Il Tottenham torna su Zaniolo, ma c’è il veto di Mourinho

30
1350
Alfredo Falcone

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Il Tottenham si rifà sotto per Nicolò Zaniolo. Non è una novità che Fabio Paratici, ora direttore sportivo del club inglese, sia innamorato del talento giallorosso.

E così l’amichevole giocata in Israele è stata l’occasione per il dirigente italiano di riallacciare i contatti. Per ora nessuna trattativa in piedi, solo qualche informazione presa. Ma la situazione, scrivono oggi i giornali, va monitorata.

Perchè il club inglese ha la capacità economica di soddisfare le richieste iniziali della Roma, che per cedere Zaniolo ha fissato il prezzo in circa 50-60 milioni. Il calciatore però ha ritrovato un dialogo con Mourinho, che vorrebbe trattenerlo a Trigoria.

Lo Special One sogna l’abbondanza e ha già cominciato a lavorare al trio da sogno con  Dybala e Abraham. Per questo vorrebbe che il calciatore venisse tolto dal mercato. Non sembra dello stesso avviso però il club capitolino: davanti a un’offerta allettante, i Friedkin e Pinto sarebbero disposti a valutare la sua cessione.

Fonti: Il Messaggero / Il Tempo / Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteLa Roma fa il grande salto: ecco l’instant team di Mou con due giocatori per ruolo
Articolo successivoWijnaldum: da Mou a Pellegrini, tutti a Trigoria lo danno per fatto. Il PSG fa irritare Pinto, ma ormai è solo questione di tempo

30 Commenti

  1. La Roma decidesse una volta per tutte cosa vuole fare con zaniolo. Se qualsiasi club si presentasse il 31 alle 18.00 con 50 milioni non lo puoi vendere per poi rimanere senza il suo sostituto, questo per fare un esempio un po’ assurdo, ma è per dire che cmq eventualmente ci vorrà tempo per rimpiazzarlo

    • Pare la decisione sia stata presa.
      VETO di JM.
      Una roba che qualcosa dovrebbe valere.

    • Davvero credi che i Friedkin e Pinto lo vogliono vendere? Ancora dai retta a sti pennivendoli venduti?
      ❤️🧡💛SSFR💛🧡❤️

    • L’idea che mi sono fatto è questa (che poi, magari, sarà smentita domani): C’è stato un gentlemen agreement tra Roma e Zaniolo. Se il calciatore avesse portato entro una certa data un’offerta di 50-60 milioni, allora la Roma non avrebbe fatto le barricate per tenerlo. Dal canto suo, Nicolò non avrebbe fatto il matto per forzare la mano. Il tempo limite, per me, è stato il ritiro (quando ha ricevuto la fascia di capitano, quando ha chiacchierato con Pellegrini a centrocampo). Da quel momento Zaniolo è tornato al 100% giocatore della Roma, e non credo che a questo punto della preparazione e del mercato si possa rimettere in vendita (forse, a meno di cifre veramente grosse, ma molto sopra i 60). La seconda parte del patto tra Roma e Zaniolo sarà a settembre, quando si ridiscuterà il contratto, e la Roma offrirà un miglioramento, mentre il calciatore (al netto dei soliti tira e molla di rito) rinnoverà, evitando di andare a scadenza a zero.

  2. Quanto ci sia di vero sull’interessamento del Tottenham non ne ho idea. Però se vero e tangibile si aprono 2 considerazioni, una tecnica l’altra di gestione societaria.
    Chiaramente questo anno nessuno ha visto lo Zaniolo di 2 anni fa e questo puo sicuramente esse spiegato con i tremendi infortuni subiti e il relativo lungo fermo, quindi attendere un altro anno per verificare sarebbe auspicabile. Però riscontro anche con disappunto una certa difficoltà da parte del giocatore ad avere un atteggiamento tattico più votato al gioco di squadra. Se sei un fuoriclasse puoi permetterti di svariare ma prima devi dimostrare di esserlo e siccome io credo di si allora per adesso umiltà e pedalare e ascoltare le direttive. Poi c’è l’aspetto societario rispetto a un capitale che non rende, che chiede (pretende ?) adeguamento di ingaggio a prescindere, allora 50/60 milioni adesso non sono lesa maestà ma corretta politica aziendale. Insomma un bel dilemma.

    • non c’è dilemma: quelli forti restano con noi. su quello più forte non va nemmeno fatta la discussione. comunque a me i dubbi sembrano altri: “una certa difficoltà da parte del giocatore ad avere un atteggiamento tattico più votato al gioco di squadra”: 9 assist. però siccome i giornali hanno scritto sta caxxata, mo è diventata già na quasi verità. “umiltà e pedalare e ascoltare le direttive”, perchè, se sa, Zaniolo o “prende troppi cartellini perchè è troppo irruento in difesa” o “non da una mano”… ma lasciatelo in pace.

  3. Tranquilli il tizio con il banco frutta verdura e cefali non c’è più i Friedkin il trio delle meraviglie se lo tiene, è solo aria fritta dei pennivendoli

  4. Se Pinto non riesce ad alleggerire il monte ingaggi che doveva essere abbassato ed oggi è aumentato,il rischio che non possano/vogliano rifiutare una proposta adeguata forse c’è. Con un monte ingaggi aumentato dovresti poi anche adeguare gli ingaggi di Zaniolo e Cristante,Spinazzola e Zalewski,tranne il gioiellino che ha ancora un ingaggio troppo basso, sono tutti in scadenza 2024. Come scrivevo ieri,basandomi su ciò che viene scritto,Pinto su alcuni giocatori non può tirare la corda rischia di rimanere con un pugno di mosche. Coric ha chiesto di essere liberato e la Roma ,invece,non lo regala,parole sue,ma chi lo compra? Rischi di tenerti un ingaggio di otre 1mln netto. Villar vuoi l’obbligo ma se chiedi 10mln ,le pretendenti scappano come ha fatto il Monza. Per Kluivert speriamo nella Premier League,perchè è fuori rosa e in scadenza di contratto,più passa il tempo ,più i club interessati giocheranno a ribasso. Coric,Bianda,Providence,Riccardi,Bouah,tieniti una percentuale sulla futura rivendita e sbolognali. Per Veretout solo offerte basse,effetivamente al di sotto del valore del giocatore,ma che fare? Se rimane ,il prossimo anno ,in scadenza,varrà ancora meno ,se rinnovi aumenti il già esagerato ingaggio di un trentenne. Se bisogna alleggerire il monte ingaggi spero Veretout trovi un acquirente,Frattesi guadagnerebbe meno e può aumentare il suo valore. Cristante è nella stessa situazione di Zaniolo,se non viene ceduto,andrà rinnovato,ma,mentre Zaniolo se rinnova a 3,5 più bonus per arrivare a 4,avrà comunque mercato e può solo aumentare il suo valore,Cristante con un contratto del genere(chiede quanto Mancini) diventa incedibile

    • Coric devi darlo via a 1,5, per non fare minusvalenza. se tanti lo cercano, come dice lui, portasse un’offerta da 1,5 e rinunciasse all’ingaggio, che ne sto piatto c’ha magnato abbastanza. invece vogliono essere liberati a 0, con tanto di buonuscita…
      Spina torna adesso dall’infortunio, ha 2 anni di contratto, che fretta c’è di rinnovarlo? Cristante ha 2 anni di contratto e 0 mercato, conviene rinnovarlo ora a una cifra da titolare, o più in la, ad una cifra da alternativa? l’unica priorità è Zaniolo.
      sul rapporto costo ricavi: bisogna dargli tempo, perchè una cosa è liberarsi degli ingaggi, una cosa è liberarsi di ingaggio, ammortamento, e iscrivere qualche + alla casella ricavi. una cessione, anche in prestito con obbligo, ha tutt’altro effetto sui conti, del semplice liberarsi degli ingaggi. quindi fa bene Pinto ad aspettare offerte vere, coi soldi in ballo

    • Immagino che Pinto non voglia svalutare i giocatori in uscita accettando condizioni troppo modeste, da parte sua è una questione professionale, non vuole innanzitutto che passi l’idea della Roma supermarket discount.
      C’è ancora tempo per accogliere richieste sub-ottimali per gli elementi più difficili da piazzare, e spero che, come sembra si stia procedendo finora, le operazioni in entrata più importanti non saranno ostacolate dalla necessità di completare prima quelle in uscita.
      L’anno scorso questa strategia si è rivelata perdente nel completare la squadra, dubito che Mourinho accetterebbe senza fiatare di iniziare la sua seconda stagione a Roma dovendo ancora fare i conti con simili difficoltà.
      Ora il tecnico ha anche il coltello dalla parte del manico, ha dimostrato di non essere un vecchio catorcio in cerca di un parcheggio nella quiete della mediocrità, lui ha voglia di spaccare il mondo e i pretendenti di prestigio disposti a tutto per assicurarsi le sue prestazioni non mancano.
      Sul piano della dialettica tra tecnico e Proprietà le posizioni sono molto diverse rispetto a un anno fa.

    • Tutto un anno passato a sentire che Pinto regala i giocatori, e “quelli che la governance italiana”, e adesso non va bene se non li regala?
      Mettiamola così: l’anno scorso Pinto doveva innanzitutto liberarsi di ferrivecchi al capolinea titolari però di esosi contratti. E questi potevi solo realisticamente regalarli; anzi, già quella sembrava una mission impossible.
      Adesso deve invece cedere giocatori che possono essere ritenuti inadeguati per noi, ma comunque giocatori nel pieno delle forze e dell’attività agonistica.
      Per cui mi sembra giusto che anche lui tenga una certa linea, soprattutto quando gli altri fanno lo stesso nei tuoi confronti.
      Insomma, i Kluivert, Shomurodov, Veretout, Villar, e azzardo persino Diawara, sono giocatori di calcio che hanno un valore più o meno elevato ma lo hanno.
      Se tu inizi a regalarli pur di liberarti dell’ingaggio crei un pericoloso precedente che poi sarà complicato eradicare.
      Ovviamente ci sarà sempre chi ti dirà che un solido e navigato DS italiano a quest’ora avrebbe già realizzato oltre 80 mln coi nomi di cui sopra, senza nemmeno realizzare quanto siano cambiate le condizioni del mercato da soli tre anni a questa parte.

  5. Se il Tottenham avesse voluto “realmente” acquistare Zaniolo,avendo tutti i soldi necessari per il suo cartellino,già avrebbe formulato un’offerta alla Roma,considerato che la Premier inizia domenica prossima!
    Per quale motivo ritarderebbe questa fantomatica offerta? Per risparmiare 3 o 4 milioni all’ultimo momento ? E la Roma venderebbe uno Zaniolo a fine mercato?
    Ergo,per tutti questi motivi, la suddetta notizia è un’emerita PANZANA inventata dai giornali senza un minimo di furbizia editoriale.

  6. Ancora non vi siete stancati? Tutto il mercato a parlare della cessione di Zaniolo c’era pure chi lo dava per certo alla Juve, a fine mercato se come penso rimarrà alla Roma Ve meritate una marea di spernacchiamenti

  7. La Roma non ha mai nascosto che qualora venisse presentata un’offerta in linea con le richieste del club la Roma l’avrebbe valutata. Ma questa offerta per Zaniolo ad oggi non è mai arrivata! Che il Tottenham abbia interesse su Zaniolo è una cosa che soddisfi a pieno la Roma tanto da indurlo a cederlo è un’altra. Anche la Rube era interessata ma poi si è visto con quale proposta da mendicanti si è presentata.
    Il Tottenham ha il potenziale per accontentare la Roma ma prima di un’offerta reale ed ufficiale è inutile parlarne. Offerta che ovviamente non potrà arrivare alla chiusura del mercato perché Zaniolo va obbligatoriamente rimpiazzato per non far incazzare Mou dopo aver operato bene sino ad ora.

  8. Non capisco come nascono notizie del genere, nella era di internet hanno bisogno di vedersi in Israele per parlare di Zaniolo
    La Roma ha fissato un prezzo per Zaniolo sessanta milioni, siccome è una società che non ha nessuna necessità di vendere, se qualcuno gli dà 60 milioni lo vende altrimenti lo tiene.
    Secondo me questo è un ragionamento da grande società, che ha il pieno controllo del suo club

  9. Ricordatevi che il 15 % va all’Inter quindi se lo vendiamo a 50 mln e la vedo dura 42,5 a noi e 7,5 vanno all’Inter. Forza roma

  10. ZANIOLO non si tocca. Del resto più che il veto di MOU, che ha il suo peso (venendo da una serie di aziendalisti in panchina che al massimo increspano il sopracciglio se la società cede giocatori importanti, ora abbiamo un tecnico che determina…) vorrei leggere un giorno che il VETO lo pone NICOLÒ….
    con buona pace di VIGORELLI.
    Il rinnovo sarà affrontato presto, e PINTO è abbastanza sveglio per trovare le giuste condizioni, se c’è la volontà del 22 giallorosso. Vero che sono stati già sistemati altri contratti, e adesso tocca a CRISTANTE per me, ma tutto il rumore fatto in questi mesi ha reso complicato parlarne, e deve quietarsi come cenere dopo un incendio.
    C’è anche la finestra dei prossimi mondiali a disposizione per risolvere il discorso.
    ABRAHAM, PELLEGRINI, ZANIOLO, ZALEWSKJ , ai quali spero si aggiunga ora DYBALA per ambientamento e rendimento, sono le stelle che in una squadra che vuole essere importante non vanno toccati.
    Tutti gli altri, in misura differente, possono essere sostituiti. Alcuni di più, per maturità anagrafica avanzata (ELSHA, MATIC, SPINAZZOLA…), altri di meno, perché giovani e destinati ad aumentare esponenzialmente di valore col passare del tempo e, si spera, con i risultati raggiunti dalla squadra, tipo IBANEZ e KUMBULLA.
    MANCINI per il mister é un punto fermo.

  11. Nico va tenuto se vogliamo davvero fare il salto di qualità ed essere competitivi.
    Detto questo , se per un motivo o l’altro (volontà del calciatore) deve essere venduto , molto meglio venderlo bene in Premier League .. mi roderebbe il culo vederlo con la maglia dei gobbi.
    E per finire andrebbe sostituito con un altro all’altezza (peccato Trincao lo abbia preso lo Sporting , mi ha impressionato molto)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome