Il Salisburgo di Jaissle punta tutto su Okafor

11
739

NOTIZIE AS ROMA – L’osservato speciale della difesa della Roma domani sera sarà Noah Okafor. Nel 4-3-1-2 di Matthias Jaissle, il 22enne svizzero (3 presenze agli ultimi Mondiali, 10 gol in stagione) gioca da… jolly: parte come attaccante centrale, ma si allarga spesso a sinistra come se fosse un’ala pura.

L’allenatore gli fa una sola richiesta: tagliare continuamente alle spalle dei difensori. Contro la Roma, il classe 2000 dovrebbe quindi occupare lo spazio tra il centrale di destra (Mancini) e l’esterno (Zalewski).

Ma Okafor non è l’unico elemento di forza del Salisburgo, che sta dominando il campionato austriaco: corsa, pressione alta, organizzazione e marcature preventive diventano elementi quasi maniacali nel gioco proposto da Jaissle, 34 anni, allenatore che viene considerato l’enfant prodige delle panchine. 

Occhio poi all’altro attaccante, il brasiliano Fernando, rientrato dopo un lungo infortunio: sabato è tornato in campo e ha segnato subito una doppietta. Dovrebbe essere lui l’altro centravanti titolare, anche perché la sostituzione al minuto 63 è parsa come una scelta conservativa con vista Europa League.

Fonte: Corriere dello Sport

Articolo precedenteMou ha deciso, a Salisburgo i migliori
Articolo successivoCristante l’indispensabile: rinnova fino al 2027, l’annuncio a giugno

11 Commenti

  1. Bel prospetto
    giocatore da seguire anchein ottica mercato come riserva

  2. I nostri scouting sono le squadre che affrontiamo. Ogni partita scopriamo giocatori diversi. Gli altri li trovano, li comprano a nulla e poi li mettono in vendita a cifre importanti. Ma fare come fanno loro no?

  3. Il Salisburgo è veramente così, come è descritta, molto pericolosa. È difficile come situazione, sperando che la squadra abbia un giusto approccio, fisico e mentale iniziale sull’ avversario e rispondendo colpo su colpo. Se invece li subiamo il turno difficilmente lo passiamo.💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

    • ma perché era meglio uno sporting Lisbona un Leverkusen Barcellona Sevilla Ajax?
      ma nun giocate, c’è uscito bene, la meno rognosa tra quelle elencate non ci sono scuse.
      tra loro e lo Shaktar erano quelle da beccare.
      Passare il turno è obbligatorio.
      i conti si fanno alla fine❤💛

  4. È una squadra assolutamente da non sottovalutare è prima in Austria e basterebbe già quello, poi tanti talenti, gioco moderno, allenatore moderno, bisogna impegnarsi come fosse una finale

  5. Ci vorrebbe una gabbia al centro dx … io farei così: rui mancini smalling ibanez celik (più propenso in difesa )matic cristante wijnaldum zalenski dybala abraham in un classico 352 .
    In panchina Pellegrini (non in forma) elsharawii (nel secondo tempo al posto di zalenski o wijnaldum trasformando dal 352 al 3421 se dovessero andare male le cose) e belotti per abraham ( non nei ultimi minuti ma metà ripresa)
    Dovesse esserci qualche imprevisto pronti solbakken e llorente

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome