La Roma Primavera dice addio al sogno scudetto: un gol di Krastev in pieno recupero fa gioire la Fiorentina

14
1037

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Finisce oggi il sogno scudetto della Roma Primavera, dopo il pareggio per 3 a 3 nei quarti di finale del playoff con la Fiorentina di Aquilani.

I giallorossi, finiti dietro ai viola in campionato, avrebbero dovuto battere i toscani per accedere alle semifinali, ma non sono riusciti ad andare oltre un pareggio a dir poco rocambolesco.

La partita, iniziata con notevole ritardo per la gran pioggia, inizia bene per gli uomini di Guidi: dopo una manciata di secondi la Roma si ritrova avanti di due gol grazie a un rigore di Pagano e la rete di Padula.

Ma prima dell’intervallo la Fiorentina trova le reti del pareggio grazie a Di Stefano, autore di una doppietta. Nella ripresa i giallorossi spingono alla ricerca del gol qualificazione che trovano con Mannini a dieci minuti dalla fine, ma in pieno recupero arriva la doccia gelata: segna Krastev al 92′ e la Roma deve dire addio allo scudetto.

Giallorossi.net – G. Pinoli

IL TABELLINO DEL MATCH

FIORENTINA: Martinelli; Gentile (84′ Mendoza), Krastev, Lucchesi, Kayode; Harder, Amatucci, Berti (84′ Caprini); Capasso (77′ Vigiani), Sene (84′ Presta), Di Stefano (77′ Nardi).
A disp.: Tognetti, Dolfi, Elia, Scuderi, Biagetti, Vitolo, Favasuli, Chiesa, Ievoli, Comuzzo.
All.: Aquilani.

ROMA: Baldi; Missori, Keramitsis, Chesti, Falasca (69′ Louakima); D’Alessio (69′ Mannini), Vetkal, Pagano; Cassano (87′ Majchrzak), Padula (56′ Misitano), Cherubini (87′ Pellegrini).
A disp.: Razumejevs, Del Bello, Foubert-Jacquemin, Ivković, Silva, Ruggiero, João Costa, Bolzan, Ienco, Cichella.
All.: Guidi.

Marcatori: 7′ rig. Pagano, 16′ Padula, 19′ e 41′ Di Stefano, 80′ Mannini, 92′ Krastev.

Ammoniti: Pagano (R), Cherubini (R), D’Alessio (R), Amatucci (F), Presta (F).

Articolo precedenteBarcellona, Xavi contro Mourinho: “Spero di non offrire mai un’immagine del genere”
Articolo successivoRoma, ultima missione

14 Commenti

  1. secondo me quest’anno è mancato il classico centravanti forte fisicamente….. e ancora non ho capito cosa ci abbia visto Mou nel polacco….

  2. Ingenuità difensiva e del nostro allenatore. Il loro stopper grande e grosso si è messo a fare la punta ef era più che prevedibile che i viola si sarebbero messi a fare cross alti in area e così è stato. Bastava arretrare il nostro centravanti polacco a marcarlo e non avremmo preso un gol che ha avuto il sapore di una mazzata. Diciamo che Guidi tatticamente non è una cima e che si è fatto infinocchiare da Aquilani.
    Ma poi mi chiedo, perché Aquilani allena la fiorentina e no la Roma?
    Pintoooooo, svejjjjaa 😱

    • in più sul 3 a 2 toglie tutte e due i giocatori di maggior estro cherubini e cassano….basta che ne restava uno in campo per difendere palla o lanciare la punta…ridateme de rossi…

    • Dillo piano, sennò mo se palesa il nostro amico 7 de coppe al grido di : ” volemo dezzerboliiihhh”…

      😀😀

    • Vediamo un po’…forse perché è dal 2019 che allena a Firenze e allora c’era ancora il tuo “amatissimo” al timone della Roma mentre Pinto era serenamente al Benfica?

  3. Zeno’, c’hai ragione su tutto a sto giro.
    Aggiungo che Guidi non ha imparato molto da De Rossi Senior.
    (Una compattezza che in talune situazioni è vitale).
    Ho apprezzato ad inizio anno “la versione lanciata” della squadra, ma le avvisaglie che la Roma peccasse a volte di sufficienza, nonché di riconoscimento “dei momenti ” della partita c’erano state tutte.
    Aggiungici che la rosa di fine anno non è più la stessa di inizio (per effetto dei promossi, vivaddio in 1ª squadra) ed ecco a voi la frittata.
    Ora, il problema non è non essere arrivati fino in fondo (quando una primavera lancia giovani, per il sottoscritto, ha assolto il suo compito) quanto non aver saputo esprimere tutto il reale potenziale disponibile!
    Detto ciò, Guidi, riprovaci.
    FORZA ROMA

  4. Ho visto solo il primo tempo..
    Da quel che ho potuto capire, è una squadra che sviluppa gioco, sempre pericolosa in avanti ma, fragile, insufficiente nella fase difensiva…
    Aventi di due a zero si sono fatti rimontare come dei “fessacchiotti”…
    💪🧡❤️

  5. Speravo in una doppietta, Coppa Italia e Scudetto, invece questo play off è andato di m., i lupacchiotti si sono fatti rimontare ingenuamente quando il passaggio in semifinale era davvero ad un passo.
    Tuttavia, almeno un trofeo è stato portato a casa con quel 2-1 ai supplementari sempre contro i ragazzi di Aquilani, quindi stagione positiva con la vittoria della Coppa Italia.

  6. A scusante va detto che mancavano pure Pisilli e Faticanti. Però mi pare assurdo prendere da due gol in su im ogni partita e con chiunque.

  7. Peccato la Primavera tuttavia il vero gioiello sportivo della società dopo la squadra maggiore è la squadra femminile che ha vinto lo scudetto. Il titolo italiano, a mio avviso, più importante a livello femminile. E oggi c’è la coppa…

  8. alla prima esperienza1 Guidi ha vinto u a coppa otalia cosi’ per alcuni ragazzi della primavera e non era scontata la coppa
    poi finché ‘ aveva la squadra al completo era tra le r
    prime per buona parte del campionato
    poi sono arrivate le chiamate in prima squadra di alcuni giocano e si e” pagato dZio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome