L’ex giallorosso Osvaldo in lotta contro la depressione: “Sento che la vita mi sta sfuggendo dalle mani” (VIDEO)

29
632

AS ROMA NEWS – Daniel Osvaldo sta attraversando un periodo difficilissimo della sua vita. L’ex attaccante della Roma ha condiviso un video su Instagram dove, tra le lacrime, parla delle sue dipendenze e della sua salute mentale:

“Sento la necessità di dire che è da tempo che lotto contro la depressione, che mi ha fatto cadere in alcune dipendenze da alcol e droghe. Sento che la vita mi sta sfuggendo dalle mani. Volevo raccontarlo e condividerlo con voi, sono in cura da uno psichiatra, vivo chiuso dentro casa, non riesco a fare nulla di produttivo.

Vi racconto questo perché credo che l’unica maniera per guarire davvero è condividere quello che sto passando”. Un pensiero alla ex compagna, la giornalista Daniela Ballester, con cui da poco ha concluso la relazione: “Mi scuso con Daniela e con la sua famiglia, li ho fatti soffrire con le mie scelte.

Non voglio fare la vittima, voglio solo che tu capisca. Le cose che faccio e le decisioni che prendo non sono giuste, tutta la rabbia che provo nei confronti del mondo e delle persone ha a che fare con le mie dipendenze e la mia depressione. È difficile uscirne”.

GUARDA IL VIDEO DI OSVALDO SU INSTAGRAM

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteCalciomercato, contatti tra la Lazio e Zaniolo per giugno. La Roma ha una percentuale sulla rivendita
Articolo successivoBelgio, Lukaku convocato per le amichevoli con Irlanda e Inghilterra. Tedesco: “Svilar? Lo seguo da tempo, ma non può giocare con noi”

29 Commenti

  1. Caro Dani,
    fintantontochè non ci decideremo a considerare la depressione come un “EFFETTO” (da dipendenze alcooliche e sostanze psicotrope) e non come una “CAUSA”, non credo che si riusciranno a comprenderne i meccanismi che la determinano e i possibili rimedi da attuare.
    Purtroppo sei caduto nella maledetta trappola di queste sostanze ed ora ne soffri le normali conseguenze.
    Continua a curarti come già molti hanno fatto prima di te e vedrai che tornerai ad essere chi eri prima di cedere e cadere.
    Credimi, SOLO CHI CADE POTRA’ UN GIORNO ESSERE FIERO DI ESSERSI RIALZATO e spero tanto che tu possa un giorno essere FIERO DI TE STESSO!
    Auguri di un pronto ritorno tra noi, GRANDE DANI.

    • Concordo in pieno, ma fidati non si deve sapere,! C’è chi ha costruito una carriera ed ora è osannato sulla vita spericolata. Il messaggio deve essere quello, è vieni anche premiato.

    • Ma tu sei proprio sicuro di questa relazione causa/effetto di cui scrivi? Perché mi sa che la premessa da cui parti è solennemente sbagliata.

    • Comprendo la bontà del vostro sentimento, ma…
      veramente pensate che Osvaldo segua le nostre discussioni su gr.net?

      Io mi limito ad una banalissima considerazione: non è vero che i soldi fanno la felicità e la vicenda umana di Osvaldo ne è l’ennesima riprova.

    • In realtà depressione e dipendenza sono legate a doppio filo l’una all’altra, col progredire dell’una aumenta l’altra e viceversa.
      E’ come cercare di capire se è nato prima l’uovo o la gallina, e quando ci sei dentro è anche superfluo saperlo, è un circolo vizioso che devi spezzare con l’aiuto di specialisti e la volontà di uscirne.

    • Angelo ma tu sei un medico ? Sei uno psicologo ? uno psichiatra ? O ti sei formato su topolino ?
      Di depressione soffre anche tanta tanta gente che non beve e non si droga.
      Il gusto di spararle grosse e a caso purtroppo sui social fa da padrone.

    • non è cosi che funziona. le persone finiscono in depressione a prescindere dalle sostanze che assumono, che sia alcol o droghe. E’ per compensare gli immensi vuoti emotivi che le persone abusano di certe sostanze. voletevi bene, e sappiate che tutto cio non è la cura ai nostri malesseri interiori. fate sport, mangiate bene e curate i dettagli della vita quotidiana, partendo dal più semplice. un abbraccio a tutti e forza la nostra amata roma

    • La soluzione del capitale sarà la psichiatria e il suo correlato farmacologico. Dalla depressione e dalle tossicomanie, anche l’alcoolismo è una droga, non si esce con la psichiatria. Si esce con il socialismo, ovvero con la democrazia realizzata.
      Il nichilismo e l’irrazionalismo uccidono=la depressione uccide
      Evito di commentare la società del capitale e dei liberali che ci opprime cosi verrò pubblicato, spero…:))

    • Caro LUP MAN,
      provo a spiegarmi meglio: premesso che la depressione non è una condizione fisica “astratta” ma, come potrai certamente capire leggendo anche sul web, dipende da fattori biologici e/o psicologici, è possibile pensare che, l’assunzione di droghe e/o alcool, siano all’origine della sua insorgenza e/o aggravamento e, pertanto, chi ne soffre, necessita di cure appropriate per guarire o, almeno, per alleviare la condizione depressiva nella quale si trova. Detto questo, il mio commento voleva quindi evidenziare che la depressione, qualunque ne sia la causa, è l’EFFETTO e non, perdonami la ripetizione, la CAUSA che porta a comportamenti scorretti (quando non gravemente autolesionistici) e che, in quanto tale, va trattata eliminando le dipendenze nella convinzione che queste, quando non l’hanno determinata, magari perché stupidamente nate con l’idea di limitarla quando insorta prima di esse, l’hanno di certo aggravata. Quindi, ed ancora, quando il buon Dani dichiara che ” ………..tutta la rabbia che provo nei confronti del mondo e delle persone ha a che fare con le mie dipendenze e la mia depressione”, sarebbe meglio se capisse che le DIPENDENZE, se non “CAUSA”, sono, quantomeno, concausa e MAI “EFFETTO” di una condizione depressiva. E se lui, come tanti altri nelle sue condizioni, iniziassero con il capire questo, forse guarirebbero prima o, meglio ancora, non soffrirebbero affatto di depressione. Quantomeno da assunzione di sostanze.
      Ergo: NON ASSUMIAMO SOSTANZE e, se depressi per altri motivi, affidiamoci a dei seri professionisti INVECE DI RICORRERE a delle STUPIDE DIPENDENZE!

    • Sì fred, l’avemo capito tutti credo, il socialismo è l’antibiotico che cura tutti i mali.
      Se ne attende riprova dal 1867, finora non è andata benissimo ma mai disperare.
      A leggerti mi tornano in mente quei matti che ogni tanto trovavo fuori dal mio liceo, divulgatori dell’opuscolo Lotta Comunista e che una volta ebbi la tentazione di prendere e di iniziare a scorrere.
      Crollai dopo un paio di paragrafi e pensai che fosse molto più leggibile e godibile la Torre di Babele dei Testimoni di Geova.
      Lo trovò mio padre e temette che mi “fossi iscritto ai terroristi” come er Magnotta…

    • Ciao Angelo,
      grazie di esserti spiegato; resto convinto che una relazione di circolarità tra causa ed effetto che non renda, per antonomasia, particolarmente semplice individuare la scaturigine del problema, meglio si attagli alla definizione degli stati depressivi (volendo fare uno sforzo descrittivo adatto a questo contesto), piuttosto che la tua ricostruzione lineare.

  2. Daniel, il primo passo, quello più giusto, l’hai fatto. Tenersi i problemi dentro non farebbe che farti esplodere. Prendi decisioni importanti per riprendere la tua vita in mano, qualsiasi esse siano. Segui le tue passioni e prefiggiti degli scopi.

    In bocca al lupo!!

  3. è tutta questione di mentalità.
    Bisogna capire che qualunque sia la dipendenza bisogna saper eliminarla. Sappi che l’unica cosa di cui si può essere dipendenti è la vita, vivendola sempre con positività perchè non vedo cosa migliore di essa, usando sempre la razionalità.
    La vita anche se sembra far schifo ha un valore inquantificabile.
    Inoltre l’amore per questa maglia può far sparire qualunque malessere psicologico

  4. Una volta , quando sentivo nei Tg di persone che soffrivano di depressione e/o ansia, ( ma anche da persone che incontravo giornalmente) dopo dicevo ‘ Ma tutti così stanno?? tutti con la depressione e l”ansia? Da mesi che ne soffro anche io ( mai usato droghe e mai abusato di alcolici) ebbene non faccio più commenti a riguardo

  5. Caro LUP MAN (ti avevo già risposto ma non mi hanno pubblicato altrimenti Rocco Posticcio omen nomen?, non avrebbe fatto il professorino. Riprovo qui adesso e vediamo se stavolta mi pubblicano),
    provo a spiegarmi meglio: premesso che la depressione non è una condizione fisica “astratta” ma, come potrai certamente capire leggendo anche sul web (e rocco posticcio credo l’abbia fatto), dipende da fattori biologici e/o psicologici, è possibile pensare che, l’assunzione di droghe e/o alcool, siano all’origine della sua insorgenza e/o aggravamento e, pertanto, chi ne soffre, necessita di cure appropriate per guarire o, almeno, per alleviare la condizione depressiva nella quale si trova. Detto questo, il mio commento voleva quindi evidenziare che la depressione, qualunque ne sia la causa, è l’EFFETTO e non, perdonami la ripetizione, la CAUSA che porta a comportamenti scorretti (quando non gravemente autolesionistici) e che, in quanto tale, va trattata eliminando le dipendenze nella convinzione che queste, quando non l’hanno determinata, magari perché stupidamente nate con l’idea di limitarla quando insorta prima di esse, l’hanno di certo aggravata. Quindi, ed ancora, quando il buon Dani dichiara che ” ………..tutta la rabbia che provo nei confronti del mondo e delle persone ha a che fare con le mie dipendenze e la mia depressione”, sarebbe meglio se capisse che le DIPENDENZE, se non “CAUSA”, sono, quantomeno, concausa e MAI “EFFETTO” di una condizione depressiva. E se lui, come tanti altri nelle sue condizioni, iniziassero con il capire questo, forse guarirebbero prima o, meglio ancora, non soffrirebbero affatto di depressione. Quantomeno da assunzione di sostanze.
    Ergo: NON ASSUMIAMO SOSTANZE e, se depressi per altri motivi, affidiamoci a dei seri professionisti INVECE DI RICORRERE a delle STUPIDE DIPENDENZE!

    • Caro angelo no , non mi informo sul web a casaccio. Sono cose che so. Il professorino casomai lo fai tu senza averne le capacità o le conoscenze. Io assolutamente non mi metto al livello di professionisti quali psicologi o psichiatri come fai tu. Ma qui si sa siamo tutti allenatori, calciatori, procuratori, fisioterapisti e da oggi ci scopriamo anche psicologi. Ripeto pensare che le sostanze possano essere all’origine dell’insorgenza della depressione, significa semplicemente non sapere di cosa si sta parlano. Quindi chi è che fa il professorino ?

  6. Leodibrescia…..un gol bellissimo ma annullato perché secondo l’arbitro era in fuorigioco.
    Veramente un furto da parte di quel gran pezzo di m…a che risponde al nome di Brighi, che già in passato aveva creato dei grossi problemi alla Roma.
    Poi diciamo che non è vero che nel corso degli anni la Roma è stata sempre osteggiata dai poteri forti del calcio.
    Maledetti

  7. Immancabilmente ci si ritrova soli nei momenti di difficoltà. Capisco che ognuno tenti di salvaguardarsi (e a volte di salvaguardare i figli) ma ormai la normalità è ritrovarsi senza nessuno accanto se si “inciampa” lungo il percorso. La società e la vita oggi non aspettano nessuno ma è troppo facile star vicino alle persone solo quando le cose vanno bene. La famiglia, l’amore, i figli… è tutto aleatorio. È triste, e naturalmente essere abbandonati in certe situazioni acuisce i problemi che si affrontano in queste fasi sfortunate che spesso, purtroppo, finiscono poi per essere le ultime della vita dell’interessato.

  8. non e proprio così la depressione va da caso a caso !! vi e gente che che c elabsrnza l uso di droghe poi i farmaci dopo un arco di tempo provocano dipendenza

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome