Kluivert: “In A è dura, devo sfruttare di più le occasioni”

19
26

ULTIME AS ROMA – […] Justin Kluivert, rispetto ad un anno fa, sembra un altro. […] Ha segnato due reti, i suoi strappi regalano imprevedibilità alla squadra, ma deve ancora migliorare la cattiveria e la capacità di fare la scelta giusta nell’ultimo passaggio.

Lui lo sa e dal ritiro dell’Olanda Under 21, con cui affronterà venerdì il Portogallo e martedì la Norvegia, ai microfoni di Fox ha detto: «Giocare in Italia è più complicato rispetto all’Eredivisie, almeno per me. Quando ero all’Ajax mi capitava di avere almeno sei o sette occasioni a partita, in Serie A non è così.

Affronti squadre dove ci sono tanti giocatori bravi, e io sono in una di queste, che sanno difendere bene e chiudere gli spazi. Per questo è più complicato avere i momenti giusti». «Se hai solo due o tre occasioni a partita devi imparare a sfruttarle. Almeno questo è quello che devo fare io per crescere». […]

(Gazzetta dello Sport)

19 Commenti

    • Continuo a dire che stiamo parlando di un giocatore come tanti, non certo di un talento pagato 22 milioni con un contratto di oltre 2 netti l anno. Aspettiamo, questo è il secondo anno, il terzo andrà in prestito il quarto regalato… storia già vista.

  1. Con il cagliari mi è piaciuto.
    Sia perché l’autogol nasce da un suo traversone che se non lo avesse intercettato Ceppitelli buttandolo nella propria rete avrebbe comunque rappresentato una palla gol solo da appoggiare per Dzeko (con Olsen che avrebbe dimostrato il suo punto debole: quello di rimanere troppo sulla linea).
    Ma anche per la tigna con cui ha compiuto dei recuperi difensivi, anche se la palla non l’aveva persa lui, inseguendo l’avversario in copertura mentre Spinazzona era rimasto avanti e recuperando il pallone.

    Deve solo migliorare l’ultimo tocco.
    Ma più gioca tranquillo più sarà facile.

  2. Giocatore sopravalutato,sta facendo qulcosa in piu rispetto allo scorso anno,ma non era difficile,per quello che e’ stato pagato dovrebbe essere piu determinante per la squadra! Tra qualche anno nessuno si ricordera di lui,e non lascera’ traccia nella storia giallorossa!

  3. Perfetto per la Roma ballottiana, twitta twitta twitta ma vale ben poco.
    Tutto fumo e niente arrosto.
    Campione di socials.
    Faremo, vinceremo, andremo………anche basta.

  4. Sta migliorando molto si dà un gran da fare sia avanti e cerca pure di recuperare dietro,però è comunque un attaccante e questa porta deve iniziare a sentirla e a buttare la palla dentro, ha la capacità di fare un gol a partita, basta iniziare

  5. Kluivert si deve disciplinare.Cercare di piu’il fraseggio con i compagni..La sua UNICA arma E’la velocità’.Ma la deve saper usare.Se quando prende la palla comincia a saltellare come una trottola e corre da solo come un pazzo verso la porta avversaria non andrà’ lontano.

  6. Ragazzi questo ha 20 anni e salta l’uomo come nessun altro in squadra e pochi altri nel campionato. Deve imparare a gestire l’ultima scelta, ma in altri campionati sarebbe già esploso, mentre qui paga il difensivismo delle squadre catenacciare. 1 o 2 anni e questo sta al Barcellona o in Inghilterra

  7. Bravo Justin, quando ti trovi con la palla al limite dell area, devi già sapere PRIMA, in base alla conoscenza dei movimenti dei compagni, che cosa fare

  8. CriPtico,a giocare con le squadre aperte che ti lasciano le praterie davanti sono tutti bravi,ma qui non siamo in Olanda,dopo due partite i difensori avversari ti prendono le misure e ..amen!Non e’ che le squadre che si incontrano devono giocare come vogliamo noi,ognuno fa il gioco che crede,e evidentemente Kluivert non e’ adatto a certe partite,e questo e’ un grosso limite,perche’ significa che non potra mai essere titolare!

    • Infatti, fallo crescere qui, come ha fatto Salah, che è arrivato e era solo veloce. E non è che in tutte le partite brillasse.

      Poi ha imparato a giocare per la squadra, a gestire il difensore, è andato in premier e ha fatto quello che ha fatto.

      • Non ci dici nulla di nuovo.
        Se impara verrò plusvalenzato da ballotta, se è un bidone ci resta sul groppone.
        Cos’ ‘ndo annamo?
        Sempre più in basso.

        • ‘ndo annamo noi non lo so, ma dove dovrebbero andare i provocatori di professione lo so benissimo…e non è in basso 😉

          • Si, ma la provocazione dove sta?
            Quella di Salah è storia e l’egiziano è in ottima compagnia. Senza nemmeno spostarsi da Liverpool….
            Se poi ci vogliamo spostare abbiamo plusvalenze sparse in tutta europa e non solo.

          • la provocazione dove sta??? se è un bidone non va bene, se è forte non va bene (perchè poi magari lo vendono), quindi chi dovremmo comprà? fraccazzodavelletri?

    • ciao Stefano, converrai con me che anche Salah qui in Italia contro squadre chiuse aveva qualche difficoltà e poi in Inghilterra è esploso definitivamente. Kluivert ha solo 20 anni e, per caratteristiche e nome, vedrai che in Italia ci rimane poco. Sicuramente è un giocatore più adatto ad altri campionati, ma da qui a dire che è scarso, ce ne passa. Oltretutto rispetto all’anno scorso ha fatto un miglioramento evidente e se gioca titolare un motivo ci sarà, o Fonseca è rincretinito del tutto?

      • Boh, Salah quando stava con noi l’ho sempre reputato due spanne sopra gli altri pari ruolo del campionato. Partiva da centrocampo (mentre oggi fa l’attaccante “puro”) e ha sempre creato superiorità numerica (forse la capacità più importante su un campo di calcio, non a caso Dzeko con lui al fianco dilagava) grazie alla sua velocità e alle sue doti tecniche. Man mano ha aggiunto al suo repertorio anche un tiro mortifero, rendendo sempre più difficile marcarlo.
        Mai capito chi lo criticava.
        Se proprio devo fare il giochino “rimpiangi un ex”, metto lui al primo e secondo posto e Alisson al terzo.
        Per quanto riguarda Kluivert, ci punto molto perché ricorda un po’ proprio Salah alla sua età e spero migliori come l’egiziano. Daje Justin!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome