Milan convinto su Fonseca, il portoghese aspetta i rossoneri e dice no al rinnovo col Lille

25
574

ALTRE NOTIZIE – Il Milan sembra voler fare sul serio con Paulo Fonseca, ex allenatore della Roma e attuale tecnico del Lille. Il club rossonero è convinto delle capacità del portoghese, che alla guida dei transalpini ha raggiunto i preliminari di Champions, ed è pronto a farsi sotto.

Fonseca è consapevole del forte interesse del Milan e attende un passo concreto della dirigenza meneghina. In mezzo c’è il Lille che ha proposto al tecnico un rinnovo di contratto nella speranza di convincerlo a restare.

L’ex giallorosso però ha preso tempo: la sua priorità è tornare in Serie A e guidare un club blasonato come quello rossonero, per questo non ha detto sì alla proposta dei transalpini.

Nelle ultime ore si è avanzata anche la candidatura di Roberto De Zerbi in chiave Milan, ma l’allenatore, che ha già salutato il Brighton, vorrebbe continuare la sua avventura in Premier e aspetta un club inglese.

 

Articolo precedenteLUKAKU: “A Roma ti senti responsabile di una città e di un popolo. Come mi descriverei? Generoso, leader e cattivo” (VIDEO)
Articolo successivoSERIE A, clamorosa rimonta della Juventus sul campo del Bologna: da 3 a 0 a 3 a 3 nel quarto d’ora finale

25 Commenti

  1. Allora non era lui una pippa. Giocava con Cristante lo scarpone il fantasmino Pellegrini e Diawara non a caso a un certo punto aveva affidato il centrocampo a Villar e Darboe facendo pure bene.

    • No Marco, non era lui una pippa, non lo era manco Di Francesco finche non gli hanno preso Shick al posto di salah e Nzonzi al posto di un la dx, e non lo era neppure il bollito si setubal, ne tanto meno lo sarà DDR alllor quando le cose dovrebbero andar male e le colpe riversate tutte su du lui. Le uniche pippe sono quelle che vanno in campo no quelle che siedono e sedettero sulla panchina della Roma.

    • Comunque in Francia è arrivato dietro al Brest….nn è che ha fatto miracoli…prendendo gol al 93 ….

  2. Guarda che milano non è Roma……pensaci bene, nebbia , smog, trans, sfigati e tifosi sotto scorta sempre! Una città demmerxa!

  3. I giornali hanno dato per certo Fonseca ma poi hanno inserito De Zerbi. La sola cosa sicura è che Slot l’anno prossimo allenerà il Liverpool. Che peccato non suonarlo un’altra volta con il Feyenoord

  4. Un ottimo tecnico, persona perbene, con la protezione del palazzo farà sicuramente molto meglio di quello fatto a Roma, non dimentichiamoci che senza mezza squadra a fine primo tempo stava vincendo 1-2 a Manchester.

    • Sono d’accordo con te. l’unica cosa che rimprovero a Fonseca è stato proprio il secondo tempo con il Manchester: in totale emergenza (non era mai successo nelle competizioni europee che una squadra finisse i cambi per infortuni nella prima mezz’ora, e che cambi: portiere, Spinazzola e Veretout) non puoi prendere dei gol in contropiede con la difesa a centrocampo. Bisognava mettere tutti i giocatori a difendere dentro l’aere di rigore, magari il gol lo prendi ma non 4 in 20 minuti

    • mah, è un po’ un mito che Fonseca abbia sbagliato tattica quel giorno. In realtà pesano e tanto le cappelle di Mirante (3-2 regalato in un momento in cui la partita era in assoluto equilibrio), oltre a un rigore inventato su Smalling che in altri contesti avremmo contestato aspramente e che in tempi di covid e stadi vuoti passò più inosservato. Col senno di poi avrebbe forse dovuto togliere Diawara a metà partita, con l’ultimo slot rimasto, per inserire Kumbulla, ma non è che stiamo parlando di Baresi

    • lo ricordo bene. che sfiga quella partita.
      spinazzola fece la differenza in campo, fino al primo tempo….

  5. Fu scorticato vivo per un quinto posto il primo anno che, ironia della sorte, resta il migliore ottenuto in campionato dal 2018!
    Devastato dagli infortuni in entrambe le stagioni (su tutti non vide più Zaniolo da gennaio e quasi mai Smalling la seconda), curiosamente, o forse no, a lui questo alibi non fu mai accordato con la stessa magnanimità di altri.
    Nessuna pietà neanche per la disfatta di Manchester, arrivata con in campo gente che valeva quella che ne prese sei dal Bodo perché doveva mettere un pullman davanti la porta coi Cristante difensore spalleggiato dai Peres, Diawara, Villar e Mirante.
    Ci era arrivato facendo fuori Braga, Shaktar, Ajax, le ultime due non quelle che sono adesso ma squadre da Champions.
    Un buon allenatore, non il migliore, di sicuro non il deficiente che ancora si vuole far credere.
    Ha pagato soprattutto il fatto di essere un galantuomo, cosa che qui difficilmente viene perdonata.

  6. Risultati in linea col suo successore con una squadra più debole, prendendo un quinto dello stipendio e senza doversi inimicare mezzo mondo per vincere col Sassuolo. A conti fatti, avevamo fatto molto meglio a rimanere con lui.

    • non sapevo che Fonseca avesse vinto una coppa e ci avesse portati a giocare una finale di Europa League rubata in modo vergognoso. Che nun se fa pe di ” c’avevo ragione io ” .

  7. Gran Signore e tecnico bravo ma troppo “delicato” per una piazza che dopo un secondo posto pretende sotto la curva i giocatori per umiliarli (gli ultra’ del Milan pensano nel loro delirio che c’e’ ancora Berlusconi Presidente!), secondo me farebbe la fine di Garcia al Napoli

    • Mo’ addirittura “ultra’” una parola grossa………i SottoScorta volevi dire oppure i 100 contro 1 (De Falchi)

  8. Devo essere sincero: una delle uniche due o tre caratteristiche di UNA PARTE della tifoseria giallorossa che non ho mai apprezzato troppo è la tendenza a esagerare (in positivo o in negativo) nel valutare giocatori e soprattutto allenatori. Quello di Fonseca è un esempio perfetto, ma di allenatori esageratamente stimati o, al contrario, ingiustamente sottovalutati ne abbiamo visti più di uno sulla panchina della Roma.

    • Contano solo I risultati, e arrivare a giocarsi 2 finali Europee in 2 anni è un miracolo per una piazza come Roma. Mi auguro che De Rossi lo faccia di nuovo.

    • Eppure non aveva iniziato male. Alla sosta natalizia del 2019 eravamo terzi e giocavamo bene. L’ultima partita di quell’anno (2019) contro la Fiorentina è stata (secondo me) la miglior partita giocata negli ultimi anni. Poi, come succede spesso a gennaio ci perdiamo. Altro merito che gli voglio riconoscere, sempre in quel maledetto anno condizionato dal covid, alla ripresa è passato alla difesa a 3 facendo quasi en-plain

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome