Il Feye-nì. I club dialogano per le trasferte, ma dal Viminale arriva lo stop: “Niente olandesi”

14
709

NOTIZIE AS ROMA – A due settimane dalla gara di andata dei quarti di finale dell’Europa League, è caos sulla possibilità da parte dei tifosi di Roma e Feyenoord di poter assistere in trasferta alla sfida tra le due squadre.

I club stanno dialogando per organizzare al meglio la doppia sfida tra Italia e Olanda e permettere ai propri supporter di assistere in sicurezza allo spettacolo della partita di coppa. Ma proprio quando tutto sembrava andare verso l’ok alle trasferte, ieri è arrivato lo stop del Viminale.

Il timore di disordini, nonostante nella capitale dovrebbe essere routine la gestione delle tifoserie, fa saltare il sistema. I recenti scontri in Campania in occasione di Napoli-Eintracht, il 15 marzo scorso, hanno fatto aumentare le ansie e il Viminale, anziché preoccuparsi di nominare in fretta un prefetto che Roma attende da 22 giorni, appare orientato a disporre il divieto di vendita dei biglietti ai tifosi del Feyenoord.

Se il Viminale dovesse ufficializzare il divieto ai tifosi olandesi di assistere alla gara di ritorno dell’Olimpico, non è da escludere che lo stesso trattamento venga riservato ai romanisti per la partita dell’andata.

Fonti: Il Romanista / La Repubblica

Articolo precedenteRoma senza sosta
Articolo successivoSerra torna ad arbitrare: designato per Venezia-Como. Ma il fischietto può essere ancora deferito

14 Commenti

  1. Faranno in modo di farli venire comunque, bisogna creare una rete d’informazione per sapere da subito dove è come si muoveranno. Bisogna coordinarsi compatti, NO GRUPPETTI

    • Quella che tu chiami rete di informazione è la Digos, che ha subito nell’ultimo ventennio (corsi e ricorsi) un vero e proprio mutamento, lavorando ormai prevalentemente sulle cyber piattaforme.
      Tutto si trasforma (non necessariamente in meglio).

    • Volete capire che potranno pure vietargli di comprare il biglietto della partita ma non potranno fare lo stesso con quello dell’aereo per venire a Roma?
      O ma vi ricordate roba del 2015 (Barcaccia) e non roba di poche settimane fa (Napoli – Eintracht)?

    • Resto basito da quanti pensino ancora che un provvedimento del genere possa essere efficace: eppure Napoli-Eintracht con la sua allucinante guerriglia urbana risale solo a pochi giorni fa, come ben dice l’amico Anacronistico! Possibile avere la memoria di un pesce rosso?
      Sarà tutto molto peggio, non ci sarà alcuna preparazione all’invasione che avverrà comunque.
      E’ il solito struzzo che nasconde la testa sotto la sabbia, con una città che è senza prefetto.
      E’ la ricetta per il disastro perfetto, ma c’è ancora chi incredibilmente plaude a questa assoluta ignavia da parte delle cosiddette istituzioni.

  2. Con una piccola differenza che gli olandesi sappiamo bene cosa hanno provocato l’ultimavolta che sono stati a Roma !!!

    Non e’ proprio il caso di porgere pure l’altra guancia, Roma ha gia’ i suoi di problemi, non c’e’ bisogno pure dei barbari.

  3. Abbiamo visto lo scempio di questi pseudotifosi, se devono venire basta vigilare, perché già se so presentati…Non c’ erano neanche forze dell’ ordine l’ ultima volta che so venuti, poi rompono il ca@@o ogni giorno alla nostra…💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

  4. La morte del calcio, gli stipendi faraonici, i procuratori e i tifosi violenti. Io li farei venire, ma se fanno qualcosa in galera per 5 anni per danni al patrimonio artistico mondiale.

  5. La mia preoccupazione non sono i “tifosi” Olandesi ma i nostri, visto le ultime cose accadute con il caso Fedayn, e le altre discriminazioni sempre nei nostri confronti, io sento una piazza caldissima e non vedo bene chi viene con delle taniche di benzina in mano perché poi siamo noi sempre quelli cattivi, quindi meglio che se ne stanno a casa
    SFMROMA

  6. è stato tutto strumentalizzato all’ennesima potenza, perchè 4 vandali hanno danneggiato un bene culturale.
    gli olandesi sono tifosi ne più e ne meno violenti di tanti altri.
    vietando le trasferte e esasperando gli animi , si creano solo più presupposti.
    ognuno faccia bene il suo lavoro , per il bene del calcio, della comunità e della libertà di potere assistere a una partita di calcio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome