Le scelte di De Rossi per il Milan: confermato il 4-3-3, Smalling favorito su Llorente

19
326

AS ROMA NEWS – Tutti i quotidiani oggi in edicola puntano compatti sulla conferma del 4-3-3 ma con un dubbio di formazione che sarà sciolto solo nei minuti precedenti al fischio d’inizio del match.

Non è del tutto scontato l’undici iniziale scelto da De Rossi per affrontare il Milan a San Siro nel match di andata dei quarti di finale di Europa League: tra i pali Svilar, mentre sulle fasce si cambia con Spinazzola che torna a giocare dal primo minuto. A destra confermato Celik, preferito a Karsdorp.

In difesa accanto a Mancini dovrebbe giocare Chris Smalling, che De Rossi ha elogiato in conferenza stampa, parlando in tono entusiastico dei suoi ultimi allenamenti e della ritrovata condizione fisica del centrale inglese. Ma non tutti i giornali puntano sull’inglese in campo dal primo minuto: per Il Tempo e il Corriere della Sera infatti sarà Llorente a giocare titolare al fianco di Mancini.

A centrocampo e in attacco pochissimi dubbi: confermati sia Paredes che Cristante, entrambi sotto diffida, mentre in attacco spazio al tridente Dybala-Lukaku-El Shaarawy.

Fonti: Gasport / Corsport / Corsera / Il Tempo / ll Messaggero / Il Romanista

Articolo precedenteL’Udinese perde pezzi in vista della Roma: out Lovric e Thauvin
Articolo successivo“ON AIR!” – TORRI: “La Roma abbia coraggio e corra i suoi rischi”, CORSI: “Se ti butti all’attacco, il Milan ti sfonda”, ROSSI: “Avrei preferito l’andata in casa”, SABATINI: “Vincerà chi farà meglio i contropiedi”

19 Commenti

    • Leao è il 50% del Milan.

      Fermi lui, hai fatto mezzo lavoro, il problema è fermarlo se è in serata.

      Celik una volta c’è riuscito, le ultime 2 direi proprio di no.

      Firmerei alla grande per un pareggio e giocarsela poi in casa.

      ❤️🧡💛

    • Leao si ferma da solo se crei densità su quella fascia. Se invece gli lasci spazio non gli sta dietro nessuno. Se tieni Dybala sulla fascia destra (in partenza…libero poi di accentrarsi ovviamente) e piazzi il centrocampo quasi a 4 (El Shaarawy – Pellegrini – Paredes – Cristante, con Brian spostato un po’ a destra), il terzino può marcare leao senza concedergli la profondità e senza farci gare in velocità (perse in partenza). Insomma bisogna giocare da squadra non chiedere i miracoli a Celik…

  1. mi pare che DDR abbia detto chiaramente che Dybala non può certo fermare Hernandez, e lasciare Celik da solo contro Leao e Theo la vedo abbastanza suicida…secondo me non gioca col 4-3-3

    • Si si , la chiave della partita, almeno per non perderla, sta lì. Nelle altre volte, ci hanno devastato. E’ probabile che non basti assicurarsi sull’uno contro uno. Però ci sono diversi match a fare da lezione: già studiarseli per bene, sarebbe buona cosa.

    • Infatti non deve seguirlo troppo ma solo occupare una parte di fascia (gli ultimi 30/40 metri) con il resto da coprire con Cristante, Celik e il centrale di destra a guardia della profondità interna…

    • Chiederà a Cristante di aiutare su Celik oppure chiederà a Dybala e Lukaku di giocare spesso su Theo per tenerlo fermo e caricarlo di falli. A volte a Theo parte la brocca..

  2. OT : ho visto una giocatrice irlandese che fa delle rimesse laterali di oltre 38 metri con le mani. Mi sono sempre chiesto perché in campo maschile in serie A si fanno delle rimessucce di 10-20 metri max (spesso sbagliate).

  3. Si può anche rigirare il discorso dicendo che Hernandez dovrà giocare più bloccato per arginare Dybala, sono punti di vista. Io mi aspetto una bella partita e spero in un arbitraggio onesto, perché in Italia con il Milan sono almeno 4 stagioni che subiamo rigori inesistenti e a noi non fischiano nulla.

  4. per quanto riguarda Smalling DDR vede i giocatori tutti i giorni quindi sa lui cosa fare in base a come vede Smalling e Llorente. Io dall’esterno ho visto molto bene LLorente nel derby quindi metterei lui.
    mi preoccupa invece molto di più il fatto dei diffidati. io sinceramente lascerei in panca uno tra cristante e paredes e metterei bove

    • Con ” sto 4 3 3″ siamo quinti e non più noni.
      Comunque si può fare una difesa a 3 e giocarla alla Inzaghi per provare a vincere pure uno a zero. Però con la difesa a tre facciamo più disastri. Dovremmo puntare sulle ripartenze e su Bove che corra e aiuti Celik e faccia appunto ripartire la squadra puntando sulla rapidità di El Sha con Dybala e Lukaku a fare uno due. Sui cross bisogna affidarsi a Spina

    • 352 basta per favore, ma se ne hai iniziato a vincere appena l’hai abbandonato un motivo ci sarà?

      oltretutto per il 352 ci vogliono 2 quinti forti, molto forti e noi non ce l’abbiamo.

      ❤️🧡💛

    • Secondo me ce fanno i bozzi proprio se giochiamo col 3-5-2 perché il quinto di centrocampo se la deve vedere da solo con Hernandez e Leao. Quindi meglio 4-3-3 con la mezzala che chiude a destra e l’attaccante esterno che ripiega. Detto questo il nostro tallone d’Achille sono i terzini perciò, oltre agli accorgimenti tattici, speriamo che siano in palla.

  5. Io farei:

    Svilar
    Celik, Mancini (a destra tra i due centrali così aiuta in copertura), Smalling, Spina
    Bove (che ripiega), Cristante (centrale di destra), Paredes, Pellegrini
    Dybala, Lukaku

    Poi se serve, se Bove si trova a corto di energie a secondo tempo inoltrato, metterei Aouar al suo posto, ma con il compito di spingere tanto su quella fascia per costringerli a stare molto bassi.
    Inutile dire quanto mi sarebbe piaciuto poter scrivere Renato Sanches da quella parte al posto di Bove, ma purtroppo, non si può a quanto pare.

    Poi se Smalling non ha i 90 minuti, allora il cambio sarebbe con Llorente che però andrebbe a giocare a destra tra i due centrali, spostando a sinistra Mancini.

  6. Il 4-3-3 ci può stare se mette Bove come mezzala dx a coprire in prima battuta Hernandez o Leao e con il nostro terzino dx ad intervenire in aiuto. Se servisse, potrebbe anche “scivolare” il centrale di dx, ovvero Mancini. Le scalate in difesa ed a centrocampo saranno fondamentali. Dal lato nostro, come già scritto in un precedente post, quando attacchiamo dovremo creare spazi centralmente considerata l’assenza dei due difensori centrali titolari: Tomori e Kalulu.

  7. Abbiate coraggio, date tutto, non pensate ai cartellini, tenete lontano kardroop, zawlesky e rui pasticcio……grinta, cuore, aggressività, coraggio, forza ragazzi, forza Daniele, forza Roma….non mollate sul più bello e regalateci questa gioia…..dajeeeeee

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome