La cura Mou per rilanciare Zaniolo

63
1696

AS ROMA NEWS – All’indomani della bella vittoria nel derby i fari si spostano dalla prestazione convincente della squadra giallorossa all’esclusione di Zaniolo dall’undici titolare, una scelta che si è rivelata vincente da parte di Mourinho.

L’allenatore ne ha parlato al termine della partita: “È stato fatto un cambio significativo nella nostra struttura offensiva e difensiva. Un cambio su cui scherzavo prima della partita e ho detto a Tiago Pinto ‘Se vinciamo siamo tutti fenomeni e stanno tutti zitti, se perdiamo tutti i fenomeni festeggiano’”.

La mossa del doppio trequartista è stata vincente. Certo, una rondine non fa primavera e non è detto che questa nuova formula possa essere la panacea di tutti i problemi vissuti in stagione dalla Roma. Ma il 3-4-2-1 sembra dare più copertura a centrocampo e una migliore assistenza a Abraham, che dunque risulta essere più efficace in area avversaria.

Chi però parla oggi di un caso Zaniolo vuole solo creare l’ennesima polemica che non esiste dentro la Roma. Mou sta riuscendo a compattare il gruppo, motivando i suoi calciatori con scelte coraggiose che si stanno rivelando vincenti. Una panchina per Zaniolo, alle prese con un recupero non facilissimo, non è di certo la fine del mondo.

Anzi, l’obiettivo dello Special One è riuscire a tirare fuori il meglio dal suo gioiello. Nicolò deve ancora raggiungere l’apice della sua forma, e quest’anno ha alternato prestazioni di ottimo livello ad altre decisamente più modeste. Tutto normale: non si recupera dalla rottura di due crociati in un batter di ciglia.

Anche dal punto di vista mentale, qualche panchina serve al ragazzo a trovare la giusta motivazione una volta schierato in campo. La gestione sapiente di Mou dunque può solo aiutare il ragazzo a tornare molto presto protagonista in giallorosso. L’abbondanza di scelte in rosa non può mai essere un problema per la Roma, ma solo una grande risorsa da cui attingere.

Giallorossi.net – A. Fiorini

Articolo precedenteCristante l’insostituibile. Ma per l’estate è in arrivo il grande regista
Articolo successivoABRAHAM: “All’inizio pensavo che la Roma non facesse per me, poi me ne sono innamorato. Quando indossi quella maglia rappresenti la città”

63 Commenti

  1. Adattarsi e spiazzare gli avversari con cambi dimodulo che non ti aspetti e risultano vincenti!
    Mi ricordo in un derby Ranieri fece fuori i 2 capitani e si creo anche un caso inutile, e vincemmo anche quelli, cosa che pero non accadde con er Ciuffolo e EDF, essendo 2 fautori del tik tok dei noantri non si spostavano dal loro 433 sterile e deleterio a costo di schiaffare gente a fare i tornanti e cristante a fare il centrale di difesa.

    L allenatore fa la differenza e come se la fa!

    • Hai la memoria evidentemente corta, perché pure gli altri due hanno cambiato eccome modulo, alla ricerca di quell’equilibrio che ormai non si trova da oltre tre anni.
      Devo ricordarti come eravamo schiarati in quel Roma – Barcellona oppure a Liverpool, dove andò molto meno bene?
      Oppure che anche Fonseca già a metà della prima stagione passò stabilmente alla difesa a tre che pure Mou alla fine ha dovuto rassegnarsi a scegliere? E che lui stesso talvolta ha schierato Cristante tra i difensori?
      E’ ovvio che al di là del modulo le filosofie tra i tre siano differenti, coi primi due che privilegiavano comunque il possesso palla, mentre a Mou di questo frega relativamente poco.
      Ma a cambiare ci hanno provato tutti e tre. E per il momento gli esiti non sono stati ancora brillanti. Direi che ci vuole anche altro.

    • Io mi ricordo che erano fissati a fa i santoni coi piedi invertiti, sempre con 3 davanti 18 trequartisti 50 esterni e zero richieste sul mercato per il regista che manca da 4 anni…

    • Quello che è stato in passato lo sappiamo, ma hanno pagato sempre gli allenatori, non ultimo “piccolo uomo” ma MOU non è così, MOU può darti quello che non hai, per il tuo bene e per un futuro, fino, alla fine di ogni carriera.

    • … c’è ‘npo’ de pioggerellina, ancora è robbetta de poco conto, ma cresce cresce anche se finora se sente il tuono ma non se vede il lampo.

  2. Spero che quanto scrive Fiorini corrisponda davvero alle intenzioni e ai propositi di Mourinho. Come era prevedibile, già da tempo erano partite le campagne denigratorie nei confronti di Zaniolo da parte delle truppe cammellate formate da improbabili personaggi accomunati dalla presunzione di essere dei grandi competenti di calcio, ed ecco che uno paragona Nicolò ad Iturbe, un altro tenta di dimostrare che Shomorudov sia migliore, altri ancora gli rinfacciano di aver preso lo stipendio quando non poteva giocare per i crociati rotti. Sulla miseria di queste posizioni non vale la pena di soffermarsi. Quello che importa è il recupero pieno e completo di un grande giocatore che può dare – e sono certo che lo farà – un contributo straordinario alla nostra Roma.

    • Shomurodov è migliore di Zaniolo di oggi. Non ho dubbi. Detto questo, se fossi juventino e mi proponessero Zaniolo per Dybala andrei sotto la sede a protestare

  3. Ecco la funzionalità ad un progetto tecnico rispetto ai nomi altisonanti intoccabili! Dove fare giocare Zaniolo? Qual è il ruolo di Zaniolo? Boh. Ma soprattutto se parte Zaniolo quanto incassa la Roma e soprattutto chi arriva per sostituirlo? Ecco il.vero problema. Mettere zaniolo largo a destra? Seconda punta? Centrocampista centrale come incursore? La vera domanda non è Zaniolo si o Zaniolo no, ma dove farlo giocare per farlo rendere al meglio ed essere devastante vista la prestanza fisica e tecnica. Uno zaniolo così non serve né alla Roma né a lui credo.

    • Hai colto nel centro! La questione è dove schierare uno come Zaniolo, un ragazzo che ha tecnica e forza fuori dal comune, ma è difficile collocarlo in una posizione in cui possa esprimerlo. Sono sicuro che Mourinho possa aiutarlo a capire la sua collocazione in campo.

    • se si vuole adottare il 3-4-2-1 direi Zaniolo sulla trequarti e Pellegrini a centrocampo.
      Zaniolo come seconda punta si perde e spalle alla porta non è efficace.

  4. E tu vedi come se scatenano i pennivendoli giornalai de noantri su sta cosa. È cominciata la saga del Nicolò perduto. Sentirai tutti sti gran esperti de calcio e de psicologia che razza di pressione cominceranno a montare sul ragazzo pur di non farlo stare tranquillo e di conseguenza di non farlo giocare tranquillo con il risultato che il suo rendimento sarà……….

    • Ma poi la parola “crisi” o “fallimento” per quanto riguarda la stagione di Zaniolo io continuo a dire che mi sembra sbagliatissima. Continuo a parlare di “discontinuità”, questo sì, ma tutto ciò è in linea con la stagione della Roma, tutta intera, non solo di Zaniolo. Zaniolo è il giocatore che ultimamente fa una gran partita contro l’Atalanta, contro lo Spezia gioca molto bene (apertura per Veretout con cambio di gioco sontuoso, occasione poi divorata da Veretout; o tiro a botta sicura salvato dal difensore dello Spezia, infine rigore da lui procurato), col Genoa aveva fatto un gran gol, valido, annullato dal clan Abisso-Nasca, e all’andata col Vitesse ha fatto una partita di sostanza e di sacrificio, anche in fase difensiva. Gioca male con Udinese e Verona, ma mi dite chi le ha giocate “bene” quelle partite? Prestazioni, dunque, in linea con quelle della squadra, direi anzi fin troppo “in linea”, nel senso che Zaniolo non riesce a cambiarti il mood della partita se questa butta male, o non riesce a farlo spessissimo. Non è ancora quel giocatore “decisivo” che tutti speravamo (e speriamo) diventasse quest’anno. Ma il fatto che non lo sia diventato ancora, in questa Roma… intermittente, non vuol dire che non lo diventerà. Darlo alla Juventus sarebbe un errore, ma sono convinto che questa presidenza e questo allenatore non ragionano così, specie se il finale di stagione sarà positivo. Inoltre Zaniolo non c’è costato praticamente nulla, non pesa a bilancio se non come ingaggio (ma non mi sembra il solo, alla Roma) e penso che prima di liberarci di Zaniolo, gli indiziati a lasciare Trigoria sono altri: Veretout, Ibanez, Carles Perez, probabilmente El Sharawy ecc. Dalle cessioni di quelli che sono diventati esuberi o quasi si può ricavare una cifra interessante, non così lontana da quel che, oggi, vale Zaniolo. Insomma la cessione di Zaniolo francamente non la vedo, e chi alimenta questa fola è la solita stampa caciarona e inattendibile, che ben conosciamo. Quella che aveva dato per “certo” l’imminente arrivo di Sarri a Trigoria… Poi vabbe’, c’è chi a tutto ciò ci crede o vuole crederci, ma questo è un altro (triste) discorso.

  5. OT, la Roma di Mou (se non sbaglio) è in Serie positiva da 9 giornate, circa un quarto di campionato: 5 vittorie e 4 pareggi per 19 punti; media 2,11 punti a partita, proiezione 80,22 punti su 38 partite, cioè è già una media che darebbe il podio nel prossimo campionato.

  6. Stiamo mentendo a noi stessi dicendo che ci vuole solo tempo.
    Macchinoso nei movimenti, testa spesso bassa, tecnica poco sopra la media, nervoso. Non esiste che possa sfondare come ala o trequartista o mezzala.
    Con questo non dico che sia da buttare perché comunque ha una buona velocità, buon tiro, forza fisica, potrebbe essere anche una minaccia aerea se ne avesse l’occasione vista la stazza.
    Sarei curioso di vederlo punta quando c’è da far rifiatare Abraham, se fallisce anche lì lo venderei senza tanti rimpianti.

    • Non è nessuno , oggi. Abbiamo avuto tanti di questi fuochi di paglia. Destro , eterno incompiuto poi Iturbe na sega conclamata. Quali grandi doti avete visto ? Abraham è stato pagato come un ottimo giocatore e lo stato dimostrando. Quest anno compie 23 anni e bisogna che cominci a far vedere qualcosa . Ho visto gente molto più talentuosa di lui ( Balotelli, Adriano) finire miseramente

    • Davide guarda che zaniolo non è un buon giocatore come tu lo vuoi descrivere questo è uno che fa la partita anche quando gioca male lui si porta dietro 3 difensori e da profondità alla squadra perché per fermarlo sono costretti sistematicamente a fare fallo e quanti falli su di lui non vengono fischiati,te lo dico io il 70%.poi dimentichi che ha subito 2 crociati

    • stai mentendo a te stesso se pensi di essere uno competente.
      Bersaglio fisso su un giocatore della Roma (una volta tocca a Pellegrni, un’altra Cristante se possibile ci mettiamo il primo che non sia sugli scudi), argomentazioni fuori misura e acredine da vendere.
      Sei un allenatore di bambini che non ha mai vinto ?
      Un giocatore montato dai genitori che non ha sfondato ?
      Forse semplicemente un disturbatore al servizio di qualcuno che vuole comprare il giocatore di turno ad un prezzo ribassato.
      Certamente non un tifoso della Roma.

    • Balotelli e Adriano più talentuosi di Zaniolo? Non dimenticare Annoni e Musiello

  7. Ce pensa Mourinho il ragazxo sncora oggi non riesce ad apportare migliorie alla causa anzi se vogliamo dirla tutta é pou un problema ogni volta che scende in campo perché si incaponisce fa perdere tempo sempre un tempo di gioco alla dquadra percio per rivedere il ragazxo a livelli che gli competono lasciamo lavorare il mistet meglio di lui non ce né per la cura Zaniolo

  8. Se Zaniolo torna ad essere Zanioroc lo vedremo solo dopo la pausa estiva….il prossimo anno

    E Mou lo farà andare a Mille

    Daje Nicolò

  9. L’abbondanza di scelte in rosa non può mai essere un problema per la Roma, ma solo una grande risorsa da cui attingere.

    👏👏👏👏👏👏👏👏

    Andiamo a vedere che razza di panchina avevamo noi nel derby e quella misera che avevano loro.

    La Roma è una grande squadra per chi non l’avesse ancora capito

  10. Giusto così, l’allenatore deve essere libero di scegliere chi mandare in campo. Inutile inventare stupidaggini per ogni scelta. Mi pare che Zaniolo abbia giocato parecchio peraltro (e anche bene in certe partite complesse…vedi Roma Atalanta e Atalanta Roma…). Zaniolo non si tocca. Forza Roma

  11. Tutte le grandi squadre hanno un grande giocatore in panchina. E anche più di uno.

    Noi abbiamo avuto Montella, se non ricordo male (quando eravamo grandi…).

    Ciao a tutti 😊.

  12. A 23 anni Due crociati rotti in 9 mesi ed un fisico ricostruito con enorme incremento muscolare atto a sorreggere gli arti infortunati. Primo effettivo campionato da titolare. Ci vuole pazienza così come ce ne vorrà con Spinazzola. Ma da qui a dire che ha poca tecnica..ricordo ancora il primo gol in serie al sassuolo, il gol alla spal, quello strappo con la juve per il gol di perotti..ma forse sono io, che stravedo per lui. Da vendere solo se sarà lui a chiederlo, ma il prezzo la farà la Roma.

    • Ciao Aldo,
      i giocatori non chiedono di andarsene dalla Roma..!!
      È la società che fa le sue valutazioni e di conseguenza effettua le scelte..🤷
      Iniziamo a rispondere dente x dente, come insegnano quelli “strisciati..”
      💪🧡❤️

    • Ciao AndreaVe , quando intendo il giocatore mi riferisco al suo procuratore/ entourage. È chiaro che se ha in mano un offerta della juve di 6 e tu gli offri 3 + bonus ( numeri a caso) , te ne chiede almeno 5 perché anche se qui si trova bene lì già sa che competera’ per vincere invece che per piazzarsi al 4° posto. E questa sostanziale differenza l’ annulli solo con i soldi.

  13. Mazzone lo fece con un certo Totti , c’è voluta pazienza ed i risultati si sono visti….se Mou lo sta facendo con Zaniolo evidentemente è giusto…..il ragazzo per me deve ritornare sulla terra solo cosi può diventare devastante come lo era i primi anni.

    • gio, sono d’accordo. Credo che l’aspetto psicologico (la paura) e quello caratteriale siano o possano essere bloccanti per Zaniolo. Per aspetto caratteriale intendo di un ragazzo giovanissimo balzato agli onori e considerato quasi un idolo, osannato da allenatori e tifosi, portato subito in nazionale e all’improvviso, causa due tremendi infortuni, ritornato un giocatore qualsiasi. Montarsi la testa è possibile in tutti figuriamoci per un ragazzino arrivato, forse troppo presto, alla fama. Quindi concordo che il grosso lavoro deve farlo per ritornare tra gli umani.

  14. Tammy unica punta poi in supporto due tra:Miki, Pellegrini e Zaniolo a secondo l’impegno tattico e per rifiatare, daje!

  15. Il punto è proprio quello.
    Ci sono partite dove hai un avversario che soffrirà maledettamente un ariete alla Zaniolo, altre partite in cui l’avversario può tamponare l’ariete ma va in difficoltà se Miki e Pellegrini fanno il flipper lì davanti. È quindi molto positivo avere calciatori forti che ti consentono di cambiare in questo modo.
    Zaniolo è ancora giovane, ha due infortuni molto gravi alle spalle, ma ha tempo e la fiducia del mister, che lo ha sempre difeso. Non sono minimamente preoccupato per lui, né per le insistenti voci gazzettare che abbaiano alla cessione.

  16. Siamo vicini allo snodo finale della Conference, dobbiamo mettere in campo tutto quanto di buono disponibile, non è il momento di pensare alla programmazione.
    E’ adesso che sarebbe servito Spinazzola, ma la sua situazione è ancora incerta: occorre necessariamente recuperare Zaniolo. Se torna in forma in questi ultimi due mesi può essere decisivo.

    • …e secondo me hai fatto bene a ricordarlo, gianlux: con Spinazzola in campo avrei pensato che potevamo solo perderla, la coppa. Senza di lui, invece, dovremo vincerla.

  17. Io sono un poco meno preparato del mister perciò lascio fare a lui anche per quanto riguarda zaniolo. Se poi il ragazzo si offende per una panchina il problema è suo dato che il calcio è un gioco di squadra guidata da un allenatore

  18. Considerate le doti che ha, alzi una mano (o, come sempre, un tentacolo) chi ritiene che Zaniolo non vada aspettato.
    Oltretutto ho idea che Mourinho, che ama le sfide, sia parecchio intrigato dall’idea di recuperarlo alla causa e farne uno dei protagonisti.
    Ciò non toglie che me ne farei una ragione se invece la Società decidesse di cederlo per sistemare i ruoli in cui siamo più carenti. In tale ipotesi, ovviamente, tutto starebbe in quanto lo si valuterebbe e in chi si prenderebbe.

  19. Si vocifera che l’Entourage di Zaniolo sia incaz….to nero per il suo non utilizzo nel derby, ma la cosa fondamentale in ogni caso e che la Roma ha dimostrato di poter vincere anche senza di lui,e questo può aprire molti scenari per il futuro…
    Continuo a pensare che con Zaniolo la Roma ha in mano come un jolly da giocarsi per arrivare a un forte regista che farebbe fare il salto di qualità a questa squadra cosa che lui secondo me non può fare,altrimenti teniamoci Zaniolo con tutti i suoi alti e bassi,le sue squalifiche i suoi gossip,e la sua non ben identificata posizione in campo.In effetti vedendo la partita domenica nessuno si e’accorto della sua assenza, e chissà se con lui avremmo ottenuto lo stesso risultato….secondo me Mourinho e’ in difficoltà a trovargli una posizione in campo,e se trova la formazione giusta conoscendo Mourinho,Zaniolo si vedrà parecchie partite dalla panchina…

  20. Sono d’accordo.
    La squadra non deve girare intorno a lui.
    La squadra deve funzionare da sola e lui deve essere l’arma in più.
    Sono certo che Mourinho l’ha capito e adesso risolverà pure questa, come le sta piano piano risolvendo tutte.
    Saremo fortissimi l’anno prossimo, non ho nessun dubbio.

  21. Non so se nascono da questioni di motivazione, le prestazioni deludenti di Zaniolo ultimamente.
    Rispetto al giocatore che conoscevamo prima degli infortuni, mi sembra che sia molto irrobustito fisicamente, e ci sta, per via di tutto il lavoro che ha dovuto fare per rinforzare la muscolatura a protezione dell’articolazione. Questo comporta minore agilità e una specie di sfasamento mente/corpo. Cioè la mente del giocatore dice al corpo di fare quello che nella vita precedente sapeva fare e il corpo reagisce più lentamente, perdendo istanti preziosi.
    A poco a poco le due condizioni tenderanno a riallinearsi. Sarà un giocatore leggermente diverso da prima.

    Un altro aspetto è che mi sembra abbia paura. Di saltare l’uomo. Di fare quei movimenti rapidi necessari per anticipare il difensore. Movimenti che comportano bruschi cambi di direzione e quindi sollecitazione sulle articolazioni.
    Il risultato è che invece di provare a eludere la marcatura lui la cerca, il che lo porta regolarmente a fare o subire fallo, o comunque rallentare l’azione.

    Questo purtroppo è difficile da affrontare se giochi come punta e ricevi spesso il pallone spalle alla porta, con il marcatore o il raddoppio addosso.

    Qui deve aiutarlo Mourinho. Trovargli una posizione in campo che gli permetta di respirare e riprendere fiducia nel suo corpo.

    Il grande giocatore i falli avversari li elude.

    • Complimenti, hai fatto un’analisi lucidissima e completa secondo me. Aggiungo solo che a tratti quella prontezza di riflessi l’ha dimostrata, vedi ad esempio le due partite contro l’Atalanta e anche ad Empoli. Quindi nelle corde ce l’ha.
      Tante altre volte sembra invece che cerchi la collisione col difensore. Ricordo però che anche Totti a un certo punto della sua carriera cadde nello stesso loop mentale, per poi uscirne alla grande togliendo agli avversari la possibilità di fargli fallo, se non in modo eclatante.
      Per cui confido che ce la possa fare anche lui.

    • UB40 è vero. C’è stato un momento in cui Totti ebbe questa involuzione.
      Ma secondo me oltre giocare e stare tranquillo, potrebbe essere aiutato anche dalla posizione in campo. Però in questo senso la composizione della rosa della Roma non aiuta.

      Mourinho ha fatto giocare la Roma con un 3421 con Pellegrini e Mhikitaryan i due dietro la punta, però sia Pellegrini che Mhikiryan, anche se non sono rubapalloni, riescono comunque a giocare anche un po’ in interdizione, specie leggendo le linee di passaggio.
      Perché in fase difensiva, quando diventa un 541 i due davanti tornano e coprono.
      Zaniolo può fare questo lavoro?
      Perché sarebbe la sua posizione ideale, secondo me, per la fase offensiva, ma non vorrei che poi ci trovassimo scoperti dietro.

      Con Pellegrini e Mhki siamo, mi pare, più equilibrati.

      Ma tanto prima o poi lo vedremo in questa posizione. Secondo me è la sua evoluzione naturale.

    • …azz! Sembra che Nicolò lo stai seguendo da anni, in campo. Vivi a Milano e andavi a vedere la Primavera a striscie? No perché a me mi sembra che, tolti pure i quasi 2 anni di infortunio, ha iniziato praticamente adesso, a giocare nella Roma…

    • …lo “state seguendo da anni”, volevo dire. Vi voglio bene, eh? 😉…

    • No. Non mi ricordo di averlo visto giocare nella primavera dell’Inter contro la Roma. Può darsi ma onestamente non lo ricordo. Però mi ha colpito fin dal suo esordio (contro il Real, con Di Francesco, nel 2018) per la personalità di esordire al Santiago Bernabeu facendo le sue giocate.
      Per cui è stato naturale seguirlo con attenzione nelle partite successive. C’ stata tutta la stagione 18/19 e metà 19/20. Si è fatto male a gennaio 2020.
      Un’idea del giocatore prima e dopo te la fai.

    • Anche io lo seguo dal suo esordio contro il Real, nel quale mi colpì al punto di sbilanciarmi subito sul suo futuro, cosa che non faccio praticamente mai coi ragazzi.
      Per quanto riguarda il ruolo, che non è al momento comunque il principale problema di Niccolò, anche io avrei grande curiosità di vederlo di più in mezzo al campo, con la possibilità di partire senza l’assillo della marcatura di un difensore di professione.
      Oltretutto il suo fisico ha subito una trasformazione che gli ha fatto guadagnare in potenza ma inevitabilmente pagando qualcosa in agilità. Ecco, quei due metri di maggiore libertà per accendere il motore potrebbero sicuramente essere di beneficio per lui.
      Ma probabilmente, e qui concordo ancora con WTF, in questo momento il centrocampo della Roma non è in grado di assorbirne la presenza con qualche rubapalloni di provata affidabilità.

  22. Io voglio avere in rosa almeno 15 giocatori così forti da essere corteggiati tutti i giorni dai gobbi, dalle milanesi, dal Barcellona…è molto peggio avere gente che non ti chiede manco il Venezia, piuttosto che dover resistere agli assalti di squadre importanti. Anche perchè a quel punto, i giocatori avrebbero un motivo vero per restare, più che per passare qua un prepensionamento dorato come accaduto fino ad oggi. Detto questo, credo però che a Zaniolo vada trovato il ruolo giusto dove giocare più tranquillo mentalmente e dove possa esprimere il suo potenziale senza pensare di dover strafare. A volte lo abbiamo visto “egoista”, sia per voglia di rivalsa (ci sta che voglia dimostrare e che voglia spaccare la porta), sia perchè in alcune partite l’unica era prendere palla e andarsene da solo perchè gli altri erano tutti immobili…francamente ancora non ho capito quale sia il ruolo in cui può rendere di più, forse perchè non avendo una rosa equilibrata, a volte la convivenza con Miki e Pellegrini sembra difficoltosa, e non sempre, anzi quasi mai, giochiamo contro squadre che gli lasciano lo spazio per lanciarsi nella sua azione preferita. Di sicuro ha un potenziale enorme, ha quella forza che accende gli spalti e potrebbe diventare una nostra bandiera, più di quanto non lo sia già per alcuni aspetti. Ma si sa che i romantici in questo sport siamo solo noi…

  23. Torno a quello che dicevo a inizio stagione: io neanche mi aspettavo che Zaniolo avrebbe giocato tutte queste partite. Il recupero fisico è andato benissimo, persino meglio di quanto mi attendessi.
    Non è possibile buttare alle spalle due infortuni del genere con un colpo di spugna.
    Niccolò va atteso, non c’è alternativa. Lasciamolo in pace, e fidiamoci della sua gestione da parte del tecnico.
    Venderlo adesso sarebbe un grave errore secondo me. Ovviamente non si può nascondere che ci sia il rischio che Niccolò non torni ai livelli che ci attendiamo.
    Teniamo anche conto però che non dobbiamo ammortizzare nessuna cifra su di lui e sarebbe sicuramente maggiore lo scorno di vederlo tornare ad altissimi livelli con un’altra maglia, soprattutto quella dei carcerati. Altri hanno avuto quasi cinque anni per dimostrare il proprio valore, lui è al primo dopo un drammatico e lungo stop.
    Ovvio poi che i matrimoni si fanno in due, per cui la voglia e la consapevolezza di non poter fare richieste al momento non consone per il rendimento devono esserci anche da parte del giocatore e del suo procuratore.

  24. Lasciamo lavorare Mourinho e Zaniolo in santa pace…. Il mister sa quel che fa…. Fiducia sia al mister che a Zaniolo. Forza Roma Sempre.

  25. Mi ricordo che dopo Atalanta – Roma tutti,a cominciare dai pennivendoli per finire ai tifosi, dicevamo che la coppia Abraham- Zaniolo era devastante e quindi quella giusta…..Adesso leggo invece che Zaniolo non è più buono e va venduto …..

  26. Zaniolo domenica in panchina non mi è sembrato incaxxato per il mancato utilizzo.
    Ad ogni goal è corso ad abbracciare i compagni, era felice.
    Il mancato ingresso negli ultimi minuti io lo ritenevo inutile con il risultato già acquisito, inoltre Zaniolo è diffidato, c’era l’enorme rischio che potesse beccare il giallo a causa di qualche carognata degli sbiaditi, meglio preservarlo per la Samp.

  27. l’esclusione di Zaniolo dal derby è tattica e non tecnica. Penso sia chiaro a tutti quelli che non vogliono innescare polemiche inutili. Poi il ruolo migliore per Zaniolo è esterno alto a destra, in 433, sarebbe perfetto, infatti le prime grandi prestazioni le fece con Di Francesco.
    Il prossimo anno lo vedrei molto bene un 433, con Zaniolo e Mikhitaryan (a cui rinnoverei il contratto per un altro anno) ad assistere sugli esterni Abraham.

    • Mah …. Micky non m i pare abbia lo spunto dell’ala, Zaniolo invece non passando il pallone per ora non lo metterei in campo.
      Insomma esterni alti non mi convincono… poi magari dico una stupidaggine eh.

  28. Ancora questa mattina attacchi vergognosi alla persona e alla famiglia di Zaniolo nella trasmissione “La mattina di Retesport” per chi si definisce romanista. Il complimento più gentile che gli è stato attribuito è che sia un immaturo.
    Spero che le porcherie detto sul suo conto lo rendano più forte caratterialmente, anche Totti subì la stessa sorte non solo dai nordisti e ascari strisciati ma anche da alcuni radical chic romanisti.
    Solo chi da giovane ha subito gravi problemi fisici può capire quanto sia difficile ritornare al top prima nel fisico ma soprattutto nella testa.
    Zaniolo deve ritrovarsi e fatto giocare dove può esprimersi al meglio e questo lo può fare solo Mou.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome