La rinascita del fenomeno Maicon: «Basta movida, sono cambiato»

0
419

maicon

NOTIZIE AS ROMA (Repubblica.it, M. Pinci) – Appena arrivato, qualcuno aveva addirittura parlato di scommessa, quasi avesse ignorato il suo curriculum. Certo però che anche nella migliore delle proprie previsioni estive, difficilmente il ds della Roma Walter Sabatini avrebbe immaginato di avere da subito un Maicon così. Una vera e propria rinascita, quella di Maicon Douglas Sisenando, anni 32: un paio d’anni buttati dopo il triplete con l’Inter, a Roma si è riscoperto campione. Dimenticando i problemi che a Milano giuravano legati a eccessi alcolici. Dalla leggenda milanese di 90 birre in una sera, a 90 minuti a tutta birra sulla fascia della Roma, dove è diventato un intoccabile di Garcia. Merito della sua determinazione: “In passato ho esagerato con la vita notturna, ma quando mio figlio mi ha chiesto perché non giocavo ho capito che dovevo cambiare”, riconosce oggi.

Ma il merito è anche di un personalissimo “angelo custode”: si chiama Francesco Chinnici, a Trigoria per tutti “Franco”, preparatore specializzato nel recupero di infortuni e ripresa del tono muscolare. Soprattutto, un uomo di fiducia di Sabatini: quando nel 2011 scadeva il contratto con il Palermo del preparatore, il d. s. appena arrivato a Roma lo volle con sé. In estate ha affidato a lui la riuscita di un investimento  –  contratto da 3,3 milioni  –  rischioso.
E in fretta Franco Chinnici è diventato anche un fedelissimo di Maicon. Per il brasiliano ha stilato un piano di recupero mirato prima di tutto a smaltire il lieve sovrappeso con cui era arrivato a Roma (23 chili), per poi restituirgli brillantezza fisica con un programma dettagliato, nel privato  –  con una dieta specifica  –  e a Trigoria. Grazie (anche) alle sue cure il Maicon appesantito di luglio a settembre aveva già ritrovato la maglia della Seleçao. E partendo per il Brasile, l’esterno ha voluto  –  e ottenuto  –  che anche Chinnici lo seguisse.

Quasi un rapporto simbiotico con il suo preparatore personale. Già apprezzato anche da Bojan, che due anni fa gli dedicò un tweet sul suo (attivissimo) profilo, definendolo “un krak”, un fenomeno. Come Maicon: lui la Roma l’ha conquistata ad agosto, durante la tournée americana, quando riprese con veemenza Osvaldo (c’è chi racconta di uno scontro quasi fisico) che aveva dimenticato di presentarsi all’allenamento. Quel giorno Garcia ha capito di aver trovato un leader. Forse, la Roma capolista, nasce anche da lì.

Articolo precedenteGarcia in conferenza stampa: «Saremo una squadra differente, ma andremo a Udine per vincere. Gervinho? Spero avremo una buona notizia domani»
Articolo successivoPjanic: «La Roma è in alto perché ha fame. Le mie doti? Lavoro, lavoro, lavoro»

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome