Mou nello spogliatoio della Primavera all’intervallo. Il discorso alla squadra: “Così vinciamo noi”

25
4170

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Retroscena gustoso quello svelato dall’edizione odierna del Corriere dello Sport, che ha raccontato come Josè Mourinho ieri, nel corso dell’intervallo di Roma-Fiorentina Primavera sia entrato nello spogliatoio dei ragazzi per caricarli mentre la squadra era sotto di un gol.

Lo Special One, in accordo con l’allenatore Guidi che ieri era squalificato, ha deciso di parlare ai ragazzi dopo un primo tempo deludente e sotto di una rete: Vorrei vedere più intensità e ritmo, siate più aggressivi perché la difesa della Fiorentina è debole e potete superarla. Sarà un secondo tempo diverso, credo nella vittoria, le parole proferite dal tecnico ai giovani calciatori giallorossi.

Parole che sono servite a sbloccare i giallorossi: nella ripresa la Roma è tornata in campo con un piglio diverso, e ha ribaltato la partita grazie ai gol di Pagano e Padula, per il 2 a 1 finale, con Mourinho che ha seguito il secondo tempo dietro la porta della squadra viola, applaudendo i ragazzi al momento delle reti.

A fine partita José è rimasto nell’area hospitality del Tre Fontane per complimentarsi con Guidi e commentare insieme a lui la prestazione. Poi un breve colloquio con capitan Faticanti e il saluto alla squadra prima di lasciare lo stadio. Mou instancabile e decisivo anche con la Primavera.

Fonte: Corriere dello Sport

Articolo precedenteRoma in fermento: se Mou lascia serve un sostituto. Il retroscena su Thiago Motta, le piste di Pinto e il sogno dei Friedkin
Articolo successivoMourinho-PSG, dalla Francia: “Negoziazioni in fase avanzata tra Campos e Mendes”

25 Commenti

  1. Come possiamo solo pensare di fare a meno di un uomo del genere…..

    Fosse per me… Gli darei carta bianca… Le chiavi de sta città……
    E un contratto a vita.

    • Hai ragione. Purtroppo molti tifosi guardano solo ai risultati immediati, non capiscono che rivoluzione interna e ambientale sta portando quest’uomo.
      Sta gettando basi solide per un futuro roseo di questa società, per competere a livelli alti anche quando lui andrà via.

    • ma lo sai qual’é la cosa? che dicono le ancora Ke mou se ne vole annà. ma uno Ke se Ve vole annà va dalla primavera e li carica cosí? avete mai visto un allenatore della prima squadra fare queste cose? non per osannarlo sia chiaro e nemmeno pe di “é mou é un grande uomo” ma propio oggettivamente regà Inzaghi pioli Spalletti Sarri Gasperini conte lo hanno mai fatto?

    • Certo che siete un pò de coccio scusate, ma non lo conoscete Mourinho? Ha un ego smisurato, ma non vi chiedete perchè ha fatto entrare Pisilli, Missori e Thairovic al 93′ sullo 0-2 ?
      Pensate che lo ha fatto per dargli la soddisfazione di una presenza in serie A contro l’Inter ?
      Beh, vi sbagliate di grosso, Lui li fa entrare per far vedere all’universo mondo quanto è scarsa la panchina della Roma niente di più, e le presenze ai campi della Primavera sono un ulteriore tassello a questi messaggi, “i giocatori mi mancano perche i Friedkin non me li comprano, quindi me li devo coltivare da solo nella Primavera”.
      Beati voi che siete così ingenui, ma davvero pensate che uno che ha allenato Real Madrid, Manchester, Chelsea, Tottenham, ha sposato il progetto Roma così profondamente che si danna a “gettare basi solide per un futuro roseo” ?

    • @franco65 a pensar male si fa peccato. A volte ci si piglia, a volte si fa solo peccato.

      Perché far entrare i giovanissimi agli ultimi minuti di una partita persa, (o vinta) vuol dire togliergli parte dell’ansia dell’esordio la prossima volta.

      Immagini per un ragazzo di 18 anni cosa significhi esordire dentro uno stadio come l’olimpico strapieno?
      che ti tremano le gambe.

      Beh, la prossima volta tremeranno di meno.

      A questo serve, farli entrare.
      Poi tu pensa pure che lo faccia per far vedere chi NON ha in panchina.

    • Il poro franco ha fatto tutto un percorso spirituale dentro di se per convincersi che la Roma ha una grande panchina.
      Che il problema è che Mourinho mette i ragazzini per dimostrare che la panchina non c’è.
      Mica che ha solo i ragazzini e la panchina non c’è.
      Però ditegli di si che è pericoloso, un pò tipo svegliare i sonnambuli.
      Ma taa ricordi Roma-Barca, fra? Bei tempi eh….

    • Certo! Per lui contratto a vita mentre la Società, per far quadrare il bilancio, faccia come De Laurentis a Napoli. Per il resto strada libera e larga per Josè Mourinho…!

    • E scritto Carlo.. Mou e entrato nello spogliatoio con il permesso di mister Guidi..

      E Mourinho su queste cose ha sempre portato rispetto..

      In oltre.. Ma come si può sentire un ragazzo di 17 anni ad essere guidato da Mourinho?.. Ma seriamente immagini anche solo minimamente l’emozione?..

      Ognuno può avere il proprio parere.. Ma in quel momento ha davanti un allenatore che ha vinto tutto e ovunque.. L’allenatore della prima squadra, dove loro sognano di arrivare..

      Insomma cose come queste meritano un sorriso.. Senza cercare chiacchiere che sono veramente inutili..

      Forza Roma..

    • Mou, al di la’ della scena che fa per far stare tranquilla la squadra, e’ un uomo in gamba e intelligente. HA capito quanto conti il settore giovanile della Roma e vi si dedica. Gli da’ importanza.
      E’ un assett societario.
      Secondo me, Mou mira a diventare General Manager e potrebbe voler dire avere un allenatore e lui che dirige tutto il processo di miglioramento della squadra.
      Potrebbe voler dire che lo stadio si fara’ e che Mou possa dare il via ad un nuovo tipo di carriera.
      E farlo con la Roma.
      Magari.

  2. è vero che gli allenatori e i giocatori passano ma la Roma resta. però sinceramente almeno per il momento non riesco a immaginare una Roma senza mou. è vero che in campionato in due anni non ha fatto cose fantastiche, ma è anche vero che in Europa sta facendo cose egregie e soprattutto ha creato un alchimia con tifosi e squadra che qui da noi non si è mai vista

  3. Io credo che dovrebbero darsi una mossa un pò tutti per decidere cosa vogliono fare nella vita……. Stiamo a maggio inoltrato ed il futuro ,secondo me , avrebbe dovuto già essere stato programmato da almeno un paio di mesi. Soprattutto per l’allenatore. Un paio di anni fa è andata bene che hai trovato Mourinho ( non mi ricordo se a maggio o a giugno),ma,ammesso e non concesso che Mourinho vada via, siamo sicuri che ai Friedkin riuscirebbe di fare un altro “colpaccio”?

  4. Quando ha detto in conferenza “faccio tutto io…” rivolgendosi alla società, è vero.
    QUello che manca alla Roma da sempre è convinzione e sicurezza nei propri mezzi. Troppo spesso qui a Roma ci si lascia andare al “tanto a Roma funziona così”… manco pe gnente!

    I Friedkin non si devono abituare a questa mentalità da falliti o laziesi. Noi Siamo La Roma deve essere importante a tutti i livelli.

    La mia paura più grossa è che se se ne va Mou si ritorna al passato, con squadre che lottano per un piazzamento. Ma se lo si vuole tenere, allora gli si devono portare i giocatori!
    Quelli veri.

    • ahime l’illusione di massa è che noi stiamo lottando per qualcosa…

      Siamo ancora nel passato cari miei…

      Ancora lottiamo per un piazzamento, ma come successo con di francesco , ranieri e fonseca, siamo sempre fuori dalla champions.

      Da due anni incontriamo squadre alla nostra portata o inferiori (in coppa), quindi ci mancasse altro che fai la figura con la cremonese (in questi anni siamo usciti sempre male dalla coppa italia).

      Fonseca voleva perdere? di francesco?

      Tutti vogliono vincere, ma devi essere anche fortunato, cosa che mou è.

  5. I giornali vedono “ciò che è invisibile” e raccontano una storia tutta loro.
    La realtà è invece di cose BEN VISIBILI E RICONOSCIBILI e racconta LA VERA STORIA DI MOURINHO A ROMA!!!
    Ora sta a noi assecondare un racconto fantasioso o attenerci alla nostra realtà…
    Io seguo quello che vedo e conosco.
    FORZA ROMA

  6. Questi del corriere sono da ARRESTO…

    Se allargate l’immagine, chi si trova VICINO A MOURINHO?

    PINTO.

    Pinto da quando è a roma con mou, stanno SEMPRE insieme, sia quando c’è la primavera, sia con la prima squadra.

    La storia INVENTATA di un astio tra i due è folle.

    Vi ricordate il famoso articolo:”o va via pinto o vado via io?”, parole appioppate a mou?

    A me sembra di vedere il portaborse del sindaco che un dirigente…

    MOU E PINTO sono sulla stessa barca, ma anche nella stessa camera, il che vuol dire che ogni cosa, idem sul mercato, se passa da pinto, è confermata da mourinho, a parte vina e shomurodov che sono state, per CONFERMA DELLE PARTI, un intuizione sbagliata del direttore sportivo (lozano pagato 40mln da giuntoli lo scorso anno ricordo, ancora reclamano vendetta, per dire, o i 75 di vlahovic, ma nessuno parla degli 11 per un non giocatore di calcio ottenuti per felix).

    Concludo dicendo, che mou e pinto sono uniti in questa missione chiamata roma.

    Se arriva Aouar è perchè il tutto è concordato da entrambi e comincio a credere che mourinho RISPETTERA i tre anni di contratto.

  7. Ok ma ….. ‘na casa ‘ncel’ha?
    Cmq resto convinto che Lui non sa dare un gioco alle sue squadre, e per me questa è una mancanza notevole, ma non posso non pensare che certi giocatori siano qui solo per Lui e che se a Lui dai una squadra degna di tal nome è tra quelli che la porta a vincere.
    Ma come sempre: da ‘na rapa er sangue nun esce! Quindi, questi abbiamo e questi fa giocare. Certo, potrebbe migliorarne qualcuno e non rientra tra le sue prerogative (lo ha fatto? Sicuri? Ditemi con chi!!!), ma tant’è….

  8. Caro Franco. Mou ha sposato il progetto (se ancora si può chiamare così) Roma perché percepisce 7 pippi all’anno. Dopo tre esoneri consecutivi non trovava nessuno che glieli offrisse.
    Il motivo per il quale va al Tre Fontane a vedere la Primavera e ad interagire in modo profondo con i ragazzi è per creare consenso sulla sua persona e figura a Roma in modo tale che quando se ne andrà avrà impresso nelle menti delle persone anche questo suo attaccamento alla Roma Primavera. Questa è probabilmente una chiave di lettura molto triste ed ingenerosa ma in queste situazioni di (probabili) frizioni con la Società e parte dell’ambiente va considerato tutto. Ma proprio tutto.

  9. Questa è una bella cosa ed i ragazzi hanno ribaltato il risultato ascoltando semplicemente un consiglio dato da uno dei più grandi e carismatici Mister della storia del calcio.
    The Special One !!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome