusa dall’atteggiamento poco professionale dei giocatori, avevano puntato tutto sulla coppa e sono spompati ma ieri dovevano dare di più. In campo ci vanno loro.

    • scusami,
      secondo te non riusciamo a convincere sartori a venire a Roma?
      I contratti si possono risolvere con qualche indennizzo (la storia è piena di casi così.
      Se non ci riesci – non mi sembra una impresa titanica per un dirigente sveglio -vai mandato via.
      In ogni caso spero che il francese mi stupisca.
      Conte al napoli senza coppe e gasp con i soldi mi preoccupano.

  31. Nella vita contano i fatti non le chiacchiere:
    1) Lo stadio lo hanno fatto? ad oggi neanche un mattone è stato messo
    2) la squadra U23 è stata fatta? No
    3) i risultati della prima squadra? Mediocri siamo ormai abbonati al 6 posto
    4) La società è stata risanata? No siamo ancora pieni di debiti, sotto FFP e ancora strutturalmente in perdita.
    Quindi?
    Prima fanno le valigie e meglio è per loro e per noi.

    • Sui primi tre punti si può discutere, il quarto è campato in aria.
      La società è stata risanata, nel senso che è stato ricostituito il capitale sociale e hai circa 200 mln di esposizione debitoria verso terzi contro i 375 di prima.
      Il passivo di esercizio è sceso sotto i 100 milioni rispetto agli oltre 200 di due anni fa.
      Il FFP che vale per la Roma adesso è anche quello che vale per tutti gli altri per la stagione 2024/25, cioè limiti di spesa dell’80% rispetto a quanto incassi.
      Va bene tutto ma non raccontare frottole.

    • @drastico, scusa secondo te una società che perde 100 MLN di euro l’anno è una società risanata? peraltro per arrivare 6.
      Avere 200 Mln di debiti per una società che ne fattura si e no 200 comprese la sponsorizzazione della proprietà sono pochi?
      io boh, qui si difende l’ indifendibile

    • Vuoi mettere in conto da dove sei partito oppure no? Pensi siano cose che si fanno in un battito di ali di farfalla?
      La Roma, in base al fatturato, ha adesso un debito verso terzi perfettamente gestibile.
      Scusami, e allora l’Inter? Non ha forse un debito uguale al fatturato (sempre considerando quello verso terzi)? Per non parlare di Barcellona e tanti altri.

  32. Ma la volete finire con questa storia di Ghisolfi? Ma lo avete capito o no che ci hanno messo 5 mesi (cinque!!!!) per annunciarne uno? evidentemente hanno avuto molte difficoltà a reperirne non uno libero….ma uno che volesse venire!!!!!! Questo è e ci dobbiamo accontentare sperando che finalmente il vento giri e riusciamo a trovare un po’ di calciatori scovati a prezzo conveniente e che ci facciano fare un passo in avanti nel giro di tre anni.

  33. Il fallimento e’ di PALLOTTO : la fossa ce l’ha scavata LUI.

    Loro stanno solo sprofondando nella fossa che ha scavato PALLOTTO.

    E’ come togliere l’acqua dalla fossa mentre sta piovendo : perdi tempo,

    alla fine finisci morto con la faccia nel FANGO come i soldati in Vietnam

    di cui parlava John Goodman in Big Lebowski e poi come finisce ?

    Finisce che spargi le ceneri dei tuoi amici morti e te tornano in faccia per il vento.

    Gli amici so morti e tu rimani solo e fuligginoso a ponderare il Senso della Vita

    senza MAI trovarlo finché muori pure te vecchio solo e triste e senza Trofei.

    PER COLPA DI PALLOTTO, e soprattutto di chi gli andava dietro perché era POLLO.

    E la guèra in Vietnam fu persa, quindi proprio come PALLOTTO non servi’ a NULLA

    se non a creare dolore, morte e distruzione per riempire le tasche di…. quelli là.

    Avete capito CHI , no ?

    Ci sono SEMPRE dietro quelli : dietro ogni guèra e dietro ogni maledetto fruttarolo.

    • Ma che stai a dì? Con Pallotta si andava in champions e si facevano semifinali di Champions!

      Il bostoniano ha fatto record di punti con Spalletti e Garcia..lassa perde

    • Muzio Scevola magari te sei dimenticato che c era solo la juve inter e milan non pervenute napoli squadra di dilettanti per non parlare di atalanta e compagnia cantante , ricordati bene era normale che si potesse arrivare in champion ogni anno c erano 2 squadre noi e la juve

    • La fossa ce l’ha scavata pallotta, ma i friedkin hanno continuato dragando il fondo dopo che l’avevamo già toccato.

    • Con pallotta (che non ci metteva un dollaro) c’era SABATINIIIIIIIIII
      Avessero dato a lui tutti sti soldi che i Fredkin hanno speso con DS incapaci adesso STAREMMO STABILMENTE IN CHAMPIOS IN UN CIRCOLO VIRTUOSO DI CONTINUA CRESCITA

    • Se non sanno scegliere il ds il problema è sempre loro eh. poi tralasciando il primo anno, io di soldi spesi nel mercato non ne ho visti.

  34. articolo degno dei migliori caz…ri
    guardate che il fallimento non c’è stato proprio perché gli zii d’America hanno cacciato i soldi.
    come se il miliardo fosse stato speso per comprare giocatori.
    INDEGNI INFAMI

    • Presentarsi col progettino giovani in stile sassuolo dopo 5 anni è vergognoso, è un insulto ai Romanisti bello e buono. Una roba inammissibile, inaccettabile e imperdonabile.

  35. I soldi sul mercato sono stati investiti male ,ma sono anche stati pochi. La squadra ereditata era un’armata brancaleone piena di esuberi e giocatori mediocri e mal assortita, serviva più coraggio e ,per rifondare sarebbero serviti molti più soldi da investire sui cartellini e non, invece, sugli ingaggi. Quando non puoi investire sui cartellini o puoi investire solo con formule fantasiose perchè non puoi mettere a bilancio il cartellino nella sessione corrente , magari ti puoi permettere Abraham a 40 mln ,ma non Koopmeiners a 15 che va pagato e messo a bilancio. il fallimento più grande degli ultimi anni della gestione precedente e dell’attuale è stata quella di voler abbassare i costi col risultato di aver abbassato la competitività, avere ancora un monte ingaggi sproporzionato al livello dei giocatori e aver abbassato il valore patrimoniale….Peggio di così. Incompetenza!

  36. io dico solo che il Napoli nel momento in cui si è sbarazzato di Insigne Mertens e compagnia cantante ha vinto lo scudetto.
    Devono essere venduti subito prioritariamente Pellegrini e Cristante. Hanno fallito, ma ci vuole uno scienziato per capirlo?
    A parte la loro mediocrità questi signori non accetteranno mai di starsene in panchina, ti rovinano lo spogliatoio e non consentono a eventuali sostituti di giocare bene.
    Fateci caso. Nel momento in cui Mourinho ha cominciato a non far giocare Pellegrini, c’è stato l’ammutinamento. L’anno prima Matic stranamente venduto.
    Smalling, Zalewsky e tutti i terzini via. Basta. Hanno dato.
    A questo punto meglio far giocare i primavera.
    Da questi non mi aspetto più di 30 milioni, ma almeno ti liberi di quegli ingaggi scandalosi.
    La rifondazione la fai così.
    Ai 30 ipotetici i Friedkin devono metterne almeno altri 100 e forse non bastano, ma almeno butti giù una buona base.
    Sperando ovviamene che sto francese sappia fare il suo lavoro.

  37. quando pallotta andò via ho pensato: ok, questi mi sembrano seri, non credo possano fare peggio, e la vittoria della Conference ci aveva tutti un po’ illusi che le cose sarebbero cambiate finalmente in meglio.
    Ma poi alla distanza si sono visti tutti i limiti di questa gestione: a loro vincere non interessa più di tanto, la Roma è solo uno dei loro tanti investimenti, un bilancio da gestire, tutto qui
    Non una parola sulle ingiustizie subite, miopia sulla gestione di Mourinho, sessioni di mercato che a parte qualche eccezione tipo Dybala e Lukaku sono da considerare assolutamente fallimentari.
    E prima che mi si dica “ok ma con pallotta arrivavi sempre secondo o terzo”, tutto vero, ma non hai vinto un caz. Sono sullo stesso livello

  38. ragazzi lo ripeto per la centesima volta…..sono 13 anni che siamo ostaggi del nuovo stadio e ci ha preso l’annessimo investitore straniero interessato solo a questo investimento…..adesso basta basta e basta dopo l’ennisimo 6 posto sono 6 anni fuori dai primi 4 posto…siamo la AS Roma …siamo una enorme tifoseria e rapresentiamo la capitale d’italia…..non siamo una realtà provinciale non siamo Bergamo che sono 120000 persone o Bologna..siamo una metropoli da 3 milioni di persone con almeno 1 milione di tifosi della roma……e poi una cosa molto scorretta è chiedere ai tifosi di rinnovare l’abbonamento a scatola chiusa…come se fosse dovuto tirare fuori i soldi…volevo riabbonarmi ma ho deciso di No….intanto ho appena disdetto Sky …Forza roma

  39. Come scrive @Maja, qui ancora si pensa che doveva arrivare uno come Sartori ma non si ragiona se effettivamente Sartori ci verrebbe mai di sua espressa volontà, e come ho scritto più volte, perché conosco bene una persona che ci è a stretto contatto, lui non considererebbe mai una piazza come la nostra, per tanti motivi tra i quali che lui non vuole lavorare con una cosiddetta TOP con obiettivi annunciati (lui non vuole avere pressioni di alcun tipo ne fretta di dover ottenere risultati) e come scritto, Sartori è super cauto. L’unico obiettivo che Sartori ti potrebbe dire è “salvezza” o “zona tranquilla della classifica”. Anche se Atalanta o Bologna sono andate ad un certo punto molto bene, lui non si sbilancia e non li piacerà mai dover dire di aver ambizioni da qualificazione in Champions League. Se questo non lo capite, allora non capite come ragiona Sartori che da anche priorità alla sua famiglia ed ha rifiutato le BIG italiane in passato proprio perché non voleva ritrovarsi in situazioni con tifoserie molto passionali e fin troppo infuocate che potevano minacciare la tranquillità della sua famiglia. Roma è come una polveriera e se pensate che il super prudente e super cauto Sartori, sia disposto a rischiare e lavorare in un ambiente con tantissime aspettative, dovete capire che Sartori non lo farebbe mai. Ci possono pure aver provato i Friedkin ma anche se fosse, non importa se li danno un alto budget e pieni poteri, Sartori alla Roma non viene comunque.

  40. Navigando su internet m’è capitato de legge n’documento che era na richiesta de acquisto, dar valore de un mijardo, da parte de na società saudita. Mo va a capì se era na cassata o na cosa vera. Ma tu pensa se l’offerta è vera e questi hanno rifiutato pe’ fa er proggetto sostenibile…

    • gli avessero offerto davvero un miliardo avrebbero già fatto i bagli da tempo, per come è messa finanziariamente la roma dato anche il valore della rosa nessun pazzo farebbe la minima offerta

    • Magari l’offerta c’è stata. Del resto al netto della verità loro hanno tutto l’interessa nel negare.
      Immaginiamoci cosa sarebbe successo se fosse stato verificata.
      Un fondo Saudita, magari, che vuole comprare la Roma o mostra un forte interessamento per acquistarla.
      Non avrebbe più campato i Friedkins.
      Per loro meglio non si sappia nulla, meglio parlare di passività, di introiti mancati etc…
      Meglio piangere miseria.

  41. L’asset principale della Roma, come di ogni grande squadra di calcio, sono i tifosi. Non per il loro calore o la loro passione, come spesso si legge nel burocratese di comunicati ipocriti, ma per il flusso costante di soldi che versano per comprare i biglietti, guardare le partite in tv e comprare maglie, cappelletti, sciarpe, etc. Chi compra le squadre di calcio oggi compra prima di tutto quel flusso di ricavi virtualmente perpetuo. La Roma oggi ha il problema di aver più o meno raggiunto il suo potenziale: gioca credo quasi 60 partite all’anno (che consente di ridurre i costi per partita giocata) e fa sold out ogni volta che gioca in casa. Non ci sono margini di miglioramento, tranne (forse) con lo stadio di proprietà (altro sistema per mungere meglio la tifoseria) e la UCL. In questo scenario una proprietà che vuole massimizzare l’investimento non ha alcun incentivo ad aumentare i costi. L’incentivo esisterebbe solo se i tifosi dessero il segnale inequivoco che con questo andazzo i ricavi sono a rischio.

  42. Straconcordo ancora una volta Cocco, qui non si tratta ,come sostengono i cosiddetti “veri tifosi” di tifare e basta, la passione, l’amore per i colori non sono in discussione, non c’è niente che noi tifosi dobbiamo ulteriormente dimostrare. Spetta alla Società rendersi credibile, d’ora in avanti per quel che mi riguarda dopo tanti anni tra i primi a rinnovare gli abbonamenti vari ora basta attendo il mercato. Ora dovremmo essere noi tifosi a far capire che aria tira e dove rischia di finire l’investimento della proprietà. Attendiamo il 31 Agosto, fine mercato, c’è ancora tutto il tempo per abbonarsi e dare soldi. E’ l’unico modo più che lecito per dimostrare il proprio disappunto, altro che mucche da mungere a fior di euro per assistere a spettacoli indecorosi.

  43. Americani buoni solo per fare le guerre e sfruttare il prossimo…..il resto solo disastri!
    E non mi parlate della Conference, quella l’ha vinta Mou!

  44. Di Francesco, Ranieri, Fonseca, Mourinho De Rossi…
    nel frattempo cambiano proprietà, cambiano direttori generali, cambiano diesse…
    quello che in questi anni NON e’ cambiato è lo zoccolo duro dei giocatori

    tanti sono andati e venuti, altri sono sempre rimasti… più o meno…

    la costante in questi anni è stato il 6° 7° posto.

    indovinate chi sono?

  45. Società: la proprietà gli investimenti li ha fatti soprattutto per consolidare l’azienda Roma, che era fortemente indebitata. Il debito è calato e gran parte di esso è verso l’attuale proprietà. Questo significa meno rischi per la Roma e più per la proprietà, che potrebbe anche non rivedere, in caso di cessione, tutti i soldi investiti. Pallotta lavorava soprattutto con soldi non suoi e in base ad una logica puramente finanziaria e speculativa, pertanto i debiti potevano salire fintanto che i fondi investivano nella società e nelle controllanti. Se non paghi a scadenza, bene che vada succede quello che è capitato a Zhang, male che vada porti i libri in tribunale. I Friedkin hanno affrontato il problema della ristrutturazione del debito facendosene carico per una buona parte e uscendo dalla borsa. Di qui il rischio che si è spostato dalla società sulla proprietà, ma con la garanzia che loro ad oggi non possono fare la fine di Zhang: quindi, se l’investimento si rivelasse in perdita, non possono essere scalzati. Fino a qui hanno agito direi in modo assennato, dal loro punto di vista. Il FFP rientra in questa logica.
    Sotto il profilo strettamente sportivo sono stati molto più approssimativi: il management non ha valorizzato la rosa, ha cannato diversi acquisti e neppure la guida tecnica ha funzionato secondo le aspettative. Vero che Mourinho ha portato una coppa e l’altra sappiamo come è andata, ma quello che mi sconcerta di più è come alcuni giocatori si siano involuti, Abraham su tutti. Ma non è il solo. Altri sono discontinui e altri ancora fragili, tutti o quasi sottotono dal punto di vista fisico. Qui la proprietà è stata superficiale e forse poco umile, perché ha pensato che mettendo alla guida un allenatore come Mourinho con a fianco un GM suo connazionale, i risultati potessero arrivare. Non è andata proprio così e l’errore ha presentato il conto.
    Preso atto della cosa, chiamano De Rossi: furbizia? Anche, ma evidentemente ritenevano di prendere capra e cavoli: se il nuovo, quasi debuttante allenatore avesse fatto decentemente, bene, sennò sotto un altro. Per confermare De Rossi è bastata una media punti superiore a quella del suo predecessore, nonostante alcune cantonate e una squadra che, sotto il profilo atletico non ha saputo rigenerare sino a fine stagione (per altro mica facile).
    Il quale De Rossi è passato in questi quattro mesi e mezzo da scommessa paracula, a genio e infine ad incompetente, almeno stando a quello che si legge qui e da altre parti. Vedremo.
    Ricordo solo che un allenatore validissimmo spesso invocato come Spalletti, due esoneri li ha collezionati agli inizi.
    Per cui a me va più che bene se arrivasse uno serio che rilevasse la società e spendesse quattrocento milioni in campioni, ma purtroppo uno così non mi pare che per il momento ci sia. Almeno questi la società la stanno risanando: se volete vincere coi buffi, ci sono alcune squadre a strisce del nord che aspettano a braccia aperte.

  46. Non mi aspetto molto da qst gestione e non è pessimismo…È realtà…la società non ha intenzione di vincere ed è palese… Allenatore e direttore sportivo con poca esperienza. Non è la ricetta da cui si può sperare chissà che. Non capisco la corsa agli abbonamenti e la mancanza di contestazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome