Meno due a Lecce-Roma: occhio alla sorpresa Karsdorp, Wijnaldum verso l’impiego nella ripresa

33
1823

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Il rientro di Rick Karsdorp si avvicina. Il terzino olandese, dopo la lite con Mourinho e la mancata cessione a gennaio, sembra essersi rimesso a disposizione dell’allenatore.

Dipende solo da lui, aveva detto lo Special One in merito alla possibilità che Karsdorp potesse tornare a far parte della squadra. Parole a cui sono seguite quelle di ieri di Tiago Pinto: “A breve si capirà che è a disposizione“.

Insomma, tutto va nella direzione del reintegro completo del calciatore. L’obiettivo è terminare al meglio questa stagione, e poi in estate salutarsi. Attenzione dunque alla possibile sorpresa Karsdorp già dopodomani contro il Lecce, l’unica di una formazione che appare altrimenti scontata. 

Occhi puntati su Wijnaldum, che però non partirà quasi sicuramente dall’inizio: il centrocampista scalpita, fosse per lui giocherebbe anche dal primo minuto, ma Mourinho è chiamato a gestirlo per fargli ritrovare la miglior condizione fisica. Per l’olandese è probabile uno spezzone di gara nella ripresa.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedenteDemir e Akman, ecco i baby turchi opzionati da Pinto
Articolo successivoTiago Pinto vola a Nyon: verifica con la Uefa sul settlement agreement sottoscritto a settembre

33 Commenti

  1. Recuperare Karsdorp è fondamentale, non perché sia un giocatore essenziale, per me è un perfetto panchinaro con ottime doti atletiche e scarse capacità tecniche, ma serve per riuscire a venderlo in estate. Ad oggi nessuna squadra sapendo la situazione con la Roma lo prenderebbe a titolo definitivo. Credo che la dimostrazione di forza della Roma con Zaniolo abbia fatto capire a Karsdorp che deve tornare a fare il giocatore di calcio e guadagnarsi un contratto se non vuole finire in tribuna a vita o in un campionato di terza categoria. Il ritorno di Gini è una buona notizia, tutti preghiamo che faccia sedere in panchina Cristante, altro giocatore che dovrebbe partire tutte le volte dalla panca.

    • Cristante, per Mourinho, è insostituibile. Prima ce ne facciamo una ragione e meglio è.E come lui Pellegrini. Forza Roma.

    • guarda come terzino a 4 fa ridere ma come 5 di dx è tre volte meglio di celik finche non faceva la cretinata era lui il titolare , fateve sta domanda theo hernandez sa difendere?? hakimi sa difendere?? tutti i 5 sono piu propensi ad attaccare si gioca apposta a 3 dietro infatti a sx o gioca spinazzola o zelewsky che tutto è meno che un terzino o elsha

    • In Italia da un po’ di tempo ci dimentichiamo completamente che a centrocampo , nella visione di quasi tutte le tradizioni calcistiche, è necessario il mediano.
      Il mediano è un ruolo vero e proprio ed è il giocatore davanti alla difesa, che ha compiti essenzialmente difensivi nei movimenti, Quasi di marcatura a zona dei centrocampisti di inserimento nelle situazioni di contropiede o fase di non possesso in generale.
      Poi, la qualità del mediano lo può portare ad essere anche il regista della squadra, ma sono due cose distinte tra la fase di possesso e quella di non possesso … il “regista” vero e proprio puó essere la mezzala, l’interno di centrocampo ecc.
      Per venire a Cristante è un giocatore scarso ma è l’unico che riesce a fare quel ruolo, lo stesso Matic che ha doti di regista è comunque un interno di centrocampo e non un mediano, (quando Mourinho giocava le partite che contavano nel suo ultimo Chelsea gli schierava a fianco Zouma) ha movimenti difensivi diversi, se riguardi il secondo gol preso dalla Cremonese … Celik fa un disastro, ma il centrocampista della Cremonese calcia in mezzo all’area completamente solo … Perchè mancava il giocatore che facesse la copertura preventiva specifica.
      Wijnaldum è una mezzala offensiva o tutt’al più un interno di centrocampo ma non certamente un mediano.
      Ricordatevi, Modric ha bisogno di Casemiro, Xavi Iniesta e Pedri di Busquets, Gerrard di Mascherano, Thiago Motta e Snejder di Cambiasso, Deco di Costinha, Lampard di Makelelè, neanche il mitico Xhaka avrebbe panchinato Cristante, all’Arsenal nel ruolo di Cristante gioca Thomas Partey. Altri sogni che leggo … Rubén Neves del Wolverhampton… gran piede , buona intensità ma è un interno o mezzala … Le coperture davanti alla difesa le fa il mestierante Lemina.
      Perciò, nella valutazione dei centrocampisti, è purtroppo necessario valutare che hai un solo giocatore in rosa capace di fare quel ruolo, che è Cristante … un giocatore a mio parere scarso, ma è inutile che andiamo a fare voli pindarici inserendo giocatori offensivi per sostituirlo.

    • Tutto giusto Simone. E anche per rispondere ad Aldo, Cristante è “insostituibile” perché evidentemente Mourinho ritiene che sia il più adatto, o forse il meno peggio (propendo per questa ipotesi), a svolgere quel compito.
      Ci sarebbe in realtà Camara, che mediano più di Cristante lo è certamente. E qui io francamente sto ancora a cercare di capire cosa sia successo: la balla delle presenze per il riscatto obbligatorio non regge, perché non è menzionata da nessuna parte nel comunicato ufficiale e anche perché Mourinho lo mette dentro una volta al 93°.
      Lo stesso Mourinho che dice “lo abbiamo preso dopo averlo ATTENTAMENTE visionato”.
      Si è poi accorto di aver visionato un altro?
      Camara è un altro di quei “misteri buffi” ai quali assistiamo da quasi un paio d’anni, iniziati con lo Shomurodov definito “top” dal tecnico su Instagram per finire nel dimenticatoio dopo un paio di settimane.
      O i Vina e i Celik, terzini da difesa a quattro per poi continuare a giocare a tre dicendo di non avere gli uomini adatti per passare a quattro. Boh, a me sembra che ci sia qualcosa che non vada nella comunicazione tra Mourinho e Pinto, malgrado parlino la stessa lingua.
      O che qualcuno ci marci un po’, fate voi chi.
      Ieri Pinto è stato un signore accollandosi tutte le responsabilità, anche se poco prima era stato forse vittima di un lapsus freudiano affermando che tutti i giocatori arrivano col benestare di Mourinho.
      Resta il fatto che in entrata si sbaglia troppo, e non credo che la cosa sia sfuggita ai Friedkin…

    • @Dove sta Josè:

      Quello che dici non è un’analisi tecnico tattica corretta, Camara non è un mediano, è un interno/mezz’ala difensiva, oltretutto tatticamente Camara è estremamente confusionario.
      Sono due ruoli diversi da non confondere … Kantè e Gattuso ad esempio sono versioni enormemente più forti su tutti i punti di vista di Camara … sono giocatori che fanno dell’intensità e dell’AGGRESSIONE DELLA PALLA a centrocampo il loro punto di forza assoluto, ma non sono mediani. Il mediano è un ruolo di posizione , ha movimenti in fase di non possesso quasi simili a quello di un difensore centrale, il mediano aggredisce il portatore solo se è sicuro di prendere palla o piede altrimenti fa l’errore di liberare una linea di passaggio mortale tra le linee in zona centrale. Gli esempi fatti prima: De Rossi, Casemiro, Cambiasso, Carrick, Busquets, Partey, Van Bommel ecc. sono tutti giocatori che abbinano alla cattiveria agonistica una grande posizione e non certamente di aggressione sistematica alla Camara.
      Poi negli anni probabilmente si è confuso il ruolo specifico chiamando tutto nella stessa maniera , in ogni caso me lo puoi chiamare come ti pare ma sono ruoli estremamente diversi.

    • Complimenti a Simone5 per la competenza tecnica che dimostra in tutti i suoi commenti.

      Dove sta José, Camara non è un mediano con le caratteristiche di Cristante. Può giocarci insieme, non sostituirlo. Il motivo per cui non gioca più è un mistero, uno dei tanti della gestione Mourinho.

    • Bella analisi quella di Simone5, però a Cristante mancano delle caratteristiche fondamentali per un mediano che lo rendono scarso.
      Un mediano che supporti il regista – o il presunto organizzatore di gioco – deve avere corsa, abilità nei contrasti e velocità di pensiero, nel senso che una volta recuperata palla deve subito smistarla ad uno piu educato di lui. Mascherano, Cambiasso, Partey, Makelele, riassumono perfettamente quanto detto – anche DDR lo era, anche se non era un fulmine – ma Cristante al netto di una buona resistenza nei contrasti e di un buon lancio, è di una lentezza disperante, sia di gamba che di testa.

    • Molto interessante la riflessione di Simone.
      Che ci riporta alla necessità che a fare il mercato sia un Direttore sportivo che sappia le differenze tecniche di ruolo esaminate da Simore, e non sappia solo concludere contratti.
      Riguardo le riflessioni di DSJ l'”unica spiegazione che mi do’ è che il ruolo di DS non riesca a svolgerlo Mou, che deve preparare le partite, per cui spesso dà il suo assenso rispetto a scelte fatte da Pinto compatibili con il budget, preferendo concentrarsi sulla primavera.
      L’unico giocatore per cui si è esposto è Xhaka.
      Come diceva credobMonika, neanche in Inghilterra quel modello di Manager a tutto campo funziona.
      Serve un DS a tempo pieno.
      Prima i Friedkin lo capiscono e meglio sarà per la Roma (ma anche per loro se non vogliono continuare a coprire perdite economiche).

    • Giusto Julian anche perché Cristante non giocava come mediano nella Atalanta, si è adeguato ad un ruolo non suo con Fonseca scendendo anche nel ruolo di centrale in difesa ed oggi spesso è troppo schiacciato dietro e non esce (vedi i gol presi con il Torino e l’atalanta). Quindi neanche Cristante è un mediano..

    • Attenzione Simone, io non ho detto che è un mediano, punto. Ho detto che è “più mediano” di Cristante, perché ha le caratteristiche di aggressività sul portatore di palla avversario e la rapidità di movimento che Cristante non ha.
      E che nessuno ha come caratteristiche tra i centrocampisti della Roma.
      Che non abbia grande intelligenza tattica è assodato, ma in un ipotetico centrocampo a tre con Matic e Wijnaldum lui ci starebbe meglio di Cristante.
      Riguardo quest’ultimo poi, è dall’inizio della carriera che cerca un ruolo preciso, senza averlo trovato a Lisbona e Pescara, finché Gasperini, che scemo non è, decide di sfruttare le sue caratteristiche migliori, cioè tempi di inserimento, tiro da media/corta distanza e colpo di testa, inventandolo come trequartista molto atipico.
      Ruolo che però molto difficilmente potrà mai ricoprire altrove, e infatti tutti gli allenatori che ha avuto a Roma hanno faticato a trovargli una collocazione definitiva, arrivando persino a proporlo come quello che era il vecchio “libero”.
      Mourinho sembra adesso essersi assestato nella collocazione di centromediano metodista, ma resta sempre una toppa, causa i suoi movimenti troppo lenti e un trattamento del pallone solo sufficiente che lo espongono al pressing avversario in una zona molto delicata del campo.
      Io ho sempre brividi gelidi lungo la schiena quando vedo Cristante ricevere palla al limite della nostra area con gli avversari in pressing. Basta un controllo poco efficace ed è una palla persa possibilmente letale.

  2. Ci servono tutti per il rush finale.
    Kasdrop, Belotti, Kumbulla, Camara .. dobbiamo coinvolgere tutta la panchina se vogliamo arrivare in Champions e superare Atalanta e SS podistica ..
    Forza Roma

    • Noi stamo già sopra di loro, dobbiamo solo allontanarli dal terzo posto

    • MarcoLL hai ragione però abbiamo il vantaggio di una partita ed abbiamo gli scontri diretti alla andata a sfavore.
      Dobbiamo mantenere la distanza (e quindi vincere entrambi gli scontri diretti al ritorno) .
      La juve fuori e il Milan giù, una occasione così quando c’è ricapita!!
      Dajeeeeee

    • quando ti ricapita?semplicemente il prossimo anno la Juventus è disastrata le altre non potranno fare mercato per il fpf come è più di noi,a meno che non vendano i loro pezzi forti

  3. Sarà che sono un pragmatico e che quando si parla di calcio per me conta solo la Roma, ma se Karsdorp può contribuire a farci vincere mi sta benissimo il suo reintegro nella rosa della squadra. Le questioni di principio le riservo a tutte quelle cose della vita che sono ben più importanti del calcio.

  4. Stai a vedere che adesso Karsdorp diventerà un “rincalzo fondamentale” , fino a un mese fa era un pippone da vendere immediatamente preso ad insulti da tutti, come dire, necessità fa virtù….

    • Rimane sempre un calciatore con molti limiti. Ma fa numero e può aiutare nelle rotazioni in determinati momenti. Importante giochi con la convinzione e non per farci un favore.

    • sai com’è…. Cafù non è più in squadra…

      karsdorp non è un fenomeno, non lo è mai stato. ma adesso siamo corti corti e comunque non eccezionali. per cui non farei troppo lo schizzinoso.

      dovevano essere 5 per 2 ruoli:
      uno l’hai dato via (senza rimorsi)
      uno è sempre rotto (e doveva essere il migliore…)
      uno (l’unico acquisto della campagna estiva) non è che stia facendo faville….
      se ne tieni pure uno fuori rosa, ti rimangono gli adattati

      potremmo provarci solbakken come quinto… già ci abbiamo messo Elsha….

  5. Mi piace questo conteggio alla rovescia per la partita. Fate quello che volete è mandate in campo chi vuole Mou ma a Lecce solo un approccio feroce e vincente. Forza Roma!

  6. Karsdorp, con tutti i limiti che ben conosciamo, non è peggio di Celik, almeno certamente non con questo modulo, col quale il turco c’entra poco.
    L’olandese ha limiti tecnici evidenti, e se gli passi palla sui piedi questa torna regolarmente indietro. Ma le poche volte che siamo riusciti a servirlo sulla corsa, lui sulla palla arriva quasi sempre prima dell’avversario.
    Celik è invece piuttosto monopasso, e manco lui ha tutta questa qualità nell’uno contro uno, anzi direi proprio di no. E’ un terzino rigorosamente da difesa a quattro, dignitoso, ma che non eccelle in nulla, tanto meno nella produzione offensiva.
    Il reintegro di Karsdorp conviene a tutti, poi in estate beato chi c’ha ‘n occhio pe’ vede’…

  7. Mi sembra si sia vista la mano dei Friedkin con Zaniolo
    E’ gente che non scherza
    Anche Mourinho comincia a capirlo . Vogliono la champion non chiacchere o scuse
    I giochini da affabulatore non funzionano con loro

    Io ho l’impressione che il clima sia molto cambiato
    Sia Pinto che Mourinho sono sotto esame

  8. Karsdorp ormai è una riserva , giocherà se giocherà solo in casi di estremissima necessità… e grazie a questo si perde una pedina in avanti come elsha che qualche gol in più poteva garantirlo. Tutto ciò con Spinazzola che un altro Po ha giocato meno quest anno di quello scorso.

    • Spero che mou per la sua insoddisfazione più che giusta di questo mercato invernale non ci punisca con i vari tahirovic e volpato.

  9. Sono arrivati calciatori che hanno giocato subito e altri no. Llorente che può coprire tre ruoli: il centrale, il terzino destro e il mediano, quale tempo di impiego avrà? Una dote riconosciutagli sono i piedi buoni. Potrebbe essere una alternativa, anche considerando che non è sconosciuto a Mourinho. Tutta questa convenienza a schierare Karsdorp non la vedo, perché se Celik non brilla neanche Karsdorp splende. Tornare su un suo ipotetico impiego mira a sottolineare una scelta frustrante di recupero per emergenza e non si fonda su valutazioni tecniche o tattiche, forse più per fare sarcasmo sulla vicenda che coinvolge l’allenatore: i due anche se per motivi diversi offrono i medesimi rischi.
    Forza Roma

  10. Karsdorp sara maggiormente motivato… vorrà riacquistare la fiducia dei tifosi romanisti. Ci servirà come il pane, visto che Celik non è un fulmine di guerra. Ma poi, parliamoci chiaramente, ma cosa ha fatto di così grave da essere sberlinato pubblicamente (dopo la partita col Sassuolo)? Ma siamo sicuri non si tratti di un semplice errore durante una partita di calcio? Perché non rimproverarlo o prenderlo a calci nel culo nello spogliatoio se pure fosse? Ragazzi, questi giocano nella Roma e dobbiamo sostenerli. Non tutti sono Maldini, Costacurta e Baresi. Questi abbiamo e questi dobbiamo sostenere. Mou, diamo fiducia a questi ragazzi e perdona loro qualche cappellata. Forza Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome