Mourinho cala il tris. Dybala, Ndicka e Pagano: la Roma ci crede

41
2097

NOTIZIE AS ROMA – La fantasia di Dybala, l’atletismo di Ndicka e la voglia di arrivare di Pagano. Il quarto ritiro della Roma in Portogallo inizia proprio così, scrive l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, con i tratti distintivi di una squadra che sta cercando sempre di più di trovare l’amalgama giusto per inseguire finalmente un posto in Champions League. Cosa che manca oramai dal 2018/19.

Dybala è in una forma smagliante e forse non è neanche un caso. L’argentino, infatti, ha lavorato anche prima del ritiro per farsi trovare al top in questo avvio della sua seconda stagione romanista, ma soprattutto ha potuto finalmente fare la preparazione dal via, cosa che non gli succedeva oramai da due stagioni: nel 2021/22 si infortunò proprio durante la pre-season con la Juventus, lo scorso anno iniziò in ritardo, sbarcando in Algarve solo il 18 luglio e unendosi ai compagni tre giorni dopo.

Ieri è stato subito il più ricercato all’arrivo della squadra a Faro, in aeroporto, firmando anche una maglia della Juventus ad un ragazzo argentino che gli si è avvicinato in modo quasi timido. Dybala ha sorriso e non ci ha pensato su, dopo essersi dedicato anche a foto e autografi con circa una ventina di tifosi. Lui è la stella polare della Roma, nella prossima settimana Tiago Pinto dovrebbe incontrare gli agenti per mettere anche la firma sul nuovo contratto.

Ieri dalla Spagna sono rimbalzate addirittura voci su una possibile offerta della Real Sociedad, che Dybala ovviamente non ha preso neanche minimamente in considerazione. Resta però l’interesse della Premier e dell’Arabia Saudita.

Tra i più in forma in assoluto in questo primo scorcio di ritiro romanista si è dimostrato Evan Ndicka, il difensore centrale preso a parametro zero dall’Eintracht Francoforte. Schierato sul centrosinistra, la zona di sua massima efficacia, Ndicka è stato finora il migliore in quasi tutti i test fisici svolti dal gruppo, da quelli sulla resistenza fino a quelli sulla forza pura.

Anche dopo la partita contro il Latina, quando parte della squadra ha svolto una mezzora di lavori aerobici post-gara, il difensore ivoriano è sembrato avere fibre muscolari assai diverse da tutti gli altri giocatori. Con tanto di complimenti espressi ad alta voce dal preparatore atletico Stefano Rapetti. L’impressione è che con lui la difesa possa essere sicuramente più solida, ma anche più abituata ad andare alla lotta. Insomma, fisico ed atletismo ci sono, ma anche la giusta dose di cattiveria agonistica.

E poi c’è Riccardo Pagano, classe 2004, uno che lo scorso anno non si è quasi mai affacciato davvero in prima squadra, ma che in questo momento sembra il nome nuovo su cui vuole puntare Mourinho. Gestito dalla CT10 management, l’agenzia di Francesco Totti, è un trequartista molto tecnico e fantasioso, che può fare anche la mezzala. E che nelle prima due amichevoli giocate in questo avvio di stagione (a Trigoria contro Boreale e Latina) è andato a segno in entrambi le partite. Sarà un caso, o forse anche solo un piccolo indizio.

Sta di fatto che in questi primi 12 giorni di ritiro Mourinho lo ha apprezzato assai, dopo averlo visto spesso all’opera lo scorso anno con la maglia della Primavera (dove ha segnato 15 gol e piazzato anche ben 8 assist). Alla Roma da quando aveva 9 anni, chissà che non sia proprio lui il prossimo baby d’oro della cantera romanista. Mou ci crede, lui forse anche di più.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteRoma, Scamacca in arrivo
Articolo successivoEsuberi ai saluti: rimangono da piazzare solo Villar e Vina

41 Commenti

  1. Scamacca, Morata e Sanchez, e con Pagano e Pisilli alla Bove che avranno sempre più spazio, siamo pronti per ogni lotta. Se poi riuscissimo a prendere De Paul..speriamo

    • de Paul sarebbe il top ,il massimo . staremo a vedere .io sono fiducioso e alla fine del calciomercato sono sicuro che sarò soddisfatto.
      almeno lo spero.
      FORZA ROMA SEMPRE!!

    • Da Cristante a Pagano..🤣🤣🤣poi ditemi che nn sono tempi difficili..😁😁😁🍊🍊🍊🥂

    • Ciao Paolo, Faticanti è sul mercato perché non rientra nei piani di Mou. Su Pistilli hai ragione è un ragazzo a dir poco interessante.

    • Marco.. Perdonami..

      Ma che Faticanti non rientra nei piani di Mou.. Chi lo avrebbe detto?… Balzani?… La Repubblica???… In pratica giornalisti che sulla Roma non ne prendono una da anni..

      Io aspetterei prima di dare per reale qualcosa che raccontano giornali, che oltretutto non sono così affidabili..

      Oltretutto per la precisione dicono che.. E Faticanti ad aver chiesto la cessione… Come se il ragazzo pretendesse una maglia da titolare..

      A me per ora sembra una di quelle chiacchere d’estate.. Che guarda caso.. Non esce da Romano oppure da altri… Ma dal solito Balzani..

      Aspettiamo..

      Forza Roma. M

    • Marco S Faticanti ha detto esplicitamente che si voleva riposare dalle fatiche dell’europeo e ogni giocatore della nazionale ha la libertà di scegliere se fare le vacanze oppure no. Pisilli ha scelto di non fare le vacanze e Faticanti e Mastrantonio sì, ma non significa che stanno sul mercato.

  2. Sono tre chiavi di lettura, ma ce ne sono altre… io metterei anche Kristensen … 💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

    • Sarebbe sempre una plusvalenza da 8/10 mln…..e poi chi te lo dice che non sarà il ns prossimo capitano? Totti gli mise la fascia al braccio, il giorno del suo addio…. è un predestinato: alla Roma da quando aveva 9 anni …

    • @Ginko3 Era Almaviva non Pagano quello a cui Totti dette la fascia. Almaviva ha ancora 17 anni, era nella U17 che ha vinto il campionato e giocherà nella U18.

  3. bravi .. troppo disfattismo.
    la Roma è una squadra forte. sul campo per me ha vinto la seconda competizione europea.
    era già forte lo scorso anno. abbiamo tenuto tutti (perso il solo Tammy per infortunio… kumbulla era già poco più di una riserva lo scorso anno… Gini non è praticamente esistito).
    i nuovi mi sembrano tosti. siamo già sicuramente più forti
    eravamo pochi. oggi siamo di più.
    fiducia!!

  4. Io invece di puntare sui vari Renato Sanchez, Sabitzer e Kamada per il centrocampo farei crescere Pagano come alternativa di Bove (con quest’ultimo che sarà il titolare della prossima stagione) e mi concentrerei sull’attacco dove a livello numerico abbiamo il solo Belotti puntando su Scamacca e penso a vendere gli esuberi (Vina, Shomurodov, Villar, Reynolds e Karsdorp)

    • quindi un trequartista che lo scorso anno in primavera giocava anche seconda punta lo vorresti come alternativa a Bove che fa il mediano? Fortuna che abbiamo Mou in panchina…

    • Manuel noi giochiamo col 352 e non col 3421 o col 3412, lo sai questo? Noi al centrocampo giocheremo con uno tra Matic e Cristante al centro che si alternano e poi con due mezzali che possono esserlo Bove, Pellegrini e Aouar e Pagano può essere l’alternativa a Bove, non giochiamo più con due mediani pesanti come l’anno scorso, altrimenti sarebbero venuti i vari McTominay, Xhaka, Fofana e prima ancora Boubacar Kamara che evidentemente a Mourinho non servivano.. E Mourinho non lo schiera Pagano così tanto per..

  5. Peccato che ho disdetto Dazn dopo la partita con la Cremonese di Coppa Italia. Da quest anno ho invertito l onere della prova. Se a dicembre siamo campioni D’inverno lo riattivo.

    • Cioè, vedi la Roma solo se vince!?…come cambia il tifoso…io so’ più della Roma quanno perde….
      C’È SOLO L ASROMA 💛 ❤️!!!

    • Preferisco essere un tifoso di serie B. Diciamo che tengo più a me stesso che a ricchi mercenari del pallone. Diciamo che angustiarmi la Domenica mi rovinava la qualità della vita di contro a quella di personaggi che dopo una sconfitta erano già prenotati al ristorante glamour o alla discoteca Inn pronti a fare le 5 del mattino con la bella di turno. Sono scelte di vita. Rimango cmq felice quando la Roma vince una partita e figuriamoci un trofeo. Faccio numero, diciamo così…

    • Noir vuoi un segreto? I mercenari sono ovunque e il calcio moderno è questo. Vai a seguire altra roba se non il calcio, tipo i giochi acquatici di Fukuoka..

    • Mi sembrava di ricordare, ma è passato del tempo, che quelli che tifavano per i vincitori (vincere sempre, con qualsiasi mezzo, legittimo o illegittimo) erano tifosi della Juve. Tifa quelli, vai sul sicuro. FRS.

    • lasciate che la gente tifi come preferisce .. fa parte del concetto di democrazia .. ci vuole rispetto che senza di quello si scade nella barbarie ..

    • Ma anche i barbari hanno la loro importanza storica..hanno soppiantato la decadenza.. corsi e ricorsi storici.. adesso nuovi barbari bussano alle porte..li saprete riconoscere?🌵🌵🌵🦉

    • Non Scherziamo, io tutta la vita , se tornassi indietro farei il tifoso della Juve, Inter o Milan. Lucidamente farei il tifoso del Milan , la più bella squadra di tutti i tempi, parlo di quella di Sacchi ovviamente. Ormai sono un povero sfigato romanista , tifoso di serie B. Sempre pronto ad entusiasmarsi ma non do più credito.

  6. N’Dicka mi è sembrato subito una persona molto professionale, mi è piaciuto vederlo con lo smoking elegante alla sua prima intervista. Mi sembra una persona molto educata, speriamo bene.

  7. Avere rinforzi dalla Primavera è fondamentale in questo momento in cui la Roma non può fare follie sul mercato.
    Se davvero Mou riesce a trovare quei 2/3 giocatori capaci di dare un aiuto alla squadra in campo sarebbe un grande svolta, soprattutto perché a zero spesa.

    • Sono d’accordo, bisogna iniziare a valorizzare i nostri giovani, farli giocare il più possibile nelle partite abbordabili fin dall’inizio del campionato e non soltanto alla fine. Il nostro campionato è talmente scarso che anche con 2 innesti giovani a partita non rischi nulla. Alla fine del campionato tiri le somme e vedi chi merita di rimanere e chi no

  8. IMHO per una squadra sulla carta veramente competitiva mancano ancora delle pedine: siamo forti in difesa – se restiamo così – a centrocampo manca il famoso box to box dinamico, in attacco 1 o 2 centravanti e soprattutto non mi convincono le fasce, uno dei maggiori problemi degli ultimi anni.
    Spero vivamente nella cessione di Spinazzola e di almeno uno tra Celik e Karsdorp (se non entrambi) con il contestuale arrivo di due titolari, fisicamente affidabili, abili nel saltare l’uomo, provvisti del necessario cambio di passo.
    Tante partite ormai si decidono in quelle zone del campo e una possibile coppia titolare Kristensen/Spinazzola mi lascia diverse perplessità.

  9. Articolo scandaloso, questa è una buona squadra però gli mancano dei pezzi fondamentali. A quanto pare “l’anti-mourinhismo” della Gazzetta in estate non va in ferie. Se quest’anno non arriveremo a dama si dirà che la colpa è di Mou perchè la squadra era competitiva

  10. Avevo letto quarche dichiarazione de Pagano e subito me se so’ addrizzate l’antenne. Frasi freddine, che nun rispecchiavano n’vero tifoso da’ Roma. So ito a faje le radiografie. Difatti nun è n’lupacchiotto, ma pe fortuna manco n’latzialo de m€rda…

  11. Spazio ai giovani, bisogna rischiare per uscire da questa situazione di stallo. Vi ricordate la squadra gestita da Bruno Conti? Li si fece di necessità virtù. Si è rischiato, è vero, ma quanti nomi sono usciti fuori?

  12. Pagano ha molto talento, a mio parere è destinato a diventare un buon giocatore. Ovviamente è presto per dargli una dimensione o un altra. Però per ora sta rispettando i ritmi di crescita professionale di alto profilo. Purcinella o meno, mi attacco a lui per sperare di un giocatore proveniente dalla primavera che faccia la differenza. Qualcosa da sperare per uscire dalla mediocrità; poi “chi vive sperando disperato muore”. Oppure non muore mai. FR

  13. Pagano è un gran bel talento, con la primavera fenomenale così come Pisilli fenomenale anche nella nazionale U19 con gol strepitoso contro la Spagna.
    Non resta che aspettare e vedere se confermano il loro talento anche in prima squadra nelle partite ufficiali qualora riescono a trovare un pò di spazio.
    Daje !!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome