Kokçu: “La segnalazione di Totti mi riempie d’orgoglio, con la Roma nessun contatto ufficiale. Occhio a Pellegrini, ha i colpi del campione”

8
921

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Orkun Kokçu, calciatore olandese naturalizzato turco, talento del Feyenoord, 21 anni, 49 presenze stagionali, 9 gol e 9 assist, parla oggi a Il Messaggero (S. Boldrini).

Il centrocampista fu segnalato alla Roma da Francesco Totti la scorsa estate e in Italia è l’agenzia dell’ex capitano giallorosso, la CT10 Management, che si occupa di lui.

Qual è la verità di questa storia?
La scorsa estate, quando la Turchia giocò contro l’Italia la gara degli europei all’Olimpico, mio padre venne a Roma perché c’erano stati dei rumors e voleva approfondire la cosa. La segnalazione di Totti mi riempì d’orgoglio. Parliamo di un ex calciatore conosciuto in tutto il mondo. Totti era un fuoriclasse e godere della sua considerazione è un riconoscimento enorme. Credo che con la Roma non ci siano però stati contatti ufficiali. Mio padre non incontrò alcun dirigente del club.

Lei voleva cambiare aria?
Non ero completamente soddisfatto della situazione e quindi mi stavo guardando intorno. Devo dire che con il nuovo allenatore le cose sono migliorate. Ho vissuto una stagione importante e ora c’è questa finale di Conference proprio contro la Roma. La vita talvolta è bizzarra.

Lei è nato a Haarlem, ma la sua famiglia è turca e suo fratello gioca nel Giresunspor: come concilia l’Olanda con le origini?
Sono cresciuto in uno schema culturale nordeuropeo, ma a casa si è sempre respirata aria di Turchia. Parlo olandese, turco e inglese. Sono un millennial: siamo cittadini nel mondo.

Per questa ragione ha scelto la nazionale turca?
Sinceramente i motivi della mia decisione sono stati due. Il primo è che in Olanda la concorrenza è maggiore e gli spazi minori. Io voglio avere confini più ampi. La seconda è che sono sempre stato orgoglioso delle mie origini.

Nella Turchia gioca Under, ex romanista.
Quando risposi alla prima convocazione in nazionale, legai subito con lui. Siamo stati avversari nella semifinale di Conference: altro incrocio incredibile.

Avete parlato della Roma?
In quel momento avevamo altro per la testa: io la gioia della qualificazione, lui il dispiacere dell’eliminazione.

Il Feyenoord ha dieci giorni di tempo per preparare la finale, mentre la Roma arriverà più stanca: per voi è un bel vantaggio.
Non è detto perché giocare significa stare sul pezzo. Noi dobbiamo fare attenzione a non arrivare troppo rilassati alla gara di Tirana.

Il calciatore della Roma da non perdere di vista nella finale?
Pellegrini. Ha i colpi del campione.

La sua storia al Feyenoord è cambiata con l’allenatore, Arne Slot: perché?
È molto chiaro nelle idee e nei rapporti. Gli piace il calcio offensivo. Il suo punto di riferimento è Guardiola.

Fonte: Il Messaggero

Articolo precedenteAbraham trascina la Roma in Europa
Articolo successivoMaxischermi all’Olimpico, sold out da pazzi: tutto esaurito per la finale che non c’è

8 Commenti

  1. 40 presenze 9 gol 9 assist è da considerare, sarebbe utile veramente nella nostra rosa. Con Maxime Lopez ( se lo acquistiamo…) possono formare un centrocampo devastante… Con Matic centrale…. Tanta roba….

    • ꧁ ℤ𝕖𝕣𝕠 𝕋𝕣𝕠𝕗𝕖𝕚 𝕖 𝕌𝕟 𝕊𝕒𝕔𝕔𝕠 𝕕𝕚 𝕋𝕣𝕠𝕗𝕚𝕖 ꧂

      matic a 7mioni d ingaggio sta bene addo sta 34 anni si aggiunge a mikitharyan 34 ( Gennaio) e Oliveira 30 ( gennaio)
      Maxime Lopez non è da Roma, Kocku 21 anni, costa troppo e ancora deve fare esperienza e di giovani siamo pieni , Bopve e Volpato
      Douglas Luiz è ilprofilo ideale, non prende tanto ed è in scadenza, e gioca in una squadraccia che non vincera mai un ciufolo in premier!
      Centrocampista fisico che morde alle caviglie, gli altri 2 so ballerine alla Pastore!
      a noi servono i cagnacci

    • ….se risponde come nelle interviste è interessante, ma come sempre decide Mou. La cosa migliore che potesse capitarci! Daje Roma, determinati, freddi e spietati!

    • Centrocampo devastante con kuccu comeq si chiama e maxime lopez? E allora Ninja, Pjanic, Strooyman, Keita, Paredes cosa era il crntrocampo degli avengers?

  2. È un buonissimo giocatore, ha visione di gioco, ha passo, è veloce di gamba ed ha un ottimo controllo di palla; forse è un po’ leggerino ed è da abbinare a un centrocampista più strutturato fisicamente. Segnalato da Totti: che aggiungere? Magari fosse! Ecco che aggiungere: come pronunciare il suo nome 😃: non è (traslitterato in italiano) “Coccu”, ma “Cocgiu”
    1 con la “o” pronunciata chiusa mettendo le labbra a cul di gallina
    2 la “g” di “giu” molto strascicata, come la “J” di John…
    3 la “u” una specie di “iu” però con la “u” sempre molto stretta, come prima bocca a cul de gallina…
    Bella lingua il turco 🤢

    • …anche se ti si attorciglia un pochetto la bocca, ho provato a pronunciar il nome come suggerisci tu…😊.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome