La Roma cala l’asso di coppe

41
2177

AS ROMA NEWS – Alla Roma serve un lampo di Lukaku per avere ragione dello Sheriff e portarsi a casa i primi preziosi tre punti che le permettono di partire con il piede giusto nel suo girone di Europa League. Ma la prestazione offerta non è stata minimamente paragonabile a quella scintillante di qualche giorno fa contro l’Empoli.

La squadra di Mourinho, in tribuna per squalifica, parte col freno a mano tirato: lo Sheriff dimostra subito di non essere una squadra particolarmente temibile, né per qualità dei singoli, ma nemmeno per il ritmo di gioco impresso al match. La Roma, nonostante la presenza di diverse prime linee in campo, sembra adagiarsi sugli allori, con poca intenzione di volersi dannare l’anima per cercare di chiudere subito la pratica.

Ne esce un primo tempo bruttissimo, privo di contenuti tecnici accettabili, con poche occasioni da rete, capitate tutte sul piede di El Shaarawy, apparso decisamente poco brillante oltre che scarsamente efficace in area avversaria. Ma la palla gol più ghiotta la costruiscono i padroni di casa con Ngom Mbekele, che anticipa Karsdorp in area e a botta sicura manda sul palo.

Nel finale di frazione arriva l’episodio fortunato che sembra spianare la strada ai giallorossi: Paredes, subentrato a Renato Sanches dopo appena 28 minuti di gioco per l’ennesimo fastidio muscolare accusato dal portoghese, calcia una punizione in area, la palla viene deviata due volte dai giocatori dello Sheriff e batte l’incolpevole portiere moldavo.

Nella ripresa la Roma, forte del vantaggio, pensa di gestire il match. Ma fa male i calcoli, perchè lo Sheriff trova il gol del pari con Tovar in mischia dopo un angolo dalla destra. Mourinho, scontento, opera i necessari cambi: dentro Spinazzola, Bove ma soprattutto Paulo Dybala, il mister Wolf di questa squadra. L’ingresso in campo della Joya ridà smalto alla lenta e prevedibile manovra offensiva giallorossa, e al primo guizzo dell’argentino arriva il gol partita firmato da Lukaku: decisivo l’assist con il tacco di un Cristante ancora molto convincente. Per il belga diventano 16 le reti realizzate in Europa League nelle ultime 12 partite, nelle quali tra l’altro ha sempre segnato.

Lo Sheriff, modestissimo, non tenta nemmeno una reazione e rischia più volte di capitolare prima con un destro incrociato di Belotti e poi con una conclusione ravvicinata di Cristante, parata miracolosamente da Koval, salvato poi anche dalla traversa. Nel recupero un piccolo brivido con Llorente che con un intervento goffo innesca Talal in area, Svilar deve uscire a valanga rischiando di combinare una frittata, ma fortunatamente l’attaccante dello Sheriff non inquadra la porta.

La Roma si porta a casa il 2 a 1 e ottiene il massimo con il minimo sindacale. La gestione delle forze non è stata una scelta sbagliata in vista della tripla trasferta (Tiraspol, Torino e Genova) che la squadra dovrà affrontare nei prossimi sette giorni. Ma la prestazione di qualche giocatore unita agli acciacchi dei soliti noti non possono far dormire sonni tranquilli a Mourinho. Contro il Torino, squadra di tutt’altro livello rispetto al piccolo Sheriff, servirà una Roma molto diversa da quella vista ieri.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedenteMOURINHO: “Brutto primo tempo, contento della reazione nella ripresa. Lukaku ha bisogno di giocare. Sanches? Fatichiamo a capire…”
Articolo successivoMourinho sbaglia la mossa, Sanches di nuovo ko. Il tecnico: “Insisteva per giocare 60-70 minuti…”

41 Commenti

  1. a proposito ….

    Il Mago De Zerbi ha preso 3 gol in casa, l’ultimo dei quali per come/dove/quando è stato preso è roba che Zeman in confronto è Nereo Rocco…

    buongiorno e Forza Roma

    ❤️🧡💛

    • screditare gratuitamente De Zerbi che sta innalzando lo sport italiano all estero e nel campionato più difficile è bello al mondo , con una squadra nn proprio di campioni, è davvero da poveracci, poi per quale motivo ?!?!
      🦨🦨🦨

    • Sono d’accordo con Oh My Mou, mo’ c’è sto sport da sfigati di insultare De Zerbi e paragonarlo come risultati a Mourinho.
      De Zerbi è un ottimo allenatore, che fa giocare a calcio le squadre.

      Nel calcio si vince e si perde, ma non sono tanti quelli che sono in grado di far giocare bene le squadre.

      Quindi lasciate in pace De Zerbi che da quel poco che ho visto e sentito mi sembra anche un bravo cristiano.

    • Parliamo dello stesso allenatore quinto in premier che ha vinto le ultime quattro su cinque? Quello di cui tutti dicono faccia un calcio bellissimo?

    • Qui non si tratta di screditare, ma di constatare.
      De Zerbi può funzionare in realtà provinciali che, con un parco giocatori di giovani e mezzi calciatori che col gioco e gli schemi riescono ad andare oltre i propri limiti ottenendo risultati inattesi; tuttavia i piazzamenti finali saranno sempre una buona metà classifica, magari medio-alta (un po’ più rispetto alle squadre dello stesso livello) e zeru tituli periodico,
      L’obiezione ovviamente sarà: e se a de zerbi dai i Campioni?
      Domanda che resterà sempre senza risposta giacchè i Campioni in certi sistemi di gioco non sono contemplati e non sono funzionali, non puoi pretendere da questi che corrano all’impazzata avanti e indietro per 90′ con la difesa a centrocampo e via dicendo.
      Gli schemi e il gioco frenetico servono appunto per superare i limiti tecnici e soppiantare l’estro, la classe e la fantasia che mancano. Chi si illude di poter vedere de zerbi coi Campioni delira, per cui le opzioni sono le seguenti: preferite de zerbi o i Campioni?
      Per me, e ribadisco per me, il calcio sta tutto nell’azione del nostro secondo gol di ieri, un’azione che ha poco a che fare col “ber gioco” e molto con l’estro, la fantasia e la classe sopraffina. Un godimento assoluto. Questi sono i calciatori che ti risolvono le partite con una giocata, anche contro squadre potenzialmente molto forti.
      In quanto a de zerbi, già durante la scorsa stagione i suoi adepti (perchè le sette hanno gli adepti, gente acritica che ama farsi riempire la capoccia dagli altri piuttosto che utilizzarla in proprio) ne pronosticavano l’approdo in un grande club: sta ancora a Brighton. E resterà sempre in queste realtà subalterne dove poter plasmare la materia informe come altri tecnici analoghi.
      Adesso accomodatevi e spolliciate pure, tanto a contare sono e saranno i fatti.
      Comunque mai gente come de zerbi a Roma, meglio i Lukaku e i Dybala tutta la vita.

    • oh my mou

      non c’è alcun dubbio che il poveraccio qui sei solo te …

      Che evidentemente oltre a dire fandonie (de zerbi sta innalzando lo sport italiano all’estero, Ancelotti allora chi è ? Dio?), oltre a non considerare che De Zerbi ne ha presi 3 in casa dall’Aek Atene, non dal City, non capisci il motivo per cui ho sottolineato quanto sopra.

      Allora te lo spiego facile:

      su questo sito ci sono sapientoni che ad ogni pareggino o sconfitta della nostra Roma invocano proprio al poro De Zerbi (contro il quale io non ho niente a prescindere), quindi va da se che se ne possa parlare tranquillamente.

      buona giornata👋

      ❤️🧡💛

    • ilario – freidkin ….

      sei l’unico che ha capito il senso del mio messaggio a quanto pare 🤣👊

      ❤️🧡💛

    • De Zerbi è un allenatore giovane che si sta formando ora. Può darsi che, come dice Ilario, rimarrà sempre un allenatore da piccola squadra (dove è più semplice essere seguiti da giocatori che devono affermarsi), così (come credo) diventare un allenatore completo che sappia contemperare il gioco e i fenomeni . Del resto Guardiola predilige gli schemi agli uomini (per quanto io odi il tiki taka) e anche i campioni lo seguono, lo stesso Spalletti è riuscito a trasformare Mario Rui in un terzino decente (ora guarda caso è tornato pippa) e nello stesso tempo sfrutta al meglio il campione Osimhen. Semplicemente non esiste l’uno o l’altro. Si può vedere una partita decente anche con i campioni in campo, senza necessariamente dipendere totalmente dall’invenzione del singolo. La Roma oggi è totalmente dipendente da Dybala, perchè non ha una minima idea di gioco. Sarei curioso di vedere Zalewsky con un allenatore che gli spieghi i movimenti, oppure Ndicka con qualcuno che gli spieghi il posizionamento del corpo quando si difende…

    • Rudy sono de-zerbini 😂 tanto qui è di moda il “diversamente tifoso” che non esulta neanche se vince perché forse la prossima perde😂 e… importantissimo: allora potrà dire ve l’avevo detto io 😉
      Ciao ahò metti la formazione contro er Torino sennò Fiorini ti anticipa 😂😂😂
      Bufala per bufala 😂 me so’ affezionato alla tua.
      Forza Roma

    • A Rudy, te sei svegliato male stamattina? In genere mi delizi con perle di saggezza che nemmeno Zenone, e invece stamattina te sei alzato bilioso? Calma, calma.

    • @Prohaska
      Il termine “de zerbini” mi sembra consono, anche perchè grossomodo finirà per sostituire, essendone praticamente sinonimo, quello di pallottari.
      Sono quelli che, non si sa perchè, vorrebbero fortemente continuare a fare le nozze coi fichi secchi.
      Questi non lo dicono chiaramente, ma è evidente come preferiscano fonseca o de zerbi a Mourinho o Conte; e mayoral, defrel e villar piuttosto che Dybala, Lukaku e Paredes.
      Nonostante non sia mai successo, essi sono convinti che con lo stregone di turno in panca e una imbarcata di pippe vinci lo stesso.
      Poi gli chiedi di portarti un esempio pratico: spolliciano e scappano a gambe levate.
      Almeno potrebbero dirti chiaramente che a loro di vincere non importa nulla e vorrebbero soltanto vedere partite scoppiettanti per 90′.
      Ma non ti dicono nemmeno questo, spolliciano e scappano di nuovo a gambe levate.
      Scusate ma così un confronto è evidentemente impossibile.
      Io almeno gli dico come la penso e porto sempre esempi e fatti concreti.

    • Sta cosa che ci sono allenatori da provincia o no mi fa sorridere, con Di Francesco abbiamo fatto un calcio incredibile che solo qualche errore di inesperienza e arbitrale non ci ha fatto arrivare alla finale di Champions. Dopo il buon Eusebio ha collezionato solo esoneri, ora è ai ciociari e non giocano per niente male. La Roma di Spalletti giocava bene. Il City di Guardiola ha vinto la Champions, il Napoli di Spalletti ha vinto uno storico scudetto, si può anche giocare bene e vincere, una non esclude l’ altra, ci vuole però una società forte che legittimi l’ allenatore, altrimenti i giocatori (equivalente di bimbi dell’ asilo) fanno quello che vogliono

    • Ilario è da una vita che non vincemo un piffero e hanno schifato la Conference ma de che e de chi stamo a parla’?
      Ciao
      Forza Roma

  2. Mmh.
    La sintesi è no Dybala, no party.
    Fino a prima dell’ingresso in campo dell’Argentino le due squadre, anche tecnicamente, purtroppo, erano pari. Ho visto stop a insegure, passaggi sbagliati, ritmo bassissimo.
    Svilar mi ha convinto poco. Ndicka ha fatto un’altra dormita.
    Le cose migliori la Roma le ha fatto quando Mancini è salito parecchio, creando, con rischio, la superiorità numerica, e consentendo di innescare Karsdorp con la corsa in avanti.
    Cristante benissimo, Bove pure. Cristante continua a confermare che se gioca più avanti ha ottimi numeri. Lukaku lo sappiamo. Renato Sanches è uno che cambia la partita, ma è una tombola.
    Pijamose i tre punti e speriamo di crescere come condizione.

    • Concordo Cristante e Bove potrebbero rubare il posto a Auoar (se non si sveglia).
      Cristante è l’unico del centrocampo che vede la porta.
      Ndicka ieri ha fatto alcune dormite con Llorente veramente preoccupanti.. ci ha salvato solo il fatto che loro erano onestamente scarsi.

  3. Pero’ sarebbe anche giusto sottolineare che i giocatori erano consapevoli che sarebbero rientrati venerdi’ pomeriggio a Roma per poi andare a Torino e giocare dopo poche ore…ect…ect. Magari gestire un po’ le energie non e’ del tutto sbagliato. Quindi aspettiamo Torino Roma e poi giudichiamo. Il percorso e’ lungo e per nulla facile. La Roma e’ una ottima squadra. Non ci sono dubbi.

  4. Sono consapevole che sono monotono, ma a 71 anni si è così 🤣, ma agli infortuni o cali di forma si sopperisce con una idea di gioco, attenti NON ho detto bel gioco, o con una tattica elastica secondo la situazione.
    Ma io questa idea o tattica di gioco non riesco a vederli, quindi facciamo un discorsetto oltre che sui singoli o sugli acciacchi anche sul nostro “Number One”

    • L’azione del 1-2 è semplicemente da manuale del calcio ma vatti anche a vedere chi sono gli interpreti. Mourinho il gioco non te lo da. Ma è’ un grande gestore di grandi giocatori perchè ha carisma e nessuna prima donna può metterlo in dubbio visto il suo palmares. Per questo gli è stata data in mano una squadra di vecchie glorie a fine carriera. Se lo staff medico trova la formula magica questa squadra vince con chiunque perchè Djbala Lukaku Renato Sanches Paredes El Sharawi sono tanta roba.

  5. Il massimo col minimo sindacale darà un risparmio di energia che si rivelerà decisiva (l energia) nelle parte clou finale della stagione

    • E hai risposto tu a romano qui sopra.
      Una gestione intelligente che porterà a un innalzamento progressivo di forma e prestazioni che raggiungeranno l’acme nel momento cruciale della stagione. E poi si vedrà.
      Inutile partire a flipper e ritrovarsi con un pugno di mosche.
      I cavalli si vedono all’arrivo, chi fa la lepre schioppa.

  6. 3 punti servivano, 3 punti sono arrivati.
    15 tiri, 6 in porta, 70% quasi di possesso palla, basta e avanza.
    Non mi piace il commento su Svilar: è uscito bene e ha sporcato bene il pallone in angolo,
    criticare perchè “rischiava di…” che senso ha?
    Invece Elshaa nuovamente un disastro: avvio di stagione davvero sottotono,
    spero non si sia seduto dopo il rinnovo.
    Aouar male ma l’ha spiegato Mou, ci sta, Sanches era ko da subito, vediamo se
    era solo una questione di sensazioni.
    Karsdorp a me è piaciuto, e pià Ndicka di Lorente sinceramente.
    Altra partitona di Cristante, Lukaku e Dybala non si commentano neanche,
    ma il punto dolente per me è Zalewski… sarebbe ora si svegliasse il ragazzo.

    Comunque, missione compiuta e bene così.
    A Torino.

    • A parte che a me Zalewsky non è mai piaciuto ma da un po di tempo (parecchio) ormai si sta Florenzizzando. Peccato….un potenziale buon giocatore buttato via dal nostro Number One

  7. La differenza tra l’avere un campione (Lukaku) e l’avere giocatori di livello inferiore (Abraham o Belotti) sta proprio in quell’unica occasione in tutta la partita capitalizzata dal belga.
    Se ci fosse stato Tammy la partita non la vincevamo nemmeno se avessimo giocato per 3 ore.
    Diciamolo, fino al goal (minuto 67’) Lukaku era stato annullato e sistematicamente anticipato dallo sconosciuto difensore Garananga.
    Grazie all’entrata di Dybala che ha letteralmente portato la luce nelle nostre manovre offensive è nata l’occasione che Romelu ha finalizzato in maniera impeccabile.
    I campioni servono a questo.

    • Non fa una grinza.
      E ne scaturisce la risposta perfetta a uno degli intercalare più stucchevoli dei Cesaroni: ma che mo pe vince con lo sceriffo servono i Campion
      Si, pensa…..

  8. Se puntiamo su Sanches ndica’ e auarrr stamo freschi.A proposito di auarrr ,se avesse giocato così capitan Lorenzo oggi avrei voluto vedere i commenti…..

  9. Cala l’asso e poi fa giocare una squadra a scopone! Ma vattene a commercianti ed aggiornati! E davano a mazzone del catenacciaro? siamo a momenti nel 2024 ed ancora vediamo questo schifo di ” non calcio” dopo tre anni ? Zero gioco, zero idee, zero impostazioni, zero condizione, zero giropalla, zero velocità, manco gli angoli sanno battere e vedo il titolo Mourinho cala l’asso di coppe? Uno schifo di partita a parte lukaku , dybala o bove il resto è una vergogna per chi paga il biglietto e assistere a questa indecenza ogni santa partita!

    • Però hai vinto una coppa e stavi per vincerne un’altra lo scorso anno. Se vuoi vedere lo spettacolo guardati il City così sei neutrale e stai anche rilassato.

    • @Sempre e solo roma
      Il City che, ricordiamolo, è zeppo di Campioni (come lo era il Barcellona)
      Perciò Guardiola non ha vinto con villar e mayoral ma con De Bruyne, Haaland, Gundogan e compagnia cantante.
      Tra l’altro i vati del “ber gioco” si scordano pure del fatto che Guardiola dicesse che il centravanti non serve, perchè il miglior centravanti è lo spazio (capito? Lo spazio, mica il Messi che c’aveva a Barcellona….), salvo poi vincere la CL solo una volta arrivato Haaland.
      E dimenticano pure che l’unica finale che aveva raggiunto col City la perse da un Chelsea inferiore come parco giocatori ma con un tecnico che ha letto molto bene la partita e l’ha fregato di rimessa.
      E non hanno nemmeno visto la finale di quest’anno in cui Guardiola s’è ben guardato dal ripetere quella partita spregiudicata, al punto che il City nemmeno sembrava una squadra di Guardiola. Vincendo di misura e potendo anche perdere.
      Per giunta non sanno nemmeno contare: quante CL hanno vinto i tecnici pragmatici e quante i cosiddetti bergiochisti.
      Come ho detto, nun po esse sempre “bono tutto”.

  10. se questo è l’ultimo anno di mourinho il successore deve essere conte o de zerbi
    dr zerbi me lo prendo sempre, allena praticamente la pergolettese per scarsa qualità di giocatori ed è già una squadra pericolosissima

    • Appunto.
      Se vuoi de zerbi col “suo gioco” gli devi apparecchiare la squadra: p&p, addio Campioni.
      E i risultati saranno quelli di brighton e sassuolo.
      E’ questo che vogliono i Romanisti? Ma, soprattutto, se è questo che desiderate voi adepti ditelo chiaramente, perchè tertium non datur.
      Conte, ovviamente, è altra storia. Detestabile ma tra i due me lo prendo a occhi chiusi.
      Poi dovesse restare JM me lo tengo ben volentieri.

    • @ilario friedkin group… da quale pulpito? adepto a me? hai letto per caso il tuo nicknake?….. ma dai su, il brighton ha massacrato lo united che ha speso una fortuna…. con conte non c’è un progetto a lungo termine staremmo da capo a 12 nell’arco di due o tre anni al massimo….. de zerbi è il futuro, anzi il presente altro che Sassuolo! vincere con un gioco impressionante, questo è de zerbi!

    • E queste sono fantasie.
      Ne riparleremo il giorno in cui de zerbi vincerà qualcosa.
      Ergo…..non ne riparleremo mai.

    • Lo ‘scarso’ Brighton/pergolettese, vale 377 ml. La alassio ne vale 284, la Dea 304 e la Viola del vostro amato Italiano 246.

  11. Dispiace dirlo, ma ieri seguendo il primo tempo mi stavo davvero vergognando, è vero non c’era gioco ne agonismo contro una squadra di emeriti sconosciuti non che pippe ar sugo….sono dovuti entrare due campioni e quasi la pareggiavano. Se giocava la primavera li rovinava. Mi sta bene anche il risparmio di energie etc. etc. in questo modo però, i tifosi non sono proprio considerati. Era ‘na partitella e ce stavano a fa vede i sorci verdi, er palo interno dico.

  12. Comunque se dobbiamo essere onesti, non sono riusciti a fare per la maggior parte della partita tre passaggi di fila, alcuni non hanno corso abbastanza ( Aouar e Sanches che si vedeva che non correva) e gli esterni non crossavano in area. Senza Lukaku e Dybala non la vincevi e giocavi in Trasnistria.

  13. Premetto che sono molto contento del risultato e del secondo tempo, pero’ nel primo tempo il centrocampo non mi e’ piaciuto per niente, troppo poco dianmico e anche la difesa secondo me non e’ ancora registrata bene. E forse tocchera’ aspettare solo il rientro del vero Smalling per stare finalmente piu tranquilli.
    Il dinamismo di Bove e Dybala (oltre alla sua tecnica infinita) e’ stato assolutamente necessario per andare a vincere una partita che si stava incalanando su binari molto incerti. Bene lo scorrimento del pallone sulla fascia destra con Karsdorp, Cristante e Lukaku, meno bene sulla fascia sinistra sia con Zalewski che con Spinazzola poi.

  14. Io mi auguro di vincerne almeno una ventina di partite come quella di ieri….Soprattutto il derby o contro una strisciata…. Io voglio vincere.Come ,non me ne fotte….

  15. L’articolo di Andrea Fiorini non fa una piega, analisi perfetta e quindi qualsiasi commento sarebbe superfluo, per fare un commento giusto bisognerebbe fare copia/incolla di questo articolo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome