L’Arabia Saudita sorprende l’Argentina: Messi e compagni battuti 2 a 1, Scaloni lascia Dybala in panchina

75
1584

AS ROMA NEWS – Partita ricca di emozioni inattese quella giocata questa mattina tra l’Argentina di Paulo Dybala e la sorprendente Arabia Saudita, valida per il gruppo C del Mondiale in Qatar.

Partenza in discesa per i sudamericani, che sbloccano quasi subito il match grazie a un rigore realizzato da Messi assegnato dall’arbitro dopo l’intervento del VAR per una trattenuta su Paredes.

Ma nella ripresa succede l’imprevedibile: l’Arabia Saudita, mai doma, ci crede e prima pareggia con Al-Shehri e poi opera il clamoroso sorpasso grazie a una magia di Al-Dawsari.

Scaloni le prova tutte operando quattro cambi, lasciando però in panchina Dybala per tutta la partita nonostante lo svantaggio e la difficoltà degli attaccanti argentini di bucare la difesa saudita. Gli assalti disperati dell’Argentina però si scontra con una determinazione feroce dell’undici arabo, che porta a casa con merito una vittoria storica.

Il cammino dell’Argentina, data per grande favorita alla vittoria finale, si complica parecchio: ora Messi e compagni dovranno battere Polonia e Messico, le altre due avversarie nel girone, e il compito non sarà per niente facile.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

 

Articolo precedente“ON AIR!” – SABATINI: “Scambio Karsdorp-McKennie, Pinto deve inventarsi qualcosa”, ROSSI: “Solbakken può essere utile a Zaniolo”, CORSI: “O questo è fortissimo, oppure Mou si sta adattando al nostro livello”
Articolo successivoRoma in partenza per il Giappone: ok Pellegrini e Spinazzola. Mou chiama cinque Primavera

75 Commenti

  1. ecco la dimostrazione lampante che nel calcio nn ci sono dogmi in generale..questo perchè i tanti sapientoni del sito capiscano che nulla è cosi scontato come appare dai loro commenti “leggermente” boriosi..eh eh

    • Che il calcio non sia mai scontato è fuori di dubbio da sempre ma se il tuo commento è volto a giustificare quella squadraccia che ci ritroviamo al momento non sono più d’accordo.

    • il mio post è rivolto a diversi di quelli che scrivono qui e si ergono a grandi esperti..magari quelli che più che stamo a fa dovrebbero scrivere ma che stamo a dì..eh eh eh

    • Ma infatti orange ahah fatti spiegare dal signor machestamo come e perché la Roma di Liedholm è crollata. Un becero ahah saluto
      Forza Roma

    • A me ha dimostrato che se una squadra gioca con aggressivita’, concentrazione maniacale, e motivazione infinita (ossia, le 3 cose che mancano di piu’ alla Roma, e non solo da quest’anno…) a volte puo’ battere chiunque, anche avversari dieci volte superiori tecnicamente.
      E se spolliciate con la storia che non e’ vero perche’ i nostri “s’impegnano” e fanno i chilometri e “escono con le maglie sudate”, ricordatevi che si fanno i chilometri e si suda e ci si stanca pure a fare jogging al parco, ma me sa che non c’entra un ca’ col gioco del calcio.

    • Per giocare con quella aggressività hai però bisogno di un impianto tattico che te lo conceda.
      Il pressing a tutto campo può riuscire solo se la squadra è cortissima, in max 30 mt di campo.
      Altrimenti vedi quello che vedi quasi sempre nella Roma, uno o due che corrono verso l’avversario a venti metri di distanza, in modo dispendioso e totalmente velleitario.
      Quante volte vedi Abraham o Zaniolo fare questi scatti improduttivi, per essere regolarmente sottoposti a torello da parte degli avversari.
      I sauditi hanno avuto il coraggio di tenere la linea sempre alta, non si sono scomposti neanche quando sono andati sotto.
      Se tu hai Smalling, Mancini, Ibanez eternamente piantati sui loro sedici metri, non ti potrà mai riuscire quello che hanno fatto loro. A prescindere dalla voglia e dalla concentrazione.
      Nel calcio bisogna soprattutto correre bene, non tanto o troppo.
      Ecco perché sorrido delle statistiche di alcuni che mi mostrano i Km percorsi da Cristante e Pellegrini: sono per lo più Km percorsi a vuoto, inutili, perché mancano le giuste distanze tra i reparti e ciò ti porta a essere sempre in ritardo nei confronti del portatore di palla avversario.
      I nostri sembrano perennemente distrutti dalla fatica perché passano gran parte della partita a rincorrere avversari in modo totalmente improduttivo.

    • questa invece e l’ennesima dimostrazione che le partite sono palesemente truccate specialmente in competizioni importanti come il mondiale dove ce un volume di gioco pazzesco

    • ma chi l’ha vista la partita? io non sapevo neppure che si fosse già giocato…! il mondiale più finto della storia! Imbarazzante e non lo sto boicottando…avrei voluto, vorrei, ma il fatto è che si sono boicottati da soli, sti pagliacci!
      Sono per il calcio tradizionale, maschile, di domenica, alle 14.30. poi è arrivato il liberalismo, la mercificazione, il capitalismo ha trionfato, morale: una partita ogni giorno, anche due, tutti i giorni, il calcio femminile e infine il mondiale che non guarda nessuno!
      Che fintume!
      Forza Roma, sempre!

    • “hai però bisogno di un impianto tattico che te lo conceda.”

      Sicuramente, ma qui torniamo al dilemma storico su chi siano i responsabili: quelli che eseguono sul campo o quello che sta in panchina.

      Perche’, per quanto mi possa sforzare, io non riesco a concepire l’immagine di un allenatore (non solo Mourinho eh: qualunque allenatore di livello decente) che dice ai suoi: “State piantati a 50 metri di distanza l’uno dall’altro e mantenete almeno 20 metri dal portatore di palla su ogni azione degli avversari, e corrette a casaccio fino a schiacciarvi tutti in area di rigore cosi che i difensori stanno in un altro fuso orario rispetto agli attaccanti. Ah e gia’ che ci siete, ciancicate tutti passaggi quando c’avete la palla voi e fate solo stop a “inseguire” alla Ciccio Graziani dei bei tempi”…

    • Hai ragione pure tu dtf, però a questo punto si pone un altro dilemma: cosa ce l’hai a fare un allenatore plurititolato da 7,5 mln all’anno se poi non riesce a cavare da queste rape più di quanto non faccia un collega che prende tre volte meno?
      Se tale Renard riesce a rendere una squadra efficace e moderna un branco di beduini che non posso pensare superiori a quelli della Roma, l’allenatore qualcosa conterà pure.
      Un tecnico che ha stravinto il confronto con un altro che aveva a disposizione una bella fetta del gotha del calcio, seppure un po’ datati.
      E ricordo pure che due anni fa la responsabilità dei risultati scadenti veniva accollata senza pietà a un tecnico che provava a cavare qualcosa dai Villar, Diawara, Carles Perez, Bruno Peres e Mayoral.
      Guai invece a pensare adesso che pure Mourinho potrebbe essere fallace, superato, quello che ti pare: la colpa, tutta la colpa, non può che essere di quelli che vanno in campo.

  2. Non ci credo, mi state dicendo che anche 11 casi umani possono giocare bene a calcio se messi in campo con cognizione di causa? Impossibile

    • forse è più corretto dire che 11 campioni possono perdere da 11 sconosciuti se non sono messi bene in campo… O magari che a calcio esiste pure l’avversario, che ti fa giocare male e magari ti batte anche se in teoria sarebbe più debole. È il bello del calcio, d’altronde, ben diverso dalla Playstation

    • Questo è il tuo lato della medaglia, l’altro lato dice che l’Argentina ha giocato con spocchia e presunzione , credendo di fare un sol boccone dell’Arabia Saudita, poiché tre giorni fa avevano preso a pallonate gli Emirati Arabi..
      Si saranno detti, cambia solo il nome ma sempre arabi sono…e sono pure passati in vantaggio , quindi mettendo in discesa la partita.
      La quale partita dimostra che non ci sta nulla di scontato, quando uno scrive che schifo abbiamo vinto soffrendo contro il Verona…( Trattasi di un esempio)

    • @Akaikiiro
      Io Maradona l’ho visto dal vivo…non si allenava, non era uno smilzo, ma per levargli la palla lo dovevi “uccidere”…nel calcio moderno le squadre avversarie finivano in 7 al massimo in 8.
      Sempre e solo forza grande Roma

    • Messi, Maradona, CR7, i giocatori piu’ ultra-iper-valutati di sempre. Protetti politicamente e pompati dai giornalari. Almeno a diegoarmando una “mano” gliela hanno data per fargli vincere un mondiale.

  3. dinamismo, capacità atletiche di resistenza, spazi corti tra i reparti, ottime chiusure hanno avuto la meglio su una incredibile formazione fatta di piedi buoni che, però, non si è dimostrata squadra. Sempre più spesso si vede il fisico e l’organizzazione che prevale su una qualità vera o presunta che, a volte, non fa’ squadra.

    • Questo è sempre stato il limite dell’Argentina: avere 11 argentini in campo, tutte stelle, ottime individualità e poco squadra

  4. Argentina impresentabile e Arabia che ha vinto con merito, nonostante i tentativi patetici dell’arbitro di dare vantaggi all’Argentina fischiando falli inesistenti e ammonendo sistematicamente (6 dopo il 70). Ma anche aiutata in maniera vergognosa, l’Argentina povera di idee e di gioco ha perso meritatamente con contro una squadra che in Asia è inferiore a Qatar (campione d’asia in carica), Giappone Iran e Corea. E nonostante questo lascia in panchina Dybala, l’unico che avrebbe potuto cambiare qualcosa.

    • Tu non l’hai vista!! Nessun intervento da espulsione e dire che l’arbitraggio non abbia favorito spudoratamente l’Argentina vuol dire non aver visto la partita

    • “l’Arabia ha fatto tantissimi falli”

      I falli sono parte del gioco del calcio e bisogna saperli fare, prevenendo e spezzettando saggiamente l’azione avversaria (normale fallo di gioco) e non buttando la gente per terra quando ti scappano via (allora si che ti ammoniscono e ti cacciano).

      Per fare sti falli “saggi” devi pero’ sempre stare addosso all’avversario, pressare come un matto, non concedere un cm, non abbassare la concentrazione nemmeno per un istante. Il che non e’ affatto facile, anzi e’ tra le cose piu’ difficili del calcio.

  5. Certo, hanno giocato con Paredes e Di Maria in campo e Dybala in panca….
    I giocatori non capiranno mai quanto vale la testa e la concentrazione in una partita, al di là dei nomi e degli stipendi

  6. la realtà è che Dybala è superiore a messi;perlomeno questo messi.Sia balisticamente(soprattutto con il destro),sia come dribbling,sia come visione di gioco.Ma purtroppo comanda lui e fin quando non si ritirerà,la joja sarà sempre discriminato.Messi deve ringraziare soprattutto Iniesta per il moto che si è creato.Ma io ne visti almeno cinque di numeri dieci superiori a lui:Baggio,Maradona,Ronaldinho, Kakà e Totti.

    • tutto è opinabile: per me, tra i grandi giocatori che hai nominato, solo El Pibe lo supera. dopo di lui infatti, Messi è storia l’unico giocatore, in grado di vincere una partita DA SOLO.

    • Amico mio togli gli alcolici da mezzo da grande tifoso della Roma è innamorato di Totti ti dico che tutti i giocatori che hai nominato nessuno tra questi si avvicina a Messi, ciò che ha fatto messi in questi anni è stato un qualcosa di inspiegabile.

    • ma che sta a scherza dimmi di sì ti prego. maddai su ma qua ormai se ne sparano una appresso all altra . va be andiamo avanti

    • che Messi sia forte è ovvio altrimenti non sarebbe stato li dove è..
      che poi qualcuno tenda a idealizzarlo e quindi a sopravvalutarlo dimenticandosi che sono esistiti veramente giocatori in grado di fare la differenza con qualunque squadra abbiano giocato… Di Stefano, Eusebio, Cruijff, Pele, Maradona, CR7, Puskas, per dirne qualcuno…ce ne passa

    • Cacioepe’,
      ti sei dimenticato il TOTTI che l’innominabile faceva entrare negli ultimi minuti e che ti risolveva la partita spesso persa? Pensa alle gare con Genoa, Torino e Atalanta di quell’anno. E la partita contro l’Australia, nel 2006? Stavamo sotto schiaffo sia numericamente che fisicamente. DelP. 77′ minuti di niente (prese 3 in pagella). Entra l’IMMENSO e tutto cambia. Il baricentro si sposta dalla nostra alla loro 3/4. E poi il lancio geniale, millimetrico, spaccadifesa per Grosso. E il rigore calciato glacialmente. Ancora mi ricordo l’inquadratura sugli occhi belli e freddi del CAPITANO, prima di battere il penalty.

  7. Bravo Scaloni.
    Se il Mister dell’ Argentina non lo ha messo in campo , significa che non è ancora al meglio fisicamente.
    Da romanista BENE COSI , deve tornare al meglio.non rischiare infortuni
    L’ Argentina passa il turno ? Bene.
    L’ Argentina NON passa il turno ? ancora meglio.
    Da romanista = Dybala sano ed in forma.questo e importante.

    • no, è che qualcuno ha tradito Scaloni, il quale, a sua ulteriore discolpa, allena una squadra di segxe conclamate e non ha i cambi che hanno Arabia e Iran in panchina…

    • Ma in Qatar il tempo passa più lentamente, o si gioca a oltranza.?
      102 minuti. Di qua…
      100 di la….

    • Maradona ha fatto vincere un mondiale a gente come BROWN..Ciuffo, Barbas .. Pasculli

    • ma maradona aveva intorno una squadra ,messi ha avuto sempre un argetina tra le peggiori della storia

    • Chissa’ perche’, ma mi hai fatto venire in mente una battuta di Woody Allen a proposito di alcune copertine del TIMES negli anni ’60: “Marx e’ morto, Dio e’ morto e… anche io non mi sento bene!”
      OK. Sto zitto e pedalo. Ciao! 😎 ⚽ 🚲

  8. Speriamo che l’Argentina non passi il turno a gironi … così tornano subito indietro … e magari Dybala torna in forma allenandosi con calma a Roma … in fondo il selezionatore è Scaloni vecchio Lazziese !!!

  9. io mi dispero per il mancato acquisto di Enzo Fernandez questa estate che ci avrebbe sistemato il centrocampo per dieci anni, un fuoriclasse.

  10. Bene, speriamo in un pronto ritorno a casa dell’albiceleste, guidata dall’ennesimo improbabile CT, tale ex pigiamato Scaloni. Tanto non entrerebbe cmq mai in campo.
    Chissà se Mourinho avrà preso nota di come nel calcio sia possibile conciliare valori antichi come l’agonismo lo spirito di sacrificio, con altri più attuali.
    Uno spettacolo vedere i Sauditi in campo, con quelle linee strette in 30 mt e difensori sconosciuti che affrontavano i vari Messi, Di Maria e Lautaro con la linea alta e un pressing asfissiante che può riuscire solo con quelle distanze cortissime tra un uomo e l’altro.
    Hanno vinto credendo in quello che facevano, con la convinzione che la somma può essere maggiore delle singole parti, e battere una squadra con tali campioni, seppure al tramonto della loro carriera.
    Se non si possono avere 11 campioni in campo, è possibile, e anzi desiderabile, supplire con un impianto di gioco che renda meno evidenti le carenze dei singoli.

  11. mi sembrava una partita delle vecchie glorie , l’argentina schierava messi 35 anni, de maria 34, otamendi 34, gomez 34, giocanano in 5, considerando l’apporto anche di paredes

  12. un allenatore che avendo la fortuna di poter contare su un attacco formato da Lautaro Messi Di Maria e in panca Dybala non trova il modo nel secondo tempo di fare un tiro in porta e’ da cacciare immediatamente, giusto un ex formellese potevi esse. Forza Roma

  13. Giusta e condivisibile la disanima ( più su) del buon Gaetano…

    Spocchiosi,strafottenti,ed aggiungo anche arroganti quanto basta.

    Tanto,che ce vo a battere sti Sauditi …na passeggiata .
    Dopo un rigore generosissimo, in appena 10 minuti, l’esito sembrava scontato .

    Quando guardo la seleccion Argentina,pare di vedere un accozzaglia di campioni con a capo l’intoccabile pulce( Messi) ecco!
    Cosa hanno in comune la pulce e l’altro intoccabile ronaldo(cristiano)?
    Entrambi campioni assoluti.
    Entrambi scelgono moduli,tattiche,con chi giocare,chi far entrare ed uscire ecc. ecc.
    Insomma, si fanno un po gli stracacchi loro.
    Molto show e poca sostanza!
    Scaloni ? batti un colpo. ..

  14. Pelé ( che DIO ce lo conservi ancora a lungo ) e Maradona sono nettamente di un altro livello.
    Messi e Ronaldo hanno fatto a gara a vincere o palloni d’oro. Ma non sono manco la scarpetta consumata dei due Campioni argentino e brasiliano.
    E se il pallone d’oro fosse stato assegnato dal primo giorno , anche a chi non era europeo. PELE Maradona ne avrebbero vinti tanti, che Messi e Ronaldo manco giocando fino a 100 anni li avrebbero superati..

    • D’accordo su Pele’, ma maradona?????????? Meglio TOTTI!
      Leo e CR7, due pulci col raffreddore.

  15. Come ha parlato di Roma ….Scaloni o scalini ha perso. non c’e’ stato e si vedeva gioco sulle fasce quello per intenderci il non “gioco” di Mourinho il famoso aggiramento del 5 di sinistra o di destra che sale comunque sia l’ Arabia che ne aveva tanta di rabbia ha meritato attacco asfissiante a centrocampo e in fase difensiva copertura a uomo e a zona secondo i momenti Nela a spiegato bene. Comunque il suicidio del secondo tempo i venti minuti di totale senza luce dell’ Argentina ma grave il primo tempo il sistematico fuorigioco imposto dai Sauditi e lo scalino che non ha fatto cambi sulle fasce per intederci nessuna sovrapposizione qualcosa si e’ visto dopo il 2 a 1 .

  16. non la farei tanto lunga, l’Argentina ha dominato, gli sono stati annullati diversi gol in fuorigioco, alcuni millimetrici. Gli altri hanno giocato in attacco per 10 minuti facendo due gol. Questa partita ci insegna solo che se non la butti dentro alla fine puoi perdere con chiunque, spero che a gennaio tornino a segnare Abraham, Zaniolo, Pellegrini, Belotti e perché no anche Solbakken, oltre all’unico che ha sempre illuminato le partite, il nostro Paulo, andatevi a vedere con lui in campo quante partite abbiamo perso, l’unica è con l’Udinese, dove il buon Karsdrop fa una roba inspiegabile ad 1 metro dalla nostra porta, poi c’è qualcuno che farà anche la vedovella.

  17. ll Argentina fa il solito errore, la squadra si fa a clan, Messi e Di Maria decidono chi gioca e Scaloni muto, Fernandez e Anche il mediano del Betis valgono 2 Paredes e finire con 4 cambi con Dybala in panchina vale come i troppi cambi di Fonseca
    per il resto eviterei analisi tattiche dell Arabia Saudita, in Italia con la difesa a centrocampo e tutti quei falli….vai in B al girone di andata, ormai a pure Oronzo Cana è meglio di Mourinho a sentire voi

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome