MOURINHO: “Con la Fiorentina sarà una partita difficile. Dalla giustizia sportiva mi aspetto giustizia. Il rinnovo? Ho incontrato la proprietà, ma non ne abbiamo parlato” (VIDEO)

17
911

AS ROMA NEWS – Josè Mourinho torna a parlare in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Fiorentina, gara di campionato che si disputerà domani sera, ore 20:45, allo Stadio Olimpico.

Queste le dichiarazioni del tecnico portoghese sulla sfida contro i viola, sulle condizioni dei suoi calciatori e sull’incontro con la procura federale sul caso Marcenaro:

A parte Smalling e Kumbulla, sono tutti recuperati?
Si una buona settimana, abbiamo lavorato bene, ad alta intensità, cosa che non possiamo fare con troppe partite. Smalling niente. Kumbulla è tornato ad allenarsi con noi, se tutto va bene potrebbe giocare qualche minuto con Napoli o a gennaio, sta lavorando bene. Era da tempo che non si lavorava con tutta la squadra.

Che partita si aspetta con la Fiorentina?
E’ una grande squadra, con tante qualità e una grande rosa. Si è visto anche col Parma, dove ha risparmiato tanti giocatori che giocheranno domani. Loro giocano per i nostri stessi obiettivi, si vede dalla loro posizione in classifica. Sarà una partita difficile.

Ha parlato con il procuratore federale, cosa si aspetta dalla giustizia sportiva?
Dalla giustizia sportiva mi aspetto giustizia. Il procuratore federale mi ha dato la possibilità di dirgli quello che potevo dire, ossia la verità. Non ho mai offeso l’arbitro o messo in dubbio la sua qualità. L’espressione era un’espressione normale, la uso anche per me stesso, è stata capita in un modo che non volevo. Dopo la partita ho detto che l’arbitro ha fatto un buon lavoro, non capisco il problema. Ed è questo che ho detto al procuratore federale.

Però hanno fatto discutere anche le sue parole su Berardi…
Quello è un problema del Sassuolo, anche di personalità. Io ero lì prima e dopo la partita. Perchè non mi hanno detto niente? Anzi, mi hanno fatto dei grandi sorrisi, e poi il giorno dopo si lamentano di me con la stampa. Questo è un problema di dignità. Io parlo sempre di persona. Quello che ho detto ho il diritto di dirlo, ma anche il dovere. Perchè chi allena da oltre 20 anni ha il dovere di difendere il calcio, alcune cose nel terreno di gioco non dovrebbero succedere.

Le hanno fatto piacere le parole di Tiago Pinto? Può essere importante anche per il futuro?
Tiago Pinto è la Roma. Quando parla lui, parla la Roma. In quel momento ho sentito che era la società che parlava. Non mi aspetto sostegno della società quando sbaglio, ma quando non sbaglio mi fa piacere che la società mi ha detto “siamo qua”. Utilizzando l’espressione che non userò più: mi ha dato equilibrio emozionale.

Ma le hanno contestato anche la frase sul cartellino di Mancini al decimo minuto?
Ieri sono andato con Tiago Pinto e l’avvocato Conte. Non mi sento di dire più di questo.

Alcuni esperti arbitrali hanno detto: ma Aureliano, Maresca e Rapuano sono tutti arbitri che hanno avuto problemi con la Roma e Mourinho. Lei si sente tranquillo?
Noi allenatori non dobbiamo parlare degli arbitri prima della partita, ne ho discusso anche con il procuratore. Dopo si, ma prima è meglio partire dal principio che gli arbitri vogliono sempre fare bene.

Se oggi le presentassero il rinnovo di contratto, lei lo firmerebbe?
E’ una domanda ipotetica, non è successo, e a me non piace rispondere a domande ipotetiche. Posso dire che la vicinanza della società mi ha fatto piacere. Io do tutto per la Roma, anche quando sbaglio. Non è un segreto: la proprietà è qui, ci siamo parlati ed il nostro rapporto è positivo. Se tu mi chiedi se abbiamo parlato del futuro e della scadenza del mio contratto, la risposta è no.

Pellegrini e Renato Sanches possono giocare dal primo minuto? Averli sarà importante viste le tante partite da giocare?
La nostra rosa senza infortuni è una rosa forte e che mi da parecchie opzioni. A centrocampo le soluzioni ora sono tante. Bove non è più il ragazzino che entra e gioca solo 5 o 10 minuti. Ovviamente avere tutti disponibili è importante. Domani ad esempio non ho 6 a disposizione. Renato è migliorato, ma gli manca ancora qualcosa per la sua forma ottimale. Lorenzo ha fatto una settimana di lavoro ottima, anche con lavoro supplementare. Viste le tante partite abbiamo bisogno di tutti. Mi preoccupa più dietro, con N’Dicka che parte sarà difficile.

Articolo precedenteITALIANO: “Nico Gonzalez è recuperato. Partita importante per tutte e due le squadre, servirà personalità e carattere”
Articolo successivoSerie A: l’Atalanta batte il Milan nel recupero (3-2), la Lazio non va oltre il pari a Verona (1-1)

17 Commenti

  1. Considerato uno dei migliori allenatori della storia del calcio, è soprannominato The Special One. La Roma farebbe bene a tenerlo per lungo tempo.

  2. chi ha orecchie per intendere,intenda.
    tutti gli altri in roulotte.
    questo per dire:
    non c’è niente da capire più di quello che si capisce.
    ovvero:
    io só io e voi Nun siete un caxxo.
    oppure:
    FORZA ROMA SEMPRE

  3. Penso che, almeno sulla carta, si sia giunti a un accordo con la procura.
    Perché Mourinho intanto dice che pensa che non si debba parlare degli arbitri prima delle partite. Poi che lui non aveva intenzione e né ha offeso o valutato Marcenaro. Quindi che non ne parla, lasciando intendere un incontro informale quando erano lui, la Roma (Pinto) e l’avvocato della Roma con il Procuratore.

    Vedremo.

    Sarebbe sgradevole un’altra squalifica in questo momento.

  4. forse non si è capito viste le spolliciate.

    io sto con Mourinho al 100%.
    lo considero il miglior campione che abbiamo.
    non l’unico.
    perché se c’è lui di campioni ne abbiamo tanti.
    lui è una sorta di Maradona.
    fa diventare bravi anche i bruscolotti.
    se spolliciate fate pure ma rimane ciò che è.
    domani saremo 65mila a cantare per la ROMA e per Mourinho

  5. Col Sassuolo =
    partita diretta BENE dall’arbitro
    poche o niente provocazioni ,
    botte sui c@##oni falli da criminali
    intervento puntuale e a dare indicazioni giuste
    __________
    magari SEMPRE COSI in campo.
    Sono servite le parole di MOU per far essere PRECISE tutte le parti coinvolte ?
    PROBABILMENTE SI.
    Ma non si puo dire ne fare.
    Ci sono squadre da PROTEGGERE ed accompagnare nelle 2 posioni di interesse
    ( inter e juve altro campionato per ora).
    Diamo NOI fastidio ?
    CERTAMENTE.
    NB
    MOU non è il mio allenatore IN CAMPO preferito
    ma MOU è sicuramento il mio preferito per
    _ rapporti con la stampa
    _ protezione della squadra da nemici e stampa
    _ per mentalita
    _ per convincere la Societa ad investimenti
    _ per visibilita nel mondo calcistico
    _ per gestione nei momenti difficili

  6. vorrei aggiungere un appunto pro Mourinho.
    “articolo 21 della costituzione della Repubblica italiana”
    “Tutti hanno il diritto di manifestare il proprio pensiero
    con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione “.

    • la spolliciata mi fa davvero ridere.
      non so chi sei ma sei davvero un individuo ridicolo.
      non aggiungo altro e ne avrei da dire.

  7. Mourinho e’ indiscutibile per il solo fatto di aver fatto tornare
    65.000 titoli allo stadio.
    Poi tutto può migliorare anche il modo di fare pressing o come tirare in porta da fuori area.
    Mi sembra un campionato difficile per tutti e mentre i soliti buontemponi lo contestano, se vinciamo con la viola siamo vicinissimi al 3 posto.

  8. la Roma a volte non gioca un gran calcio è vero ma come si fa a essere contro Mourinho due finali europee in due anni una vinta e una rubata Boh

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome