LUKAKU: “Ho fiducia in questa squadra, ma dobbiamo essere umili per ottenere risultati. Con Mourinho possiamo fare belle cose”

36
1605

NOTIZIE AS ROMA – Romelu Lukaku ha rilasciato un’intervista ai canali ufficiali della Lega Serie A e tra i vari temi trattati si è soffermato sul suo trasferimento alla Roma e sul rapporto con José Mourinho. Ecco le dichiarazioni del centravanti giallorosso:

Ho fiducia in questa squadra. Dobbiamo lavorare insieme per fare bene, dobbiamo essere umili, testa bassa e pedalare e migliorare ogni giorno per cercare di fare buoni risultati. È la mia maniera di fare le cose, spero di aiutare la squadra a ottenere il massimo”.

Il trasferimento alla Roma?
“Quando siamo stati vicini all’accordo dei due club, tanta gente intorno a me ha cominciato a dirmi che le persone mi aspettavano. Io ero veramente concentrato per prepararmi bene per arrivare in forma. E quando sono arrivato ho veramente voluto vivere il momento, mi sono emozionato, mi ha dato grossi stimoli per dare tutto a questa squadra. È bastata solo una chiamata, mi hanno chiamato i proprietari qualche giorno prima dell’accordo, abbiamo parlato circa mezz’ora dell’ambizione di questa società e poi da lì tutto è andato tutto molto velocemente. Adesso iniziano le cose serie”.

Mourinho?
“Da quando avevo 11 anni volevo lavorare con lui, ora posso dire che per la terza volta potrò lavorare con lui. Mi conosce bene come uomo, conosce la mia famiglia, e io conosco lui. Insieme possiamo fare belle cose. Abbiamo una bella squadra, dobbiamo lavorare e vedere di migliorare partita dopo partita”.

I nuovi compagni di squadra?
“Li conosco molto bene, ho visto tante partite dell’anno scorso. In questi giorni analizzerò il loro modo di giocare così posso adattarmi nel modo migliore”.

Articolo precedenteRenato Sanches, stiramento alla coscia destra: salterà di sicuro tre partite, poi nuovi controlli
Articolo successivoTORINO-ROMA: le ultime dai campi e le probabili formazioni

36 Commenti

    • romano
      23 Settembre 2023 At 09:37
      Ma basta con questa lagna contro i giornali.
      romano
      23 Settembre 2023 At 14:27
      articoli prezzolati e inutili.
      Gl’altri non possono esprimere un parere contro la mala informazione altrimenti t’inalberi, tu però attacchi i giornali come e quando meglio credi. Alla faccia del narcisismo 🤣

    • Chinatown, secondo te questo articolo a chi giova ? Io non attacco i giornalisti che, magari senza professionalità, scrivono stupidaggini, io attacco quando si vuol far passare un attacco di tutta l’informazione mondiale contro di noi. Ma questa è megalomania.

    • Il Lupo Romolo, non sono sicuro che la direzione mi farà passare questo intervento e mi chiedo perché faccia passare le offese personali.
      Lo stupido devi rimangiartelo e chiedermi pubblicamente scusa, io personalmente non attacco mai nessuno e puoi non essere d’accordo con me e controbattermi, siamo qui a parlare solo di calcio, cioè un gioco.
      Sto cercando con tutto me stesso di ricambiare le offese che caso mai dovresti rigirare al tuo entourage personale.
      Impara solo a vivere insieme agli altri in maniera civile.

  1. A fine anno se ne andrà. Tolto Dybala e un sorprendente cristante almeno per me il resto è roba ordinaria che tra l altro si credono pure forti, basta vedere il primo tempo contro lo sheriff,se non corri e se non hai un minimo di gioco anche il Frosinone ti fa il cu..

  2. Ben detto, testa bassa e pedalare. Alla Roma molti giocatori medi credono di aver raggiunto l’apice della loro carriera e si “rilassano” un po’ troppo. Occorre serietà professionale e impegno partita dopo partita. Speriamo che la musica possa cambiare…

  3. Il destino della Roma di quest’anno,ovviamente in termini di risultati,dipende da come saranno gestiti Lukaku e Dybala.
    Sinceramente non nutro grandi speranze,se vengono fatti giocare anche contro gli Sceriffi e le Servette.

    • Zeno però Mou lo ha spiegato, in questo momento, Romelu più gioca e meglio sta.
      Per Paulo un mezz’oretta al piccolo trotto per me è andata bene.

    • Invece lautaro e barella, chiesa e vlahovic, osimhen e kavaschelia, immobile e Luis Alberto non sono fondamentali per le loro squadre vero?

  4. Lukako, tu sei una pedina fondamentale per questa Roma. Intorno a te ancora non ci sono le pedine fondamentali per fare quel gioco che i tifosi si aspettano, però sono fiducioso nella società che deve migliorare nel portare qualche pedina importante a Roma e scremare di qualche giocatore che non è più all’altezza della nostra maglia, la Roma già quest’anno deve diventare una delle squadre più importanti del nostro calcio. 💛❤️🇮🇹

    • per me le pedine fondamentali ci sono: Smalling, Spinazzola, Mancini, lo stesso Kristensen ha totalizzato tanti assist nella sua carriera, Cristante, Dybala, Paredes, Belotti, ElSha se in forma.

      tutti gli altri, sono ancora da valutare: Aouar, Ndicka, Sanches su tutti.

    • @Ultras. metti anche Pellegrini quando sarà in forma è una pedina fondamentale per la Roma alla faccia di chi lo insulta per partito preso e anche due giovani importanti di livello come Zalewski, Bove e Pagano

  5. L’umiltà serve in tutte le attività, non solo professionali. Non bisognerebbe mai sentirsi “arrivati”, bensì cercare sempre di fare e dare di più. Lukaku ha perfettamente ragione, a mio parere.

  6. francamente io non sono fiducioso ma nemmeno sfiduciato ..
    gli infortuni a Sanches e Pellegrini non mi rassicurano di certo .. eppure spero che cambi il vento della sfiga che ci ostacola oramai da troppi anni ..
    mi piacciono Mancini e Smalling e Llorente e NDika e Bove e Cristante e Aouar e Pagano e cresce Paredes e Lukaku e Belotti e ancora da vedere Azmoun e, insomma, una squadra la facciamo ..
    stessero bene pure gli infortunati davvero potremmo competere con le altre ..

  7. Bene, mi sembra che confermi che lo abbiano chiamato i proprietari, forse un poco preoccupati della loro reputazione presso la tifoseria, e non “il re del mercato”.
    Il quale, per sua stessa ammissione, aveva concluso per Zapata.
    E ringraziamo l’Atalanta che ha cambiato idea.

  8. c’è gente che ha da ridire e criticare pure su una innocua intervista come questa.
    ma quanto vivono male, ma che pena.
    parrebbero quasi complessati come quelli col pigiama….

  9. umi non significa essere non ambiziosi, ma lavorare per arrivare a quei traguardi. he desideriamo senza proclami ma stando coi piedi per terra.

  10. Umiltà, pedalare a testa bassa ed impegno costante per migliorare sempre, Lukaku parla da campione e deve continuare così, su questa strada, continuare a segnare, 2 partite da titolare con la Roma, 2 gol.

  11. Purtroppo nella sottocultura coatta che ormai alberga anche nei salotti altolocati di Roma, il significato distorto di essere umili significa essere deboli ed arrendevoli ma, nella realtà dello sport più evoluto culturalmente del Mondo, il Rugby (chi più machi e forti di chi è protagonista!), si traduce nella consapevolezza della propria forza ma anche nel profondo rispetto della forza dell’avversario, chiunque esso sia, e che solo con un atteggiamento spietato nel voler stroncare e annichilire ogni reazione dell’avversario mettera al sicuro l’ottenere la vittoria della partita (ahh se avessimo avuto questo approccio mentale a Roma-Lecce del 1986!!!!!!!!!!!!). Perciò, se vogliamo avere l’ambizione di vincere, bisogna essere UMILI!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome