TORINO-ROMA: le ultime dai campi e le probabili formazioni

31
1790

AS ROMA NEWSPellegrini recupera, Smalling no. Josè Mourinho può sorridere a metà dopo l’allenamento di rifinitura svolto oggi a Trigoria dai suoi ragazzi.

L’infermeria giallorossa continua a essere piuttosto affollata: a Kumbulla e Abraham si sono aggiunti in questi ultimi giorni anche il difensore centrale inglese e Renato Sanches. Per la partita di domani sera la Roma rimanderà in campo Rui Patricio in porta, Kristensen e Spinazzola sulle fasce e la difesa obbligata formata da Mancini, Llorente e Ndicka.

A centrocampo ballottaggio Aouar-Pellegrini, col capitano che dovrebbe subentrare a partita in corso. Cristante e Paredes completeranno il reparto mentre in attacco scontata la coppia Dybala-Lukaku.

Nel Torino recuperano Ilic e Vlasic, ma solo il secondo dovrebbe partire titolare. Il terzetto di difesa sarà formato da Schuurs, Buongiorno e Rodriguez, con Bellanova e Lazaro sulle fasce.

In mediana spazio a Ricci in tandem con Tameze, mentre in attacco l’ex Radonijc farà da spalla a Duvan Zapata, in ballottaggio con Sanabria per la maglia da prima punta.

Queste dunque le probabili formazioni di Torino-Roma, gara in programma domenica 24 settembre ore 20:45, diretta tv su DAZN:

TORINO (3-4-2-1): Milinkovic-Savic; Schuurs, Buongiorno, Rodriguez; Bellanova, Ricci, Tameze, Lazaro; Vlasic, Radonjic; Zapata. All. Ivan Juric.
A disp.: Gemello, Brezzo, Antolini, Zima, Nguessan, Sanabria, Sazonov, Soppy, Gineitis, Seck, Linetty, Karamoh, Pellegri, Ilic.

ROMA (3-5-2): Rui Patricio; Mancini, Llorente, Ndicka; Kristensen, Cristante, Paredes, Aouar, Spinazzola; Dybala, Lukaku. All. Josè Mourinho.
A disp: Svilar, Boer, Karsdorp, Celik, Bove, Pagano, Pisilli, El Shaarawy, Zalewski, Pellegrini, Azmoun, Belotti.

Giallorossi.net – A. Fiorini

Articolo precedenteLUKAKU: “Ho fiducia in questa squadra, ma dobbiamo essere umili per ottenere risultati. Con Mourinho possiamo fare belle cose”
Articolo successivoSerie A: la Lazio bloccata in casa dal Monza (1-1). La Juventus crolla a Sassuolo (4-2). Al Milan basta Leao per superare il Verona (1-0)

31 Commenti

  1. OT,
    Il Milan ha appena vinto con il Verona facendo 2 tiri in porta,
    grazie al fatto che i terribili cecchini scaligeri che con noi fecero 2 gol con 3 tiri
    oggi non avrebbero segnato neanche a porta vuota.
    Il gol il solito contropiede di 50 metri di Leao su palla regalata dal Verona a centrocampo.

    So’ gli schemi vero?
    Non il culo, gli schemi.

    Ps: se il gol che ha appena preso Scsczeny lo avrebbe preso Patricio avremmo chiesto la forca.

    La Roma non gioca bene, ma di sicuro molti qui tifano molto molto molto peggio.

    • E infatti credo che pure i tifosi gobbi stiano tirando su il patibolo per Coso, che problema c’è?
      O pensi che siano più buoni di noi?

    • Sczesny è a fine carriera come Patricio ed errori così capitano.
      Il Milan, sicuramente inferiore all’Inter, ci arriva sempre sopra a fine anno, quindi, se non ha un gioco superiore, allora avrà giocatori superiori (e di chi è la responsabilità di prenderli?).
      Invece che attaccarci fra noi pensiamo a vincere con il Toro che la EL ha dimostrato che non abbiamo la squadra schiaccia sassi e siamo ancora Dybala dipendenti.
      Per me sarebbe meglio far entrare Dybala a gara in corso con la difesa stanca .. mettendolo dall’inizio non abbiamo l’arma per cambiare il match .. o ci assicuriamo un vantaggio solido dall’inzio oppure rischiamo il loro ritorno.

  2. Speriamo giochi Bove e non Aouar. In E.L. non e’ apparso in condizione e non ha toccato un pallone. Che recuperi. Meglio far giocare chi sta bene.

    • Per far recuperare la condizione ai giocatori bisogna farli giocare. A Pellegrini e ad Aouar almeno 30 minuti da subentrati bisogna farglieli fare per recuperare la condizione

  3. Non farei partire titolare né Pellegrini né tanto meno Aouar, ma Bove, accanto a Paredes e l’inamovibile Cristante. Come prima rotazione Pagano.
    Domani sera sarà una partita tosta e rognosa, inadatta alle attuali potenzialità di Pellegrini e Aouar. Spero che Mourinho legga questo post. 👍

    • Se si fa a meno di leggere l’ultima frase il senso del resto è da condividere.
      Il Toro è una buona squadra, con discreta qualità e tanta corsa e aggressività.
      Pellegrini e Aouar li lascerei entrambi in panchina.
      Cristante e Paredes per forza di cose devono giocare e vicino a loro necessita un giocatore di buona corsa e adrenalina per non avere un centrocampo monocorde.
      E questo non può che essere Bove.

  4. Questo sarà l’anno di Cristante!
    Segnerà 7/8 goal più un bel n° di assist.
    Se in una rosa importante, i nomi più noti fanno iloro, i numeri dei gregari (Cristante oer es.) servono per svoltare una stagione.
    Quindi caro Bryan….ti auguro quei 7/8 goal 😜
    FORZA ROMA

  5. Mercato invernale: dentro Falcone, Cambiaso, Colpani, Solet. Fuori: Ndicka, Svilar/ Rui, Pellegrini, Spinazzola) Zalewski. Colpani per Pellegrini la Roma non ci penserebbe minimamente ma è un buon giocatore per il futuro

    • Zalewski, talento puro in crescita, 21 anni, golden boy, etc, etc, deve andare via. Gli altri “campioni” – Karsdorp, Celik, kristensen, llorente, Mancini, Azmoun, Belotti, Elsha, Paredes – (età media 29/30 anni) tutti dentro per la “Roma del Futuro”. Dio ci aiuti.

  6. io vedo meglio Paredes Cristante Bove , anche perché chi corre e contrasta ci deve essere , il centrocampo del toro è molto forte e Bove è uno che corre e sta bene

  7. Renato Sanches un campione, ma deve risolvere una volta per tutte i problemi muscolari. Altrimenti è come Pastore, solamente che almeno forse possiamo non riscattarlo. È un campione ma non deve più avere questi problemi. Cristante sono anni che dico qui che deve essere trequartista: o trequartista o si vende. Da trequartista è molto forte. Serve un portiere, un terzino sinistro, un centrocampista forte come Sanches ma senza problemi fisici, Leonardo. Daje Roma!

    • Come se il risolvere o meno i suoi problemi muscolari dipendesse dalla sua volontà,e non dal suo fisico che proprio nun je la fa

  8. In pratica ci servirebbe un vice paredes perché se Cristante/bove pellegrini/aouar si alternano il. Posto di mezzala resta da coprire il sostituto del regista…

  9. Andiamo a vincere a Torino anche se è una trasferta ostica, è d’obbligo prendere 3 punti dopo averne buttati 5 contro Salernitana e Verona. Per centrare l’obiettivo prefissato bisogna iniziare a fare un certo filotto di vittorie consecutive, negli ultimi 2 anni non siamo andati oltre le 3 vittorie di fila in campionato. Dopo il 7-0 rifilato all’Empoli, è ora di continuare ad essere una squadra “schiacciasassi” per puntare come minimo ai primi 4 posti.

  10. Partita difficile e complicata, ma sono fiducioso che nello scontro tra allenatori catenacciari la differenza la faccia il nostro superiore tasso tecnico (come fù nella finale di UEFA del 1991 tra Roma e Inter, Ottavio Bianchi vs Trap: tra andata e ritorno vinse la squadra con più grandi giocatori, ahimè!)

  11. Per me bove titolare in partite fisiche come questa… Aouar e Pellegrini al massimo l ultima mezz’ora… Non ha senso rischiarli se nn sono in forma

  12. Vero che la presenza di Bove accanto a Cristante e Paredes darebbe dinamismo, fisicità ed intensità al centrocampo, così da compensare il loro che specularmente schiererà Tameze.
    Però spesso la tattica più utile per affrontare squadre come il Toro che aggrediscono alti ed uomo contro uomo l’avversario è metterla sul piano del palleggio.
    La cosa più pericolosa in questi contesti tattici è avere centrocampisti che per limiti tecnici patiscono la pressione degli avversari, e purtroppo Bove qualche limite nel fondamentale del palleggio e della difesa del pallone dal pressing avversario ce l’ha.
    Io lo vedrei più come subentrante nel secondo tempo, quando col calo dell’intensità degli avversari potrà essere lui a creare loro problemi con il pressing e l’atteggiamento arrembante.
    Dall’inizio penso invece che sia preferibile qualcuno come Aouar o LP7, qualora quest’ultimo abbia recuperato, per agevolare il palleggio in sicurezza a centrocampo.
    Penso che oggi sarà più che mai fondamentale Dybala, con la sua capacità di creare superiorità numerica ed attirare i raddoppi che scompiglieranno i piani tattici di Juric.
    L’altra nostra arma tattica, i calci da fermo, incontrerà nel toro una squadra molto attrezzata ed organizzata e sarà molto difficile segnare in questo modo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome