Mou, che record: 6 gol nel recupero. Ma l’attacco fa troppa fatica

26
864

AS ROMA NEWS – È una squadra che non muore mai, scrive la Gazzetta dello Sport (A. Pugliese) oggi in edicola. Ma è anche una squadra che segna poco, ottavo attacco della Serie A, con la sua peggiore striscia dal 2014/15 ad oggi.

Insomma, la Roma di Mourinho balla tra pregi e difetti, all’inizio di una settimana che può essere molto importante per il suo presente ma anche per il suo futuro, tra la sfida di ritorno con il Vitesse in Conference League (giovedì prossimo) e il derby con la Lazio di domenica pomeriggio.

Il pregio, appunto, è che la Roma non si arrende mai, riuscendo spesso nel finale a trovare gol e punti come nessun altro in A. Il difetto, invece, è proprio quello lì: se non segna Tammy Abraham c’è poco altro da dove attingere.

Anche a Udine Mourinho è riuscito a sistemare le cose in pieno recupero, con il rigore del pareggio realizzato da Lorenzo Pellegrini al 94’ (per fallo di mani di Zeegelaar). Un gol che è stato il sesto della Roma segnato nei minuti finali, quelli del recupero. E nessun’altra squadra in Serie A è riuscita a fare altrettanto (Atalanta e Udinese ne hanno segnati 5, Lazio, Spezia e Verona 4).

Sei gol che hanno portato in dote ai giallorossi altrettanti punti (contro i 4, ad esempio, di Sassuolo, Spezia e Udinese, le squadre che hanno avuto più punti nei recuperi subito dopo la Roma). Prima del pareggio di Udine, infatti, la Roma aveva trovato in extremis tre punti in più con il Sassuolo (vittoria all’andata con il gol di El Shaarawy e pareggio al ritorno con quello di Cristante) e due con lo Spezia (vittoria con il rigore di Abraham, al posto del pareggio).

Ininfluenti, invece, gli altri due gol segnati oltre il 90°, il secondo di Felix nella vittoria per 2-0 in casa del Genoa e quello ancora di El Shaarawy nella sconfitta casalinga per 2-1 con il Milan. Ma se il fatto di non arrendersi mai è il pregio della Roma di Mourinho, il difetto sta invece nel fatto di segnare poco.

O, almeno, poco per una squadra che fino a domenica pomeriggio sperava ancora di poter lottare fino in fondo per la Champions League. Finora la Roma in campionato ha segnato in tutto 47 gol in 29 partite, alla media di 1,62 a partita. I giallorossi sono l’ottavo attacco del campionato, ma soprattutto non segnavano così poco dal 2014/15, quando la squadra di Rudi Garcia-ovviamente alla stessa giornata di campionato–aveva messo a segno appena 40 gol.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteConti: “Io fra baseball, Mundial, Ago e il derby”
Articolo successivoSarri: “Al derby si dà un’importanza esasperata. L’ammonizione a Zaccagni? Nemmeno il presidente della Roma l’avrebbe data”

26 Commenti

  1. Un giornalista deve scrivere un pezzo al giorno, quindi capisco la difficoltà nel trovare il tema giornaliero. Però articoli inutili come questo fanno allontanare i lettori. Ma entrando nel contenuto io sinceramente non lo vedo un pregio in quanto presuppone che per 90 minuti si è dormito. Sarebbe un pregio se in alcune (ripeto alcune) partite si riesce a raddrizzare una situazione difficile ma se è quasi la normalità allora è un grave difetto.

    • Forse l’attacco segna poco perchè non gli arrivano i palloni e perchè contro l’Udinese, facevamo tutti passaggi all’indietro? Com’era la storia dei primi 70 minuti? Smalling passa a Karsdorp che passa a cristante che passa a Mancini che passa a Oliveira che passa a i bañez che passa a Mancini che passa a Karsdorp che passa a cristante che passa a smalling…

    • Vale’ hai ragione, gli ultimi 20 min abbiamo giocato con il 2 – 3 – 5, DAZN pur di non dirlo, ha detto, tanta confusione li davanti…. Ogni volta che il gioco si interronpeva, i friulani riprendevano dopo 50 sec. Si è sacrificato Foti per MOU, altrimenti lo buttavano fuori di nuovo… Tutto piano, piano…

    • Valé, qui ti sbagli di grosso. La Roma è la squadra che crea di più. Tiriamo tanto, in porta.
      Il problema è che giochiamo con due attaccanti, uno segna tanto, l’altro, Zaniolo, ha segnato meno di Ibanez.
      Però si getta la croce su Pellegrini, che da centrocampista, ha segnato 10 goal in 30 partite.

      Il problema è che, nella Roma, o segna Abraham o segna Pellegrini o s’attaccamo al C@##0.

      Detto ciò, credo che Zaniolo segnerà al Derby.

    • Tifosogiallorosso secondo me dovresti riguardati la partita perchè la Roma aveva il 63 % di possesso palla al70′ però stavamo sotto di un gol perchè come superavano la nostra metà campo l’Udinese pressava sul portatore de palla e partiva in contropiede. Ora la Roma è quella che crea de +? Ma dove? Contro il vitesse udinese e spezia dovemo ringrazià i gol all’ultimo secondo de pellegrini ed Abraham sennò nn vincevamo/pareggiavamo

    • Vale perdonami, io seguo tutte le partite della mia squadra del cuore, e pensa un po’, sono anche uno dei pochi a capire di pallone qui dentro.
      Molti, ad esempio, dimenticano che una partita di calcio dura 90 e più minuti: in quest’arco di tempo, un calciatore tocca la palla al massimo per due minuti, e gli altri 88 CORRE. Già, perchè corre? Per creare movimento senza palla, e dettare il passaggio al compagno, o per chiudere gli spazi in fase difensiva.
      E quindi, questi “pseudointenditori”, prendono in giro me, perché confondono il calcio con il subbuteo.

      Detto ciò, caro Valè, ti invito a leggere i dati della Serie A. La Roma è la seconda squadra per tiri totali (466), dietro all’Inter (488). Il problema non è tirare, ma chi tira….di fatti, i tiri in porta della Roma sono solo 149, contro i 186 dell’inter….

  2. ” Mourinho è riuscito a sistemare le cose in pieno recupero ”
    Ma certo, dall’ alto della sua sagacia aveva previsto quel ridicolo fallo di mano. .. non per niente è lo Special One. ..

  3. Dipende sempre dai punti di vista.
    Comunque che non Mourinho non ha mai fatto calcio Champagne. Lo sapevano tutti e lo abbiamo detto tutti .
    Di che si meravigliano certi giornalisti boh!
    Allora alla nostra squadra mancano x porcherie arbitrali varie, almeno 8 punti, cosa che io ho detto e ridetto, ( anche stancando chi legge)
    Credo che nonostante questi 8 punti tolti, difficilmente andremmo in Champions. Visto l’andazzo con le altre squadre,
    Basta vedere arbitri che “piangono”
    Oppure il rigore non dato al Torino contro l’Inter
    Una roba , che dire vergognosa e’ poco .
    Passando x il grandissimo gol di ZANIOLO col Genoa, annullato senza motivo.
    Oppure aggiungendo che non abbiamo mai giocato il lunedì , dopo l’impegno di coppa del giovedì.
    Mai.
    Prendiamo in esame l’ultimo turno di campionato.
    Giovedì abbiamo giocato , su un campo di patate, in Olanda, visto che il ritorno lo giochiamo all’Olimpico.
    Udinese -Roma , poteva essere tranquillante giocata lunedì sera , cioè ieri, invece chi ha giocato ieri sera? A Lazio.
    Perché, no qualcuno mi spiega il perché?
    Non mi venite a dire che e”la Roma che non chiede il posticipo, perché e”una barzelletta di scusa…

    • Gombloddo…gombloddo!!! Ti è venuto in mente che si danno tre giorni a chi ha l’impegno europeo e infatti chi gioca di martedì in Champions anticipa a venerdì?
      Per il resto sono perfettamente d’accordo con te, dovevamo essere lì con Milan, Inter e Napoli, ci stanno rubando anche questo scudetto…

    • Regà io ve vojo bene ma ancora Stamo a recriminà o 0-0 contro er genoa? Regà contro er genoa dovevi vince 3-0 e tutti a casa. Non stai a parlà de Lazio atalanta Napoli , stai a parlà del GENOA. Poi scusate dovevamo sta tra le prime 4? Regà Juve milan inter e Napoli ci hanno asfaltato l’Inter in coppa Italia ci ha propio preso a pallonate il Milan uguale a Juve pure er Napoli anche appoh bah regà se tocca giocà ed 5 posto

    • Perchè aveva cambiato allenatore da poco infatti adesso il rendimento del GENOA non è così buono….

    • domanda: chi gioca di mercoledì in Champions gioca il sabato in campionato? è ‘na domanda, perché non lo so!
      Potrei recriminare su svariate partite, ma voglio farlo su quella in cui abbiamo perso per colpa esclusiva di chi era dentro al campo, per quei 7 minuti con la Juve.
      Quelli ce l’hanno sulla coscienza quei giocatori, come “er peccato originale”…
      Gli direi: ve tatuate de tutto, tatuateve quella data e quel risultato se c’avete i coglxxni, in maniera da non scordavvelo mai; 3 punti in meno alla Juve e 3 in più alla Roma e malgrado la stagione interlocutoria … guarda un po’!

  4. Che c’è di positivo quando si vince ma più spesso si pareggia con il gol della disperazione all’ultimo secondo non si capisce.
    A me appaga più la legge dell’Olimpico alé la Roma alé, ve né faremo tre.

    Ritorniamo ad essere quella Roma lì, una Roma che vince domina e gioca bene e che ti rimanda a casa con tre gol sul groppone, la Roma del io speriamo che me la cavo, basta non si poi più vedere

  5. O professore gira sempre a puzza…si complotto..
    Per me e’ complotto .
    Maja vedi bisogna valutare i tempi. E le dinamiche.
    Se la Roma avesse giocato con l’Udinese il lunedì , cosa mai accaduta con noi. Ma con laxie e napule. Sempre.
    Si vede che per loro la regola sei tre giorni non vale
    Secondo te, sarebbe rimasta un Olanda ad allenarsi o ad affettuare lo scarico atletico?
    Forse l’avrebbe fatto lo stesso. Ma avrebbe avuto un giorno in più per preparare la gara di Udine, partita centi volte più impegnativa della gara di ritorno da giocare contro le pippe del Vitesse.
    Per quanto riguarda il sarcasmo del O professore.
    Uno solo ha parlato di Roma da scudetto , a settembre, il Sig. Stefano Agresti.
    Chiedi a lui il perché…
    La Roma ha 8 punti in meno. Per schifezze arbitrali
    Questi punti ci avrebbero messo in una posizione di classifica migliore , a lottare x la Champions. Non ci saremmo qualificati comunque? Forse.
    Resta il fatto che , dopo la gara con la Juve, parità in cui ci siamo suicidati , gli arbitri hanno cambiato in parte gli atteggiamenti. Concedendoci qualche rigore, qualche espulsione agli avversari.
    Noi continuiamo a non vincere( manco a perdere però) che conferma quello che io, e pochi altri, andiamo dicendo da sempre.
    Dammi ciò che mi spetta, poi se non vinco sono problemi miei.
    ( Professor, sto ancora aspettando, non da te, il fermo immagine del famoso fuorigioco del derby di andata , in cui Guida di Torre Annunziata, non fischio’ il rigore su ZANIOLO… tanto x dirne una…)

    • Mamma mia, ma chi te lo fa fare di scrivere ogni volta ste cose, sorvoliamo sul modo in cui le scrivi poi che rende il tutto ancor più stucchevole…

  6. Io voglio dare a questo quadro una Lettura differente:
    La Roma crea tantissimo ma finalizza poco.
    Ma che significa in concreto? che le occasioni ci sono, la Roma crea le possibilità, ma le realizzazioni sono poche. Ma perché sono poche? Dovremmo andare a rivedere tutte le occasioni create e documentare ogni azione fra: Errore glossolano; Parate miracolose; Difese rocciose.
    Ecco qui la chiave di lettura. Mia personale:
    Se si creano tantissime occasioni vuol dire che la Roma ha il pallino del gioco (non guardiamo all’ultima giornata con l’Udinese). Cosa assurda se pensiamo al gioco di Mourinho. Consideriamo anche che all’inizio della stagione la Roma era una delle squadre col più basso possesso palla. Quindi le cose sono diverse. E non solo perché la Roma deve recuperare eventuali svantaggi, ma perché e soprattutto, la Roma crea timore nelle squadre che affronta.
    Si chiudono tutte nella propria metà campo, la Roma affonda ma trova difese rocciose davanti.
    Quando ha più spazi la Roma segna anche molto di più di un gol a partita.
    Certo è che il gioco di Mou non mi esalta, ma come detto sempre: aspetto la fine della stagione per tracciare una riga.

  7. Confermo quanto già scritto e cioè che questo sito pullula di laziopatici,ossia quelli che criticano sempre la Roma senza sapere di essere della lazzio.

  8. Farà pure tutto schifo però nessuno dice che la Roma è l’unica squadra imbattuta nelle ultime 8 partite di campionato insieme alla Juve e che in queste partite, 4 vittorie e 4 pareggi fanno la media di 2 punti a partita che forse sarebbe da Champions e solo la Juve ha fatto meglio di noi, se pensiamo all’Inter con lo scudetto sul petto e che fino a 2 partite fa era prima in classifica, con la squadra che a detta di tutti ha la rosa più forte di tutte, nel girone di ritorno ad oggi ha fatto una media punti di 1,3 a partita che sarebbe pari ad una zona salvezza allo sprint finale.
    Naturalmente, visto il pregresso questo non basta ma prima di queste 8 partite la media punti a partita era più bassa, poi faremo i conti alla fine e vedremo il da farsi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome