L’altro mercato di Pinto: asta per Bove, Tripi ceduto al Mura

24
2326

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – In attesa di capire se potrà regalare a Mourinho i rinforzi richiesti, il gm Tiago Pinto lavora alla uscite partendo dai giovani provenienti dalla Primavera.

Su Edoardo Bove, che sembra destinato a lasciare Trigoria visto il poco spazio trovato, è in corso un’asta: oltre al Lecce, anche Salernitana e Sassuolo si sono fatte avanti per averlo in squadra. La Roma è pronta a cederlo ma vorrebbe mantenere un diritto di riacquisto sul calciatore.

Chi invece ha già le valigie pronte è Filippo Tripi: il giovane centrocampista giallorosso, utilizzato un po’ ovunque da Mourinho nelle sue poche apparizioni, è pronto a trasferirsi agli sloveni del Mura. Manca solo il sì da parte del calciatore al trasferimento.

Fonti: Gazzetta dello Sport / Il Romanista

Articolo precedenteMourinho, spunta l’ipotesi Portogallo: prospettato il doppio incarico
Articolo successivoLotito non molla sul salva-calcio e fa stalking tra i colleghi: “Mi hanno fatto girare le palle…”

24 Commenti

  1. Ma tutte queste dismissioni significano che non abbiamo un gran vivaio oppure che siamo capaci di giocare solo con grandi campioni e non siamo in grado di far crescere i nostri giovani ?

    • viste le rose e il primo mezzo campionato della stagione in corso (potremmo tornare a quelli precedenti) quali sarebbero i giovani in campo nella concorrenza diretta, primi 4 posti, alla TRIPI, non dico BOVE, altrove? ZANOLI al Napoli?
      ma manco a Cremona sta giocando FELIX (e Milanese? bho’…)
      BELLANOVA, acquistone di MAROTTA con un anno di A ottimo dietro non vede campo.
      La JUVE con MIRETTI e FAGIOLI, ora ISLING o come caspita si chiama, é un discorso a parte, per tanti motivi.

    • SardegnaGiallorossa (S1967), quindi alla mia domanda mi stai rispondendo che non abbiamo un gran vivaio.

    • scusa ho visto ora il tuo commento. No caro romano, è il solito voler vedere una parte di discorso da bicchiere mezzo vuoto (come a troppi succede per me. Alla fine se le cose non vanno, tipo no 4 posto, a che serve cmq fasciarsi la zucca prima di Natale?)…

      e poi DOVE LEGGI che ho scritto quello?

      ti reputo, da commenti letti tuoi, persona che sa mettere 2 frasi bene, pure se non sono spesso d’accordo. Quindi quando si dice che per alcuni é sempre nera, ci si sbaglia?
      Si arriva a forzare parole altrui… o a prender la parte che ci suona meglio.
      Io ho scritto solo che é un MONDO DIVERSO tra primavera (pure la migliore come è spesso quella giallorossa) e giocarsi la UCL (ma pure la salvezza…).
      E, infatti, tolta qualche eccezione all’ago nel pagliaio, nella quale siamo peraltro avanti a tanti/tutti, i primavera non vanno seriamente in campo.
      Pure quelli dell’Inter o della Juve per dire (venduti finti per falsare il bilancio) o del Napoli, che ci han pagato mezzo OSIMEHN con 4 contabilizzati 20 milioni che da subito han fatto i pony express…

      che la Roma non abbia un gran vivaio secondo me non so da dove lo hai tolto…😊

  2. Capisco poco la cessione di Tripi in Slovenia. A meno che non lo si mandi all’estero un anno per poi riprenderlo e fargli un contratto da professionista sfruttando i benefici fiscali per chi rientra in Italia.

  3. Tripi 0 minuti giocati in stagione.
    Bove un totale di 110 minuti circa in complessive 10 apparizioni negli scampoli finali di partita tra campionato e coppa e con il rientro di Gini anche questo scarsissimo impiego è destinato a venir meno.
    I giocatori ventenni di prospettiva devono giocare, altrimenti rischiano di bruciarsi.
    Se, come raramente capita, sono già ad un livello da prima squadra, tipo Zalewsky, allora è giusto tenerli, ma negli altri casi vanno mandati via.
    Se poi si crede nelle capacità del giocatore si può sempre inserire un diritto di recompra, ma la cessione è fondamentale, perché col prestito secco la squadra “noleggiatrice” non ha interesse a puntare sul giocatore, sicché si rischia la fine di Calafiori al Genoa.
    Bove lo manderei al Sassuolo in parziale contropartita x Frattesi.
    Una squadra come la Roma deve essere disposta a pagare un cospicuo premio di formazione x vedersi trasformare un giovane prospetto in un giocatore pronto per essere titolare in giallorosso.

  4. A me sembra invece che questa Roma sia in controtendenza con la Roma di Pallotta che usava i primavera come compensazione negli scambi di mercato, qui vedo più maturità e consapevolezza. Alcuni primavera di buon livello sono già in prima squadra altri vengono mandati a giocare altrove per capire effettivamente il potenziale. Mi sembra ci sia più logica. certo poi nei contratti devi mantenere un clausola che consenta di riavere il giocatore senza rimetterci ma questo è un altro discorso. Non lo puoi fare con tutti. Zalewski è un giocatore che oggi potresti piazzare a 20M e questo fa capire cosa significa far crescere bene i primavera della Roma, altro che tesoretto.

    • Su Zalewski comincio a pormi qualche domanda. L’esplosione lo scorso anno ci è stata e ora perchè lo sto vedendo giocare in maniera involuta e titubante ? forse perchè lo stiamo facendo giocare in un ruolo non suo ? Fino a che si era in emergenza va bene ma non puoi rovinarlo per sempre, anche perchè altrimenti 20 milioni puoi scordarteli. Allora mi chiedo se la colpa è nostra che non li usiamo per le loro reali caratteristiche.

    • Ancora? Di marocchini buoni ce ne sono tre: Hakimi, Ziyech e Bounou.
      Il primo è fuori concorso, gli altri due sono dei trentenni o quasi.
      Ziyech avresti dovuto prenderlo quattro anni fa, ma il tuo idolo Attila Monchi ti ha portato le spoglie di Pastore.
      Gli altri sono onesti mestieranti o anche di livello più basso, che finito il mondiale torneranno nell’anonimato da cui sono venuti.

    • Se compriamo tutti i fuoriclasse che solitamente fanno bene solo al mondiale… vedi Italia dell europeo.

  5. su tutti i giovani ha mantenuto un diritto di riscatto Non dimentichiamo che la Roma è in mano a chi ha ceduto de bruyne e sarà con una leggerezza pazzesca

    • De Bruyne era stato mandato in prestito a giocare,al Chelsea c’era tanta concorrenza e tanti giovani, gli obiettivi erano alti e De Bruyne non era quello di ora. Quando il Chelsea ha deciso di monetizzare non credo ci fosse più Mourinho e leggi quello che dice De Bruyne su Mou, parole di riconoscenza! Mou accusato di aver avallato la cessione di Salah, idem c’erano altri più pronti ,ma fu proprio Mou a volerlo dopo averci giocato contro. Il Chelsea ha come obiettivi campionato e Champions ,nè quarto posto, nè crescere i giovani, ne hanno talmente tanti! Lasciamo perdere i confronti che non ci sono proprio tra Premier e Serie A!

    • Lupo,
      fu Lampard a chiedere di essere ceduto nel Gennaio 2014 (con un contratto in scadenza nel 2015) perchè in 6 mesi aveva messo insieme solo 9 presenze.
      Il problema è che davanti aveva gente del calibro di Lampard, Matic, Hazard, Schurle, Oscar,
      che è chiaro che con il senno di poi erano meno in prospettiva del 21enne belga,
      ma in quel momento erano superiori.
      Infatti lo comprò il Wolfsburg, non il Real Madrid o il Manchester.

  6. Ve bene … anche perché le formule che adotta oggi la Roma ci tutelano nel caso della recompra , esempio Voelkerling Persson , dove hanno fissato il prezzo della recompra oltre un 50% in caso di cessione altrove.
    L’importante è che non toccano Volpato e Tahirovic , senza contare che ragazzi come Cassano Satriano e molti altri sono in rampa di lancio.
    Le giovanili sono il fiore all’occhiello dell’attuale Roma … nessuno come noi.

  7. Spero che non cedano a titolo definitivo BOVE E TRIPI. Sarebbe un’ immenzsa cazza. di pinto che gia’ tanto ha sbagliato. VALORIZZARE I PRIMAVERA !

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome