Mirabelli: “Io ds della Roma? Verrei a piedi, ma non in una condizione del genere. Non faccio il burattino”

59
3074

ULTIME NEWS AS ROMA – L’ex direttore sportivo del Milan, Massimiliano Mirabelli, ha parlato oggi a Rete Sport e tra gli argomenti affrontati anche il suo possibile approdo alla Roma come prossimo direttore sportivo. Ecco le sue parole:

“Caratteristiche assimilabili tra Milan e Roma? Sono due situazioni molto diverse. Bisogna adeguarsi a questo calcio, molte squadre sono di proprietà di grandi imprenditori che vivono dall’altra parte del mondo. Non è tanto questo il problema. La proprietà può anche essere distante, ma il management deve essere in loco, e a Roma non è così. Perchè non si capisce chi gestisce se lo fa da Londra, dal Sud Africa, dall’America.

Con tutto il bene per Franco (Baldini, ndr), le cose della squadra vanno gestite in loco, altrimenti vincono gli altri e tu fatichi a fare risultati. E’ come far allenare la squadra da uno che sta in videoconferenza… Nessuno te lo impedisce, ma non è un cosa possibile nel calcio ed è normale che i risultati non arrivano. Io accostato proprio alla Roma? Parliamo di una grandissima piazza, se ci fosse un giorno la possibilità verrei a piedi, ma il ds lo faccio io. Non vorrei mai in una condizione del genere. Il burattino non verrei a farlo mai. Verrei solo se titolare della cattedra”. 

Fonte: Rete Sport

59 Commenti

    • Perché non richiesta? E’ stato intervistato, ha ricevuto delle domande e ha risposto, oltretutto in maniera schietta e senza peli sulla lingua… avercene di questi tempi

    • Giusto Bati… e questo ci fa capire che Pallotta e Baldini cerchi un capro espiatorio e non un D.S. il loro intento di vendere i migliori, per poi fare acquisti senza portafoglio lo volevano accollare a Petrachi che bene ha fatto ad andarsene. Inoltre Petrachi aveva parlato della condizione fisica scandalosa della squadra… fu trattato come il diavolo a San Pietro e poi seguirono tre insipide sconfitte…

    • mirabelli la ASROMA ha già dato con monchi . abbiamo sfiorato l ‘ abisso e non ci serve chi ci dà la spinta finale . il milan attuale è stato sinistrato da lei e da altri fenomeni . sabatini torna , spalletti torna .

    • @MOSQUI concordo… infatti appena Petrachi è passato da YES MAN (che pure non è mai stato) a “antagonista” l’hanno silurato.

    • A me infastidiscono non i personaggi, ma tutta questa rilevanza che si da alle dichiarazioni di chiunque. Ci cambia la vita sapere cosa ne pensa Mirabelli? Non possiamo campare senza che ogni giorno arrivi un ex dipendente/personaggio che con la Roma non c’entra niente a dire la sua sulla squadra?

    • Ma è ovvio che sia cosi’ Se andiamo a vedere in quanti hanno rinunciato, licenziati o dimessi antitempo, la cacciata di Petrachi è stato l’ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso Ed ancora c’è chi sostiene che non sia vero La verità la conosce solo chi frequenta tali ambienti Inoltre mi pare evidente che questa struttura societaria non ti offre alcuna garanzia Troppa incompetenza Sperando che sia solo quella.

    • @Sawar, esatto, non vedo perchè la gente deve venire a Roma a farsi prendere per il c**o…

    • Batigol, concordo in tutto e per tutti. Ora mettendo da parte il fatto che Mirabelli sia un perfetto incompetente in materia, ma e tutti gl’altri? Possibile che trà Ds ed Allenatori erano tutti nà manica de chiaviche. Senza contare quelli che hanno rinunciato Rendiamoci conto di quanto ha patito la Roma prima di arrivare a Fonseca Che con tutto rispetto parlando, ha pienamente dimostrato i suoi limiti
      Ed ancora c’è chi difende un simile operato e spolliciona a tutto spiano
      Non si può essere ciechi e sordi sino a stò punto

    • Beh, molti allenatori erano na manica de chiaviche a mio parere, tranne Spalletti, che infatti è l’unico che se ne è andato lui… i DS li salvo più degli allenatori, tranne Ramon Verdejo De Monchi de Sevilla Antonio Coimbra de la Coronilla………………… y Azevedo

      o sai ndo se li devono mette li pollici ahahhaha

    • ma di cosa stiamo parlando. Di una domanda cretina a un pseudo …..boh non so neanche come definirlo!
      Ma perche voi pensate che la Roma potrebbe chiedere a questo individuo di venire a fare il ds a Trigoria? con quali titoli, con quali referenze cosa avrebbe fatto per attrarre le attenzioni dei dirigenti della societa giallorossa. Ma possibile che ogni cretinata che si inventano questi giornalai da strapazzo è motivo per gettare merda sui colori giallorossi. Chi non risponderebbe cosi ben sapendo che mai potrebbe essere minimamente realta . Batigol, la gente non deve venire a Roma per farsi prendere per il culo, gia c’è ne tanta a Roma chi si fa prendere in giro!!!!

    • Nico, la domanda sarà sicuramente cretina Rimane il fatto che in una Società la credibilità vuol dire molto
      Ed in questo momento vuoi per colpe sue, vuoi per altro non mi pare che l’ambiente Roma sia trà i piu’ appetitosi Poi, se si vuole far finta di nulla e dire che tutto và bene … a posto cosi’.

    • @nico mi sa che l’hai presa male, un po’ troppo 🙂 … io non tiro m***a sui colori giallorossi, anzi ieri ho scritto che spero che inizino a correre a breve in campo, sarebbe per me un segnale che si punta sull’europa league, e mi sono dato del cialtrone da solo!

      In questo caso, il tizio era intervistato a Rete Sport e quelli gli hanno chiesto se una piazza come Roma lo intriga, lui semplicemente ha detto si, aggiungendo che oggi a queste condizioni non ci verrebbe mai, per i summenzionati motivi.

      Il problema è che oggi anche uno spaventapasseri de paglia preso in un orto urbano a Torre Angela rifiuterebbe la Roma, in quanto si brucia la carriera… allora se siamo a questo punto qualcosa che non va c’è… o no?

      La gente a Roma non ci viene perchè non vuole perde la faccia pe Baldini e compagnia cantante, e aggiungerei che fanno pure bene!

    • per master mosquiton ….. pallotta andrà via non perché glielo dico io o te . a lui di noi non gli strafrega un kaiser , non sa nemmeno che esistiamo . che pallotta debba andare via è ormai chiaro è solo questione di tempo . anzi …senza covid se ne era già andato .

  1. “Verrei solo se titolare della cattedra”

    Benissimo, allora puoi anche restare a casa. Di danni, già ne hai fatti parecchi al Milan, non abbiamo bisogno di un altro che è convinto che il d.s. sia il deus ex machina di una società di calcio. In molte piazze, i tifosi non sanno neppure chi sia il direttore sportivo, carica assolutamente sopravvalutata da queste parti, dato che è noto che l’80 % delle trattative, vengono imbastite e condotte dagli intermediari. Serve una figura NORMALE, non un santone che va davanti alle telecamere ogni settimana, e a cui vengono attribuite tutte le sorti economiche e sportive del club.

    • Marco, ha espressamente indicato che “la cattedra”, la vorrebbe da DS, non da tuttologo. E’ la stessa cosa che voleva Petrachi e mi sembra anche corretto, il problema è che questi vanno davanti alle telecamere ogni settimana perchè a Roma non c’è nessun altro che ci può andare.

      In una società normale l’organigramma sarebbe definito diversamente e il DS, come dici te e molti, parlerebbe solo a fine finestre di mercato.

      Ora che non c’è Petrachi siamo al paradosso contrario, Fienga parla di mercato…. mentre Baldini, che è quello che lo fa, non parla di nulla… intanto De Sanctis, che è quello che dovrebbe parlarne e farlo, non dice niente.

      Dimme te…

    • Una vita che lo ripeto,il DS deve essere solo una figura all’interno di una struttura che alla Roma manca,che sceglie i giocatori,ma non decide filosofia e progetto,ma esegue,solo Alla Roma,quando cambia DS ,si legge che comincia un nuovo progetto,negli altri club i DS cambiano e nessuno se ne accorge. Se hai visto il film “Money ball” le società di sport Americane hanno un CEO che si occupa della gestione finanziaria ed un general manager di quella sportiva,ma,in Italia non funziona così,i DS non hanno tali competenze,forse Marino è un DG che è anche DS .Ci deve essere un vertice ,un punto di riferimento,uno sopra a tutti che rappresenta il club,parla a nome del club,che fa capire a chi arriva, sia egli un dirigente o un giocatore, come ci si comporta e cosa ci si aspetta da lui,deve dare un’identità al club,tradurre il piano finanziario in un piano sportivo,scegliere gli uomini con le competenze giuste nei ruoli specifici senza sovrapposizioni. Esempio:se un DS si sente calunniato dalla stampa,il massimo dirigente parla difendendo un suo tesserato,non che ognuno va per conto proprio era vita a beghe condominiali uscendo da un evento a cui ha partecipato,non che difende e protegge i giocatori dopo prestazioni vergognose per difendere se stesso. Nella Roma la parte finanziaria e quella sportiva hanno viaggiato su binari paralleli,i progetti sono stati annuali. Ricordo Sabatini che confermava Baldini,in teoria suo superiore,Baldini che disse che Fenucci e lui stesso erano sovrapponibili e già mi caddero le braccia. Quella sulla struttura societaria è ormai una battaglia personale e,spero,che chiunque diventi proprietario della Roma cominci da lì.

    • Serve un ds che abbia polso e onestà… Non è vero che i tifosi non sanno chi è il ds….basti pensare ai vari Sabatini e al povero petrachi che unica colpa è di aver detto la verità cercando di squotere i giocatori… Soliti viziati…. Mirabelli non è il ds che da al nostro caso… Ci vuole uno che abbia polso , come anche in panchina ci vorrebbe uno che prenda i giocatori e li sbatte al muro uno per uno… Se c’era sor Mazzone…questi non avrebbero giocato neanche un minuto in più….avrebbe messo i giovani con la voglia di correre , sputando sangue….

  2. Ma chi lo vuole sto mediocre.
    L’unico ds che vorrei è Rudi Voeller, romanista vero e direttore capace, che ha fatto le fortune del bayer portando talenti come Havertz, Son, Brandt, Vidal, ecc..

  3. Anche Massimiliano ha capito la situazione.
    A Ballo Bond stai a fa’ ride tutto il continente soprattutto quelli del Liverpool ,tra riffa e Raffa ma cosa pretendi con 300 mil. debito?

    LIBERACI PALLO’ !!!

  4. Magna tranquillo,meglio stare così,siamo nella melma,ma,almeno la conosciamo,quando saremo liberi da questa assurda gestione spero che a te non ti considerino proprio!

  5. Come faremo senza Mirabelli?
    Tutti i romanisti sono in lacrime per il rifiuto del più grande DS della storia italica.
    PS Rete Sport è caduta proprio in basso, dissentire dalla attuale dirigenza è giusto, ma intervistare uno che ha contribuito con il cinese del mistero e Fassone al quasi fallimento del bilan è clamoroso.

  6. Per chi ancora non avesse capito che il referente della Roma è Baldini e non Pallotta ( testa di legno) ..più chiaro di così

    • Se fosse come dici te Frikden avrebbe trattato un anno con Baldini, invece ha trattato un anno con Pallotta.
      Una cosa unisce Pallotta a Baldini la lingua e non è una cosa da sottolineare, visto che a trigoria quando deve parlare con qualcuno ha bisogno dell’interprete o del traduttore

    • Infatti nemmeno questo sapeva quando ha comprato la Roma, non sapeva di calcio, non sapeva che per costruire in Italia ci vogliono i secoli, non sapeva come si fanno gli affari con i calciatori, non sapeva che la maggior parte dei tesserati non conosce l’inglese. Ha fatto un bel salto nel buio…poteva andar bene?!?? 🙂

    • X Stefmin87
      Appunto è come se un milionario italiano per fare un affare o pensando di fare un affare, si comprasse una squadra di baseball americana e magari li ci lavora un americano di origine italiana che parla benissimo italiano è chiaro che il riccone non conoscendo niente del baseball, si affiderebbe e si farebbe consigliare da una persona con cui ci può dialogare in modo perfetto è questo che praticamente è successo alla Roma
      Baldini è il consigliere di Pallotta, con gli altri il rapporto non è mai decollato perché c’è l’oceano insormontabile della lingua che li separa.
      Noi italiani ci atteggiamo tanto e crediamo di saper parlare inglese, ma basta che accendiamo un TG in lingua inglese o peggio ancora americana che per noi diventa arabo e non capiamo una parola

  7. A ballotta er laziale perdente de focene o snobbano tutti…ci sara’ un motivo no? Forse perche’ hanno tutti capito che e ‘ un caxxaro?…o che e’ un perdente ? Ahhhh spe’ com’ e’ che dicono i ballotesi…..ah ecco si ci sono!!
    Mirabelli laziale!!! Eh gia’ perche’ chi no tifa ballotta er laziale perdente de focene no e’ romanista

    Che spettacolooooooo a balloooooo
    Forza romaaaaaaa

  8. il ds di una squadra che ha i soldi è facile. fare il ds di bologna e atalanta e farle essere a buoni livelli, quello è difficile.

    • Mirabelli ha fatto di più, è stato il DS della proprietà fantasma cinese. Non ho ancora capito chi era Li Yonghong, quello che aveva la sede legale della sua società in uno sgabuzzino.
      Solo in Italia si poteva permettere ad un soggetto del genere di acquisire un club.

  9. Parole chiare e dure da parte di Mirabelli che esprime giudizi logici in linea con l’attuale situazione della Roma. Si può giudicare in vari modi la qualità del professionista ma appare cristallina la confusione che regna a Trigoria… e questo neanche il più accanito dei CESARONI puo negarlo…

    • E com’è mai che questo Mirabelli così bravo, così intelligente, che esprime giudizi così logici, dal Milan è stato cacciato, forse perché altrimenti lo avrebbe mandato in serie B, se continuava lui a fare il Ds come avrebbe voluto fare

    • Fatti rispondere da qualcun altro.
      Non perdo il mio tempo con te.

  10. Dopo quello che hai combinato al milan c’hai pure il coraggio di parlare e criticare altre societa’ senza neanche sapere le cose visto che non sei mai stato a trigoria e non sai nulla della societa’ Roma, quindi caro mirabelli stai bene dove stai e a piedi vai da altre parti grazie. Forza Roma

  11. come no caro Blouson Noir…mo arriva er bollettino del mare a parlarci di timoni saldi, barre a dritta avanti tutta, vento in poppa, comandanti coperti di gloria per le innumerevoli, inevitabili e incontrovertibili vittorie sotto la bandiera di Boston…
    questi so fenomeni sa, non si arrendono di fronte a nulla pur di difendere er fusajaro loro!

    un caro saluto per te e…
    FORZA ROMA SEMPRE, liberi dal pallottismo

  12. Che Mirabelli sia scarso è assodato. Sul merito di quello che afferma è difficile dissentire o smentire. La Roma è una società teleguidata, con presidente e plenipotenziario assenti. A Trigoria risiede un pugno di peones senza arte né parte che sgomitano per difendere il loro ben remunerato orticello.
    Uno sgorbio del genere non può funzionare, e difatti non funziona. Oramai l’hanno capito tutti o quasi e nessuno o quasi è più disposto a giocarsi qui le due carte. Neanche mediocri conclamati come Mirabelli.

    • A questo punto, visto che tanto litiga con tutti, Baldini. Almeno non sperperi altri soldi tra stipendio e buonuscita per uno che dura sì e no un anno e mezzo. Oltre al fatto che testa grigia si metterebbe di fronte alle sue responsabilità, d’altronde ha un curriculum di tutto rispetto, di cosa ha paura?

    • Se dovesse restare Pallotta la cosa più logica sarebbe riprendere il duo Sabatini Massara

  13. Pepperepeeè Pepperepeeè

    Le trombe annunciarono l’uscita della Parata di Corte e così l’imperatore marciò alla testa del corteo sotto il grande baldacchino e la gente per la strada e alle finestre non faceva che dire «Bellissimo! Magnifique! Quanto sono belli gli abiti nuovi dell’imperatore!» l’imperatore sorrideva e salutava tutti tra applausi ed ovazioni «Bellissimo! Magnifique!»«Magnifique! Bellissimo!»«Bellissimo! Magnifique!».

    Ma ad un tratto si udì la voce squillante di una bambina «Ma l’imperatore non ha nulla addosso! È nudo!».

  14. Bravo, inizia a venire a piedi che male non ti fa a vederti…
    PS Ma Mirabelli chi è? (ironico)
    Tutti a riempirsi la bocca con la nostra GRANDE Roma. Parlate di altro inetti.

  15. Chi più di te sarebbe adatto a far il burattino? Speriamo non metti piede a trigoria se no già si sa come va a finire

Rispondi a Zerocomico Cancella la risposta

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome