Kumbulla, c’è la data del rientro. Smalling verso l’addio a gennaio

38
1300

CALCIOMERCATO ROMA NEWS – “Kumbu is back“. Tammy Abraham celebra così il rientro in gruppo di Marash Kumbulla, in attesa che anche l’attaccante inglese possa tornare ad allenarsi con i compagni (dovrà aspettare i primi mesi del 2024).

L’albanese ieri, seppur parzialmente, ha riassaggiato il sapore dell’allenamento con i compagni, ma è ancora lontano dal rientro tra i convocati. Josè Mourinho dovrà prima aspettare che il difensore recuperi la forma migliore dopo la lunga inattività.

Per questo il suo rientro tra i disponibili è previsto tra circa un mese. Kumbulla potrebbe tornare in panchina per Roma-Napoli del prossimo 23 dicembre, o per Juventus-Roma del 30. Possibile il suo ritorno in campo per Roma-Cremonese di Coppa Italia del 7 gennaio, ma molto dipenderà da come andranno le prossime settimane.

Fatto sta che il rientro dell’albanese servirà a Mourinho per avere finalmente un giocatore da ruotare in difesa vista l’assenza pesante di Smalling. A proposito dell’inglese, il suo ritorno in campo è previsto solo nel 2024 e non è nemmeno detto che Chris torni a vestire la maglia della Roma.

Sui giornali oggi si torna a parlare di un suo addio alla riapertura del mercato invernale: l’Arabia Saudita resta una destinazione non sono possibile ma addirittura probabile, con i giallorossi pronti a trattare la sua eventuale cessione. A quel punto però Tiago Pinto sarà costretto a intervenire pesantemente in entrata, con uno se non due rinforzi per la retroguardia giallorossa.

Fonti: Leggo / Gasport / Corsport / Tuttosport

 

Articolo precedenteMou cambia, Lukaku riposa
Articolo successivoFriedkin senza fretta: per i rinnovi di Mourinho e Pinto si aspettano i risultati

38 Commenti

    • lupo, un conto è essere vegano, un conto è rifiutare un normale antidolorifico… a 4 mln / anno.

      ❤️🧡💛

    • RUDY
      senza togliere niente a chi e vegano che e una scelta e condivisibile in pieno!
      Chi si nutre di solo verdure e non mangia neanche le uova ha mancanza di proprieta nutritive che sicuramente determinano un indebolimento muscolare ecc ecc, e nella mia ignoranza penso che sia molto difficile fare l’atleta professionista ad alti livelli, e mi chiedo perche il buon DIO ci ha creato con i CANINI ?

    • mammamia ancora co sti commenti retrogradi. Djokovic è vegano. Messi ha seguito una dieta vegetale per svariato tempo. E ce ne sono tanti di atleti così. Smalling si infortunava anche prima che diventasse vegano. Poi si parla di canini? Di 28 denti, o addirittura 32, ce ne sono 4 canini e non so manco affilati. Ci sarebbe da scriverne di cose ma sarebbe un papiro, però sempre i soliti commenti a na certa stuccano.
      aggiungo solo…
      Renato Sanches è onnivoro……

    • lupo purtroppo le tue supposizioni non sono det tutto vere. ci sono molte verdure, come ad esempio i legumi, come soia, farro, lenticchie e fagioli che danno proteine. chiaro non hanno lo stesso quantitativo di proteine di una bistecca di bovino o di equino(carne rossa). ma questo non vuol dire che smalling non prenda degli integratori di proteine semplici, per il suo fabbisogno giornaliero ed agonistico. detto questo, solo per informazione sia chiaro, lungi da me il fatto di elevarmi a nutrizionista, dobbiamo anche considerare smalling come un 34enne e i cali fisici é normale che ci siano e che ad alti livelli il recupero sia “lento” . purtroppo non sapendo l’origine del trauma, non sapendo le conseguenze del trauma, non possiamo fare diagnosi. se fosse un problema tendineo o scheletrico ad esempio, al corpo non servono proteine,ma calcio e potassio per rendere piú elastico il tendine o recuperare il tessuto cartilagineo presente nelle giunture (potassio) e per recuperare l’eventuale frattura(calcio).

    • I commenti antidiluviani sono i tuoi Nasty. Renato e’ onnivoro come la stragrandissima maggioranza degli atleti, tant’è che, Smalling a part, voi citate sempre e soltanto Djokovic come campione vegano. Quindi, statisticamente e’ più probabile che sia un onnivoro a infortunarsi più frequentemente. Mi spiego, se ci sono due vegani e uno si infortuna, questo rappresenta il 50% del campione statistico. Adesso, ammettiamo che tra calcio e tennis professionistico ci siano 300.000 atleti, per mantenere le stesse proporzioni ci vorrebbero 150.000 Sanches! Lo so, e’ un discorso spurio e lascia il tempo che trova. Ma al tempo stesso da’ l’idea di come certe boutade – Djokovic e’ vegano ma Sanches e’ onnivoro – siano appunto tali: boutade.

    • Di canini ne abbiamo solo 4 perché e’ il numero che ci basta. Essendo onnivori la nostra dentatura deve servire a differenti funzioni, come il maciullare le verdure, lo sgranocchiare noci e altri alimenti di una certa consistenza, rosicchiare ossa, strappare/maciullare la carne. In parole povere, la nostra dentatura deve essere un misto tra quella dei carnivori e quella degli erbivori. Inoltre, i nostri canini non sono più cosi’ affilati perché da 2 milioni di anni abbaiamo scoperto il fuoco e quindi la carne la cuciniamo, rendendola più morbida.
      Chiunque abbia una piccolissima infarinatura di darwinismo e di evoluzione della specie, eviterebbe discorsi cosi’ insulsi. Siamo quel che siamo perché ci siamo evoluti in questa maniera, adattandoci all’ambiente. Non abbiamo niente in meno di quello che ci serve. Forse qualcosina in più, come le tonsille o il coccige, retaggio di quando avevamo la coda.
      Vale, per quanto riguarda le proteine, 2 osservazioni: 1. quelle animali sono dette complete o nobili in quanto hanno tutti i 20 amminoacidi necessari all’organismo; 2. per ottenere lo stesso apporto proteico bisognerebbe ingerire una quantità sostanziale di legumi e questo comporta anche una flatulenza che alla fine danneggia reni e fegato.

    • Il legame statistico tra infortuni ed essere vegano è una st..ta.
      Chiamiamo le cose come sono, come diceva il buon Funari..
      La Roma vuole ridurre gli stipendi eliminando Smalling che prende 3,8, infortunato da diversi mesi, il cui cartellino è ormai ammortizzato e da cui può ricavare una plusvalenza per il bilancio.
      Sanches, che è ugualmente infortunato per il medesimo periodo, è in prestito e non ricaverebbe nulla in caso di restituzione del pacco al PSG (solo una riduzione del monte ingaggi).
      In ogni caso la sostituzione di Smalling con un giocatore valido non è in programma ed al massimo sarà il rientro di Kumbulla..
      però continuiamo a dare la colpa a Mourinho se non arriviamo in Champions..

    • De Brutto Gallico, se ti riferisci alle mie “statistiche”, you are barking up the wrong tree, – chiedo venia la fan del broccolaro per il mio risibile inglese – e comunque arrivi in ritardo in quanto io ho gia’ detto: Lo so, e’ un discorso spurio e lascia il tempo che trova. Ma al tempo stesso da’ l’idea di come certe boutade – Djokovic e’ vegano ma Sanches e’ onnivoro – siano appunto tali: boutade.
      Sorry.

    • chiaro Stingray infatti ho continuato dicendo che molto probabilmente prende degli integratori di proteine semplici (a base di pollo o uova) per il fabbisogno proteico giornaliero fisico/agonistico

    • Ma che je frega?
      Lo pagano con gli spicci della tasca sinistra, aggiungono un’altra figurina, e so’ contenti….

    • bravo….ma sono tutti convinti che essere vegano è un problema.Nel mondo ci sono vegani che giocano a rugby….e poi Smalling ha giocato ad alto livello fino a 34 anni….ha solo problemi di usura e un età critica per un calciatore non portiere.Poi la tendinite cronica è un problema diffuso anche tra chi va a bistecche…..basta informarsi e non portare il proprio cervello all’ammasso di giornalai qualsiasi.

  1. è da cacciare subito…la fine del mese ci va a prendere lo stipendio il sig. vegano….stupidi sono quelli della roma che non gli abbassano lo stipendio…comunque cacciarlo via subito…insieme a sanches

    • so d’accordo con te grande Kawa. Poi gli utenti che per mesi hanno commentato a vanvera li voglio qui a ripetere le stesse baggianate

    • ciao Kawa…..esatto….facciamo un comitato contro chi tenta di portare sfiga e contro l’ignoranza delle cose che non si conoscono….

  2. Scusate ma sto Kumbulla chi è?
    Torna Kumbulla come se fosse maradona, mi ricordo le sue prestazioni ed inoltre torna da un infortunio, la speranza è recuperare smalling.

  3. L uomo è un superpredatore carnivoro.. la smettessero con ste fesserie. Non digeriamo la verdura ( che ci attraversa tranquillamente, e parliamo di “fibre” con orgoglio senza sapere cosa rappresentano per il nostro corpo in realtà: semplicemente scarto non assimilabile). Per digerire il grano ci mettiamo 5 ore, per digerire una bistecca meno di un ora. L HS per centinaia di migliaia di anni ha mangiato solo carne, questo dicono le ultime scoperte in antropologia. Il nostro sistema digerente è perfetto per l assimilazione delle proteine animali.
    Siamo un evoluzione tipicamente carnivora di un primate originariamente frugivoro. Nel lago Vittoria in Africa ci sono pesci al 99,3% identici geneticamente, alcuni sono carnivori, altri no. Alcuni mangiano insetti, altri altri pesci, altri alghe e basta. Gli studi di genetica stanno dimostrando cose inaspettate. Alcuni però continuano a ragionare come l Homo Troglodytes ( che non è altro che lo schimpanze’ , al 98,4% geneticamente identico a noi). L evoluzione è in realtà semplicemente questo: due individui praticamente identici ma uno carnivoro e uno no… la similianza genetica non determina similianza di comportamento.

    • poi consiglierei di informarsi bene sul mondo degli integratori che in tantissimi casi non sono una moda ma un enorme aiuto sia in patologia che in sussidio metabolico.

  4. Non so ma una persona che conosco parlava due mesi fa che Kumbulla lo scorso Marzo si stava già lavorando per la sua cessione (poco più di 1 mese prima dell’infortunio grave), e c’era la possibilità di uno scambio con un conguaglio pagato da noi non ben specificato con il Toro per Schuurs, ma che l’infortunio poi di Kumbulla ha fatto tramontare l’intera trattativa sul nascere, essendo Kumbulla un pupillo di Juric che avrebbe ben riaccolto il difensore albanese. Schuurs la stagione scorsa è stato dopo KIM per gran parte del campionato, il secondo migliore difensore per rendimento e sembrava dover essere ceduto la scorsa estate in Premier League.

  5. smalling, meglio cosi’. 34 anni e se gioca , ci fa pure prndere gol. via senza rimpianti, nelle condizioni attuali.

    fuori tema:
    cento anni fa la carne la mangiavano solo i signori. chi era ricco .
    non me pare che so morti a carrettate . si campava uguale. la carne fa male. va mangiata con attenzione. no, a fare i clown alle bisteccherie , tipo gringos delle pampas con i muggiti alla radio. poveri animali.
    sono vegetariano da anni.

  6. Le scelte personali oggi influenzano gli altri .
    Le scelte cosiddette condivisibili influenzano gli altri. Prendi una scelta per te stesso che non influenzi gli altri ed invece diventa una prepotenza per chi la subisce indirettamente. Questo vale per tutto se non vuoi lavorare il pomeriggio per esigenze personali non puoi mettere in crisi un reparto di lavoro, se non vuoi mangiare un alimento non puoi lamentarti col vicino di tavolo, se non vuoi vaccinarti non puoi consigliare di non vaccinarsi e così via
    Tutto e’ condivisibile basta che non rientri nella sfera altrui sennò diventa tollerabile ed è molto differente, ma, oggi viviamo al contrario.

  7. non fa male la carne, ma gli allevamenti intensivi la rendono un alimento poco sano… le vacche dovrebbero pascolare… luomo è un animale onnivoro quando è arrivato sulla terra mangiava tutto tranne i carboidrati come li intendiamo oggi…

    • la mia e’ soprattutto scelta etica . molti animali hanno piu’ cervello di chi schiaccia i bottoni per fare la guerra

  8. Tutte chiacchiere sul vegano, la realta’ e che Smalling andra a prendere una barca di soldi in A.Saudita e si sta’ tirando indietro per paura di farsi male e perdere l’lultimo ricco autobus.
    spero stiano pensando a sostituzione adeguata . se lsperiamo in Ndicka e Kumbulla stiamo freschi .

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome