Mou mette le ali alla Roma: chiesti Guedes, Mavididi e Kostic

38
1535

AS ROMA NEWS – La difesa a tre gli piace poco. Mourinho, scrive l’edizione odierna de Il Messaggero (S. Carina) lo ha detto apertamente a più riprese e nella rivoluzione che ha in mente c’è di tornare a difendere a quattro.

E se per farlo, dietro serve un difensore che sappia far partire l’azione, oltre all’agognato regista serviranno nuovamente le ali. Ma ali diverse da quelle attuali. Calciatori che da un lato sappiano esaltare le caratteristiche di Abraham e dall’altro affiancare l’inglese a livello di marcature.

Ecco perchè Mou ha fatto a Tiago Pinto tre nomi:  Kostic (Eintracht), Guedes (Valencia) e Mavididi (Montpellier). Un mancino e due destri con caratteristiche diverse che amano comunque partire da sinistra, non disdegnando comunque la fascia opposta.

Il serbo è quello dei tre che segna meno. Non pochissimo (47 reti in 8 stagioni in Bundesliga, comprese le coppe) ma porterebbe comunque in dote la bellezza di 63 assist dell’esperienza tedesca tra Stoccarda, Amburgo e Eintracht. La concorrenza è fortissima: il 29enne fa gola soprattutto in Italia.

Oltre alla Roma, piace molto all’Inter e alla Lazio. Paradossalmente, però, è il più semplice da prendere. È in scadenza a giugno, è assistito da un agente che ha ottimi rapporti con la Roma (Lucci) e con il Decreto Crescita si potrebbe andare incontro anche agevolmente alle richieste del serbo (3 milioni).

Profilo diverso, invece, è quello di Mavididi. Si tratta di un classe 98, cresciuto nell’Academy dell’Arsenal, con passato anche nell’U23 della Juventus. Dopo una stagione anonima al Dijon (5 gol) è esploso nel Montpellier. Nove reti nel primo anno, già 8 in questa stagione in Ligue 1. Gli scout giallorossi lo hanno visionato diverse volte ed è uno di quei profili per il quale all’improvviso potrebbe esserci un’accelerazione.

Discorso a parte merita Guedes. Insieme al centrocampista Renato Sanches, è uno dei pallini di Pinto. Calciatore che con il Valencia ha segnato 13 reti in stagione (11 in Liga). Voleva andare via già in estate ma le offerte arrivate non sfioravano nemmeno i 30 milioni richiesti. Ora il discorso è diverso. Ad un anno dalla fine del contratto (2023), non volendo rinnovare, sarà ceduto. A gennaio è stato avvistato in città, ufficialmente in vacanza. La Roma può contare sul canale preferenziale legato a Mendes e sull’attrattiva che può avere per un portoghese, essere allenato da un totem come Mourinho.

Fonte: Il Messaggero

Articolo precedenteSvilar e Felix: la Roma è già nel futuro
Articolo successivo“ON AIR!” – FALLICA: “Occhio alle penalizzazioni, facciamo più punti possibili”, DI GIOVAMBATTISTA: “Svilar? Mi dicono sia un prodigio”, CATALANI: “Una grande squadra tiene Cristante e Veretout per la panchina”

38 Commenti

    • Anch’io penso che Mou si farà sentire quest’anno. Il centrocampo è fondamentale, alla peggio puoi arrabbattarti con la difesa che abbiamo, ma la palla deve girare e credo che in Estate Pinto sistemerà il problema in modo soddisfacente. Sarei molto sorpreso che accada come l’anno scorso, inoltre credo che il “colpo alla Tammy”, cioè i 40 milioni, verranno investiti lì.

    • Lupo, Madivivi quando parte mi sembra Tino Asprilla, Kostic è un grande professionista e molto meticoloso sulla preparazione fisico atletica, abbiamo bisogno di chi fa la partita, non, di chi la guarda, Guedes è forte, ma con i soldi per lui, prendi il francese e il tedesco…

    • Eh, ma questo c’ha “Nove reti nel primo anno, già 8 in questa stagione in Ligue 1”!!

      Direi un bomber inarrivabile…
      è più meno quello che segna Mbappè in una settimana in Ligue 1.

  1. Tutti ottimi profili. Spero che la Roma rispetto agli anni passati si muova in tempo e che per giugno debba solamente chiudere queste operazioni. Se perdiamo due mesi come lo scorso anno (xhaka) poi è dura costruire una Roma forte e che sia un attimo già pronta per quando arriveranno i primi impegni.

    • Non va dimenticato che la prossima stagione inizia infatti presto per quella competizione da cui l’Italia si guarda bene dal fare…🤬
      Sarà quindi FONDAMENTALE muoversi per tempo!!!
      E di questo sono convinto la società ne terrà conto.
      Pinto finora ha mostrato “tempi d’azione” rapidi.
      Che continui così.
      Mi raccomando solo una cosa: QUALITÀ & SOSTANZA!!!
      FORZA ROMA

    • 433 schema dei perdenti, senza interpreti alla Salah o alla Messi pe fa il tik tok te ne esci subito da tutte le competizioni, guarda Italia Macedonia…

    • Fammi capire…avresti preteso di giocare in ripartenza contro la Macedonia? Perché quelli te lo avrebbero concesso, giusto?
      Stai in fissa co sti moduli e il tik tok, come se ci fosse un solo modo per giocare a calcio.
      Il “tik tok”, se vogliamo, l’ha inventato il Barone nel 74, non aveva né Salah né Messi, ma solo una squadra modesta, eppure arrivò terzo. Con una squadra molto più forte vinse lo scudetto.
      Mourinho, col suo gioco verticale, per il momento, non sta facendo meglio di chi l’ha preceduto.
      Forse sarà altrove il problema?

  2. Onestamente, ammesso che sia vero, non conoscendoli abbastanza . dovendone scegliere due ,uno forse sarebbe Guedes. ma l’altro non saprei proprio. Kostic mi sembra uno tutto-fascia che vede poco la porta,tutto qui. Lascio la sentenza a che segue il calcio estero più dime.

  3. Guendes scadenza 2023
    Soler scadenza 2023
    Douglas luiz scadenza 2023
    Renato Sanches scadenza 2023

    Si potrebbe prendere questi 4 giocatori in saldo e aprire un ciclo vincente

    • Ti accontenti di poco….. Poi oh magari. Mettici pure martinez dell’ajax e il ciclo me viene a me.

  4. “…. Mou ha fatto a Tiago 3 nomi”…
    Mou la prossima volta Tiago portalo in bagno, apri i rubinetti dell’acqua, tira lo sciacquone, accendi lo stereo, infila i cellulari nel microonde, metti la mano davanti alla bocca e solo allora bisbiglia i nomi all’orecchio di Pinto, perché ricorda: Carina è in ascolto!

  5. Basta con questi mezzi giocatori, qua se si vuole vincere qualcosa ci vuole l’inserimento di 4 giocatori di livello medio-alto.
    ALA – MEDIANO – DIFENSORE SX – TERZINO
    In Argentina si parla tanto di DI MARIA a Roma. Bhe un giocatore di quel livello (che si svincola) in serie A cambierebbe gli equilibri di qualsiasi squadra. Non importa che vuole soldi ma il gioco varrebbe la candela. Discorso simile x XHAKA. Sicuramente non è semplice trattare con l’Arsenal ma di centrocampisti come lui in Serie A non ne vedo tanti.
    Per la difesa SARR del Chealse mi piace tanto ma anche SENESI sarebbe un buon colpo.
    Come terzino adoro DALOT ma non è un obiettivo semplice.

  6. Per la prossima stagione sono molto fiducioso; il 3-0 alla lazie a stadio pieno di fronte ai Friedkin rappresenta una pietra miliare. Forza Roma!

  7. Io penso che Guedes sia un’affare già definito. Lui ha fatto vedere tramite ai social che a Roma c’è stato ed è passato a fare il turista dopo aver avuto un incontro con la dirigenza nostra. Come per Oliveira che si era tentato di prenderlo a fine mercato estivo, stessa cosa con Guedes, penso un tentativo negli ultimi giorni di mercato sia stato fatto per Guedes ma non essendoci i tempi per chiudere una trattativa con il Valencia per definire un trasferimento su cui secondo me, un principio d’accordo c’è ma vanno definiti tutti i dettagli, si sia già trovato la quadra per il contratto di Guedes ed un suo assenso. Che lui arrivi a fare il turista a Roma come riportato dal suo account Instagram, proprio negli ultimi giorni del mercato invernale, mi sa di conferma che qualcosa su di lui bolle in pentola.

  8. Ma perché non si guarda mai al campionato italiano.
    Per esempio non viene in mente che Simeone con Abraham si potrebbe abbinare alla perfezione

    • Se i calciatori vengono dall’estero c’è il famoso decreto crescita che riduce i costi. Ecco perchè tutti puntano all’estero.

    • Luigi romanista avrai ragione anche tu ma io vedo che Simeone ha fatto Fiorentina, Cagliari, Verona, non capire che uno così potrebbe essere anche da grande squadra bisogna avere la cataratta proprio matura

  9. Da un po di tempo non seguo piu’ con attenzione il calcio in generale e vedo solo la Roma, di una cosa pero’ sono certo, le spcificita’ psicofisiche individuali dei calciatori sono alla base della scelta che fara’ un’allenatore o direttore tecnico, il direttore sportivo deve coniugare l’idea di calcio del suo allenatore con le caratteristiche individuali dei soggetti calciatori, con questo voglio semplicemente dire che la Roma non puo’ piu’ concedersi errori o margini d’inadeguatezza, Mourinho e Pinto si giocsno tutto nella stagione 2022-2023, personalmente penso che a luci spente la Roma sta’ preparando una strategia importante, mi fido di Mourinho e Pinto ed auguro loro buon lavoro, per tutti l’artri
    SEMPRE E SOLO FORZA ROMA REGA’ !!!💛❤

  10. In conference sto vedendo un giocatore che in attacco sa fare di tutto in qualsiasi ruolo, parlo di Gakpo, si vede che ha tocchi da grande giocatore nonostante sia giovane. Su di lui farei un investimento.
    Forza Roma 💛❤️

    • Ha una botta dalla distanza niente male. Alcuni spagnoli credono che dopo l’addio di Messi è il migliore tiratore della loro competizione

  11. Guedes è un buon calciatore, ma rendiamoci conto che questa è stata la sua migliore stagione. Finora aveva fatto poco sia al Paris san Germain che nelle precedenti stagioni a Valencia.
    Io punterei su calciatori che abbiano almeno fatto 2 stagioni positive, la Roma in passato ha preso troppi calciatori reduci da exploit che poi, arrivati da noi, sono tornati nel loro anonimato.

  12. Un attacco con abraham guedes Pellegrini zaniolo e tanta roba in più in panchina hai gente del calibro di elsha e miki e giovani come zalewski volpato/milanese

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome