Kluivert-Fulham, salta tutto: problemi col permesso di lavoro per l’olandese

84
2081

ULTIME NOTIZIE CALCIOMERCATO ROMA – Doccia fredda per la Roma e per Tiago Pinto: la cessione di Justin Kluivert al Fulham sembra essere saltata.

Stando a quanto fa sapere il giornalista Gianluca Di Marzio, il trasferimento in Premier League dell’attaccante olandese è bloccato, con il giocatore che non sarebbe rientrato nei criteri per richiedere il permesso di lavoro in Inghilterra.

Secondo quanto filtra dal club inglese, la trattativa per Kluivert sarebbe definitivamente saltata. Pessima notizia per Tiago Pinto, che ora dovrà cercare un’altra sistemazione al calciatore quando mancano meno di due giorni alla fine del mercato estivo.

Kluivert ora dovrà aprire a nuove possibili destinazioni, altrimenti l’attaccante rischia di restare a Trigoria da fuori rosa.

Fonte: Gianlucadimarzio.com

 

Articolo precedenteDybala show, Roma in vetta
Articolo successivoRoma, manca un difensore. Mou: “Mi servirebbe, ma non ho il coraggio di chiederlo”

84 Commenti

    • Scriverei proprio un braccio… Comunque, onore a T.Pinto per il grande lavoro svolto! Non penso di aver mai visto un DS come lui nella Roma… Vivissimi complimenti! Speriamo solo che la sfortuna non si abbatta sui giocatori più fondamentali! Daje!

    • Ma si infatti secondo me è più la federazione calcistica inglese che lo ha rifiutato perché non vogliono uno scarsone esaltato nel loro campionato…

      Mo sicuramente lo chiama il Barcellona…….😂

    • Pure a me… eccome se è una grande colossale c@zzata, da parte del Fulahm ovviamente, che probabilmente ci ha ripensato….

    • Io credo si no invece, a norma di regolamento per il tesseramento in Premier League.
      Dopo la Brexit, anche per i calciatori comunitari è necessario un permesso di lavoro.
      E per ottenerlo i giocatori stranieri, se non sono under 21, devono avere totalizzato una percentuale di presenze nella loro nazionale a seconda del ranking di questa nel biennio precedente.
      L’Olanda è ottava nel ranking e quindi per Kluivert era necessario almeno il 30% di presenze nelle gare giocate dagli orange. E il “predestinato” mi pare abbia un paio di presenze, tra l’altro neanche nell’ultimo biennio.
      Insomma sembrerebbe una bella caxxata da parte del Fulham in primis che dovrebbe avere ben chiaro il regolamento riguardo il tesseramento di giocatori stranieri nel proprio paese.

    • Si più che il Barcellona magari si riprende sto piombo inutile quel buffone del gran Mago de Sevilla che ce lo spacciò per un campione in erba al modico prezzo di 19,5 milioni a un anno dalla scadenza condito da ricco,pluriennale ingaggio e consueta stracommissione, nella fattispecie di di 2,8 milioni , pienamente nel suo stile e modo di trattare gli affari (certo in danno della Società). Forza Mago è a prezzo di saldo, ripiate sto scarsone presuntuoso.

    • Casadei che non ha fatto alcuna presenza come lo ha ottenuto il permesso di lavoro?? C’entra qualcosa l’età?? Sta cosa è strana

    • Purtroppo la notizia è vera. Ho appena letto il regolamento. Per evitare di impoverire tecnicamente il campionato hanno un sistema a punti per I giocatori internazionali.
      In pratica, per giocare in Premier servono 15 punti e lui ne ha 12.
      11 per il campionato e 1 per la qualificazione del nizza alle coppe.
      Purtroppo, causa brexit, I cittadini europei contano come internazionali e la premier avrà tanti problemi a breve

    • Ciao ragazzi, buongiorno a tutti. Che c’è? DIAWARA (primus inter pares esuberos..) é ufficiale?… ho dato un’occhiata ai vs commenti qui, e KLUIVERT non può esser tesserato?
      … mmm
      vabbè, calma. Il FULHAM, spiace per loro, ha il titolare che aiuta Mitrovic fuori per tanto, hanno bisogno di Kluivert come acqua nel deserto. Se non lo prendono é perché non possono…
      Non possiamo chieder al buon TIAGO, se cercato dall’estero, di conoscere pure le loro possibilità.
      Se parte DIAWARA (parte, è partito, sta qua?), non sarà mai KLUIVERT il problema.
      MOURINHO può sempre risistemarlo in gruppo fino a gennaio male che vada. Mai sentito il Mr. dirne male, e il giocatore non é proprio “fuori rosa” (alla Santon, Diawara, Pastore…) ma, giustamente dico, ha fatto bene/ino all’estero (Nizza?) che però lo volevano gratis…
      Sicuro non fara’, se serve, molto peggio di PEREZ. Magari tiene il posto “caldo” all’amico norvegese di Di Canio…
      Poi, ceduto Anthony o come caspita si chiama, all’AJAX (che riprendere Zyech costerebbe una marea di ingaggio…) potrebbero pensare di riprenderselo.
      KLUIVERT ha mercato per me, e prima o poi un posto (se il giovanotto non punta i piedi) lo si trova.
      E in fondo (MOU voleva un esterno offensivo?) possiamo usarlo fino a gennaio, no?
      Esticazz… di KLUIVERT, DIAWARA é andato?

    • Vabbè ma allora è una regola della Premier, non è un “permesso di lavoro”, i permessi di lavoro li rilascia lo stato e non credo che lo stato inglese rifiuterebbe il permesso a uno che gli porterebbe milioni euro in tasse.

  1. Incredibile! Svegli i dirigenti del Fulham! Se era vero che aveva rifiutato diverse offerte anche più vantaggiose per la Roma ,speriamo che si ripalesino,anche se non è facile,ha uno stipendio alto e costa di cartellino,quindi in Italia no…chi poteva averlo richiesto?

  2. Questo nano malefico non fa altro che creare problemi ,se le inventa tutte pur di rimanere a Trigoria accollato…..ma non lo sapeva prima che non aveva il permesso di lavoro in Inghilterra?

    • Beh,Kluivert è andato a giocare in Germania,poi in Francia,che ora,avendo la possibilità,anche se in una neopromossa,abbia dato priorità ad una squadra di Premier è anche normale,non credo voglia restare fermo! Piuttosto,ma i dirigenti del Fulham? E i procuratori del ragazzo? Bei Rinko!

  3. Mi chiedo come sia possibile fare per settimane intere una trattativa come questa, senza pensare al cavillo di legge più importante. E’ come andare in una concessionaria a comprarsi una Porsche senza avere la patente. O Di Marzio ha detto una cavolata oppure Pinto si è dimenticato di non avere la patente.
    Mahhhh 😵

    • Pinto però non è il DS del Fulham. Pinto offre il calciatore alla squadra che se lo deve comprare, la quale paga un suo DS per sistemare gli aspetti contrattuali legati al trasferimento al Fulham.
      Va bene che Pinto è riuscito pure a vendere Diawara, ma chiedergli pure di fare il consulente conto terzi mi sembra troppo pure per lui.

    • Pinto fa il dirigente del Fulham? E’ lui che deve conoscere il regolamento del paese che intende tesserare il giocatore?
      Persa l’ennesima occasione per tacere, ma immagino non quella di aprire il primo bricco della giornata…

    • QUi l’errore più grande lo commete lo staff di Kluivert che dovrebbe ben sapere i regolamenti Brexit applicati al calcio, sono in trattativa da mesi rifiutando tutti e non sanno l’ABC ?

    • Cioè siamo arrivati a sostenere che chi vende deve sapere se chi compra ha i soldi, la disponibilità legale e lo spazio per comprare? Io posso vendere? Si è allora vendo. Dirigenza del fulham ridicola dall’inizio della trattativa. Così salta il difensore.

  4. Ma come c@zzo si fa a fare errori così!? Lo sanno anche i sassi che con la brexit per andare a lavorare in Inghilterra bisogna rispettare regole più severe.

    • la cosa c’era ance prima della brexit, è una regola della federazione inglese: per prendere giocatori che non abbiano presenze in nazionale nell’ultimo anno devono costare almeno tot soldi (ci sono dei parametri a me oscuri per calcolare il costo minimo), che serve a preservare la qualità degli stranieri che arrivano nel campionato.

  5. Pensavo esistesse solo da noi una burocrazia ottusa… Un calciatore professionista che non ha i requisiti per un visto di lavoro? Hanno paura che se lo trovano a dormire sotto i ponti o a chiedere l’elemosina davanti a un supermercato? Cose da pazzi…

    • E’ un regolamento che sta in piedi da anni per gli extracomunitari. Dopo la Brexit vale anche per i comunitari…

    • Non lo metto in dubbio, ma oggettivamente, questo è un milionario che firma un contratto con una squadra inglese, non uno che arriva col barcone e che si troveranno a spacciare a Trafalgar Square…fare un minimo di distinguo, mi sembrerebbe una cosa vagamente intelligente, tutto qua.

    • Lo spirito di questa norma (tutto sommato condivisibile) è quella di mantenere alto lo standard dei giocatori stranieri che approdano in Premier, evitando un arrivo massiccio di sconosciuti che non apporterebbero valore aggiunto e toglierebbero spazio ai calciatori britannici.
      Il problema sta nel fatto che adesso impatta pure i calciatori comunitari che prima ne erano immuni.

    • limitandoci a guardare dov’è la Premier e dov’è la Serie A, i fatti danno sicuramente ragione loro: se non hai curriculum non entri, e la crescita la garantisco solo ai ragazzini britannici…sembra solo un po’ antistorico e ipocrita, visto che le loro nazionali, di qualsiasi sport si tratti, sono imbottite di figli “abbronzati” delle ex colonie. Ma ognuno a casa propria fa come crede meglio…

    • Pure gli inglesi sono “lenti” nella burocrazia, non è un “male” solo italiano (anche se noi abbiamo il record del mondo della lentezza!), la regola fu fatta per gli extracumunitari e un po’ tutte le nazioni europee hanno qualcosa di simile, limitano gli extracomunitari in qualche modo. In serie A ad esempio mettiamo un limite ai nuovi che possono arrivare e che uno enta uno esce. Il problema è che ora per la Brexit, anche tutti gli europei ricadono sotto questa norma, e non hanno fatto ancora nessun “aggiustamento”. Certo però che se fosse vero la cavolata l’hanno fatta sia al Fulham che gli agenti di Kluivert perchè non hanno controllato bene i requisiti per farlo giocare.

  6. È una barzelletta? Mesi per andare i quella squadretta e poi non può avere permessso? E non si può fare? Non avevano considerato? Allora vada in altre squadre. A me sembra una stronxata

  7. E’ due mesi che si e’ accordato con gli inglesi mettendo la Roma di fronte al fatto compiuto e legando le mani a Pinto
    Ha un padre pieno di buoni consigli
    Ha un procuratore pagato per assisterlo
    Forse deve solo svegliarsi ed accettare quello che passa il convento
    Come Riccardi o Bianda se sta fermo un anno , tra un anno nessuno sapra’ piu’ che Kluivert abbia mai giocato a calcio

  8. Ma tenerselo e farlo giocare, visto anche l’infortunio del faraone? Che visti i precedenti del giocatore, non sarà manco l’ultimo della stagione

  9. “Il giocatore che non sarebbe rientrato nei criteri per richiedere il permesso di lavoro in Inghilterra”.
    Con tutti i calciatori stranieri che il campionato inglese recluta? Vale solo per lui?

    • Guarda che Nome 5 ha perfettamente ragione. Pensa che questi dopo la guerra si riconsolavano con l’ajetto, dicendo: Abbiamo perso l’Impero e tant’altro ma stiamo sempre meglio degli Italiani. Il tutto quando in Italia c’era la Ricostruzione ed il boom economico anni 50-60!

    • Giorgio..vabbeh che c’hai er nome da re Inglese..eh eh..però qui possiamo parlare anche extra calcio..se dissenti allora c’hai la..dissenteria..eh eh eh..

  10. gli Inglesi si stanno isolando sempre di più dal resto del mondo e questo gli costerà caro.
    le previsioni danno un inflazione del 22% il prossimo anno , gli inglesi hanno pure smesso di mangiare frutta e verdura.
    mi spiace per loro, ma la brexit alla lunga , specialemnte in questo periodo storico, gli farà molto male

    • a me non dispiace affatto per loro, come non mi dispiacerà per noi…se una massa di idioti va dietro al primo imbonitore che passa e che fomenta le masse per il proprio esclusivo tornaconto, senza guardare cosa accadrà il giorno dopo, è giusto che si paghi lo scotto dell’ignoranza

    • @criPtico concordo, quacuno diceva: “diffido sempre di chi da soluzioni semplici e capibili da tutti a problemi in realtà molto complessi.”

  11. un consiglio al figlio di papà..torna all’Ajax ..in Olanda..terra di profumi inebrianti di fiori ,birre squisite e donne da sogno..eh eh eh

  12. Qui le soluzioni sono o te lo tieni fino a gennaio mandando via shomurodov in prestito o cerchi di trovare altri acquirenti in brevissimo tempo o cosa più logica cerchi di farci uno scambio per ottenere un difensore.

  13. A questo punto considerato l’infortunio del faraone potrebbe esserci utile fino a gennaio e poi lo sistemiamo da un’altra parte.

  14. Quello che stupisce è che la questione permesso di lavoro sia stata considerata dal Fulham solo dopo e non prima di mettersi a trattare.
    Di fatto i criteri sono oggettivi (30% di presenze nella nazionale maggiore olandese negli ultimi 2 anni) e da una rapida occhiata Kluivert sembra abbastanza lontano dal rientrarci, a meno che io ignori qualcosa (tipo che valgono anche quelle nell’under 21, ma non credo).
    A questo punto mi sembra improbabile che si trovi un’altra sistemazione adeguata in due giorni, ma come si usa dire possiamo fare buon viso a cattivo gioco.
    Di fatto abbiamo due giocatori infortunati nel suo ruolo, il titolare Zaniolo e la prima riserva El Shaarawy, sicché Justin potrebbe rivelarsi utile almeno fino a gennaio, quando gli infortunati saranno entrambi recuperati ed in più probabilmente arriverà Solbakken.

    • Il problema è anche il fatto anche di avere commissioni strane con Raiola che avrebbe permesso lui di rifiutare le altre destinazioni, l’altra cosa troppo sospetta è com’è possibile che per Casadei questi problemi non c’erano stati e li fanno per Kluivert?

    • Potrebbe dipendere dal fatto che Casadei è un under 21 ed i criteri in questo caso sembra siano diversi.

    • Kluivert è un U23 ancora, non saprei bene che regole hanno in Premier per tesserare calciatori giovani dall’estero però sembra tutto strano a giudicare dal trasferimento di Casadei a tanti soldi senza nemmeno una presenza…

  15. Vessel, hai perfettamente ragione, di necessità virtù…..lo abbiamo?? Utilizziamolo, può fare rifiatare qualcuno. Grossi danni non farà, d’altronde è pagato, lavora.

  16. A me sembra uno di quegli articoli ridicoli fatti apposta per nascondere l’ennesimo ripensamento del Fulham o la solita idiozia detta da Di Marzio con di tanto di criteri da rispettare quali presenze in nazionale (l’ultima presenza risale al 2018), presenze in campionato maggiori e coppe europee (il Nizza non giocava coppe europee l’anno scorso) piazzamento del club in cui ha militato (il Nizza è finito quinto qualificato alla Conference League), crescita internazionale del club (il Nizza non giocava coppe europee e l’hanno fatta fuori ai gironi di Europa League la stagione antecedente alla scorsa) appeal del club venditore e queste cose. E poi ci sono fonti UK che addirittura dicono che doveva avere fatto una presenza almeno in amichevole con la Roma quando la Roma lo aveva già messo da inizio luglio fuori rosa (enorme fregnaccia anche quella e temo che gli inglesi stanno giocando sporco con noi sfruttando a suo favore alcune commissioni strane che aveva con Raiola). Purtroppo il ragazzo è un cocciuto mal consigliato che si sta rovinando la carriera. L’Ajax è l’ultima speranza ma vedo difficile il suo trasferimento là.

  17. A me sembra una grande fesseria e vi spiego perchè: prendete qualunque squadra inglese e cercate un calciatore non britannico(da wikipedia), andate a vedere quante presenze ha nella propria nazionale e poi ne parliamo…………io ho preso per esempio Romeo Lavia,belga, del Southampton,nemmeno una presenza nella sua nazionale: come fa a giocare in Inghilterra? Prima al City e dopo al South……..dal 2021 in Inghilterra e la Brexit è partita il 1 febbraio 2020…………..qualcuno mi aiuta a capire sto film??????????

    FORZA MAGGICA

  18. Chi pensa che possa sostituire ElSha perchè è infortunato sembra evidente che non conosce Mourinho….Ma non vi dice nulla quando lo scorso anno ha fatto giocare Bove e Volpato pur avendo Diawara? L’olandesino o si trova una squadra o le partite se le vedrà dalla tribuna….E’ chiaro il concetto?

    • Per me è tutto chiaro, hai un giocatore a cui paghi lo stipendio e come cambio per gli ultimi 20/30 minuti è meglio di tanti altri. Facciamo di necessità virtù.

  19. boh, mi sa tanto di scusa… comunque giustino caro è meglio se te ne torni al tuo paese, solo che lì poi ti tocca lavorare

  20. Questo succede quando ci sono giocatori male assistiti e soprattutto calciatori che si impuntano ad andare in un’unica squadra, ma io dico i dirigenti del fulham e soprattutto quelli che curano gli interessi di kluivert non sapevano dei regolamenti di tesseramento in Premier League.
    Adesso il caro kluivert non si azzardasse ad impuntarsi per un’ unica squadra e di accettare eventuali altre offerte che si presenteranno all’ultimo.

    • A che mi risulta, la “regola” è molto discrezionale, SE un giocatore non rientra nei parametri si deve chiedere il permesso e questa può comunque essere accordato, valutando altri parametri, come la crescita del giocatore, la difficoltà a giocare in nazionale, gli infortuni, etc. etc. ma anche quanti giocatori esteri sono già in rosa. La regola è per quelli che AUTOMATICAMENTE hanno il permesso garantito, ma non è così rigida. Se fosse vera la notizia l’unica cosa che posso pensare è che pensassero che comunque Kluivert potesse avere il viso ugualmente ma che invece non l’ha ottenuto.

  21. Boh… Tutto molto complesso, ma grazie a diversi post comparsi in queste pagine stamattina credo di aver afferrato i concetti di base, sono grato agli amici romanisti per i loro chiarimenti.
    Le ultime notizie invece potrebbero anche far credere che la questione non sia ancora chiusa del tutto.
    Se supera pure questo scoglio a Pinto non lo ferma più neanche la kryptonite…

  22. ma dai regà..basta chiama a Benny Hill e se risolve tutto..volevano dà il diploma a quella zappa de Suarez nun se po’ da a sta zappa de Klu..ah già..qui semo in Itaglia..eh eh eh,,

  23. Non e’ vero che salta tutto….perche? Scusate e Scamacca e tutti quelli che vengono dall’ europa che gia’ giocano loro il permesso lavorativo c’e l’hanno….come e’ possibile che ha lui non lo concedono? Ci sara’ un errore certo non causato dalla Roma vista che viene da un altra squadra in piu’ se hanno dormito i procuratori penso che il tribunale risolvera’ sta situazione…

  24. In effetti qualcosa di Barcellona c’è ma si tratta dell’altra squadra, sembra che l’Espanyol voglia Kluivert in prestito.
    Sulla questione permesso di lavoro invece non mi esprimo perché non conosco come funzionano certe cose nel Regno Unito a parte il fatto che gli anglosassoni vivono “al contrario” rispetto alla stragrande maggioranza del resto del mondo, a partire dalle unità di misura differenti da quelle standard alla guida automobilistica compresi gli abitacoli degli autoveicoli tra lato guidatore e lato passeggero.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome