Jorge Mendes: “Mourinho non è un allenatore qualsiasi, non avrà mai problemi a trovare un nuovo club”

23
513

NOTIZIE AS ROMAJorge Mendes, agente di José Mourinho, ha rilasciato un’intervista al quotidiano portoghese Record e tra i vari temi trattati si è soffermato proprio sul futuro dello Special One e sul rifiuto dell’offerta proveniente dall’Arabia Saudita per rimanere alla Roma.

Ecco le sue dichiarazioni: “Non ha certo bisogno di presentazioni. I titoli vinti parlano per lui, non è un tecnico qualsiasi. È un allenatore speciale, avrà sempre le sue occasioni e non avrà mai problemi a trovare un nuovo club”.

L’offerta arrivata dall’Arabia Saudita? “È così, Mourinho ha avuto l’opportunità, alcuni mesi fa, di andare in Arabia Saudita. Ha scelto di non andarci perché voleva restare sulla panchina della Roma“.

Fonte: Record

Articolo precedenteCalciomercato Roma, un terzino e un esterno d’attacco per De Rossi. Fiorentina su Belotti, proposto lo scambio con Ikonè o Brekalo
Articolo successivoRoma-Feyenoord, vietate le trasferte a entrambe le tifoserie (COMUNICATO)

23 Commenti

  1. sarò per sempre grato a quello che ha fatto José. Forse era necessario un cambiamento ma il passato non lo dimentico.

    TIFIAMO SOLO LA MAGLI

  2. E ci mancherebbe altro! Grazie Jose le persone riconoscenti ti sono grate. E poi bisogna ammettere che è riuscito a durare ben 2 anni e mezzo sulla panchina della Roma, una record negli ultimi credo. Speciale in ogni senso

    • Fosse stato in lotta per il quarto posto invece che per il nono, scampato al playoff della terribilerrima EL, evitato di perdere il quarto derby in modo patetico, collezionato qualche punticino in più anche con le piccole, magari quei cattivacci dei Frikkin’ l’avrebbero tenuto.

    • Di sbagli ne ha fatti pure lui, ma i motivi sono sotto gli occhi di tutti e sinceramente stare a ripeterli mi sembra superfluo….per me fino a ieri ha fatto un mezzo miracolo.
      Tu continua a non perdere occasione per puntualizzare quanto dici se ti fa stare meglio, personalmente ricorderò 2 finali e una Coppa vinta.
      Il tutto ridando un idea di squadra compatta e vincente.
      Ora desidero uno che sappia fare lo stesso, se ci riesce Mister DDR mi rende felice.

  3. Come no caro Jorge come no
    Mourinho ad oggi può ambire a squadre di seconda fascia come 3 anni fa fu la Roma e come potrebbe essere il Napoli domani, squadre che non sanno più a che santo votarsi per dare una svolta o nella Saudi League dove ti si litigherebbero per il grande nome.
    Le prime della classe non ti calcolano più come giusto che sia, siamo nel 2024 e il calcio va verso altre direzioni e nessuno si fa più incantare da chi la butta in caciara e basta.

  4. Per quanto detesti Mourinho fin dai tempi del Chelsea e ancora di più alla Roma devo ammettere che i difetti strutturali e caratteriali di questa squadra ce li portiamo dietro dai tempi di Fonseca. Per questo non credo sia cambiato lui quanto i giocatori che allena da qualche anno a questa parte. I risultati di Chelsea, Manchester Utd e Tottenham non sono cambiati dopo di lui e temo che con noi sarà lo stesso. Sta squadra sia con Fonseca che con Mourinho non è mai andata oltre il quinto posto e anche quest’anno, anche col massimo impegno dei giocatori, non credo si possa andare oltre.

  5. Ehi Mendes… se invece di Renato Sanches ci dirottavi Bernardo Silva, a quest’ora faremmo tutt’altri discorsi.
    C’hai appioppato le peggio pippe del bigonzo e così facendo hanno cacciato Mourinho.
    Recita il mea culpa,Mendes…

    • Ma guarda, se ti presentavi al City con 90/100 milioni manco serviva Mendes.
      Se mandi Pinto in giro co’ ‘na busta de fusaje e un pacchetto de patatine del Todis (c’hai presente le Chips ‘n Lips?) sai chi ce compri?
      Stokà!
      Oo’ conosci bene no?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome