Il Ramadan dell’attacco Roma. Ottanta milioni e zero gol

27
780

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Era il primo dicembre quando, in campionato, segnava l’ultimo attaccante della Roma. Dovevano ancora essere fatti gli alberi di Natale, domani sarà Capodanno, in mezzo nessun fuoco d’artificio da parte delle punte romaniste, ferme alla prima rete di Dzeko contro la Spal. In mezzo, due gol di Pellegrini, una di Strootman e un’altra di Fazio, che di professione non fanno certo i bomber. Magari non sarà colpa solo degli attaccanti, ma la flessione della stagione romanista non può non andare di pari passo con quella delle sue punte. Anche perché nelle coppe non è che le cose siano andate meglio: zero gol a Madrid contro l’Atletico, una rete contro il Qarabag di Perotti, un’altra – inutile – contro il Torino di Schick, tante occasioni divorate, rigori sbagliati e la sensazione, certificata anche da Di Francesco, che qualcosa si sia inceppato.

DIGIUNO – La Roma ha segnato in A 29 volte, 13 in meno del Napoli capolista che pure ha un attaccante, Milik, ai box da tempo. A Trigoria sono andati in gol in campionato solo Dzeko, El Shaarawy e Perotti, mentre le altre tre punte, Defrel, Schick e Under sono ancora a zero. Tutti e tre sono nuovi acquisti, costati alla Roma, bonus inclusi, circa 80 milioni di euro. Troppi, per non avere neppure una rete al termine del girone d’andata.

CERCASI EDIN – A Trigoria però tutti, a partire da Monchi, sono convinti che presto le marcature arriveranno: da parte dei nuovi e da parte di colui che, ormai da tre anni, porta sulle spalle il peso dell’attacco romanista. Detto che lo scorso anno Dzeko aveva accanto un partner come Salah capace di segnare già 23 gol con il Liverpool, in questa stagione il bosniaco era partito col piede giusto. Da ottobre però, esclusa la doppietta contro il Chelsea, sembra tornato quello della prima stagione. Nei numeri certamente sì (dal primo ottobre in rete solo contro Milan e Spal), nelle prestazioni no, perché spesso è costretto ad andarsi a prendere il pallone a centrocampo. Per non parlare, vedi l’assist di ieri per Pellegrini e quello per il gol annullato di Florenzi, del supporto che dà ai compagni.

FATTORE OLIMPICO – Tutto questo, però, non basta. Di Francesco ripete spesso che a Trigoria vengono fatti esercizi per stimolare gli attaccanti, ma la cronaca invece rivela come la Roma abbia realizzato appena una rete contro Inter, Crotone, Bologna, Cagliari e Sassuolo. Lo stadio di casa, poi, non sembra essere fortunato: ieri c’erano oltre 37mila persone, ma la Roma ha perso punti contro Spalletti, Sarri, Iachini ed è stata eliminata dalla Coppa Italia dal Torino. Tra una settimana arriverà l’Atalanta e allora, visto che sarà sei gennaio, la speranza della Roma è che l’Epifania porti via tutte le feste, ma pure il digiuno degli attaccanti.

(Gazzetta dello Sport, C. Zucchelli)

Articolo precedenteRoma, così non si Var lontano
Articolo successivoRoma-Sassuolo 1-1, le pagelle dei quotidiani: disastro Schick, bene solo Pellegrini

27 Commenti

  1. Incredibile.Cmq la cosa grave è che siamo così lenti che non riusciamo neanche ha provare il tiro nello specchio della porta.Allora natale abbiamo fatto contento il toro.Cspodanno il Sassuolo manca la befana.Svegliatevi ve prego!!!!

    • Il MIster della Smpdoria Giampaolo su Schick: ” Schick è stato uno fra i giocatori con più talento che ho allenato. Il primo Schick potrei definirlo ancora un bambino, non ancora morfologicamente strutturato, non ancora conformato, nel limbo fra il settore giovanile e l’ingresso in prima squadra. Il primo Schick alla Samp era un calciatore che doveva ancora farsi anche fisicamente e strutturalmente. E’ cresciuto tanto in sei mesi, fisicamente, poi aveva la sensibilità e la qualità di fare cose diverse, non è mai banale. Allegri mi chiamò per chiedermi di lui in tempi non sospetti ed io gli dissi: Max, Schick non è un calciatore banale, è un giocatore che fa cose importanti nei club dove gli viene richiesto di fare cose importanti, non fa mai la giocata scontata, fa sempre qualcosa in…

  2. Infatti questa squadra ci ha insegnato che dopo una delusione, puntualmente ne arrivano altre.. squadra molle in tutti i sensi, sopravvalutata,e forse la responsabilità è soprattutto nostra che ci crediamo ogni volta

    • Io mi sento un idiota, veramente, a cascarci ogni anno ormai da oltre trent’anni. Ma veramente uno scemo. Certo che se poi prendiamo i santoni spagnoli che buttano 60 milioni di euro per nulla la colpa manco può essere nostra. Ora arriverà qualcuno a dirmi che Monchi risponde solo a Pallotta, manco Pallotta fosse felice di bruciare denaro…

    • Il problema più grave non è solo quello di aver buttato (lo dico da tempo) diciamo almeno 70 milioni (più o meno quanto potrà rendere la Champion di quest’anno superando il turno e considerando la quota del Napoli) ma è anche la svalutazione complessiva della rosa. Ciò, nonostante una classifica ancora più che dignitosa ma penalizzata dalla crisi di gioco che certamente influisce sulle quotazioni dei giocatori anche dei migliori; per non parlare degli acquisti di Monchi che, al momento, non valgono nemmeno la metà di quanto pagati.Uniche eccezioni Alisson e Kolarov però 32enne. Con chi si farà il mercato? Al momento nemmeno per Manolas e Strootman ti pagheranno almeno per intero le rispettive clausole.

    • Condivido in pieno la tua analisi (ti ho dato pollice su) unica nota: Alisson fu acquistato da Sabatini!

    • Lo so bene Bruno, ho detto Alisson perchè unico giocatore dell’intera rosa, almeno fino ad ora, che ha acquisito valore. Figuriamoci se lo aveva preso Monchi.

  3. La Zucchelli e la cricca del Messaggero. Teppaglia pagata per buttare scientemente letame sulla Roma a prescindere. Comunque la si pensi su Dzeko, De Rossi, Schick, Di Francesco, Baldissoni, Pallotta, vi invito a non prendere spunto da questa teppaglia per le critiche sulla Roma.

  4. 80ml e zero gol.
    e grazie al caxo.
    Defrel e Schick hanno giocato pochissimo per infortuni.
    Under pochissimo per scelta tecnica.
    Come dovevano segnare?
    Dalla panchina?
    Dall’infermeria?

    Stiamo girando agli stessi punti dell’anno scorso. Il livello è quello. Parlare come se fossimo crollati rispetto alla gestione Spalletti è ridicolo. Forse qualcuno si aspettava di più. Io no, per cui, finito di smadonnare per il gol da polli preso ieri, penso all’Atalanta.

    • Comunque ad oggi sono costati 24 in tutto, questa degli 80 ml è la soluta cavolata ripetuta ad arte….

    • 24? 20 Defrel, 13 Under, 8 Gonalons, 5 Moreno e già siamo a 46. Karsdorp non lo conto perché è stato sforunato, Schick lo escludo perché ha una formula complessissima, ma sta di fatto che Monchi ha bruciato per 4 giocatori inutili tutti i soldi di Salah. È un dato di fatto, non è una mia opinione. Magari lo fosse…

    • Concordo, è un dato di fatto, senza contare i 3,7 milioni di commissione solo per quel fenomeno di Gonalons. Che poi i soldi spesi si paghino nel tempo è un discorso che non sta in piedi, a bilancio ci vanno e ci andranno lo stesso.

    • Ennesimo ringraziamento all’Unicredit (e ai sui scagnozzi della Lega Nord) per aver pilotato tutto ed aver messo lì un fantoccio a stelle e strisce incompetente!!!!

    • Naturalmente, l’unica cosa che ha capito (almeno finora) è che doveva vendere subito subito per incassare senza alcuna pianificazione seria per gli acquisti. Forse non sapeva che Difra gioca solo con il 4-3-3.

  5. La Roma,da sempre, soffre di crack mentali…come noi tifosi.Il problema è che noi rimaniamo tifosi e loro, invece, sono i giocatori…

  6. Moreno è servito a farci prendere gol dall’Udinese dopo 2 minuti, Gonalons dal Qarabag, la settimana scorsa Schick è servito a divorarsi un gol che segnavo pure io e ieri Under a far annullare un gol a Florenzi perché manco aveva voglia di tornare indietro dal fuorigioco, dovesse mai stancarsi, sai com’è…. Se questo mercato lo avesse fatto Sabatini (un grandissimo DS con il problema di non saper scegliere i terzini) cosa gli staremmo dicendo? Noi prendiamo i santoni, i fenomeni coi colpi di genio, gli altri lavorano, mettono in discussione gente come Dybala e Higuain e vincono. Ditemi voi dov’è la differenza.

    • Anche su Sabatini indubbiamente concordo pur non dimenticando i suoi limiti e, forse inevitabili, errori che non gli hanno comunque impedito, pur dovendo ogni anno (tranne il primo) chiudere il mercato in sostanziale attivo di rendere sempre competitiva la squadra. Se era per lui Shick lo prendeva a 4 milioni (Canovi docet) Non dimentico gli Iturbe e i Doumbia (preso fuori condizione) e nemmeno i buchi su altri giovani però ampiamente compensati da acquisti geniali e dalla quotazione almeno raddoppiata quali Marquinhos (da subito), Lamela, Benatia, lo stesso Pjanic (30 milioni di plusvalenza netta), i più recenti Salah (sigh), Paredes e Rudiger, lasciando comunque una rosa dal valore quadruplicato rispetto all’iniziale. Rispetto al primo Monchi a mio avviso non c’è proprio paragone.

    • Ma la perla di Sabatini, a parte anche Emerson e Alisson e altri noti, è stata la contestuale cessione al Bilan di Pippolacci e del laziale Romagnoli che hanno fruttato quasi 50 cocuzze. Certo ha preso quel cadavere di Cole ma anche a zero Maicon e keita nonchè, per meno del pur azzeccatissimo Kolarov, Fazio. Di che vogliamo discutere?

  7. Ex Matteo… pallotta non sta buttando i soldi .. anzi esattamente il contrario… ho sempre sostenuto che fosse un pupazzo ma non si può negare che è un grande imprenditore…

    • Non che io voglia difendere Pallotta sempre e comunque, ma credo sia piuttosto logico ritenere che nemmeno a lui faccia piacere spendere 20 milioni per Defrel. Magari dei 13 di Under ci rientra (e manco lo so) ma quelli sono proprio buttati. Pallotta non è un pupazzo per niente, è un grande imprenditore di livello internazionale e a questa gente piace investire e rientrare del capitale maggiorato (rimanendo su un puro livello affaristico). I soldi buttati in modo scellerato per Moreno, Defrel e Gonalons li saluta, altro che…

  8. Ma si pensava di cedere un colosso come Salah senza pagarne le spese? Negli anni cedi sempre pezzi da 90 e racconti la barzelletta di voler vincere? Ogni anno mi sono dannato l’anima ma la cessione di Salah quest’estate mi ha stroncato, non ho mai creduto a questa Roma monta e smonta e soprattutto al fatto che questa Roma cedesse Salah per farsi più forte e basta con la barzelletta che i giocatori vogliono andare via, anche Koulibaly e Davids ai tempi hanno puntato i piedi ma sono stati fulminati dalle rispettive società (o resti e giochi o vai in tribuna).

    • Caro Dark, purtroppo anche io ho dovuto necessariamente arrendermi alle esigenze di bilancio e di Fair Play, ma ciò che contesto è l’altra barzelletta del tutti sono sostituibili e vengono sostituiti adeguatamente. Pjanic non è mai stato sostituito a meno che non si tiri fuori Grenier ( ci è costato incredibilmente molto lo scorso anno) per non parlare dei recenti Salah e gli stessi Rudiger (Moreno?) e Paredes (Gonalons?). Certo non si è avuto fortuna con Schick e in particolare Karsdorp in virtù delle loro condizioni fisiche e atletiche iniziali ma la fortuna va anche cercata e aiutata.Un saluto anche a te e buon anno.

  9. Per me il problema è tutto a destra. Monchi costringe il mister a puntare sul suo pupillo Cecoslovacco per non svalutarlo, chissà che succede negli spogliati. I nostri quando ci sta quello in campo giocano male, Dzeko lo disse a inizio anno – spero che Patrick non mi pesti i piedi – la soluzione a due davanti non funziona. Il nostro capocannoniere ha bisogno di uno che lo mandi in rete non di uno che lo ostacoli. Monchi ha sbagliato, Eusebio sta facendo i miracoli. Ora vediamo come va il girone di ritorno e poi tireremo le somme. PS Roma miglior difesa del campionato. Fossi in Monchi non aspetterei a portare al mister ciò che ha richiesto da inizio anno: un ala destra forte e di ruolo. Mo ha tutto Gennaio per trovarlo ?

  10. A gio ognuno ha i suoi pupilli, ma diamine prendersela con Dzeko ogni volta significa avere qualche problema personale. Può non piacere come realizzatore in alcune partite, ma è un rifinitore come pochi italia, ma lo vedi suo gioco, il primo a pressare sul portiere, il primo a difendere sui calci da fermo nella nostra area, gioca da solo in attacco a prendere botte, non perde un pallone e rilancia alla perfezione, ma che volete da lui che vada a parare i rigori? Un po’ di onestà bob prevenuta, non mi sembra che tu sia così severo con i gioielli romani… Ieri ha fatto l’assist ai gol di pellegrini e Florenzi, fatto un gol stupendo, creato gioco è non ti sta bene. Lo avesse fatto il capitano ora gli avremmo messo dieci.

  11. Campagna acquisti scadente e troppo onerosa per il valore attuale dei giocatori. Troppo giovani e male assortiti. Comprare per comprare e poi vendere per risanare, come sempre senza la voglia di programmazione da parte della società. Si tira a campare

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome