La Roma 2 alla prova del nove

37
641

AS ROMA NEWS I cambi ci saranno. Obbligati. Nonostante l’importanza della partita di oggi, ore 18, al Bluenergy Stadium di Udine. La Roma in campo sarà molto diversa da quella vista nel derby prima e a San Siro poi: tanti titolarissimi dovranno essere “preservati” (cit. De Rossi) in vista delle prossime decisive gare ravvicinate.

Nonostante questo, la squadra è chiamata a vincere su un campo non facile. Il pari del Bologna di ieri sera evidenzia un calo degli emiliani, che stasera potrebbero vedere il proprio vantaggio ridotto a un solo punto dai giallorossi. Ecco perchè la Roma oggi a Udine non può sbagliare. 

Mister De Rossi si è appellato alla squadra parlando di mentalità e di come questa particolare qualità differenzia le squadre di medio livello da quelle top. “Il Real Madrid vince mercoledì e poi lo fa anche la domenica“, il pensiero del tecnico. Oltre alla mentalità vincente, però, lì c’è anche e soprattutto un discorso di qualità della rosa (sterminata) a fare la differenza.

Ed è qui che casca l’asino. La Roma ha dimostrato spesso che, quando la stanchezza e gli acciacchi rende necessario cambiare, le riserve non sono state all’altezza dei titolari. Specie se mancano quei due o tre calciatori indispensabili al gioco della squadra. Per questo oggi De Rossi difficilmente rinuncerà a Pellegrini e Dybala insieme: il capitano dovrebbe essere confermato a centrocampo, mentre la Joya sarà tenuta a riposo in vista del ritorno di Europa League contro il Milan.

Ma i cambi ci saranno, alcuni obbligati: a restare fuori potrebbero essere Mancini, Spinazzola, Paredes, Dybala, El Shaarawy, forse addirittura Lukaku. Se così fosse, oggi a Udine vedremmo in campo una sorta di Roma 2. Un azzardo, reso però necessario dalla situazione contingente.

De Rossi si fida dei suoi calciatori, ma sa che cambiare troppo nell’undici di base può portare la squadra a non esprimersi su buoni livelli: a Lecce, senza gli uomini di maggior qualità in campo, la squadra aveva rischiato di prenderle, uscendo dal Via del Mare con un pareggio immeritato.

L’Udinese, con l’acqua alla gola, giocherà al massimo delle sue possibilità. E se davanti non avrà una Roma al top, il rischio di non riuscire a sfruttare l’occasione di oggi è concreto. Per questo ieri il mister ha voluto lanciare il suo appello ai ragazzi: vietato distrarsi, serve la mentalità da grande. Anche se qualche titolare dovrà rifiatare. Non è il singolo che può farci vincere le partita: conta l’atteggiamento collettivo“. E’ il prossimo (grande) step che De Rossi vuole far fare alla sua Roma.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteSERIE A: il Bologna rallenta ancora, col Monza è 0 a 0. Pareggio a reti bianche anche tra Torino e Juventus
Articolo successivoGiannini: “De Rossi ha cambiato la Roma, con Mourinho i giocatori erano timorosi. Daniele merita il rinnovo”

37 Commenti

    • Purtroppo non c’è alternativa. Giovedi ci giochiamo l’accesso alla quarta semifinale europea consecutiva e topparlo sarebbe un delitto impensabile, soprattutto dopo il risultato positivo dell’andata. In fondo quarto o quinto posto a questo punto non fa differenza, l’Atalanta sta comunque sotto anche ammesso che batta la Fiorentina.
      I migliori non hanno nel fisico 2 partite ogni 3 giorni (ma forse nessuno ce le ha), quindi è obbligatorio fare un ampio turn over.
      Se non si vince oggi non è la fine del mondo. La fine del mondo invece sarebbe uscire giovedì.

  1. Che fine ha fatto Azmoun??sarebbe più che necessario uno come lui oggi..Altrimenti fare una prova con Joao, acerbo ancora ma con molto potenziale.
    Comunque riproporre la stessa squadra (o quasi) che ha vinto a Milano sarebbe la cosa migliore da fare per cercare di ottenere i 3 punti su un campo molto ostico, anche perché giovedì prossimo non dovremmo riproporre la stessa formazione che ha vinto a Milano perché Pioli non si farà sorprendere 2 volte…secondo me la versione “ibrida” DDR la dovrebbe studiare per l EL.
    in ogni caso, Forza Roma per sempre ❤️💛

    • Azmoun arriva ora dall’infortunio, lo danno al rientro tra Roma-Milan e Roma-Bologna.Finora
      ha svolto solo personalizzato, da quel che ricordo io

    • Azmoun è infortunato purtroppo, ma dovrebbe tornare disponibile a breve, quindi per adesso la punta di riserva è Abraham. Pioli potrebbe spostare Leao a destra per cercare di mischiare un po’ le carte, non credo abbia tante altre opzioni. Ci aspettano 7 giorni importantissimi, FORZA ROMA!!

    • Il rientro di Azmoun dalla lesione al flessore subita con la nazionale è previsto a fine mese.

    • @Alweya e LucaB65: calma calma…quando uno ha una vita, lavora ed è sempre in giro per il mondo non sempre ha il tempo di andare a verificare come sta un giocatore e seguirlo giorno per giorno..
      Se per voi e chi vi mette i pollici in su fare una domanda è un reato o viene considerato un’idiozia allora o addirittura mancanza di “fede calcistica”, allora cari miei vi dico tranquillamente che siete leggermente messi male… e ve lo dico senza nessuna acredine, siatene certi.
      poi vedere 40 pollici in su per un commento sarcastico e solo 24, 16 o 10 per persone normali che hanno risposto in modo pacato e costruttivo ne dice lungo su come sia messa male questa società.

  2. Svilar
    Kristensen Ndika Llorente Angelino
    Cristante Pellegrini Bove
    Baldanzi Lukaku ElSha
    p.s.
    il campionato è importante tanto quanto la coppa.

    • cristante nel mezzo, pellegrini mezzala a sx, bove a dx.

      aouar al posto di baldanzi. 💪👍

      ❤️🧡💛

    • io farei rifiatare pellegrini con aouar e paredes con bove per poi farli entrare nel secondo tempo propio al posto di aouar e di cristante paredes, lasciando per 90 Min bove.

    • Cristante è uno che raddoppia in fascia, ha questa finalità. Pellegrini invece è uno che ha sempre voluto gestire il gioco.
      Baldanzi è utile a velocizzare e creare casino nella loro mediana, Aouar fa fatica a fare questo.

    • Celik, che ha giocato poco, è fresco come una rosa: può veramente dare tanto, mi fido di Montella per quanto detto su di lui, finalmente abbiamo un terzino dx decente.
      Non stravolgerei la squadra, se stai bene giochi, se chiedi di riposare, riposi. Siamo nel momento clou del campionato, fra oggi e la prossima giornata, ci giochiamo il 4° posto .

    • @Ginko3; concordo su Celik… giocatore veloce e forte tecnicamente….., ma Mourinho non lo vedeva, come non vedeva Svilar, quanto tempo e punti persi per colpa del bollito.
      DAJE ROMA!

  3. Purtroppo oggi non sarò allo stadio.
    Per la prima volta qui a Udine non sono riuscito a trovare un biglietto 🤬
    E non perché De Rossi abbia fatto sold out anche in trasferta, ma perché oggi il popolo friulano accorrerà in massa per sostenere la squadra in uno stadio che sarà molto più caldo del solito perché il rischio retrocessione è concreto.
    I tifosi dell’Udinese hanno saturato pure il settore curva sud tradizionalmente riservato a noi giallorossi 😩
    Oggi potrebbero essere decisive nel bene o nel male le nostre seconde linee.
    Confido in particolare in una gara di spessore da parte di Baldanzi e Zalewski, oggetto di critiche per la loro gara di Lecce: dimostrate che siete giocatori da Roma!
    Credo infatti che vedremo un discreto turnover.
    De Rossi da persona intelligente qual è non rischierà gli acciaccati (mi risulta più d’uno) con la possibilità di perderli per lungo tempo all’inizio di un filotto di partite una più difficile dell’altra.
    Detto che una vittoria sarebbe fondamentale, se poi oggi uscisse fuori un pareggio non sarebbe comunque un dramma se consideriamo che la capolista Inter qui ha vinto con difficoltà al 95’ solo pochi giorni fa.

    • Sono della tua stessa idea e già l’ho scritto ieri.
      Un pareggio non sarebbe da disprezzare, per i tanti motivi che hai esposto.
      Buona domenica:

    • Non voglio il pareggio perché rischiamo di fare la fine dello scorso anno.
      Ne Europa League ne Campionato.
      Il pareggio avvicinerebbe Atalanta e Napoli con le quali abbiamo lo scontro diretto.
      Io voglio vincere non per avvicinarmi al Bologna ma mantenere la distanza da quelle dietro.
      Devo andare a Bergamo e Napoli e saranno partite durissime se loro stanno a distanza di sorpasso.

    • Asterix bisogna essere realisti.
      Non abbiamo 22 titolari.
      Dopo Udine ci aspettano Milan, Bologna, Napoli, Juve e Atalanta, un ciclo terribile.
      L’Udinese è una squadra molto fisica ed oggi qui ad Udine fa un caldo umido: tradotto, se oggi non corriamo verremo travolti.
      Personalmente credo che un titolare reduce da due gare tirate come derby e Milan, oggi non possa essere a più del 75% delle sue capacità e pure a rischio infortunio.
      Questo significa che chi ha giocato 3 giorni fa rischia seriamente di perdere il duello individuale contro il suo avversario cosa che potrebbe non accadere se giocasse un panchinaro al 100% delle sue capacità.
      Non abbiamo alternative a fare un turnover di almeno 6-7 elementi.

  4. Mi rendo conto che un turnover spinto, soprattutto dopo la prestazione di Lecce, presenta dei rischi, ma anche far giocare 3 partite in una settimana a giocatori con acciacchi noti o comprovata propensione agli infortuni comporterebbe seri pericoli.
    Mandare in campo dal primo minuto giocatori come Dybala o Spina vorrebbe dire correre un serissimo rischio di averli fuori uso giovedì.
    Angelino con i sorci ha giocato molto bene e quindi promette di sostituire Leo senza troppi patemi. Diverso per Dybala, la cui mancanza si fa sempre sentire, ma non resta che sperare che il sostituito, sia questo Tammy o Tommaso, si faccia trovare pronto.
    Poi ci sono giocatori come Celik e El Sha che hanno veramente dato tutto a San Siro e che fisiologicamente non possono essere già sul pezzo dopo 3 giorni.
    Infine possiamo sfruttare l’abbondanza e la qualità nel reparto difensori centrali per evitare che Smalling, appena rientrato da una lunga assenza, nonché Mancini, affetto da pubalgia oltre che diffidato, possano finire per non essere disponibili in partite, queste si cruciali come il ritorno di coppa e la sfida diretta col Bologna. Llorente-Ndika danno adeguate garanzie e volendo c’è anche il giovane Hujsen.

  5. DDR insieme al suo eccellente staff ha preparato questo mini ciclo di 6 gare da lecce a bologna che al momento ci vede non aver subito gol ed e’ questo che sta facendo la differenza.

    Chi meglio di loro sa come e chi sara’ da gestire o mettere in campo, la certezza e’ che ognuno di loro e’ pronto per affrontare qualsiasi avversario perche’ e’ in fiducia.

    Il mini ritiro e lo stress dei viaggi evitati hanno aiutato a compattare staff e rosa, l’insieme si consolida facendo gruppo, la parole di DDR in conferenza stampa suonano come un tamburo di guerra la truppa e’ carica, oggi si va in battaglia e chiunque scendera in campo dara’ tutto e anche di piu’, ci si gioca la stagione e la consapevolezza sta nei particolari e DDR di queste cosene ha fatto tesoro le ha imparate dai suoi maestri, Alberto De Rossi, Capello e Lippi.

    Oggi c’e’ solo un risultato 2 fisso !!!
    Poi se il nostro avversario sara’ difficile da superare sono convinto che chi scendera’ in campo lo fara’ dando tutto quello che puo’, gettando il cuore oltre l’ostacolo, d’ora in avanti ogni gara sara’ la partita della stagione, questo deve essere chiaro ad ogni componente della rosa, chiunque sara’ chiamato in causa dovra’ sputare sangue per la maglia della Roma.

    La migliore squadra sara quella che scendera’ in campo perche’ e’ la ROMA 💛❤️

    DAJEEEEE FORZA ROMAAAAAAAA

  6. è ovvio che bisognerebbe vincere sempre ma il bologna deve venire qui all’olimpico. quindi oggi se si pareggia va anche bene. è piu’ importante la sfida di giovedi col milan. lì devi avere la squadra al completo e riposata

  7. Col Milan la partita è tutt’altro che chiusa. Purtroppo si può anche perdere. Oggi però è vietato sbagliatre. Un Lecce Roma due non è consentito. A parte Dybala, Smalling e Spinazzola devono giocare tutti. Se no si mette male.

  8. I 3 punti qui e contro il Bologna sono più importanti dell’Europa League. Sperando comunque di andare in semifinale. Con 5 posti in Champions…comunque questa volta con la Champions servono grandi investimenti: Frimpong, Gyokers, Dalot/Dedic. 3 top players quest’anno e altri 3 l’anno prossimo per costruire la Roma del futuro in attesa dello stadio.

    • Se ragioni così vai contro le idee del mister quando parla di mentalità…. è importante OGGI, è IMPORTANTE GIOVEDÌ, È IMPORTANTE lunedì…. siamo messi “benino”, 🤞🏻tocca approfitta’…

  9. Dybala dovrà per forza riposare… Ma rinunciare insieme a Pellegrini elsha e paredes la vedo dura. In più zalenski ha sprecato tutte le possibilità avute, affidarsi a lui a sinistra dall inizio è un rischio troppo grande, non so invece abraham, de rossi lo vede in allenamento, se può partire dall inizio vedremo, ma io lascerei in panca Dybala, i due centrali, e i due terzini, che hanno buone alternative, sul resto andrei superato, se la roma vince va a – 1 dal Bologna e dal 4 posto

  10. oggi dovrebbero esaltarsi baldanzi e aouar, rimpiazzare i titolari e fare la differenza contro una squadra quasi da retrocessione…..

  11. Considerando che il 5° posto x la Champions sarà realtà, che il Milan non solo arriva ansioso al ritorno di coppa ma ha la spada di damocle del derby la partita seguente, direi che oggi, tra esigenza di preservare gli acciaccati, utilizzo di seconde linee (sperando nella rivalsa degli Zalewski di turno…), un pareggio senza danni fisici, sarebbe cmq un buon risultato.
    Proporrei una soluzione tattica speculare e speculativa, con inserimenti tipo “mordi e fuggi” letali.
    Una sorta di tattica 2.0 che potrebbe tornare utile in alcuni momenti anche dell’imminente partita di coppa…
    Restiamo fiduciosi, convinti e cazzuti!
    FORZA ROMA

  12. Basta che non mette Karsdorp che mi terrorizza ogni volta che lo vedo di fatto ci fa giocare in 10 contro 12, non avendo tutta sta qualità in panchina qualsiasi turnover per noi è sempre pericoloso ma visto il calendario non si può certo pretendere di giocarle tutte con sempre gli stessi giocatori.
    Daje Roma Daje

  13. l’Udinese è una squadra molto fisica, ormai da tempo. Affrontarla con giocatori bassi può essere un grande rischio si se non sono bravissimi ad impostare un gioco prettamente tecnico.

  14. rega x favore non andiamo ad approcciare come a Lecce a Frosinone….x cortesia …cerchiamo di essere lucidi sti 3 punti servono

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome