Moratti: “L’addio alla Roma una sofferenza per Mourinho. La città è rimasta legata a lui nonostante il gran lavoro di De Rossi”

41
892

NOTIZIE AS ROMA – L’ex patron dell’Inter Massimo Moratti ha parlato all’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, analizzando tra le altre cose l’addio in anticipo alla panchina giallorossa di José Mourinho, vincitore del triplete con la squadra nerazzurra.

Mi spiace tantissimo, afferma Moratti in merito all’esonero turbolento dello Special One. “Immagino che ne soffra. Ma le sue capacità le conosco e restano“.

Il cambio in panchina ha però prodotto risultati positivi per la squadra, anche se Moratti ritiene che in tanti siano comunque ancora dalla parte del portoghese: “Credo che a Roma, nonostante De Rossi stia facendo un grande lavoro, siano rimasti legati a Mourinho“.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteNdicka sorride: tra nove giorni la visita di controllo, poi potrà tornare in campo
Articolo successivoFuria Xavi su Kovacs: calci agli allestimenti Uefa ed espulsione. Ma di Mourinho disse: “Spero di non offrire mai un’immagine del genere”

41 Commenti

  1. caro ex presidente, i tifosi della Roma sono tutti compatti con Mister DDR, soprattutto domani sera…. non mi sembra che Lei sia ben informato sugli umori di Roma e sui tifoso giallorossi….

    • Ma neanche te…che hai commissionato un sondaggio? Hai fatto un minireferendum davanti allo Stadio Olimpico o sulle radio? Sai che pensa la gente di Roma da Tor Lupara a Tor Marancia passando per il Tufello e la Borgata Ottavia? No…
      E allora parla per te .

    • Credo che Moratti (ad averne di Presidenti così) abbia negato che siamo tutti con DDR, ma solo che nessuno dimentica il lavoro di Mourinho (pensiamo alla mentalità guerriera che la squadra ha acquisito nel lottare nelle coppe europee) senza il quale non avremmo oggi questi risultati.
      Pensate ai risultati nelle coppe internazionali raggiunti con altri allenatori (Capello e Spalletti) con squadre ben più forti dell’attuale.
      Ricordo che Mourinho accettò di prendere la Roma dopo che De Zerbi, Conte e Gasperini ci avevano lasciato e ci era rimasto solo Sarri..
      Ed anche oggi se non ci fosse stato DDR era fatica trovare un nuovo allenatore con il nostro budget.

    • Ma perché uno non può essere dalla parte di ddr e rimasto legato a mou?? Gli anti muirinho pensano che chi è a favore ragioni come loro ma non è così la maggior parte erano attaccati a uno degli allenatori più forti che abbiamo avuto ma stima danielino e magari spera in una sua conferma

    • @Asterix… però con Capello e Spalletti giocavi contro Real, Manchester ecc.. ec… non sono paragonabili le esperienze.

    • @zenone TU devi parlare per te….
      tu addossavi tutte le colpe ai giocatori e assolvevi sempre l’ex tecnico lusitano quando eri decimo in classifica, senza uno straccio di gioco e con gli ultimi quattro derby persi senza mai tirare in porta…
      IO SONO ROMANISTA e non anti mouriniano, non vivo di suggestioni nonostante i risultati fallimentari, come VOI VEDOVE INCONSOLABILI…..
      Per Mister DDR parlano i risultati, il gioco, l’atteggiamento mentale della squadra e uno striscione pro DDR recentissimo che sbugiarda l’ex presidente nerazzurro……

    • Per DDR parlano i risultati e Roma è con lui, si vede che ormai, pur essendo tifoso da poltrona, ti sono sfuggite coreografie pro “Mister presente”, Lo stadio Olimpico è voce di popolo non te lo scordare mai Zenò

    • Daniele per un refuso mi è scappato un “non ha negato”.
      Io leggo l’intervista di Moratti nel senso che i romanisti sono felici del rendimento di DDR, ma non vuole dire che rinneghino il lavoro di Mourinho.
      Tranne i troll della società, che in questo forum sono maggioranza ma all’esterno evaporano (come i laziali li trovi solo nei social, ma in città..), i romanisti sono eternamente grati del lavoro di Mourinho e della vittoria in Conference League e della (quasi) vittoria in Europa League, nonché del aver fatto risalire la Roma a giocare la Europa League (visto che nei primi 2 anni dei Friedkin e di Pinto eravamo scesi in Conference).

    • Spalletti è arrivato due volte ai quarti di Champions, non so cosa avrebbe potuto fare di più con la Roma di Rosella Sensi.
      Capello doveva fare molto di più, senza dubbio.

    • Spalletti e Capello facevano la Champions, il Pifferaio Magico Conference e EL.

      Paragone che non regge proprio.

    • Moratti Mourinho era abituato con te a comprare scudetti e Coppe ( la CL era sponsorizzata da Unicredit con il tuo amico tronchetti e ci avete rubato lo scudetto con Ranieri

  2. Credo che Moratti (ad averne di Presidenti così) non abbia negato che siamo tutti con DDR, ma solo che nessuno dimentica il lavoro di Mourinho (pensiamo alla mentalità guerriera che la squadra ha acquisito nel lottare nelle coppe europee) senza il quale non avremmo oggi questi risultati.
    Pensate ai risultati nelle coppe internazionali raggiunti con altri allenatori (Capello e Spalletti) con squadre ben più forti dell’attuale.
    Ricordo che Mourinho accettò di prendere la Roma dopo che De Zerbi, Conte e Gasperini ci avevano lasciato e ci era rimasto solo Sarri..
    Ed anche oggi se non ci fosse stato DDR era fatica trovare un nuovo allenatore con il nostro budget.

    • Mentalità guerriera, peccato che in campionato in coppa italia e nelle stesse coppe ricordiamoci le imbarcate ,non ve ne è traccia.

    • mentalità guerriera in europa…cioè quella che ti ha fatto fare un secondo posto in un girone di el abbordabilissimo e costretto a fare un turno in più con gli olandesi del fayenoroord?
      MI spiace dirti che la roma da parecchi anni è una presenza cosatnte in europa, ed ogni competizione è stata onorata al meglio delle possibilità

    • Asterix , dimenticano troppo presto , sono i stessi a cui non andava bene il 2 anno garcia il 2 anno difrancesco il 2 anno spalletti il 2 anno fonseca , i li chiamo ” i scontenti del 2 anno ” per non parlare di quelli per cui è meglio una semifinale di champion che mettere in bacheca un trofeo , gli stessi che poi ti qualifichi per la champion ma era meglio lottare per l europa legue perche l intelaiatura della squadra ecc ecc , quindi un gruppo a cui non sta bene niente criticno e basta e secondo me non si godono nulla della As Roma , cocnludo con i Muti e Derossi , i muti si accrgeranno del non essere fortunati ad eaver avuto Mourihno che gli ha tolto le castagne dal fuoco per due anni e per Derossi vi do tempo un altro anno quando non vincerai nulla e rispunterà fuori tutto i, passato…come al solito.

  3. Io il pullman lo prendi per andare a lavoro , non per fare calcio. Caro moretti 30 anni fa forse aveva un senso quel modo di fare calcio , specie se in squadra hai gente come milito, eto’ , zanetti, snajder, cambiasso, per citarne solo alcuni etc etc…… Detti questo, mi spiace umanamente, ma calcisticamente parlando l’esonero è stata una liberazione.

  4. Sto con De Rossi nella stessa identica misura in cui stavo con Mourinho.

    Mi è dispiaciuto per il trattamento riservato a Mourinho, anche se col senno del poi credo che qualcosa fra lui e la squadra (in generale la squadra, ma più probabilmente alcuni giocatori) si fosse rotto e pertanto era inevitabile la sostituzione.

    Ma sono grato a Mourinho per il trofeo vinto, per quello che ci è stato scippato, per come ha combattuto per la Roma.

    Penso che anche De Rossi benefici del suo lascito, in termini di mentalità.

    Continuo a difendere Mourinho da chi gli accolla tutti i mali della Roma, consapevole che chi ragiona così, non appena le cose non andranno bene riserverà lo stesso trattamento a De Rossi.
    Io non cerco capri espiatori, così come non cerco idoli, cerco di vedere il positivo e il negativo e non dimentico l’uno o l’altro a seconda dei momenti.

    • Tralasciando il lato puramente tecnico, è stato Mourinho a trattare male società e giocatori per 3 anni, altro che “trattamento riservato”, non giriamo le carte in tavola. Sopratutto negli ultimi periodi ha fatto di tutto per mettere in difficoltà la società criticando mercato, criticando la mancanza di rinnovo, mettendogli contro i tifosi. Un comportamento più e più volte poco professionale culminato con l’anello rimesso negli armadietti e la fuga senza manco salutare. I Friedkin si sono comportati da signori con lui, non oso immaginare cosa avrebbe detto un De Laurentiis. Il suo “lascito” positivo consiste con la sua partenza, dopo la quale i giocatori hanno ritrovato l’orgoglio e l’entusiasmo di giocare nella Roma.

    • sop, quello che tu chiami mettere in difficoltà la società io lo chiamo inchiodare la società alle sue responsabilità,

      quello che tu chiami trattare male i giocatori io lo chiamo far assumere le proprie responsabilità a professionisti profumatamente pagati che a volte invece di fare i professionisti fanno i bamboccioni

      tutte cose che come tifosi abbiamo sempre chiesto a qualsiasi allenatore: non fare aziendalismo (tanto in ogni caso chi salta è l’allenatore) e prendere a calci nel culo chi non onora la maglia.

      Prendo atto che per voi è il contrario.

      Ti sei dimenticato di accollargli di avere difeso la Roma dai torti arbitrali. Avete detto anche questo.

      Bene. Io ribadisco invece che l’ho amato anche per questo.

      Siamo DIVERSI.

    • Dire però che la Roma ha speso 7 milioni sul mercato non è richiamare la società alle proprie responsabilità, è un falso perché gli ingaggi fanno parte delle spese a pieno titolo come i cartellini.
      Dybala, Belotti e Wijnaldum sono quindi venuti gratis perché abbiamo pagato il cartellino del solo Celik?
      I giocatori si inchiodano al muro dello spogliatoio, smerlarli davanti ai microfoni è una tattica discutibile e poco produttiva.
      Ma ormai è andata, viviamo il presente.

    • Anche io, come te, non dimentico il lavoro di Mourinho nonostante l’impatto di DDR. Mourinho <3

  5. Caro Moratti fa na cosa, riporta Mourinho a milano e vedi che dopo 1 anno di scempio lo cacciano a calci abituati ad Inzaghi che sta facendo un grandissimo campionato esprimendo un bel gioco. Pensate a passare da giocare bene a mettere il pulman davanti alla porta, fa già ridere così ! Con DDR a vita ci ha riportato felicità e godimento quando giochiamo.

    • L’odio o invidia o voglia di salire alla ribalta contrapponendosi a figure di primo piano non so cosa sia ma quello che so è che vi offusca la mente… Siamo arrivati a elogiare Simoncina inzaghi e a preferirlo ad uno degli allenatori più vincenti di sempre…. Mah mq parto dal presupposto che siamo tutti tifosi della Roma quindi massimo rispetto per tutti

    • Elogio chi fa giocare la squadra a calcio, quello vero, non quello di Mourinho ! Mourinho ha fatto il suo tempo è stato un grandissimo allenatore che ha dato tanto a questo sport, ma è rimasto a un calcio vecchio di 15-20 anni. Quindi se devo elogiare un allenatore che ad oggi propone un bel calcio io lo elogio oltre i colori, chi non lo fa è solo ignorante e non ama questo sport.

  6. A parte che le parole di Moratti se le porta via il vento, ma poi dico un tifoso della Roma non può rimanere legato a Mou ed allo stesso tempo a De Rossi? siamo la tifoseria più passionale e nostalgica che esiste, ancora si prova affetto per giocatori e presidenti degli anni passati o che non ci sono più, figuriamoci se non possiamo essere legati a Mou e Daniele allo stesso tempo. Se si ha un cuore grande si può provare affetto per più persone, uno non esclude l’altro.

  7. a me basta pensare che la totalità dell’incasso di domani (4 milioni) non basterà neanche a pagare il residuo di mou fino a giugno (4,5 lordi) per conservare di lui un pessimo ricordo. Romanista di qua, romanista a vita di là, lacrime a destra e battiti sul petto a sinistra… ma ai soldi non si rinuncia.
    E non potete capire quanto mi rode che se andiamo in CL o se vinciamo l’EL lui si prenderà dei bonus da capogiro nonostante il fatto che se fosse rimasto adesso ce la giocavamo con gli sbiaditi per la qualificazione in Conference!!!

    • certamente tu nei suoi panni, dopo essere stato mandato via dalla sera alla mattina, avresti rinunciato.
      ma non tutti sono eticamente e moralmente irreprensibili come te

  8. Non capisco per quale assurdo motivo un tifoso che oggi è legato a De Rossi, attuale allenatore della Roma, che sta portando risultati importanti, non può essere rimasto legato anche a Mourinho..????

    Con Mou abbiamo vissuto due nottate fantastiche.. Abbiamo vinto un trofeo, ne abbiamo sfiorato un altro in finale..

    Quindi cosa ci sarebbe di male ad essere rimasti affezionati anche a lui?

    Ha fatto errori?.. Si certo.. Un po’ tutti fanno errori.. E lo dico io che non ho mai amato il gioco della Roma..

    Ma se un tifoso rimane legato ad un tecnico che ci ha portato un trofeo, cosa ci sarebbe di male?

    Altro discorso secondo me, sarebbe, criticare De Rossi, confrontandolo con Mou.. Perché si rischia di andare contro alla squadra.. Di tifare per un ex, invece che sostenere la squadra attuale che sta facendo cose importanti..

    Quindi per quanto mi riguarda.. Rispetto e tifo al 100% per chi c’è ora.. E rispetto per chi a Roma ha lavorato cercando di fare il massimo.. Quindi tifo DDR.. Rispetto per Mou..

    Non è una gara.. Ed ognuno può rimanere affezionato a chi vuole..

    Cosa ci sarebbe di tanto strano?

  9. io sono felicissimo che se se sia andato. non lo sopportavo prima, ero perplesso quando è arrivato , mi sono sempre sentito distante, nonostante ci abbia fatto vincere in europa. Mi dava fastidio vedere una Roma sempre tanto nervosa, senza gioco e che ha sempre arrancato in campionato. Le uniche emozioni in Europa, la Roma cambiava volto e diventava tosta. Si vedevano anche sprazzi di gioco

  10. Confermo della idea che gli anti Mourinho sono come i Novax non accettano le ragioni degli altri ma certo che DDR tutta la vita ma questo non cancella Mou quello che ha portato gia’ solo essere conosciuti nel mondo, lo Stadio che canta che tifa in quella maniera… la voglia di venire a giocare per i campioni per essere allenati da lui.La scelta di un popolo… ci ha chiamato popolo giallorosso, ha portato beneficenza in ospedali alla Mensa Caritas la notte dell’ultimo dell’ anno io ste cose non le scordo chi prima di lui. Ogni tanto mi vado a rivedere le conferenze dove denunciava le malefatte del sistema senza mezzi termini, odio nei suoi confronti, l’ipocrisia dei colleghi e dei giocatori i tanti sorrisini per prendere per i fondelli per poi offendere spece dopo le finali…Il silenzio dei Friedkin e della societa’ di cui ne soffriva mai difeso anzi ne auguravano l’esonero prima, lo si scriveva sui giornali nelle radio in televisione. Io rimango sempre della Roma come lo sono da quasi 60 anni ma un allenatore cosi’ non l’ ho mai visto e spero che DDR raggiunga se non addirittura superi questo grande Uomo per me. Non ho parlato di calcio perche’ un uomo cosi va’ sempre difeso !!!!

    • trovo l’accostamento a questa categoria, inventata, dei “novax” del tutto inappropriato.
      specie perché “non ascoltano le ragioni degli altri” affermazione senza senso

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome