Juan: “Roma favorita col Bayer. Spalletti il miglior allenatore avuto. Ci mancano un paio di scudetti…”

14
946

NOTIZIE AS ROMA – L’ex difensore giallorosso Juan ha rilasciato un’intervista a Il Messaggeri e ha parlato dell’imminente semifinale di andata in programma giovedì alle 21 all’Olimpico. Contro i giallorossi di Mourinho ci sarà il Bayer Leverkusen, squadra di cui il centrale brasiliano ha indossato la maglia prima di approdare nella Capitale.

L’esperienza al Bayer com’è stata?
“Mi ha aperto le porte all’Europa. Sono un tipo tranquillo, Leverkusen è una città un po’ così. Ricordo anche di aver affrontato la Roma in Champions: era quella volta in cui Totti diete un pestone a Ramelov”.

Perché se n’è andato?
“Avevo voglia di sole. Ed è arrivata la Roma”.

Gliel’ha consigliata Voeller?
“No, lui non me ne parlava, lo ha fatto solo quando ha saputo che ero in trattativa e mi ha raccontato un mondo che poi ho scoperto e goduto da vicino. Non aveva torto: Roma è una città meravigliosa e lui me l’ha descritta proprio così, con passione. Rudi è molto legato la suo passato in giallorosso”.

Perché ha scelto Roma?
“Daniele Pradè, all’epoca ds dei giallorossi, mi aveva prospettato questa possibilità e ho accettato. Roma ha una grande tradizione con i brasiliani, da Falcao a Doni, poi lì ha giocato per tanti anni il mio idolo Aldair. Roma diventata la mia passione, mentre il Flamengo è stato il mio amore”.

A Roma ha trovato Spalletti, che ha appena vinto lo scudetto con il Napoli.
“Se lo merita. È un allenatore incredibile, un grande maestro di tattica, il top nel preparare le partite. Mi ha insegnato molto e se ho giocato fino a quaranta anni il merito è suo. Il migliore che ho avuto”.

A Roma ha vinto una Coppa Italia e una Supercoppa, poco, forse?
“Sì, mancano un paio di scudetti. Quello con Ranieri è il più clamoroso, perderlo dopo essere andati in testa ancora mi brucia. In fondo abbiamo sbagliato solo mezz’ora con la Sampdoria. Mentre con Luciano abbiamo inseguito, sapevamo che era difficile. Ma si giocava bene al calcio, quella squadra era spettacolare”.

Il suo momento più basso?
“Il derby, quando sono stato insultato dalla Curva della Lazio. Mi sono fermato per dare un segnale, bisognava darlo. Ma vedo che è cambiato poco. Il razzismo è una piaga e non c’è solo in Italia”.

C’è anche la sfortunata serata contro l’Arsenal da ricordare come momento negativo?
“Abbiamo perso dopo una partita eroica. Tanti infortunati, ho fatto gol e poi sono dovuto uscire. Non dovevo nemmeno giocare. Nonostante le difficoltà abbiamo sfiorato l’impresa, ma Julio Baptista sbagliò un gol. Purtroppo in quella Roma erano cambiate tante cose, con Spalletti si era alla fine di un ciclo”.

Roma-Bayer ricorda un po’ quel vostro Roma-Arsenal, visti gli infortuni a catena?
“Io penso che non bisogna piangere per questo. I ragazzi devono trovare la forza di reagire e tirare fuori una grande prestazione. Dare fiducia a chi va in campo, questa è la chiave. La finale è possibile”.

Smalling è assenza pesante.
“È un grande giocatore, è entrato nel cuore dei tifosi, è molto attaccato alla Roma. È un leader ormai. Con il rinnovo, “rischia” di avvicinarsi ad Aldair come numero di presenze”.

Ibanez è un po’ in difficoltà.
“Quando lo osservavo nel Fluminense, mi ha rubato subito l’occhio. Gli piace giocare la palla, è sicuro di sé, rischia molto. È veloce. È un brasiliano europeo, di sicuro più simile a Militao che non a uno con le mie caratteristiche. È un momento così, passerà”.

La Roma resta favorita?
“Direi di sì, anche se non è mai facile giocare contro le tedesche, sempre molto ben organizzate. Il Bayer ha una squadra giovane, che corre tantissimo. La Roma è più forte, ha giocatori di alto livello, come Pellegrini e Dybala, che mi piace tantissimo. Poi c’è l’Olimpico che aiuta. E infine c’è Mourinho”.

Un allenatore vincente.
“Il tecnico giusto per la Roma. Che con lui è tornata a vincere. Ed è importante, anche per il futuro, continuare a farlo. La Roma deve trovare la continuità, che in passato non c’è stata, basti ricordare come certi grandi calciatori, tipo Alisson e Salah, sono rimasti solo uno o due anni, senza dare tempo al gruppo di essere vincente”.

Sa che Mou, molto probabilmente, andrà via?
“È un peccato per la Roma. La gente gli vuole bene, i giocatori lo seguono”.

Ma perché lei è andato via dalla Roma così all’improvviso?
“Dopo dieci anni in Europa, sentivo nostalgia di casa. E poi, sinceramente, con Zeman era una fatica incredibile. Mi sono bastati pochi giorni di ritiro (ride). Non sono uno sfaticato, ma i brasiliani sono abituati ad altri ritmi. Più palla che corsa”.

Fonte: Il Messaggero

Articolo precedenteDybala c’è, Wijnaldum quasi. E Smalling farà di tutto per esserci alla BayArena
Articolo successivoROMA-BAYER LEVERKUSEN: arbitra l’inglese Oliver

14 Commenti

  1. Eh…..Juan…..Senso della posizione più unico che raro. Non velocissimo la riusciva quasi sempre ad anticipare gli avversari di turno. Gran colpitore i testa……Giovedì sera farebbe comodo….Magari con qualche anno in meno….

    • Pensa che nella mia personale classifica di centrali dopo Aldair viene lui prima di Marquinhos

  2. Grande giocatore, la cosa più simile ad Aldair che abbiamo avuto in rosa. Purtroppo anche lui tendente alla fragilità muscolare.
    Quell’ottavo di finale con l’Arsenal resta comunque tra i miei ricordi belli malgrado il finale.
    Un epico scontro tra un’armata di reduci di El Alamein (peggio della situazione odierna) di fronte a una delle big di Premier.
    Juan che segna e esce, già pieno di cerotti dall’inizio, la coppia di centrali improvvisata Diamoutene-Riise che giocano una partita commovente, Aquilani che entra zoppo e praticamente termina la carriera a certi livelli con quello spezzone di partita.
    Eppure se non fosse stato per quell’incredibile errore della “bestia” sulla linea di porta, saremmo riusciti a portare a casa una qualificazione che avrebbe avuto del sensazionale.
    Per non parlare del rigore “in ciavatte” di Vucinic…

  3. Grandissimo difensore, lo metto tra i top con Aldair e Samuel . ps: strano il ricordo di un gol mangiato da Baptista…non ne sbagliava mai…

    • Baptista si pappò letteralmente il gol a 1 metro dalla porta su assist di Totti (ma và…).
      Lo stesso Totti aveva fatto l’assist del gol a Juan,smarcandolo a 2 metri dalla porta.
      Ricordo anche che Francesco Totti giocò portando un tutore ortopedico ad una gamba,scrivendo una delle pagine più luminose della sua carriera per attaccamento ai colori giallorossi.
      Il giorno dopo su tutta la via di Trigoria c’erano 12.000 persone a ringraziare la squadra.

  4. oltre juan rimpiango anche spalletti, come mai.nessuno.di.loro ,denigra spalletti ma chi ha giocato.in quegli.anni.lo ama? perche una parte dei tifosi, non tifava la roma ma totti,

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome