La Roma Primavera batte il Napoli 2 a 1 e conquista la semifinale di Coppa Italia. Ovazione del Tre Fontane per Mourinho

14
1096

AS ROMA NEWS – La Roma Primavera vola in semifinale di Coppa Italia dopo aver battuto il Napoli per 2 a 1 al Tre Fontane.

Giallorossi in vantaggio intorno alla mezzora con Faticanti, pareggio del Napoli a inizio ripresa con Sahli, gol qualificazione realizzato dal solito Pisilli con un destro dal limite a metà ripresa.

Da segnalare la presenza di Josè Mourinho sugli spalti del Tre Fontane: per l’allenatore della prima squadra l’ovazione del pubblico presente al termine del match.

Ad assistere alla vittoria anche gli ex Primavera Boer, Bove, VolpatoZalewski e Tahirovic, oltre a Vincenzo Vergine, responsabile del settore giovanile giallorosso, lo scout giallorosso Alessio Scarchilli e Gianluca Gombar.

IL TABELLINO DEL MATCH

AS ROMA (4-3-3) : Baldi; Louakima, Keramitsis, Chesti, Oliveras; Pisilli, Faticanti (C), Pagano; Cassano (67′ João Costa), Majchrzak, Cherubini (90’+3 Foubert-Jacquemin).
A disp.: Razumejevs (GK), Del Bello (GK), Ivković, Vetkal, Padula, Pellegrini, Misitano, D’Alessio, Silva, Ruggiero, Falasca, Graziani, Bolzan.
All.: Guidi.

SSC NAPOLI (3-4-2-1) : Turi; Barba (C) (62′ Obaretin), Nosegbe Suško, D’Avino; Gningue (69′ Marchisano), Gioielli, Alastuey (73′ Hysaj), Giannini; Boni (69′ Spavone), Sahli (73′ Rossi); Pesce [C].
A disp.: Boffelli (GK), Lettera, Acampa, Koffi.
All.: Frustalupi.

Arbitro: Sig. Roberto Lovison di Padova.
Assistente 1: Sig. Simone Piazzini di Prato.
Assistente 2: Sig. Federico Linari di Firenze.

Marcatori: 35′ Faticanti (AS Roma), 46′ Sahli (SSC Napoli), 70′ Pisilli (AS Roma).

Ammoniti: 28′ Barba (SSC Napoli), 36′ Silva (AS Roma), 47′ Hysaj (SSC Napoli), 88′ Oliveras (AS Roma), 90’+2 Nosegbe Suško (SSC Napoli).
Espulsi: 90’+6 Majchrzak (AS Roma), 90’+6 Nosegbe Suško (SSC Napoli).

Note: recupero 0’pt, 3’st. Calci d’angolo: 9-4. Temperatura: 10°C (Prevalentemente soleggiato).

 

Articolo precedenteDeulofeu, la nota dell’Udinese: “Consulenza specialistica dopo ripetuti episodi di instabilità al ginocchio”
Articolo successivoULTIME DA TRIGORIA – Zaniolo in gruppo, ok Wijnaldum, ancora differenziato per Pellegrini

14 Commenti

  1. Sarebbe molto bello vincere qualcosa con la primavera quest’anno.

    Si lo so il ritornello di molti di voi Ave Josè, dice la primavera serve solo per preparare i giovani al calcio che conta.Non conta vincere.

    Vincere invece conta sempre.
    Ed è bello.

    E vincendo, si preparano meglio i giovani e si valorizzano all’istante.

    Una primavera che vince uno scudetto o anche una coppa Italia, i suoi giovani d’emblée hanno richieste in tutta Europa

    • Ahahah, ma che c’entra Mou con sto discorso? Io probabilmente sono definibile un “Ave Josè” ma allo stesso tempo voglio veder vincere la primavera. Ed utilizzarne, anche a campionato in corso, i giocatori migliori. Sempre se negli interessi della prima squadra.
      Per me la bellezza di una primavera vincente è proprio quando riesce a vincere e contemporaneamente a sfornare talenti per la prima squadra, come almeno in parte già fatto finora. Perché scegliere solo l’uno o l’altro? E’ una questione di pura logica, non di Ave o non Ave Josè.

    • Mo che te sei inventata ‘sta litania dell’ “Ave Jose’ ” e quanno la fai finita piu’.
      Continua pure se vuoi ma levate quel Roma dal nickname. Voi strazziesi non avete diritto a sfoggiarlo, quel nome.

  2. Quando la Roma vince godo come un riccio.
    Se poi la vittoria e’contro i napulegni e’una doppia goduria con i fiocchi.
    TIÈ napulegno piglia e porta a casa…..

  3. Il Padre con i figli 🐺🐺🐺🐺🐺
    “Questa squadra non è una squadra…questa squadra è una famiglia”
    Josè Mourinho

  4. Perdonami.. Ma non lo dice Mourinho che la primavera serve a preparare i giovani..

    Lo dicono tutti i protagonisti della primavera da 20 anni.. Molto prima di Mourinho..

    Lo ripeteva in continuazione Alberto De Rossi..

    In quanto ad acquisire importanza nel mondo, vincendo con la primavera.. A me non sembra che Caprari, Florenzi, Politano, Verre, Marchizza, etc etc etc dopo lo scudetto primavera siano stati contattati dal Barcellona..

    Anzi lo trovo veramente simpatico..
    Un giovane della primavera se viene considerato forte, viene cercato in Europa a prescindere dai titoli..

    Semmai possiamo dire che è bello vedere la Roma vincere.. Che sia prima squadra, Roma femminile, primavera, Under 17 oppure 15..

    Questa è un altra storia.. Ma il resto non ha davvero senso..

    Forza Roma..

  5. Bravissimi ragazzi, adesso rialzare subito la testa in campionato.
    E speriamo che contro i napoletani faccia lo stesso anche la prima squadra domenica sera.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome