MATIC: “Giocare così non va bene nemmeno ai tifosi. Cosa manca alla Roma? La mentalità”

26
976

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Nemanja Matic parla ai microfoni dei giornalisti al termine di Roma-Torino.

Di seguito tutte le dichiarazioni del calciatore giallorosso sulla gara di campionato appena conclusa allo stadio Olimpico:

Il pareggio forse non vi soddisfa, ma c’è stata comunque una reazione.
“Dopo il gol del Torino abbiamo avuto un rigore, ma l’abbiamo sbagliato. È difficile, ma abbiamo segnato il gol del pareggio. La nostra squadra deve migliorare molto perché giocare così non va bene neanche ai nostri tifosi. Dobbiamo migliorare”.

Quanto è importante questo pareggio?
“Volevamo vincere, ma il Torino ha giocato molto bene. Un punto ci sta bene perché abbiamo segnato nell’ultimo minuto, ma come ha detto il mister durante l’intervallo dobbiamo giocare molto meglio”.

Cosa manca alla Roma per fare questo salto di qualità?
“Mentalità”.

Articolo precedenteJURIC: “Gara dominata per 70 minuti, poi la partita è cambiata”
Articolo successivoMOURINHO: “Ci sono state due partite, una senza e una con Dybala. Certi giocatori a livello bassissimo. Ora è tempo di fare autocritica”

26 Commenti

    • eh eh..che pupazzi..Enea scrive compriamola la mentalità..18 su 1 giu’..io scrivo la mentalità dove si compra 1 su 7 giù..eh eh ma ho detto la stessa cosa,senza saperlo prima,quindi voti dati a simpatia?..eh eh che pistole che siete..eh eh

  1. La mentalità non è solo il voler vincere, appunto la mentalità vincente, è anche il saper esattamente cosa fare quando si ha il pallone, quando il pallone ce l’ha l’avversario, la velocità di pensiero, l’essere decisi e sicuri in una giocata e la mente fredda.
    Queste prerogative ce l’hanno Smalling eccezion fatta per alcune incertezze difensive recenti dopo essere stato però monumentale in quasi tutte le partite, Matic, Dybala e Wijnaldum che ancora non abbiamo avuto purtroppo il piacere di vederlo giocare con questa maglia se non per qualche minuto contro la Salernitana.
    Gli altri giocatori hanno qualche limite di troppo.

  2. Quest’anno manca il supporto degli esterni e dei veri centravanti! Zalewski (che è l’unico che vale sulle fasce) dovrebbe sempre giocare! Invece si sta “bruciando” tra panchina e ruoli non suoi! Pellegrini… Continuo a non vedere questo amore sconfinato per lui da parte di Mourinho e di molti tifosi… Servono giocatori come Dybala e Matic! Zaniolo? Meglio non parlarne! Fa tutto da solo… Non passa mai la palla e i compagni di squadra si sbracciano ogni volta! Io farei cassa proprio con lui e Pellegrini più Abraham se non si sveglia… Per non parlare di Belotti e non perché ha sbagliato il rigore! È per demerito loro se non stiamo concludendo una mazza quest’anno! Segnano i difensori e Dybala!

  3. Ma secondo voi un giocatore puo’ rispondere in maniera diversa
    Pu’ incolpare i giocatori ?
    Puo’ incolpare l’allenatore per un gioco latitante?
    Incolpare la mentalita’ e’ studiata bene

    In realta’ quando per 70 minuti non fai niente , poi gli ultimi 20 fai l’assalto finale e teoricamente metti alle corde l’avversario .E’ difficile spiegare
    Questa e’ una squadra che quando attacca pur producendo poco rispetto a cio’ che spende ,mette in difficolta’ qualunque avversario
    Solo che accade quasi mai che sposti il baricentro in avanti
    I soli che sanno far spostare il baricentro in avanti sono Dybala e Pellegrini
    Ma anche quando questo avviene la squadra rimane sempre divisa in tronconi

  4. Manca un allenatore che gli dia un gioco ,uno schema….e che non faccia giocare sempre le ballerine…..un allenatore che non si adagia sui trofei vinti….perche anche la roma e i suoi tifosi vogliono vincere.

  5. A molti non manca solo la mentalità, ma proprio i piedi.
    Abbiamo due difensori scarsi, Cristante che è il peggio che il calcio italiano possa proporre, un centravanti che fa ridere i polli.
    Poi caro Matic, la mentalità se non ce l’avete nemmeno con Mourinho, cambiate letteramente sport.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome