La Roma fa beneficenza per Pasqua niente uova ai dipendenti ma una donazione a Save The Children

12
812

NOTIZIE AS ROMA – Per le festività di Pasqua in arrivo la Roma ha deciso di non regalare ai dipendenti, come in passato, il classico uovo di cioccolato, ma ha scelto di fare una donazione a Save The Children. Lo rivela l’edizione odierna del Corriere dello Sport. 

In cambio ad ogni persona è stata consegnata una piccola scatola sempre targata Save The Children, con quattro ovetti. Le uova sono al latte e contengono una sorpresa generica, ma in fondo è un dettaglio.

Quello che conta è che anche grazie alla scelta della Roma, della sua proprietà e dei suoi dirigenti, alcuni bambini nel mondo avranno la possibilità di trascorrere una Pasqua più serena. Non un dettaglio, di questi tempi.

Fonte: Corriere dello Sport

Articolo precedenteRiparte la corsa Champions, De Rossi recupera pezzi
Articolo successivoLukaku: “Volevo stupire a Wembley? Chiedetelo al Chelsea…”

12 Commenti

  1. Mi aspetto un’indagine federale su questa scelta scellerata e discriminatorio nei confronti dei dipendenti e delle uova (scure, peraltro)

    • giusto, oltretutto il fatto che gli ovetti siano solo al latte rappresenta un atteggiamento discriminatorio e una chiara violazione del principio di lealtà e correttezza verso il cioccolato fondente e quello bianco!

    • @Maremmamaiala, io mi aspetto che, prima o poi, il topolino (i) di Trigoria (che foraggia gli articoli dei soliti noti) venga beccato. Mi sembra abbastanza evidente che una notizia del genere, ricca di particolari, sia frutto di fonte diretta. Facessero lo stesso con tutte le altre notizie, avremmo un giornalismo d’inchiesta come quello di una volta. Anacronistico, certo, perchè oggi vige la regola della notizia a sensazione che dura l’attimo di un click. Ripresa e ripetuta, senza alcuna verifica, da quelli che si considerano giornalisti ma non sono altro che pappagalli. A meno che non si tratti di un sito dove raccogliere, rilanciare e commentare le notizie che riguardano il mondo giallorosso, come questo. Infine, aggiungo la cosa che più apprezzo di Giallorossi.net: oltre alla possibilità di far cnoscere nostri commenti e a darci modo di discutere della nostra Roma, quando i giornalisti del sito riportano una notizia o una loro opinione si firmano. Ci mettono la “faccia”. Come la maggior parte di noi.
      SEMPRE FORZA ROMA SEMPRE

    • “Il Giudice Sportivo ha reso nota la decisione riguardante il caso delle “Uova di Pasqua”
      Vista la decisione interlocutoria di cui al C.U. n. 192 del 19 marzo 2024 e letto il referto dell’organo di controllo sono stati disposti approfondimenti istruttori, a cura della Procura federale, in ordine a quanto riportato nel referto stesso circa eventuali espressioni di discriminazione razziali violanti il principio di lealtà e correttezza. Sentita la As. Roma Calcio sullo svolgersi dei fatti e riscrontrata una Grave Violazione dei Diritti Umani e Lavoritivi a norma degli artt. 65, 66 e 68 CGS, sulla base delle risultanze dei documenti ufficiali: Condanna la Società a 9 punti di penalizzazione, e al pagamento di una multa pari a 200.000 euro. Inoltre, rilevato che la sequenza degli avvenimenti nonchè il contesto dei comportamenti è teoricamente compatibile anche con la ricostruzione dei fatti, essendo raggiunta sicuramente la prova dell’atto discriminatorio, decreta la chiusura della Curva Sud per tutto il proseguio del Campionato!” 🙃😜

  2. tagliare gli inutili…mo me ce metto a fa pure i regali…

  3. Non bisogna colpevolizzare la categoria dei lavoratori se sono soltanto due a sbagliare.
    Mi pare che il significato di quest’iniziativa della proprietà amaragana sia punitivo e vessatorio per chi non ha colpe nell’accaduto.
    Purtroppo questa è la mentalità amaragana : far vedere con le buone o più spesso con le cattive chi è quello che paga e che comanda, nella As Roma come nel Mondo.

  4. BENEFICENZA, senza I…
    A parte questo, qual è la fonte, un dipendente dispiaciuto di doversele comprare, quest’anno, le uova?
    Ah, che notizia… e alla fine scopriamo che il titolo è ingannevole e quattro ovetti li hanno ricevuti comunque. Con sorpresa generica, perché, prima era personalizzata? Mah…

  5. Una iniziativa benefica viene fatta passare come ritorsione verso gli impiegati, manco fossimo di fronte al Mega Direttore Galattico di Fantozzi.
    Io comunque se fossi in Chiné servo plebeo dei potenti, aprirei un fascicolo per fare chiarezza su questa storia, del perché invece del solito , grande e bello uovo di Pasqua, i poveri e vessati dipendenti della Roma, hanno ricevuto cevito 4 ovetti con sorpresa generica ( il solito giocattolo cinese, prodotto a Napoli, da quattro soldi…)
    Basta per questa iniziativa sono previste multe, squalifiche e penalizzazioni

  6. Niente di diverso da mero “greenwashing”. Invece, fate la donazione a STC ed al contempo smettete di fregarvene delle persone che ruotano attorno alla Roma: dipendenti compresi.

  7. Sono assolutamente in disaccordo con l’abitudine di girare eventuali pensieri o regalini non obbligatori, ad associazioni benefiche. Intendiamoci, BISOGNA, sostenere queste associazioni e la cosa più semplice è donare ed ogniuno lo faccia secondo la sua coscienza. Ma in alcune circostanze mi sembra quasi un ripulirsi la coscienza se non addirittura un risparmio economico. Non è obbligatorio fare regali ai dipendenti a Natale o Pasqua, è un gentile pensiero, da una persona all’altra. La stessa cosa con le bomboniere, quando ricevo una bomboniera solidale, mi viene voglia di mettere nella busta del regalo agli sposi, la donazione per quella associazione. Solidarietà per solidarietà, facciamola bene.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome