Liverpool, Sean Cox torna a camminare grazie all’aiuto di un esoscheletro

28
1440

NOTIZIE AS ROMASean Cox, il tifoso del Liverpool aggredito nel 2018 durante gli incidenti scoppiati prima della gara di Champions League tra la Roma e i Reds, è tornato a camminare grazie a un esoscheletro di sostegno.

Come riporta la BBC, Cox, che a causa dell’attacco ha riportato gravissime lesioni cerebrali, sta seguendo un particolare percorso di riabilitazione grazie alla provvidenziale catena di solidarietà dei supporter del Liverpool, che hanno raccolto quasi 1.8 milioni di sterline per contribuire economicamente al dispendioso iter di cure a cui è sottoposto. Un trattamento che inizia però a dare i suoi frutti.

Merito soprattutto del sostegno scheletrico che ha permesso a Sean di tornare a camminare sulle proprie gambe con l’ausilio di un operatore qualificato nell’ambito della fisioterapia.

Non sappiamo cosa ne verrà fuori, ma psicologicamente gli fa molto bene. Tutto questo fa davvero bene al cuore. Spero che mio marito riesca a fare un buon numero di sedute, ma ciò dipende dai finanziamenti che arriveranno“, queste le parole della moglie Martina, che, oltre a ringraziare i tifosi del Liverpool per il prezioso sussidio finanziario, ha esortato gli stessi a non abbandonare la causa ora che si intravede la luce in fondo al tunnel.

Fonte: BBC

Articolo precedenteEl Shaarawy, la Roma vuole trattenerlo ma alle sue condizioni: le ultime
Articolo successivoAbraham perde il posto, col Milan spazio a Belotti. E a fine stagione sarà rivoluzione

28 Commenti

  1. Forza Sean !
    Non mi piace il Liverpool per ovvie ragioni storiche (per la finale, per Ago, per la mano di TAA e così via) ma uno non dovrebbe ritrovarsi in queste condizioni per una partita di calcio.
    Auguro a quest’uomo di tornare ad una vita normale.

  2. Storie allucinanti.
    Spero in un miracolo per lui.
    Vergogna eterna per i colpevoli che dovrebbero marcire in galera per il resto della loro misera vita.

  3. La tifoseria Romanista dovrebbe partecipare al sostegno di Sean. Sarebbe un grande gesto.
    Per il resto auguro il meglio a lui e a tutti i veri tifosi che amano il calcio.
    PS: ma si hanno notizie sull’ autore di questa infamata?

    • Belle parole , ma ai romanisti massacrati ad ogni trasferta ( non di certo con quelle conseguenze) , ci ha mai pensato qualcuno ? si e’ mai capito se Sean era li’ per caso o partecipava agli scontri ? avrebbe tutto un’altro senso , poiche’ un napoletano che ci ha rimesso la pelle e’ stato fatto passare da angioletto quando invece partecipava a staccare una gamba a chi lo ha ucciso…

    • 1898 FC roman etc….la mente umana è un mistero.Forza Sean ,contro l’animale che è in noi sotto qualsiasi bandiera!

    • A costo di beccarmi tanti vaffa…. e spollicionate, sono d’accordo con f.c. Roman. Gli irlandesi li conosco benissimo, visto che ho sposato una donna di genitori irlandesi 45 anni fa. Alcuni (troppi) sono violenti, ubriaconi e razzisti. E Sean non mi pare proprio una mammoletta. Come dissi all’epoca dei fatti, che ci faceva li’ uno che di calcio non ne capiva un tubo e il cui sport preferito e’ il football irlandese? Perché la polizia inglese, nonostante le segnalazioni della Digos, ha deciso di presidiare il settore ospiti dove tutto era tranquillo e non quel settore pieno di hooligans? Sean Cox faceva probabilmente il gorilla, per conto di chi non lo so. So solo che ne ho abbastanza di vedere malviventi che vengono lodati. Sembra di essere ad un processo contro la giubbe.

    • @1898 f.c.Roman, l’intelligenza è uno strumento e questo strumento è finito in mano agli stupidi.
      Daje Sean!!!!

    • sono d’accordo con 1898 per cio’ che riguarda l’approfondire se casuale o parte di un’azione violenta. non per vendetta che non e’ nel mio DNA, quanto nel cominciare a fare i distinguo e non essere ipocriti. Vero che violenza non deve chiamare violenza, ma non si puo’ sempre biasimare e condannare solo in una direzione. e’ giusto invece mettere in risalto che la violenza causa conseguenze nefaste in generale e che quindi il buon senso dovrebbe indirizzare il giusto comportamento, soprattutto se pensiamo che l’eventuale discussione e’ in merito ad una partita di calcio e non all’istinto di sopravvivenza

    • Nessuna infamata. Per quanto ovviamente il gesto non può essere giustificato, era li a fare a botte e ha preso un normalissimo (e probabilmente leale, in quella situazione) pugno.
      E, cadendo, ha sbattuto la testa.
      Per cui nessuna infamata e nessun vero o finto tifoso che ama il calcio, meno che mai lui che è stato di sicuro sfortunato ma che poteva benissimo essere carnefice e non vittima.
      Tanto che l’autore ha preso la miseria di 3 anni proprio perchè è stato riconosciuto che non aveva nessuna intenzione di ridurlo così ed è stato condannato solo per rissa e disordini.
      Magari la prossima volta, invece di dare fiato a frasi fatte, documentarsi.

    • @1898f.c.Roman, si partecipava agli scontri ed era uno di quelli che caricavano i nostri tifosi.
      Sfortuna ha voluto che scivolando a battuto la testa. Ti auguro di guarire presto Sean, un abbraccio

  4. daje Sean contento per un altro aspetto l’autorité che I tifosi hanno dato à Sean non e’ stato lasciato solo (il resto le amarezze date sul campo le lascio da parte ,questi tifosi hanno la mia stima coraggio no. abbandonatelo (ce dovrebbe essere un premio per quello che fate continuate cosi)

  5. Non fate caso a chi spollicia verso, sicuramente saranno sono effetto di stupefacenti , senza una lira in tasca spesa per l’ultima dose. ❤️🧡💛

  6. Non c’ero quindi non so come siano andate esattamente le cose, comunque il fatto che la Roma fosse anche solo lontanamente coinvolta in questa storia mi ha dato profondo disagio. Sento di doverlo ringraziare per non aver mollato, se fosse andata peggio avrebbe potuto essere (a torto o a ragione, fate vobis) una brutta macchia nella nostra reputazione. E, in generale, una tragedia per la sua famiglia.
    Quindi voglio fare un grosso in bocca al lupo a quest’uomo. Daje Sean!

  7. Ma chi sono i deficienti che fanno pollice verso? Gente di nessuna caratura morale, minus habentes grevi, rozzi e ignoranti, nonché infimi miserabili. I tifosi veri della Roma sono altro, questi cretini stanno al mondo solo perché c’è posto!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome