L’accusa di Mourinho: Aouar (e non solo) sul banco degli imputati

73
1657

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Una furia. Josè Mourinho attacca di nuovo una parte della squadra dopo il pareggio col Servette, anche se stavolta non fa i nomi. Troppa superficialità, l’accusa mossa dal tecnico. Specie da parte di quei calciatori che chiedono spazio, ma una volta in campo falliscono le occasioni.

Il chiaro riferimento, stando a quanto scrive oggi la Gazzetta dello Sport, è a Houssem Aouar. Anche ieri l’algerino, sostituito a inizio ripresa da un altrettanto evanescente Pellegrini, ha giocato una partita decisamente non all’altezza della situazione, scatenando la reazione piccata dello Special One. Che non è nuovo a bordate del genere, specie dopo prestazioni deludenti in Europa.

Qui c’è gente che non ha neanche una grande storia in Europa e gioca queste partite in modo superficiale. Sono sempre gli stessi, giocatori che interpretano la partita a modo loro. Gente che ha poca responsabilità, che non ha voglia di dire “io sono qui e gioco sempre”. Qualcuno stavolta ha perso un’occasione. Parole pesanti, che sanno di bocciatura definitiva. O quasi. Perchè “quello se lo può permettere Guardiola, io no. Io posso solo martellare e sperare che l’atteggiamento cambi”.

Ma non è solo Aouar il calciatore nel mirino del tecnico. Secondo la Gazzetta dello Sport, anche il turco Zeki Celik sarebbe l’oggetto delle critiche del tecnico. Il terzino sta trovando poco spazio, ma anche ieri è sembrato un oggetto non identificato in campo.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteRoma, qualificazione amara
Articolo successivoL’Al-Shabab vuole Spinazzola a gennaio: arabi pronti a pagare un indennizzo alla Roma

73 Commenti

    • Ora ripartiamo con il far fuori alcuni giocatori. Tanto ne abbiamo da buttare e abbiamo tantissimi soldi per comprarne altri fortissimi…
      Veramente non capisco il senso di questo ciclico linciaggio autolesionistico

    • sono sicuro che il mister parlasse di celik e poi di aour…comunque sia questi giocatori sono uno scandalo, inguardabili.
      ma pinto quanto va via?

    • ma insomma ….la carota no….il bastone no…magari Palladino ve lo spiega dove mettervi la carota…..e tutti felici e contenti.

    • Fabio, semplice: quando le cose vanno male, si puntano i calciatori. Magari due o tre che stanno sulle @@ della piazza.
      Tutto per non prendersi le responsabilità.

      Quando partiamo sconfitti contro Milan, Juve e Inter, va bene. Ma quando la Roma non vince contro Salernitana, Torino, Verona, Servette – squadre che hanno possibilità inferiori alla Roma – cosa succede? La butta sui giocatori. Come a Bodo. Gli stessi giocatori che erano da serie C, che poi hanno vinto la Conference. Eh no, qualcosa non quadra, qui.

  1. Non sei nemmeno il pelo del sopracciglio di guardiola, almeno lui fa giocare riserve e primavere contro squadre scarse e visto che a differenza tua ha un identità di gioco, giocano bene e segnano.

    • Le riserve del City vincerebbero lo scudetto in Italia con quattro giornate di anticipo. Hai veramente preso come esempio un tecnico che allena una squadra da 1,26 miliardi di euro di valore? Cioè quattro volte la nostra?

    • Però Peppe, cerchiamo di essere obiettivi.
      Se, ipotizziamo, De Bruyne giocasse come molti della Roma di jeri, Guardiola può sbatterlo in panchina per il resto della stagione e far giocare non uno, ma altri due centrocampisti al suo posto. Senza perdere qualità.
      Da noi sulla fascia se sbatti Spina in tribuna chi ci metti?
      Questo è il discorso di Mourinho. Se potesse farlo, vedresti che turbo che metterebbe Spinazzola. Lui invece sa che il posto da titolare è suo, quindi si permette di fae partite come quella di jeri.

    • Attacca sempre i suoi giocatori invece di difenderli, non è solo un pessimo allenatore,è anche scorretto e senza coraggio. Vattene in Arabia o dove te pare basta che lasci la Roma.

    • Peppe, Guardiola ha fatto vincere la Champions League al Manchester City (il vero obiettivo da sempre) dopo più di un miliardo di investimenti. Mourinho ha fatto viaggiare il Porto fino al trionfo. Il paragone non regge. Sono buoni tutti a vincere con i campionissimi. Di esempi del genere possiamo farne molti però mi soffermo su tre: Zidane (che non mi sembra essere un fenomeno in panchina ma un gestore di spogliatoio), Luis Enrique (che di calcio ne capisce di più ma sostanzialmente è un allenatore medio) e Ancelotti (che è un ottimo allenatore ma senza campioni ha fatto ridere).

      Ieri sera mi sono avvelenato anche io ma Peppe pe’ Peppe me tengo Peppe mio.

    • Sposto l’asticella: Quando si vince “tutti” vanno d’amore e d’accordo. Mourinho sceglie i giocatori, Pinto li avvalla e nessuno protesta o si lamenta. Quando incominciano ad arrivare risultati negativi, ecco che inizia il solito squallido balletto. Lo Special One è il primo ad accannare Presidenza, Ds e giocatori. Cosa vorrebbe farci credere: Che i giocatori vengano presi a sua insaputa, senza che nessuno ne sappia niente? Non ci credo manco se lo vedo. Basta rileggersi quelle vecchie interviste dove “lodava” a 360° per rendersene conto. Preparazione, scelte tecniche e moduli son farina del sacco di Mourinho non di altri. Nessuno mette in dubbio che sia (o sia stato) un vincente ma ha anche limiti e difetti non trascurabili. Tutta questa arroganza e ipocrisia, comincia a dare sui nervi!

  2. L’unico giocatore della rosa della Roma che potrebbe accampare qualche motivo di protesta perchè è sotto utilizzato ,è Belotti. E se lo dico IO che non gli ho mai risparmiato critiche (giuste e sacrosante) ,allora siamo vicini alla verità. Ma tutti gli altri,ma di che si lamentano?
    Ma che pretendono? Ma chekazzo vogliono di più di quello che ricevono, senza dare niente in cambio?
    In questi frangenti di maretta ,ci vorrebbe una figura societaria (butto a caso il nome di Boniek),che entrasse nello spogliatoio stamattina sbattendo la porta alle spalle e che a muso duro facesse presente a tutti i giocatori,nessuno escluso,che il Presidente della Roma e i suoi tifosi impagabili , da loro pretendono molto ma molto di più di quel minimo sindacale che stanno producendo in campo.
    Questo non è un discorso demagogico fine a sè stesso,ma purtroppo chiama in causa l’organigramma della Società,che risulta privo di elementi cardine nel settore sportivo.
    L’As Roma sarà pure apprezzabile nel campo della solidarietà sociale e della sostenibilità ecologica ,ma il il suo core business ( per dirlo all’americana) è costituito dai risultati che la squadra ottiene in campo con i relativi obiettivi sportivi. E questi al momento,sono assai lontani dalle aspettative dei tifosi giallorossi.

    • condivido il pensiero però vorrei sottolineare che, a volte, i giocatori giocano male anche perché sono allenati male, giocano fuori ruolo o con compiti che non si addicono alle loro caratteristiche. Diventa tutto difficile se hai un parco giocatori che vuoi fare giocare come non possono fare. Mi piacerebbe sentire qualche calciatore che parla a ruota libera di Mou e del suo staff così come fa lui nei loro confronti. Sono certo che uscirebbe fuori un bel quadruccio molto esaustivo.

    • Condivido, ma è un discorso che a Roma non puoi fare.
      Perché poi non hai le armi per metterlo in pratica.

      Sbatti in tribuna i felloni e fai giocare i Primavera? Poi non arrivi manco settimo.
      Il coltello dalla parte del manico, come SEMPRE a Roma, ce lo hanno i calciatori. Non siamo abbastanza ricchi da poter fare il giochino che jeri Mou ipotizzava per Guardiola, quindi sei impotente.

    • Caro Zenone, la nostra è esattamente nelle acque nelle quali l’armatore vuole stare.
      Obiettivi maggiori equivarrebbero ad investimenti che non sono contemplati nei loro piani.
      Questo è il punto. E qui si dipanano diverse strade.
      Prendiamo le principali.
      1) Società sana, ottimi manager, rosa di buon livello, allenatore bollito. Non commento, che dire?..certamente da qualche settimana è una deriva cui dietro soffia l’opinione generale, il cosiddetto mainstream;
      2) Lo stadio. Il vero ed unico motivo che ha portato i capitalisti americani ad acquistare l’ASRoma. La differenza con Pallotta è che lui lo dichiarò fin da subito. Pallotta nell’attesa fece trading con acquisto e vendita di giocatori e trading con azioni societarie, il trading è il suo mestiere. I Friedkin galleggiano in attesa che il loro vero interesse si concretizzi. E la squadra segue queste dinamiche. 6/7 in classifica ma pronti a balzare su qualsiasi occasione, se ci arriviamo, la coppa, bene, altrimenti pazienza. Nell’attesa trading di giocatori di basso profilo, inutile che a questo punto ne faccia i nomi, e parametri zero. Quello che viene, viene.
      Io spero che a gennaio la proprietà investa per l’acquisto di un paio di terzini, ma veri, e un centrocampista, ma è un sogno anche perchè per acquistarne di buoni il nostro ds dovrebbe sbagliarsi, è solo così che avremmo più chance..!
      Forza Roma, sempre!

    • “Non siamo abbastanza ricchi”?
      Quelli hanno fatturato 10 miliardi, no milioni, l’anno scorso. A noi ce trattano come li fiji daa serva. Però vedo nugoli de tifosi, co le mutande bagnate, che strillano come nespole isteriche: “Preeesidentee, presideente, graaazieee” solo perché l’amico suo americano der Chersea j’ha prestato BigRom…

    • @Commissà, i club ricchi sono il City, il Real e compagnia bella, peraltro essendo comunque pieni de buffi. No a Roma.
      A Roma è un club de fascia media.
      Che gli Americani si intaschino i soldi è tutto da dimostrare, quello che era certo era lo stipendio di Rosella Sensi.

    • Qualche anno fa, un “salentino”, si recò negli spogliatoi, dopo l’ignobile sconfitta con il Sassuolo, e fece quello che scrivi tu……fu fatto fuori. Io sono perfettamente d’accordo con te: ci vuole uno con i contro….i per fare capire a certe “signorine” la fortuna che hanno di giocare a Roma e per la Roma, allenati da uno degli allenatori più vincente di sempre ….forse un bel “paliatone” sarebbe propedeutico.

    • L’Americani nun se l’intascano li sòrdi, ce manca pure che ce magneno. Ma visto che hai nominato Sensi; Franco, che c’aveva n’patrimonio economico che pe li Friedkin so’ spese de cancelleria pe le aziende loro, ha COMPRATO fior de campioni de tasca sua. S’è esposto in prima persona pe cercà de fa na squadra pe compete. Nun se limitava a mettece solamente li sòrdi pe la gestione corente der club o pe rripianà li buffi. Capito mo?!?
      Er City, che era na sorta de latzie britannica, è diventato n’club ricco perché Mansour c’ha messo li sòrdi sua, no che ha mannato avanti er sodalizio co prestiti, parametri zero e spese de gestione…

    • Però Giraldi allora bisogna raccontarla tutta.
      Sensi dopo aver pagato Batistuta già fracico a 31 anni 70 miliardi è fallito.
      Per carità, grande atto d’amore nei confronti della Magica, glielo riconosciamo tutti, inoltre erano i tempi di calciopoli. Ma nei fatti il suo progetto era meno sostenibile di quello di Pallotta. Ma quale imprenditore può sperare di gestire una società in questo modo? Dài.
      Per fortuna è scoppiato il bubbone di Calciopoli, che ha affossato per 10 anni molte squadre, altrimenti eravamo cotti. Cotti. Ma il Covisoc nel 2003 ce lo siamo scordati? Ancora non si sa come abbiamo fatto ad iscriverci al campionato.
      Poi è arrivato, nel 2011, con gli Americani, il FPF, che entra in vigore quell’anno. Mansour ha potuto comprare a suon di petroldollari PRIMA, e lo ha fatto dopo, evidentemente BARANDO, come attestano tutti i giornali anche in quest’ultimo mese.
      Noi siamo aaa Rometta, abbiamo sforato un poco i paletti e ce li hanno messi su per i denti, i paletti, mica si sono girati dall’altra parte come per i club della Superlega.

      La storia, tutta, è questa.

  3. Boh, per me Celik è stato tra i meno peggio.
    Considerata la ruggine per il poco impiego direi prestazione accettabile ed anzi penserei ad un maggiore impiego anche in campionato, visto il rendimento di Karsdorp e Kristensen.
    Più comprensibili le critiche ad Aouar, anche se l’impegno c’è stato e la palla illuminante ad El Sha, poi clamorosamente sprecata prima da Paulo e poi da Romelu, pure.
    Penso invece che le maggiore critiche le meritino i subentrati.
    Non è che Pellegrini abbia fatto meglio di Aouar, anzi. Forse quel tiraccio 4 metri fuori solo davanti al portiere l’algerino l’avrebbe almeno messo in porta.
    Renato Sanches e Spina sembravano rallentati, come se non si aspettassero l’agonismo dagli avversari.
    Si tratta di 3 giocatori sulla carta titolari che dovrebbero cambiare la musica in campo.
    Martedì l’Inter era sotto 3 a zero con le riserve in campo, poi nel secondo tempo, con l’ingresso di Barella e soci, ha agguantato il pareggio e sfiorato la vittoria.
    Trova le differenze.

    • E’ oggettivo che ci sono giocatori ( e chiamarli giocatori è un complimento) che NON sono in grado di praticare lo sport del calcio a livello agonistico. Spinazzola, Pellegrini, Aouar e Sanches, ad oggi farebbero panchina anche in Primavera. Mi dispiace perchè come Romanista sono deluso da loro anche perchè vedo che non c’è ormai via d’uscita se non quella di venderli o comunque salutarli.

    • Prestazione accettabile? Ma qui mica se parla de impegno. Qui se parla de uno che è na pippa termonucleare che nun è in grado de gioca in una squadra de livello. Uno de li tanti, perché se me metto a fa a’ lista finisco stasera…

    • ddrmamancheno,
      L’Inter martedì ha recuperato dal 3-0 al 3-2 con le riserve, con i titolari ha fatto il 3-3 .

  4. Purtroppo ci sono le categorie e certi giocatori stanno dimostrando di che pasta sono fatti. Alcuni come Celik svolgono il compitino, altri come Aouar sono indolenti, altri ancora come Pellegrini sono in involuzione (già dallo scorso anno). Oltre a questi ci sono i perenni infortunati: Renato Sanches, Spinazzola etc… su cui non si può contare (oggi ci sono ma alla prossima partita chissà?). Mediamente la Roma è una buona squadra ma non suffic per raggiungere certi obiettivi o meglio, servirebbe un allineamento astrale per raggiungerli (recupero totale degli infortunati con susseguente tenuta fisica e recupero “tecnico” di certi elementi, capitano in primis).

    • Pe me Pelle nun è in involuzione, pe me Lollo è questo. Ha fatto n’mezzo exploit ne l’anno della UECL, motivato a pallettoni da Mou…

  5. Abbiamo giocato 5 partite di EL: 2 bene (Slavia e Servette in casa), 3 tra male e malissimo (Slavia, Servette e Sheriff in trasferta), come si poteva pensare di passare da primi il girone? Siamo sempre lì, giocando partite orrende i risultati faticano ad arrivare, può onestamente tutto questo essere colpa di un paio di singoli?
    Siamo seri, DS e panchina, allenatore in testa, stanno fornendo delle prove imbarazzanti.

    • Guarda, personalmente, anche se giochi partite orrende e vinci a ne sta bene. Sul girone posso dirti che ieri quelli difendevano come in parrocchia è che c’è più demerito nostro (Dybala si mangia 3 goals davanti al portiere) che bravura loro. Contro lo slavia ha pesato il Derby, giocato 3 giorni dopo, inutile girarci intorno, i giocatori si sono risparmiati. Possiamo criticare Mourinho assolutamente però c’è anche da dire che sistematicamente dobbiamo preparare 2 trasferte di fila (una europea ed una di compionato) con meno di 3 giorni di riposo, fatto che oggettivamente ci danneggia. Non è semplice e per me influisce anche sulle prestazioni.

    • Collega di tifo Dan, non c’è dubbio che se giochi male e vinci… tutti felici. Ma se fai defecare e poi neanche vinci beh… qualcosa dovremo pur dire come spettatori e tifosi. Sul “danno” collaterale da trasferta: se arriviamo ad anni luce dalle prime e veniamo relegati in strambi gironi (che poi neanche vinciamo), se non abbiamo la forza del doppio impegno, facciamo prima a chiudere baracca e burattini, che giochiamo a fare?
      Perché ci risparmiamo a Praga, perdendo la testa del girone e la possibilità di fare due amichevoli? Per farcela addosso anche davanti ai pigiamati?

  6. Sarò impopolare ma quale giocatore professionista strapagato scende in campo per fare brutta figura con tutto poi quello che ne consegue? Non credo sia una questione di impegno ma di ovvi limiti tecnici.. Onestamente mi chiedo fino a che punto serva screditare i giocatori cosi in maniera pubblica (karsdop ne è un esempio). Se poi è il solito messaggio alla società, direi anche basta, ne parlasse nelle sedi preposte.

    • Quale giocatore professionista di serie A e quindi già straricco si metterebbe a scommettere soldi su siti illegali?
      Occhio che di domande simili se ne potrebbero fare molte…
      A Roma si sta comodi. Bel clima, si vive bene, tifo passionale, città che sembra (è) un museo, nessuna possibilità che ti mettano alla frusta. La domanda corretta è: perché, dopo aver firmato il contratto, dovrei sforzarmi? Infatti quelli che corrono sono quelli che, arrivati a sei mesi dalla scadenza, non hanno alternative migliori che il rinnovo.

    • Idi di Marzo,
      “A Roma si sta comodi”
      Perchè a Madrid o Barcellona o Milano pensi che si sta male per cui è più facile giocare a calcio e costruire club vincenti?

  7. Ragazzi, ieri Dybala fallisce tre-dico-tre occasioni clamorose (e Pellegrini una)! Se ne avesse messa dentro una-dico-una, fermo restando lo schifo di prestazione complessiva fornita, tutto sarebbe passato in secondo piano… e paradossalmente, la vittoria dello Slavia all’ultimo secondo, rende meno amara st’aranciata amara.

    • Dybala ieri era da pijà a carci. Ma da uno che t’ha sempre tirato fòri e’ castagne dar foco, n’paro de partite storte da parte sua, te le incassi e abbozzi in silenzio. Chi m’ha rotto er casso, ma mica da ieri, so na carettata de mezzi giocatori che so’ 5 anni che m’ammorbano l’esistenza co la presenza loro a Trigoria. Er brutto è che a loro s’aggiungono artri mezzi giocatori, ogni anno, da 5 anni…

  8. Tolto Lukaku e Dybala siete tutte braccia tolte all’ agricoltura compresi società allenatore e tutto il resto.Questo è un girone di tutti dilettanti.Forza Roma e basta

  9. Ha ragione mourinho. Date al nostro mister bellingham, Rodrigo, kroos ecc e vedete come questa partita il servette non l’avrebbe mai pareggiata.

    • Ner carcio esistono e’ categorie. Fra Celik e Bellingham, ce so tipo na quindicina de categorie. Nun te dico che me devi comprà Rodrigo, ma manco l’urtimo daa lista…

    • Giraldi Nico e tra dybala e bolla e lukaku e mbedia ci sono le categorie? Tra mourinho e l’allenatore del servette ci DOVREBBERO essere le categorie? Chiedo eh

  10. penso che, nemmeno a malincuore, ci priveremo , o dovremmo privarci, della classe dell’impegno e delle prestazioni sportive di gente del calibro di Aouar, Celik, Pellegrini, Spinazzola, Smalling, e io ci metterei pure Paredes che a me non e’ mai piaciuto pur se campione del mondo ..

  11. Purtroppo i risultati parlano chiaro, Pellegrini e’ il capitano che va bene per una Roma tra il 5′ e il 7′ posto in classifica. Stesso discorso per l’intero centrocampo nessuno escluso, sono giocatori da 5′ posto in giu’, non lo dico io ma questo lo dice il campo da 5 anni. Con Smalling, Dybala e Lukaku sempre in campo al 100% si potrebbe arrivare anche quarti o forse terzi addirittura ma questa non e’ la realta’ facciamocene una ragione. Mkhitaryan purtroppo non e’ mai stato rimpiazzato con quelle caratteristiche ma gia’ solo lui era anche poco li in mezzo.

    • Ragazzi la squadra è questa, ede è voluta così dalla società.. Galleggiare fino ad arrivare allo stadio. Ma voi credete che se arriviamo in Champion possiamo affrontarla decentemente con questi giocatori che sono in involuzione, limiti tecnici e limiti di esaurimento fisico? Andrebbe rivoluzionata mezza rosa. Gli acquisti fatti sul mercato sono occasioni a parametro zero o prestiti, null altro, quindi se va bene ok, altrimenti nulla, ndicka sta andando decentemente, gli altri no, in più giocatori in chiaro declino fisico (spina Pellegrini, sanchez) e giocatori limitati(tutta la fascia destra è scandalosa) quindi anche se hai Dybala lukaku non è che hai risolto il problema.. È una rosa mediocre… Accettiamo.. D d’altronde lo accettiamo da anni! Quando c erano i giocatori forti ai tempi di Totti non si vinceva uguale!
      Ci vogliono programmazioni serie obiettivi Seri e dichiarati e competenze sul mercato ma fino a che nn si fa lo stadio alla proprietà nn interessa

  12. Io credo che un giocatore, specie se è un giocatore d’attacco, in campo voglia divertirsi. Quante interviste abbiamo sentito negli anni, di giocatori che si dichiaravano contenti di scendere in campo, perchè il loro mister li faceva giocare e divertire? ora, a parte la pena che proviamo noi tifosi, io credo che anche gente coi piedi raffinati e una propensione al gol, a giocare in questo modo si stia rompendo solennemente i coxioni. Ma voi pensate davvero che un Lukaku possa accettare di ricevere un pallone a partita? che un Dybala possa accettare di dover fare l’ala tornante? Elsha che fa il terzino? che Pellegrini o Aouar facciano volentieri una mezza specie di box to box? Quando Salah è arrivato in Premier, messo venti metri più avanti e liberato da compiti difensivi eccessivi, ha iniziato a segnare a rotta di collo. Noi di sicuro i talenti che abbiamo in avanti li stiamo snaturando perchè dobbiamo far giocare Mancini e non ci muoviamo dallo schema 9-1 anche se chiaramente passare a un elementare 4-4-2 o un 4-3-3, darebbe a tanti giocatori il proprio ruolo naturale e la possibilità di esprimersi. Vogliamo veramente dare la croce a chi ha giocato un quarto d’ora, quando la Roma pressochè titolare non ha saputo avere la meglio sul Servette? ma siamo seri dai

  13. Sta cosa di mettere alcuni giocatori sulla graticola o sul “banco degli imputati” a ogni singola sconfitta non mi piacerà mai, si vince e si perde da squadra, se ci sono problemi si risolvono internamente e non in piazza.

    Tra l’altro è una Roma che ha giocato con quasi tutti i titolari e che per lunghi tratti ha spinto per vincerla, per cui se non siamo riusciti a vincere nemmeno col Servette non credo sia colpa unicamente dell’atteggiamento di alcuni giocatori.

  14. Di solito quando Mourinho fa le dichiarazioni nel post gara soprattutto quando fa scaricabarili, difficilmente sono d’accordo ma questa volta invece sono d’accordo con lui. Al secondo tempo la squadra è andata peggiorando, alcuni giocatori era palese che giocassero per “farci un favore”, ma io a questi 2 aggiungo Sderenato e Spinazzola, mentre Pellegrini non credo non si sia impegnato, semplicemente ha giocato male. Sarebbe da metterli in tribuna, ma non possiamo permettercelo, comunque arrivare secondi in questo girone è uno schifo totale, soprattutto per noi tifosi visto che a tanti giocatori non frega nulla neanche delle figure di melma che fanno.

  15. Dico solo una cosa, ma evete visto con chi sta giocando la Juventus? Presi come figurine è una rosa nettamente inferiore alla Roma! Eppure sono secondi a due punti dall’Inter!
    Le colpe sono chiare, i Sanches, Aouar, Cristensen, Paredes, Celik forse salvo N’Dicka, come riserva, il resto sono inutili. Meglio pescare i migliori nel ruolo in serie B giovani affamati e sani.
    Sicuramente li puoi impiegare con squadre del livello di Slavia e Servette

  16. sop evidentemente c e gente in squadra che vuol giocare però senza mettere impegno in campo ,giocando come se ti stessero facendo un piacere .ma si puo uno spina o un pellegrini ti fanno 2,3 partite buone l anno .quando dovrebbe essere il contrario 2,3 brutte l anno .vedere pellegrini in campo è una cosa imbarazzante qualsiasi avversario gli va via sempre sembra un giocatore a fine carriera non ha il fiato per stare in campo ,ma gia da anni

  17. Per battere il servette non servivano i fenomeni. Roma scarsa purtroppo.
    Meritiamo di fare il preliminare perchè lo slavia ha buttato il sangue sul campo, fino all’ultimo secondo. Noi siamo le solite signorine.

  18. ho la forte impressione che Celik, Aouar e Sanches fossero una scelta del solo Pinto, ma senza l’ok tecnico di Mou .. chissa’ se lo sapremo mai ..

  19. “Ci sono giocatori che hanno perso delle opportunità. Aouar? Non parlo di lui, parlo di altri giocatori, sembra che qui fuori casa la gente che va in panchina entri poi con un atteggiamento che non riesce a migliorare la squadra.”
    queste le parole di Mourinho ieri. Mi spiegate perché Mourinho dovrebbe aver messo in mezzo aouar, se è stato proprio Mourinho stesso a dire che non parla di lui?

  20. Mia Roma anni 70, ero abbonato.
    Trasferta: Sconfitta con le big. Pareggio con le scarse
    Casa: vittoria con le scorse e sconfitta/pareggio con le big.
    E’ cambiato qualcosa? Ditemi voi

  21. secondo me Mourinho si riferisce a quei giocatori che sono riserve e che ieri hanno giocato titolari e sono Aouar e Celik non credo che quelli che sono entrati a 20 minuti dalla fine siano criticabili, a parte Pellegrini che si porta uno strascico di infortunio da tempo, ed El Shaarawy che abbiamo capito tutti, e lo dico per chi non lo avesse capito è un giocatore da ultima mezz’ora

  22. Mah, comunque si voglia essere benevoli e usare il refrain che si vince e si perde in 11, se tre quattro calciatori non giocano bene, giochi in 8 o anche in 7. La rampogna dopo una partita storta finora ha funzionato. Non sarà bello prendersela con i singoli ma dopo molte occasioni date ad Aouar, schierato poi per i problemi di rosa corta che conosciamo, se non lo nomina JM, non è uno scandalo rompersi le palle delle sue prestazioni così ancora di più di quelle di Spinazzola. Dovremmo rischiare altri risultati per non vedere come affrontano la partita?
    Forza Roma

  23. sono tanti i giocatori,che si sono seduti,anche i capitani coraggiosi a 5 milioni l anno, vero primo scandalo, anche perché disse Mourinho che ce ne volevano almeno 5 di pellegrini, così annamo in b di sicuro.

    • Se accetta la vendita, dirai che è un mercenario? Tanto per te è importante solo parlarne male.😂😂😂
      Forza Roma

  24. Quelli della gazzetta devono andare a cogliere le margherite. Aouar ok Celik non c’entra nulla perché ha giocato fuori ruolo tutta la partita, malgrado ciò non ha sfigurato. Aouar è stato sostituito da Pellegrini, purtroppo il sopravvalutato è riuscito a fare peggio dell’algerino, credo che Mou ce l’avesse con entrambi. Anche il mister comunque ha le sue colpe, è vero che Dybala si è mangiato due gol e uno Paredes, però Belotti doveva entrare prima, i cambi a fine partita non servono a niente, eccetto miracoli. Il bergamasco ha grinta e fiuto del gol poteva dare il cambio a Celik (fuori ruolo,) o Elsha, altro fantasma in campo, non ha mai fatto la differenza e soprattutto non ha mai tirato in porta. Pensiamo alla prossima partita che è meglio. Forza Roma

  25. qui si da’ spesso la colpa ai giocatori, accuse pesanti, sempre con il capro espiatorio di turno crocefisso, una volta e’ stato l’ olandese il traditore, ora e’ celik, siamo onesti, pellegrini dove stava? auar pessimo, belotti ingiudicabile, gioca 10 minuti, perché non prima? con dybala stanchissimo non in serata e preso a calci dall’inizio alla fine, spinazzola entra con la testa non sai dove sbaglia 4 cross su tre, innegabilea responsabilita’ dei giocatori, la mollezza e mancanza di mentalita’, va bene, ma sappiamo tutti come sia arduo giocare per chi abitualmente non scendendo campo se 8 degli undici affrontano l’impegno con un simile atteggiamento, facile dare la colpa a uno o due giocatori ma questo modo di fare affossa i giocatori oltre a deprezzarne il valore economico, i giocatori li paga il presidente, non Mou, perché la colpa per il mr e’ sempre e solo loro..lo dice pubblicamente, non dentro o almeno non solo dentro lo spogliatoio, si puo’ dire questo senza essere accusati di lesa maestà o di essere laziali dai vari Gaetano e soci pronti a ridicolizzare qualsiasi critica e dare dei gufi a chi fa notare queste contraddizioni? neanche i bambini ragionano come i Gaetano di turno, poi vogliamo negare a prescindere dalla qualità della squadra che non sarà eccelsa ma neanche formata da scappati di casa lo spettacolo a cui assistiamo specie fuori casa?..giocatori che non sanno minimamente cosa fare con la palla, si nascondono o vanno a tre all’ora facendo piazzare sistematicamente la difesa avversaria e perdendo almeno due tempi di gioco, scoraggiante, non ricordo chi ieri ha giustamente scritto di aver assistito ad uno spettacolo davvero brutto, come negarlo? io non ce l ho con Mou alla fine rimane un grande e magari assesta la squadra e ci porta in finale un altra volta, in questo lui e’un numero uno, magari ci riuscisse anche perché vorrei vedere se riescono a rifarci un altra coppa in modo infame, tuttavia rimangono, ad essere obiettivi, vari problemi da risolvere, su cui anche uno esperto come Mou riesce a mettere una pezza, alla fine mi chiedo ma i friedkin di fronte a tutto questo cederanno all’amore dei tifosi della Roma per Mou? ai sold out che porta ogni partita, o stanno facendo i loro conti sul gioco espresso e sulle co ntinue lamentele e frecciate del Mr che a volte pare allenare una squadra di serie b da come ne parla? vedremo..comunque sia chiaro, sempre forza magica Roma!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome