La Roma affila il suo attacco per la riscossa

29
2009

AS ROMA NEWS – Da Belotti ed El Shaarawy ad Azmoun, Dybala e Lukaku. La Roma si prepara a cambiare volto al suo attacco, con l’ingresso in campo delle sue armi pesanti a partire da domenica prossima contro l’Empoli.

Contro i toscani i tre punti sono d’obbligo e la squadra, dopo un avvio stentato, è obbligata a cambiare passo e a cominciare a inanellare una striscia di vittorie se vuole tornare a respirare l’aria dell’alta classifica.

Empoli, Torino, Genoa, Frosinone, Cagliari e Monza sono le prossime avversarie contro cui i giallorossi si misureranno in campionato: sappiamo bene quanto sia inutile stilare tabelle, ma sulla carta gli scontri non sono proibitivi e la Roma dovrà fare più punti possibile per presentarsi alla sfida contro l’Inter del prossimo 29 ottobre con una classifica molto diversa da quella attuale.

Servirà un altro spirito, un altro furore agonistico, ma anche un’altra Roma in campo: quella vista nelle prime tre giornate è stata una squadra fin troppo modesta sotto ogni aspetto. A Dybala e Lukaku, la coppia da sogno che solo noi possiamo vantare, il compito di prendere per mano la squadra e trascinarla verso la riscossa. A partire da domenica prossima, una partita nella quale la Roma avrà tutto da perdere, perchè per i giallorossi non esisterà altro risultato che la vittoria. 

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedenteVIDEO – Roma, svelate le prime ore di Lukaku in giallorosso: “Questo è ciò che vuoi vivere quando giochi a calcio”
Articolo successivoSettimana chiave: occhi puntati su Lukaku, Renato Sanches e Aouar

29 Commenti

    • Nessuno deve dimenticare che le piccole partono a razzo e a differenza di Inter e Milan, questa realtà si è manifestata nuovamente tra le grandi e le piccole. Detto ciò, credo che ci sia mancato un pizzico di fortuna nelle tre partite giocate. Dobbiamo solo ricordarci che siamo la AS Roma e avere la speranza che i titolari stiano bene per fare bottino pieno con tutte le sei squadre che dobbiamo affrontare e afrlo senza pensare cosa fanno le altre squadre.
      “Sempre Forza Juve”

    • La Roma deve vincerle tutte se vuole puntare alla Champions e nessuna partita è da sottovalutare.
      Piuttosto partiamo sempre con la squadra titolare e pou togliamo i big Dybala e Lukaku a risultato acquisito evitando di attendere sempre il 65 70 per fare le sostituzioni.
      Forza Roma

  1. Non c’è nessuna alternativa , nessuna diversa possibilità. La Roma dovrà prendersi i 3 punti e basta perché stare al 18° posto è uno sbaglio che va corretto subito senza nessun’altra scusa.
    Ma non basterà solo l’Empoli, la Roma è obbligata ad inanellare vittorie se vuole dimostrare di competere per la Champions. Adesso o si fa sul serio o si va alla deriva!

    • Se la Roma ha solo un punto in classifica lo deve alla campagna acquisti effettuata. Friedkin non vuole investire soldi veri nella squadra, solo parametri zero e prestiti. Le squadre si costruiscono poco a poco anche comprando giocatori e contrattando allenatori non carissimi. Si é voluto illudere i tifosi, ma bastava anche organizzare la societá con una lógica cosa che manca totalmente visto gli acquisti realizzati solo buttando soldi, vedi i vari Shomorudov e compagnia!

    • Scusa tanto Gladio, ma perchè non raggiungere la Champions equivarrebbe alla deriva?
      In questi ultimi anni stavamo forse alla deriva?

    • La Roma deve inanellare vittorie X SE STESSA, x il suo NOME, e per il suo appeal NON per la champions… quest ultima è una conseguenza naturale, NON la “noemalita”…

    • Sono tifoso ma anche realista, inutile lamentarsi del mercato di Pinto se poi con il FFP non puoi spendere sul mercato come vuoi se prima non incassi abbastanza soldi per gestire nel complesso tutte le operazioni. Ti serve la Champions per incassare soldi e toglierti da questo impasse ed anche per la tua immagine come AS Roma. I giocatori li compri con i soldi e la Champions è ambita oltre che per il prestigio anche per quello!
      Pinto ha lasciato dei soldi sia per Leonardo che per altre operazioni a Gennaio sperando si concretizzano, è vero è stato un mercato con la cinghia tirata ma se quei giocatori ritroveranno la forma e giocheranno al meglio ci sarà da divertirsi. Io lo spero anche perché altro non posso fare.

  2. Fare iniziare un campionato con il calciomercato ancora aperto e una sosta per la Nazionale dopo tre sole giornate non mi sembra una buonissima idea (ma forse non si poteva fare altro). Questa, però, non può essere una giustificazione per nessuna squadra, Roma compresa. A mio parere.

  3. Mourinho fin quando non capirà che dobbiamo giocare a 4 dietro steremo sempre punto è da capo. Tanto peggio di così in difesa non può andare.

  4. Non ci resta che vincere 💪

    Il nostro obiettivo è quello di fare 18 punti, con Azmoun Dybala Lukaku Sanches Aouar tutto è possibile.

  5. Alla luce delle notizie rigurdo le vicende zozze rubbentine

    tra doping e finanza fraudolenta e ste zozzerie qua

    volevo ricordare agli utenti del forumme che i fan di PALLOTTO

    hanno passato un decennio a insultare TOTTI e Sensi e a dirci che

    “La juventus e’ un modello da imitare”.

    Non dimenticatelo MAI.

  6. Il problema tattico della Roma non è lo schieramento a 3 o a 4 della difesa,come sostengono tanti che non hanno mai dato un calcio al pallone in vita loro,neanche in parrocchietta.
    Il problema è che in tutti e due i casi ci vorrebbero esterni in grado di sfornare qualche cross per Lukaku,Belotti o chi per loro. E’ una carenza cronica che si trascina da anni e che ha visto alternarsi in quei ruoli sconosciuti pedatori men che mediocri , Maitland Niles su tutti.
    Personalmente rimpiango ancora Brunetto Peres che a confronto di quelli che lo hanno sostituito ,mi appare un gigante.

    • E invece caro Zenone, con tutto il rispetto il problema è proprio tutto sulla difesa a 3, perché giocare a 3 dietro comporta un totale modo differente di giocare di tutta la squadra. Bruno Peres giocava in una difesa a 4 infatti.

    • Sono gli schemi di gioco che mancano, secondo me eh. Concordo sul fatto che non abbiamo fenomeni sulle fasce ma se servono i fenomeni per battere l’Empoli qualcosa non torna, non trovi?

    • @ tifo la Roma
      Infatti le squadre finaliste dell’ultima Champions League giocano con la difesa a 3. In linea di massima e salvo eccezioni il City gioca con il 3-2-4-1 mentre l’Inter con il classico 3-5-2, ovvio poi che noi non possiamo paragonarci a squadre del genere però qualche giocatore forte ce l’abbiamo anche noi.

      Secondo me Il problema della Roma sono proprio le fasce, non abbiamo giocatori all’altezza, per capirci meglio ci manca uno come Bruno Conti che saltava l’uomo e pennellava cross a mestiere oppure uno come Del Vecchio che saltava l’uomo e puntava la porta come un disgraziato 😉 Certo poi in difesa come terzini mi vengono in mente nomi come Candela, Panucci, Riise e compagnia bella …però questa è un’altra storia.

    • Ciao Zio Sam, scusa ma il City gioca a 4 dietro, forse sta iniziando a cambiare adesso, ma con quei giocatori va bene tutto. L’Inter ha Di Marco e Dumfries sulle fasce, per non parlare dei centrocampisti, insomma gente funzionale all’impostazione di gioco. Io non dico che uno schema è a prescindere migliore di un altro, dico solo che lo schema deve essere pensato a far rendere i giocatori che hai al meglio. Secondo te i nostri giocatori e nello specifico i terzini stanno dando il meglio? Questa è tutta gente che giocava a 4, la maggior parte delle squadre in Europa gioca a 4, quindi visti i risultati che abbiamo penso sarebbe logico almeno provare a cambiare. Oh, poi sono punti di vista per carità!

  7. Da quando Mourinho siede sulla panchina della Roma mi sembra che solo in un’occasione siamo stati in grado di inanellare tre successi consecutivi in campionato.
    Statisticamente parlando quindi il filotto sembra di difficile realizzazione.
    Si spera (e qui abusiamo fin troppo di questa locuzione) che Lukaku faccia fare il salto di qualità al reperto avanzato, ma i problemi riscontrati nelle altre zone del campo non spariranno con un colpo di bacchetta magica. Né quelli di natura fisica di cui soffrono patologicamente troppi degli elementi in rosa.
    Tante restano le incognite, inclusa quella di un portiere in irreversibile declino fisico.
    Di certo c’è che se usciamo con meno di 14/15 punti da questo ciclo di partite sarà quasi impossibile pensare di inserirsi nella lotta Champions.

  8. Sinceramente non mi illudo, il gioco di Mourinho è quello che è, gli infortuni non mancano mai, d’altronde si viene da settimi posti…il trend è quello

  9. Giocatori che meritano di stare in squadra Ndicka,Mancini,Cristante,Paredes,Aouar,Bove
    Zalewski,Pagano,Lukako altri devono essere venduti Pellegrino,Dybala……….

  10. d accordo con Zenone 🙂
    non voglio far piovere ah ah
    però per la difesa a tre servono altri esterni
    su questo ha ragione.
    ps come vedi se scrivi cose sensate ti seguo 🙂

  11. 6 partite che se si vuole tenere il passo di chi ha come obiettivo i primi 4 posti, dopo un avvio disastroso con un solo punto in 3 partite e che inoltre non sono big match, anche se non è facile è d’obbligo fare 18 punti con un bel filotto di 6 vittorie consecutive.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome