Mou e Tiago alla porta, a Trigoria regna l’incertezza

40
869

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Situazione particolare dentro Trigoria, con allenatore e general manager dell’area sportiva in scadenza di contratto, il cui futuro resta appeso a un filo. Josè Mourinho sarebbe disposto a parlare di rinnovo, ma aspetterà fino all’inizio del prossimo anno per avere un segnale da parte dei Friedkin. Segnale che per il momento non c’è stato. E lo stesso vale per Tiago Pinto.

La proprietà americana non può essere soddisfatta dei risultati ottenuti dal duo portoghese: l’impatto del mercato sia a livello sportivo che economico e gli obiettivi raggiunti sono e saranno il metro di giudizio per la famiglia texana.

Ma va da sé che il destino di allenatore e gm/ds siano cruciali anche per quello della squadra: c’è un mercato di gennaio da fare, seppur con risorse limitatissime, dei contratti di calciatori in scadenza (Spinazzola e Rui Patricio, non certo due figure di contorno) e una pianificazione che i grandi club iniziano già a stagione in corso.

Ma con un allenatore in bilico e un direttore sportivo che potrebbe salutare a fine stagione, chi prende le decisioni a Trigoria? L’aria di confusione e incertezza che c’è attorno a Trigoria emerge anche all’esterno, con il disorientamento delle controparti protagoniste delle dinamiche di mercato. Non oggi, né domani, ma il tempo stringe e qualche indicazione, se non risposte definitive, urgono per capire che Roma sarà dal 1 luglio 2024.

Fonte: Il Tempo

Articolo precedenteSmalling punta i piedi, no agli antidolorifici: Roma già a caccia del sostituto
Articolo successivoMourinho con Dybala, l’Arabia spoglia la Roma

40 Commenti

  1. Come già detto questa estate in caso di fallimento all’accesso Champions sarà l’ Armageddon. C’è solo da tifare e sperare che non accada.

    • Non si capisce perché improvvisamente l’accesso alla Champions sia diventato fondamentale per giudicare il livello della Roma, quando invece mi avete insultato pesantemente per la coppa dei settimi perché “i Friedkin fanno i fatti”; esistono club che navigano dignitosamente tra il 5° ed il 7° posto senza fare tragedie e noi lo siamo stati per anni.
      Quasi tutti i tifosi inoltre denigrano Pallotta perché ha vinto il bonsai sottovalutando il lavoro enorme che precede un posto tra le prime 4, ma voi pensate di andare in Champions e poi mettere in bacheca la Coppa con le orecchie grandi?
      Allora datevi una regolata, piazzamenti Champions o Conference in bacheca?

    • @Romano, Non si tratta di essere impopolare perché ritengo che ognuno di noi deve essere libero di esprimere il proprio pensiero. Si chiama democrazia. Detto ciò, visto che non è ancora terminato il girone di andata e ci sono ancora 23 partite di campionato che portano 84 punti e una Europa L. tutta da giocare in positivo, dobbiamo concentrare l’attenzione al fatto che la Roma in due anni ha giocato la bellezza di 110 partite e ha vinto una Coppa Europea e un altra l’ha persa ai rigori. L’anno scorso, al girone di ritorno di campionato ha fatto la scelta di puntare a vincere l’Europa League che oltre la Coppa gli consentiva il passaggio diretto alla Champions. Se succedeva, noi eravamo tutti in festa e dall’altra parte della sponda tutti in lutto. Il grande problema è quello di parlare con il senno del poi e non vedere il bicchiere mezzo pieno ed essere onesti nel dire che in due anni e mezzo, Mou non ha giocato due partite su 121 con la sua formazione titolare e quest’anno che è il suo terzo anno che di solito conclude con un Trofeo, la Roma gioca senza i titolari dal calibro di Dybala, Renato S., Spinazzola, Pellegrini, Smalling, Abraham, Kumbulla e Llorente che è entrato dopo un lungo infortunio da due partite. Posso dire che la nostra attuale classifica riflette la squadra riserva che gioca come al solito con minimo di due Lupacchiotti Primavera e aggiungo facendo un ottima Europa L.?
      La Roma non si discute, si Ama per un atto puro di fede calcistica.

    • Secondo me ai Friedkin non ha mai interessato andare in Champions..
      Mantengono la Roma a galleggiare fra 5-7 posto in attesa dello stadio e di altri affari immobiliari in Italia per poi cederla a terzi.
      Mourinho, Dybala, Lukaku sono solo colpi ad effetto per portare la gente allo stadio .. trucchi pubblicitari .. ma non c’è nulla nel loro operato che facciano pensare ad un progetto serio di crescita della società (sia sul piano finanziario, sia sul piano sportivo).
      La politica de giocatori a fine carriera ha portato il nostro monte ingaggi a livelli assurdi considerando le loro performance condizionate dagli infortuni; quanto alle entrate da plusvalenze sono lontanissimi i fausti di Sabatini.
      Sul piano sportivo una squadra che sotto Pallotta era ordinariamente tra le prime 4 (certo prendevamo belli schiaffi in Europa) ora è ordinariamente tra Europa League e Conference (però che soddisfazione le cavalcate trionfanti in Conference.. vuoi mettere con Roma-Barcellona.. meglio 10 conference vinte che giocare per 10 anni la Champions..).
      Vi sfido a trovare una dichiarazione ufficiale dei Friedkin in cui hanno promesso lo scudetto o la Champions.. NON L’HANNO MAI FATTO.. ed in questi sono stati più furbi di Pallotta (il menzognero).
      Quando i tifosi lo capiranno (e reagiranno) forse qualcosa cambierà fino ad allora (con il sold out) datemi una ragione per cui i Friedkin dovrebbero abbandonare tale progetto..

    • @franco la qualificazione Champions si può guadagnare in due modi ed è vitale più per l’ appeal della società che per i conti: senza Mou e fuori dal calcio che conta sarà dura convincere giocatori affermati a sposare la causa.

    • Lup Man, ma questi “giocatori affermati” quali sarebbero poi?
      Dybala? Ad agosto stava senza una squadra (e forse in parte abbiamo capito perché) e c’era un mondiale alle porte. Lo stesso Pinto ha confessato che era stato già contattato a gennaio ma che allora “non c’erano le condizioni”. E Mourinho era già qui!
      Lukaku? Idem, senza squadra con la stagione già avviata. Per motivi suoi non si sentiva ancora pronto ad andare tra dune e cammelli ed è arrivato qui (in prestito, eh?).
      Lui stesso ha ringraziato Nainggolan per avergli dato il contatto della Roma. Quello di Mourinho credo lo avesse da un pezzo e Mourinho il suo.
      Poi? Il “signor Matic”? Parliamo di un 34enne all’epoca, non aveva richieste da top club.
      E se ne è andato tranquillamente addirittura al Rennes dopo un anno, con Mourinho che invece stava ancora qui e c’è pure rimasto di sasso.
      Mikhitaryan è arrivato qui con Fonseca e se ne è andato che ci stava Mourinho, dopo avere vinto una coppa tra l’altro.
      Svegliatevi, voi credete ancora alla Befana in veste di giocatore e relativo procuratore che fondano le loro scelte in base all’allenatore.
      Se è un fattore, lo è nella percentuale del 5%, non di più.
      Dzeko mica si è schifato di venire a lavorare con Garcia, ed è un altro che ha lasciato Mourinho per Simone Inzaghi!
      Quando vedrò qui Mbappé, a un ventesimo dello stipendio, che mi dice che è venuto per Mourinho, allora crederò anche io alla Befana.

    • franco 65 ancora fai il nome di chi ha preso monchi e venduto per fare cassa i pezzi migliori. oltretutto ha lasciato un buco nero. ma anche basta

    • @ur, però se io metto E congiunzione e tu basi il tuo post solo sulla risposta alla prima condizione elencata…
      comunque sono d’accordo con alcuni dei tuoi spunti.
      P.S. ti garantisco che io sono ben sveglio.e che mi piacerebbe dormire di più, anzi.

    • Quello che in realta’ non capisco e’ come non sia ancora chiaro a tutti che con queste regole per la crescita di una squadra conta solo una cosa : incassare soldi qualificandosi per la Champion. Con i soldi fai mercato , con i soldi mantieni il livello tecnico
      E dal prossimo anno ancora di piu’
      Questa e’ oramai la direzione presa dal calcio europeo
      Sotto certi versi il supercampionato europeo alla Roma poteva far piu’ comodo della situazione attuale
      Quindi tentare di vincere la Uefa league aumentando le possibilita’ riposando in campionato puo’ anche essere una scelta
      dobbiamo scegliere tra
      Un posto in campionato contro napoli Atalanta fiorentina lazio
      un posto in UEFA contro xxxxxxxx
      Siamo al bivio
      Non qualificarci per il quarto anno alla Champion sarebbe un disastro economico immane
      Ed un aumento del gap tecnico con le migliori
      A quel punto si dovrebbe violare il FP e patteggiare un esclusione dall’Europa a tempo

    • Ah ah…ok, Lup man, accetto la precisazione, anche se per me era sufficiente solo la seconda.
      Stare fuori dal giro che conta è un problema grosso, al quale puoi ovviare solo offrendo sostanzialmente di più ai giocatori che in quel caso ci passano volentieri sopra.
      Però non mi sembra ci sia la possibilità o la voglia di farlo, anche infrangendo le regole del FFP e accettando di stare fuori dall’Europa per un anno.
      Quindi ecco qui che rimanere fuori dalla Champions per l’ennesima stagione sarebbe esiziale.
      Anche per questo contesto la strana mentalità che si è creata in molti qui dentro secondo la quale è meglio partecipare alla Conference o alla EL, con possibilità di arrivare in fondo, piuttosto che in Champions e magari fermarsi ai gironi o agli ottavi.
      Chissà perché invece l’80% dei club che partecipano alla Champions senza possibilità di vincerla sono invece ben felici di andarci.
      Al Siviglia non sono bastate 7 EL vinte per spiccare il volo e diventare un top club.

  2. Come al solito sarò impopolare ma se con questi giocatori in 3 anni non sei riuscito a raggiungere il quarto posto, non dico lottare per lo scudetto, ma il quarto posto. Se non lo hai raggiunto perché sei riuscito a perdere con squadre già praticamente retrocesse, se non sei riuscito a parare il colpo di situazioni obiettivamente avverse, se hai attirato addosso a te e a tutta la Roma lo schifo di arbitri e lega e Uefa, se ci si addormenta quando gioca la Roma, perché devo temere e non auspicare l’arrivederci a Giugno 2024 ?

    • Ecco, siamo d’accordissimo.
      Siamo sopravvissuti senza giocatori di gran lunga più bravi o più sani degli attuali,
      senza criticare nessuno per carità,
      ma nel caso ripartiremo come sempre con altri.
      Per me gli unici fuoriclasse sono Lukaku, che però non è nostro,
      e Dybala, che però ti garantisce mezzo campionato.
      Per il resto, tutti rimpiazzabili.

    • Ma quali sarebbero sti giocatori che secondo te in questi 3 anni ti avrebbero dovuto dare la sicurezza del 4 posto ?

    • Per l’anno prossimo io mi auguro che arrivino: Thiago Motta e Massara con Totti. Via Dybala e tutti quelli che non si reggono sulle gambe, e fanno le belle statuine!! Mi è cascata la catena…Con la Roma che aveva perso a Milano, altri facevano dichiarazioni di matrimonio. Quell’altro non vuole prendere gli anti-Infiammatori, altri che non giocano per paura di infortunarsi. Pinto ha preso giocatori marci, che più di questo non possono dare!!
      Forza Magica Roma !!

    • Se vuoi scegliere, devi farlo ora che ancora c’è spazio di manovra, altrimenti all’ultimo momento trovi quello che passa il convento (leggasi scaltri degli altri). Pur odiando il calcio di Mou da sempre, ammetto che mi sarebbe piaciuto vederlo all’opera con accanto un DS capace di seguire le sue necessità, mentre così troppo spesso l’impressione che ho avuto è che ognuno andasse per conto proprio. Se devo farne fuori uno solo, ovvio che mi tengo Mou, quantomeno per carisma e blasone, ma se guardo ai risultati degli ultimi 4 anni, complessivamente, al netto della Conference, sarei per un repulisti totale tra rosa e dirigenti, perchè il gigante dorme più profondamente che mai. Prenderei spunto dai settori giovanili e femminile, e reimposterei completamente la prima squadra e chi gli ruota intorno

  3. Avete per caso letto cosa è successo nella NFL questa settimana? Andate a vedere cosa ha combinato la proprietà dei Las Vegas Raiders… Se le cose non vanno si canbia tutto e subito!! Perciò se i due arrivano a Luglio sarà per grazia ricevuta.

  4. I Friedkin non parlano mai e pertanto quello che scrivono i giornalisti sono solo fantasie. Sicuramente la proprietà americana ha già pianificato il futuro.

  5. Io auspico un cambio radicale . Cambio allenatore e DS, in piu’ uno snellimento della rosa(Pellegrini-Smalling- Spina- Cristensen-Rui – Sanchez ecc.. )sostituendoli con giovani sani e affamati che arano il campo. Penso che i Friedkin ormai gia’ hanno capito dove mettere mano, speriamo bene.

  6. sono d’ accordo ma io avrei mandato a casa già il Ds e preso un italiano esperto di talenti Corvino Sartori per esempio. Un futuro senza Mourinho ci può stare ma deve arrivare un vincente! se arrivasse Motta allora più della metà della rosa deve andare via ricordiamo con Fonseca i senatori che figura facevano. I soldi vanno spesi bene e presa gente con la fame e di talento

  7. Visti i risultati dei due portoghesi se vanno via non mi strapperei i capelli! Una Roma che ha sempre 4-5-6 titolari infortunati per problemi muscolari, c’è da chiedersi come mai e a parte i “rottami” a parametro zero che Pinto prende a iosa, qui c’è lo staff di Mou che NON funziona!
    Inoltre, dove stà un bel gioco?? A parte una coppetta di 3a categoria non abbiamo MAI centrato neanche la zona Champion: qualcosa può voler dire no??

    • Riccardo, non è proprio come dici tu, l’altro giorno ho sentito proprio Mario Somma in una trasmissione che parlava degli infortuni dei giocatori della Roma e alla domanda se questi fossero frutto della preparazione o del lavoro dello staff di Muo. la sua risposta è stata categorica….. se ci fosse un problema del genere avresti su tutti i giocatori attualmente infortunati lo stesso medesimo tipo di infortunio…. invece gli infortuni sono diversi per ogni giocatore , quindi questo è un fatto di struttura fisica e genetica….
      Mario Somma è un che di calcio ci capisce e non è a libro paga della società ne tanto meno amico di Muo , ma come professionista e allenatore ha le competenze per esprimere dei giudizi tecnici in merito…..e soprattutto non ha interesse a coprire qualcosa che non funzioni.
      Perciò dire che lo staff del Mister non funziona è un aberrazione della realtà, se poi vogliamo dire che ci sono calciatori nella Roma che hanno uno storico sugli infortuni importante che li portino alle recidive allora possiamo essere dello stesso parere, Spinazzola ad esempio si sa dai tempi della Juve cosi come Dybala , Pellegrini sta diventando un altro giocatore con una cronicità che prima non c’era, forse anche frutto di aver giocato tante volte non pienamente recuperato , e come puoi andare a vedere nella rosa attuale ci sono giocatori che c’erano anche pirma dell’arrivo di Muo e che si infortunavano anche prima, poi qualche settimana fa è stata postata da un un report sugli infortuni della Roma, beh è uscito che da quando c’è il portoghese rispetto ai tre anni precedenti sono calati del 45% che non mi sembra proprio un inerzia …. quindi sempre dati alla mano non possiamo parlare di uno staff non preparato e che è il responsabile dei traumi che capitano ai nostri giocatori.

      “Roma, troppi infortuni? Un dato smentisce tutto da quando c’è Mourinho
      Il lavoro di José, del suo staff e del club ha ridotto del 45% i ko dal 2021. E in questa stagione i giallorossi sono tra i migliori in Serie A: ecco i numeri
      Da quando c’è Mourinho, rispetto alle tre stagioni precedenti (due con Fonseca e una con Difra e Ranieri) la Roma ha ridotto del 45% gli infortuni.

      Se giri su internet trovi diversi articoli in merito.

      Poi se vogliamo discutere sul bel gioco ne possiamo parlare, ma tutti qui credo che quando è stato ingaggiato il Mister sapevamo che non avremmo visto il gioco di Guardiola o Spalletti….potevamo giudicare forse in maniera più critica se Muo avesse avuto veramente i giocatori che aveva chiesto fin dal primo anno”e avesse fatto lo stesso percorso che ha fatto fin qui” …. regista , esterni capaci nelle due fasi, difensore di piede mancino, che poi contrariamente a quanto tutti dicevano non avrebbe nemmeno chiesto chissà quali nomi inarrivabili , anche in virtù del fatto che sicuramente quando gli hanno parlato i Presidenti gli avranno illustrato un progetto, ma gli avranno anche detto che non avrebbe avuto la stessa disponibilità economica a cui era abituato in altre realtà, e che lui nelle prime interviste ha fatto comunque capire,… infatti non ha chiesto i Modric gli Halland e via dicendo, come regista ne voleva uno che costava 15 milioni e al quale siamo stati dietri per 3 mesi…… cosi come negli altri ruoli, voleva solo giocatori funzionali e che non fossero solo sconosciuti o pseudo promesse…..Alcuni di questi sono arrivati solo al 3° anno , regista e difensore… esterni lasciamo perdere, ma allo stesso tempo hai perso Miky e Matic.
      fai la formazione con la rosa attuale più Miky e Matic, e aggiungi due esterni veri che sanno fare il loro lavoro e dimmi se non avevi uno squadrone che se la giocava senza paura con tutti, mettici pure dentro Xhaka che voleva

  8. Un triennio è un periodo congruo per giudicare l’operato di un GM/DS e di un tecnico.
    Per quanto riguarda il primo mi sentirei di dire che il suo destino è già deciso.
    D’altronde, cosa si dovrebbe attendere, il mercato di gennaio per trarre conclusioni su di lui?
    Un destino che secondo me era già abbastanza segnato nel momento in cui alla Souloukou è stata attribuita anche la carica di GM del club.
    In quanto a Mourinho, anche per lui credo che le probabilità di permanenza si aggirino attorno al 10%, non di più. Non penso che i Friedkin possano offrirgli un rinnovo a scatola chiusa (e fanno bene) e probabilmente lui a gennaio si riterrà libero di accettare altre offerte, se già non l’ha fatto.
    Io personalmente non avrò rimpianti per nessuno dei due se così dovesse essere.

  9. D’accordissimo con Fra un buon ragioniere che tenga a posto i conti si può tranquillamente trovare, non era necessario pescarlo in Portogallo per fargli fare esperienza nel calcio a Roma, abbiamo visto cosa è stato capace di fare in neanche tre anni dallo sperperare circa 100 milioni per acquisti inutili, nel rinnovare ingaggi a cifre sontuose e nell’andare a rastrellare in giro, a scapito di lauti ingaggi e forti commissioni, giocatori invero mediocri o pieni di acciacchi comunque assolutamente non utili alla causa tipo Reynolds. Camara, Maitland nilssen,Kristensen, Solbakken, per non parlare di Aouar, Celik, Sanches; quello che manca è un DS esperto con conoscenze, un giro di collaboratori fidati e con voglia di fare come ricostruire o meglio costruire finalmente una rete seria di scouts, un tipo alla SABATINI per es. per il resto Pinto prima viene cacciato e meglio è per la AS Roma.

  10. Sono passati due anni e mezzo e non si vede un gioco di squadra, quando una squadra si basa sulla giocata e invenzione del singolo campione è chiaro che quando viene a mancare la situazione può solo peggiorare. Io credo che la ROMA abbia dei buoni giocatori, ricordiamoci che molti sono nazionali, ma per farli rendere devi farli giocare nei suoi ruoli. FORZA MAGICA.

    • PaoloV , oltre al gioco , quello che non posso accettare e’ che gli altri corrono al triplo della velocita’dei nostri , non si vedono tre passaggi consecutivi quando anche le piccole ci dominano sotto l’aspetto del palleggio e del gioco, credimi , e’ frustrante assistere a tutto questo.

  11. ma i Friedkin chi li mette alla porta? in 3 anni 2 volte 7° quest’anno chi lo sà ce l’avranno una colpa o so intoccabili?

    • Ciao , anche tu se vuoi.Basta portargli tra i 770 – 900 milioni di euro , ma sbrigati che c’è la fila!

  12. Ma Romano che ti devo dire i FRedkin per prendere la AS Roma si sono esposti finanziariamente molto ben sapendo come, purtroppo, ci sarebbero voluti anni per uscire dal disastro economico e tecnico lasciato da Pallotta. Hanno dovuto necessariamente fare delle scelte puntando principalmente su un allenatore dal sicuro, ineguagliabile fascino che ha subito appassionato ed esaltato una tifoseria ormai depressa e rassegnata e da qui Stadio SEMPRE PIENO e consenso praticamente illimitato fino all’apoteosi della vittoria in Conference, consenso che sarebbe stato ancor maggiore con la vittoria in Europa League, peraltro strameritata ma rubata, che gli avrebbe spalancato la porta della Champion e assicurato subito una sessantina di milioni. Devo contestare i Friedkin? e perchè mai, hanno sbagliato a puntare su Mou? può darsi ma manca la. controprova. Esenti totalmente da colpe? no purtroppo ma comunque ne strasalvo la buonafede. Almeno il primo anno di gestione non è stato ottimale e sui bilanci e sul S.A. ha influito ma soprattutto l’errore più grande: affidarsi come GM e DS insieme a Tiago PInto, scelta purtroppo infelice e che stanno e stiamo pagando a caro prezzo. Non è banale dare gran parte delle colpe a Pinto ma l’incarico affidatogli era ed è di fondamentale importanza come fu sciagurata, dopo l’addio di Sabatini, la scelta di Monchi per Pallotta, Pallotta che per primo ho apertamente e aspramente contestato ma al quale ho sempre altresì riconosciuto che se da un lato si è venduto anche gli asciugamani di Trigoria dall’altro aveva anche dato la possibilità al sonatore de nacchere (presentatogli come il più grande Ds del Mondo) di investire circa 200 milioni sul mercato ovviamente strabuttati ma questa è un altra storia ma purtroppo assolutamente da ricollegarsi ai problemi attuali della AS Roma. Un saluto ma continuiamo a ringraziare,almenio secondo me, i Friedkin e pure Mou almeno per la rosa messagli a disposizione da Pinto.

    • @Romano 1 grandissimo fan Dan Frriedkin

      e’ un commento lucidissimo
      Quella di scegliere un allenatore come Mourinho e’ stata una scommessa che e’ stata ad un passo dall’essere vinta
      I 60 mln della Champion avrebbero probabilmente cambiato il nostro destino
      Purtroppo non e’ andata cosi

      Con Pinto hanno invece toppato di brutto
      I 100 mln gettati subito con Shomurodov , Vina , Abraham gridano ancora vendetta
      E cosi la perdita di Michi a cui Abraham deve buona parte dei gol segnati il primo anno
      Io non amo Mou , gli imputo buona parte del disastro attuale , non credo che con lui si costruisca il futuro, credo che potesse arrivare quarto nei due mediocri campionati passati
      ma so che purtroppo e’ stata l’esito terribile della finale dell’anno scorso a determinare i problemi attuali
      Che con i 60.000 della Champion uno o due mezzi campioni veri e sani sarebbero potuti arrivare quest’estate con un innesco di processo virtuoso
      Adesso spetta ai Friedkin di trovare una soluzione non facile
      Certo abbiamo visto che non ci si puo’ riempire di giocatori con una carriera troppo intensa alle spalle e quanto conti sui risultati l’esperienza di un DS
      .

    • @ronano 1
      sono quasi sempre daccordo con te, però questa volta non tanto, se a Pinto dai 1 milione per prendere un giocatore lui ti porta in prestito con diritto un calciatore rotto ( Renato Sanches Azmoun) se gli dai 2,5 ti porta uno scarto che fa panchina da 2 anni ( Paredes).
      Pinto al Benefica prendeva a poco e vendeva a tanto, qui manco poco gli danno.
      poi è vero che ha comprato ³3 pippe sicure ( Shomùrodov, Vina, Celik)
      un saluto

    • Ho capito Romano e romanista ma se non hai una breccola in tasca cosa vai a perdere mesi appresso ai vari Frattesi e Scamacca per poi ripiegare su Zapata e quindi all’ultimo giorno di mercato in Brasile a pateticamente provare a prendere Leonardo, prima no eh???? quindi costringendo i Ffriedkin e tutto lo staff romanista a partire in fretta e furia per LOndra, investire a fondo perso quasi 20 milioni e salvare la faccia con Leonardo Lukaku perchè Pinto giusto Azmoun era riuscito a prendere per risolvere il problema centravanti. E poi anche i parametri zero o i prestiti gratuiti bisogna saperli individuare e non buttarsi su Kristensen per risolvere i problemi delle fasce così come lo scorso anno con So0bakken per sostituire Zaniolo, Llorente pieno di acciacchi per Ibanez e ora Smalling per omettere i Maitland Nilssen o i Camara. Su via lascia perdere Pinto non ne vale la pena e non è colpa dei Friedkin per i soldi che ha buttato e per non essere riuscito a valorizzare anche al minimo uno dei suoi mirabolanti acquisti..

  13. Risollevarci non sarà facile perché questa società non ha gli anticorpi per riconoscere e risolvere i suoi problemi.
    Quando leggo frasi tipo “i Friedkin sanno cosa fare”, capisco che ci sono grossi problemi anche nella capacità di analisi dei tifosi. Come si può pretendere che degli imprenditori capaci ed esperti in altri settori possano diventare in breve tempo profondi conoscitori di come si amministra una società di calcio?
    Anche Pallotta non ci capiva una mazza ma ebbe la fortuna e la bravura di essere affiancato da due dirigenti top come Baldini e Sabatini
    Se i Friedkin mandano via Pinto chi sceglierà il suo sostituto?
    – Loro che non hanno competenza alcuna?
    – La Souloukou che al massimo conosce il campionato greco e i dirigenti dell’Olimpiakos? Ci porterà forse Modesto?
    – Oppure nuovamente la Retexo di Charles Gould con i suoi infallibili algoritmi?
    La prima cosa da fare sarebbe portare in società dirigenti di lungo corso (possibilmente italiani) e con curriculum importante e a loro delegare la costruzione di una struttura sportiva all’altezza.
    Una struttura che possa essere la base di partenza per una società solida con programmi a lungo termine (tipo Under 23?) che non dipenda dalle fortune del solito DS factotum di turno.
    Ma si ritorna al solito problema.
    Questi fantomatici dirigenti chi li conosce e chi li saprebbe scegliere?
    Ma poi siamo proprio sicuri che i Friedkin vogliano questo?
    O piuttosto una società snella, minimalista, senza grande impegno, facilmente controllabile e che possa all’occorrenza consentire rapide uscite di scena?

    • Non sarei così pessimista. Anche i dirigenti “top” che tu nomini almeno nel primo biennio hanno preso numerose “toppe” che ci sono costate sesti e settimi posti, la goppanfaccia, tre allenatori, e soprattutto le graziose attenzioni della Uefa con un SA che ci ha tenuti sotto schiaffo per un lustro.
      Non troppo diversamente da quello che è successo nell’ultimo triennio, nel quale però occorre ricordare che almeno un trofeo lo abbiamo portato a casa, seppure certamente non il più prestigioso.
      Non sottovaluterei a priori la capacità di apprendimento dei Friedkin dai propri errori.
      Se arrivati a novembre ci troviamo con un GM e un tecnico in scadenza di contratto senza avvisaglie di possibile rinnovo vuol dire che ovviamente stanno almeno meditando seriamente sul loro operato.
      Tre anni sono sufficienti per capire il nuovo mondo in cui stanno operando. Sono sicuramente persone intelligenti e capaci.
      Penso che la prossima stagione dirà parecchio sulle loro intenzioni e capacità progettuali.
      Di certo non ci saranno più le attenuanti che sono state giustamente concesse fin qui.

  14. La PRIMA mossa della Roma 2024-2025 (anche se è presto per dirlo) per me dovrebbe essere un cambio di ds/dg che ovviamente non puoi fare al prossimo giugno ma dovresti fare a marzo se vedi che le cose quest’anno vanno male. Ci vuole una persona competente che sappia fare mercato e conosca il calcio davvero. Una persona che sicuramente non è Tiago Pinto. Fatto questo e verificata la questione Mourinho che mi pare più orientata per il saluto che per la conferma devi scegliere, nel caso, un nuovo allenatore e spero che lo si scelga con un certo criterio, non a casaccio. Nominato il nuovo ds/dg e insediato il nuovo allenatore a questo punto, anche in base ai soldi che hai raggranellato nella stagione conclusa e agli obiettivi raggiunti, deve iniziare il REPULISTI e cioè devi mettere alla porta più di metà squadra. Molti li perdi comunque perché sono prestiti e il resto devi fare tutto nuovo. Friedkin è in grado di fare ciò? Se non è in grado continui a giocare a monopoli con gli alberghi Parco Della Vittoria e Viale die Giardini e lasci perdere la Roma…

  15. ovviamente è già tutto deciso; parliamo di una società con qualche centinaio di milioni di fatturato.
    davvero credete che gli imprenditori e la CEO non abbiano già pianificato tutto?

    o che dipenderà dai prossimi due mesi?

    sono aziende, con bilanci importanti e di proprietà USA, il che vuole dire che non mettono emozioni ma guardano solo alla profittabilità aziendale.

    la Roma ha già scelto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome