Iturbe: «Roma mia, che rimpianti! Dopo quella notte a Torino ho tradito le tue attese»

34
2366

NOTIZIE ROMA CALCIO – Il suo è stato l’ultimo gol della Roma all’Allianz Stadium: 5 ottobre 2014, con Garcia in panchina, i giallorossi persero 3-2 con la Juve in una partita contrassegnata da episodi dubbi e mille polemiche. Oggi Juan Manuel Iturbe torna a parlare. L’ex attaccante giallorosso, ora in Messico ai Pumas, ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport. Questo un estratto:

Sa di essere stato l’ultimo romanista a segnare a Torino in casa bianconera?
«Me lo state dicendo voi. Mi ricordo che abbiamo fatto una bella gara e anche loro non hanno giocato male. Sapevamo che andavamo ad affrontare i campioni d’Italia, una squadra fortissima, noi invece eravamo un gruppo abbastanza nuovo e siamo andati a giocarcela. La Juve ha vinto alla fine, ma se ci fosse stato il Var…»

Oggi c’è Fonseca, lei ha avuto Spalletti e Garcia: che ricordi ha di loro?
«Garcia mi ha voluto a Roma, gliene sono grato. Spalletti ha un carattere forte (sorride, ndr), è stato uno dei migliori per me, lui ti insegna, si incazza se le cose non vanno bene, io lo vorrei tutta la vita uno del genere. Garcia è un po’ più tranquillo, diciamo così».

E di Sabatini, invece? Fu lui a strappario alla Juve, pochi mesi prima di quella partita. E quell’acquisto fu uno dei motivi dell’addio di Conte alla Juve.
«Sì, gli voglio molto bene, è stato il primo a chiamarmi per andare alla Roma e ha fatto tutto lui. Se ho giocato nella Roma è merito suo, mi ha voluto a tutti i costi e io non posso che ringraziarlo. Mi dispiace non essere riuscito a fare quello che si aspettava da me».

Anche i tifosi si aspettavano tanto da lei.
«E a me dispiace che le cose non siano andate nel modo giusto. La Roma è ancora oggi per me una squadra unica, mi sono trovato bene, ero e sono innamorato della città, ma purtroppo non è andata. Sapevo cosa significa giocare nella Roma, c’erano tanti giocatori forti: per me è stato un onore»

(Gazzetta dello Sport)

34 Commenti

  1. Ricordiamo che quelli erano gli anni in cui ci dicevano che stavamo colmando il gap con la rubbe e tempo un paio d’anni saremmo stati Regina d’Europa e caxxate varie.

    Giusto per non dimenticare che ci hanno SEMPRE preso in giro e i pallottari hanno SEMPRE avuto torto su tutto;

    Erano tutte balle, SEMPRE : pallotto e’ SEMPRE stato un bluff e chi ha creduto il lui e’ sempre stato un POLLO.

    Ma per fortuna stiamo quasi per svegliarci da questo incubo…

    PALLOTTO VATTENE

    • Accomodati: compra un’azienda automobilistica, falla crescere e diventare una multinazionale… poi comprato la Roma. Ah! Il marchio FIAT è già registrato… giusto da qualche anno. Tu il GAP con la Juve non lo colmerai mai. O investi sul vivaio ed hai dei Talent scout da paura (stile Atalanta), o vendi poco e compri poco (stile Lazio), o speri che ti si compri uno sceicco. Tutti gli altri falliranno perché il gruppo Agnelli è una delle famiglie e imprese più radicate, importanti e ricche del nostro Paese.

    • Eppure, margrado tutto, quella era na gran bella squadra. Pensa a quelli che c’avevi er secondo anno de Spalletti: dovevi aggiunge ‘n’ artro terzino oltre a Kolarov, forse un regista e na riserva pe Dzeko. Non tantissimo.
      Er Saba, in mezzo a quarche errore, aveva messo su na bella fuoriserie. Se poteva ancora da’ fastidio ai gobbi.
      Poi è arivato er quarto posto bono pe la Champions e è partito l’ordine de fa’ cassa. Sabatini ha ringraziato e se n’è annato.
      Margrado l’inizio de smantellamento der divino Otelma, co ‘n’ Carneade come er pescarese, semo finiti comunque terzi e ‘n’ semifinale de Champions.
      Poi er mago ha completato a demolizione…

    • Qui l’unico pollo sei tu che credi che si può vincere ed essere sempre competitivi se alla spalle non hai risorse perlomeno pari a quelle della Juentus, Milan, Inter, Real ecc.ecc. Se non hai quelle e l’importanza mediatica sociale che ti guardano le spalle e ti aiutano quando ne hai bisogno, significa che sei veramnete un pollo e sono quelli come te che permettono di farsi spennare, tanto chi lo fa, quello di spennarti, lo fa tranquillamente e senza nessuna paura perché sanno che i polli come te non sanno come difendersi, pollo ! GRosso pollo !

    • Ve lo riscrivo, la prima volta dopo aver letto i vostri commenti ero troppo nervoso, per cui ho fatto molti errori …dunque eccovi la versione corretta:

      Allora voi che siete così furbi …spiegatemi perchè in 100 anni di storia del calcio italiano la stratosferica cifra di 8 …ben OTTO scudetti sono stati vinti da firenze in giu e sono stati vinti da quelle squadre che nel momento del trionfo, avevano in squadra gli italiani e /o i giocatori più forti di tutti i tempi ! Riva Cagliari, Napoli Maradona,Totti Roma, Verona che oltreutto è sopra firenze e Genova e Sapdoria anche esse sopra firenze ecc.ecc. ditemi furboni, spiegatemi questo arcano !!! Vorreste magari dirmi che i dirigenti e presidenti da firenze in giu son tutti deficenti incapaci ? Ditremi furboni, ma datemi una spiegazione LOGICA, no barzellette ! Su, ditemi !

  2. Non è colpa tua.

    “Iturbe ha avuto un problema che abbiamo tenuto nascosto – ha rivelato il ds – . Lui partì fortissimo con la Roma. Poi si è probabilmente rotto il crociato posteriore e noi non l’abbiamo operato. Abbiamo scelto la terapia conservativa. Da allora non è stato più lui”. W. SABATINI – LUGLIO 2018

    Ti voglio bene Juan

    • quindi anche non saper fare un passaggio di oltre 2 metri o stoppare una palla dipendono dal crociato?

    • Da allora abbiamo imparato bene: pensiamo ai crociati ‘operati’… Penso che deteniamo il recordo assoluto mondiale!

  3. Corsa,tiro potente,stop,inciampava sul pallone correndo più veloce della palla, a intelligenza calcistica faceva concorrenza a Bruno Peres altro che corre e basta,se fanno una gara a chi è meno intelligente(calcisticamente parlando) cominciano a correre e non si fermano più,sono talmente stupidi(sempre calcisticamente parlando,eh)che nessuno riesce ad arrivare primo😁

    • Bruno Peres, a Genova quando è entrato, ha cercato la triangolazione con il quarto uomo. eheheh

  4. A Verona Iturbe sembrava un piccolo Messi, e probabilmente la’ lo ricordano in altra maniera.Il suo errore piu grande forse e’ stato proprio quello,cioe di lasciare il Verona troppo presto ,avrebbe dovuto maturare ancora un paio di anni e poi fare il grande salto in una grande citta.Comunque ricordo con piacere il suo gol alla Juventus a Torino,ma ancora di piu’ quello alla Lazio che contribui alla qualificazione in champion!

  5. Iturbe e Schick, i due flop più clamorosi (e dolorosi) della nostra storia recente. In comune, però, hanno un’altra cosa… li abbiamo “strappati” ai gobbi. Volete sapere qual è la morale? Non si ruba in casa dei ladri.

  6. Ciao “Lasfiga”, scusa ma non so come si fa a rispondere direttamente sotto al tuo commento delle 10:57. Ti assicuro che con un crociato rotto e non operato (io ho rotto l’anteriore + menischi andati + zero cartilagine e condropatia femoro rotulea – NON OPERATO) ho paura anche di fare i gradini di casa. Inoltre il movimento naturale dell’articolazione semplicemente non lo fai più. Anche se nella capoccia tu pensi che lo puoi / vuoi fare, semplicemente all’atto pratico non avviene. Con il tempo purtroppo acquisisci dei nuovi movimenti che tu pensi siano risolutivi, in realtà peggiorano la parte buona dell’articolazione e intaccano il resto della struttura corporea.
    Quindi si, a volte anche non riuscire a fare quel passaggio dipende dal crociato, perché il tuo corpo non può più fare il movimento ad hoc per quel passaggio.
    Poi non è che fosse MESSI e siamo d’accordo, ma manco un morto de fame

    • Un crociato anteriore é una cosa. Tutto il resto tra collaterali e menischi é un’altra. Con l’anteriore non esiste conservazione (da solo non guarisce). Per il posteriore si (guarisce da solo).

  7. credo che sabatini ha preso proprio una gran bella toppa con questo giocatore ma ha portato anche dei grandi calciatori quindi il suo lavoro è stato di grande aiuto alla Roma. Forza Roma

  8. 35 milioni Iturbe per correre senza palla e schiantarsi addosso ai difensori avversari. 45 Shick per fare cinque gol in tre anni. 27 N’zonzi per passare la palla a due metri di distanza, in generale al compagno più marcato. 27 milioni per Pastore sempre infortunato. 20 milioni o 25 per Peres finito nella serie B brasiliana.

  9. RomaMia,casomai ci dobbiamo ricordare noi dei soldi che ci hanno spillato.sono state 25 frustate dietro la schiena! Non oso pensare se Iturbe lo avesse preso Monchi che sarebbe successo! Minimo sarebbe stato impalato alla turca!

  10. Il suo gioco non prevedeva le curve. Andava dritto come un treno fino all’inevitabile “botto” con il difensore avversario. Perdeva palla e si preparava subito per l’ennesimo inutile rettilineo.
    Aveva la tigna, questo sì, ma la rendeva inutile.

  11. dio mio manco me lo voglio ricordare sto giocatore….un turista in campo…gesù mio quasi peggio di bruno peres…beh forse peggio di bruno peres non c’è nulla…ma se la giocano. I tre peggiori acquisti dell’era sabatini…peres,iturbe e gerson..e poi abbiamo aggiornato nel tempo l’album delle mezze pippe…fazio,jesus,bianda,coric,santon,eeeeeeeeeeeee ce n’è ce n’è ahahahah e non voglio toccare fazio florenzi,pastore…..che almeno un minimo di gloria che fu l’hanno avuta ai loro tempi……!!!

  12. Vorrei sapere quale Roma-Juve e viceversa che hanno contato qualcosa non sono state “contrassegnate da episodi dubbi e mille polemiche”… Non ho mai ritenuto la rube una squadra forte e mai la riterrò tale! Una squadra “campata” da “politica” e arbitri, questa è la rubentus! Una squadra “statale” campata dallo stesso Stato… I soldi vanno solo lì! E’ normale che prima o poi riesci a crearti uno squadrone. Si rema sempre verso Torino e per le altre squadre rimangono le briciole! C’hanno provato diversi Presidenti a dargli “guerra!” Ma la vera – guerra – è stata sempre fuori dal campo! C’è voluto calciopoli per liberarsi un pò della “dittatura” della famiglia Agnelli! Infatti, per qualche anno,l’Italia è stata competitiva anche in Europa! Come lo era quando c’era il Milan del Berlusca! Addirittura la Samp ha dato filo da torcere quando aveva la squadra… In poche parole, quando non è la prepotenza della Società rubentus a tenere sotto scacco il Campionato Italiano, valiamo anche in Europa! La Roma se la dovrebbe comprare Bill Gates! Allora, forse… potremmo dare battagliaalla rube e anche alle altre squadre più forti del mondo! Soldi+Politica+business+tutto! Resta il fatto che, attualmente, un Campionato vinto a Roma, vale quanto 20 volte quelli di burro dei ladroni d’Italia! Vuol dire che la Squadra è veramente forte! Forza Roma e basta!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome