Mourinho e la paura degli infortuni. Prima della partitella: “Occhio a non fare ca*ate…”

25
1740

NOTIZIE AS ROMA – L‘incubo di nuovi infortuni assilla la testa di Josè Mourinho in vista della finalissima di Europa League di mercoledì prossimo.

Per questo il tecnico domani contro la Fiorentina terrà a riposo tutti i big, per lasciare spazio a seconde linee e giovani della Primavera.

Ma lo Special One teme possibili colpi proibiti anche durante gli allenamenti che la squadra svolge a Trigoria. Per questo ieri, prima della partitella in famiglia, Mou ha catechizzato i suoi calciatori.

Adesso facciamo una partitina con le porte piccole di 6 minuti. Va bene l’intensità, va bene la qualità. Ma occhio ai piedi, alle caviglie… non fate cagate..“, le parole pronunciate dal tecnico all’indirizzo dei suoi.

Fonte: Corriere dello Sport

Articolo precedenteTotti: “Mou e la Roma? Tutto deciso, il 31 maggio sapremo. Il silenzio dei Friedkin va rispettato, prima c’era chi parlava troppo”
Articolo successivo“ON AIR!” – DE SANTIS: “Con la Fiorentina una semplice amichevole”, FERRETTI: “Solo una rottura di scatole”, PUGLIESE: “Il Siviglia concede in difesa”, CORSI: “Non potrai piazzare il pullman stavolta”

25 Commenti

  1. In certe frasi ,in certi atteggiamenti Mourinho mi sembra il buon padre di famiglia che si preoccupa della salute dei suoi figli . Mi da l’idea che si sia creato un afflato tra lui e i giocatori della Roma al di là dei rapporti professionali,dei rispettivi carismi, dei 7 milioni di stipendio,delle bojate della stampa e delle radio.
    I giocatori,questi giocatori dal canto loro ,dimostrano con i fatti ,partita dopo partita,di ricambiare queste attenzioni del loro mister, dando l’anima in campo ,nonostante i limiti tecnici di qualcuno e i piedi a banana di qualcun altro.
    Non so come finirà come tutti i mortali la partita di mercoledì prossimo ,ma di una cosa sono sicuro ,che mai come stavolta la Roma sputerà l’anima in campo pur di raggiungere la vittoria.

  2. Per quello che può valere la mia opinione… con Dybala saremmo alla pari, senza partiamo sfavoriti.

    Ciò detto… poche volte nella mia vita ho desiderato di vincere qualcosa quanto questa Europa League…

    Ciao a tutti 😊.

    • spiace per te ma roma liverpool ’84 c’ero e non hai idea anche il desiderio, la certezza (la delusione) il fasto a quali livelli fossero. a proposito di arbitri italiani colpevoli e stranieri innocenti vogliamo parlare di finali e semifinali (questa recentemente) con liverpool ?

    • C’ero anch’io come l’amico rr e conservo ancora il tagliando, quello col re di picche (purtroppo alla fine abbiamo preso il due…) che si vende online a qualche centinaio di euro.
      No Enri’, con tutto il bene che ti voglio, quella fu una cosa epica e straziante della quale porto ancora le cicatrici.
      Forse spariranno, come stigmate miracolose, il giorno che la coppa dalle grandi orecchie approderà qui.
      Questo è un grande evento, ma comunque andrà non sarà mai come è stato e come avrebbe potuto essere quel 30/05/1984.

    • Vale’, sarebbe BELLISSIMO, FANTASTICO E MERAVIGLIOSO che, SE 🤞✌️🤘 dovessimo spuntarla, 🏆 i ragazzi facessero prima scalo a castellabate (come fatto dalla primavera) ad omaggiare Ago Diba, prima di rientrare a Fiumicino…💫

    • Roma Liverpool del 30 maggio 1984 è il più grande rimpianto sportivo della mia vita. Ricordo ancora la città in silenzio il giorno dopo. Avevo 29 anni e per me quella coppa la Roma la vinse, anche se nell’albo d’oro non c’è il suo nome, perché il gol del Liverpool era chiaramente irregolare (forse lo avrebbe annullato persino Orsato).
      Spero mercoledì sera di prendermi una soddisfazione che, per quanto grande, non sarà mai come poteva essere quella dell’84 se il signor Fredrikson non ce l’avesse scippata.

    • il 30/5/84 ai calci di rigore mi salì la febbre a 40
      x l’enorme tensione accumulata.
      fu una delusione che mi ha lasciato una cicatrice indelebile.
      quella era la prima volta che in caso di parità ai tempi supplementari non si ripeteva la partita dopo 3 GG come accadeva nelle edizioni precedenti.

    • A Pa’, io c’avrei un sogno troppo spudorato solo per dirlo: portare questa sul luogo dove riposa Ago…e poi lo sai pure tu, l’anno prossimo saranno 40 e 30 anni da quei due infausti eventi.
      Ci fosse un padreterno calcistico non potrebbe fare finta di nulla…

  3. Beh Mou ha sicuramente dato la sua “impronta” alla squadra, però se davvero gli ha detto ” me raccomanno, nun fate caxxate !” pure lui s’è “Romanizzato” mica male….x me è frase Dop ! 🤣🤣

  4. Secondo me invece con Dybala al top avremmo avuto grandi possibilità senza di lui tocca pregare in qualche calcio piazzato e poi tutti in difesa… oppure che Abraham si ricordi come si segna ahah

  5. Siamo fortunati ad avere proprio la Fiorentina domani. Avendo anche loro una finale a breve, c’è da sperare che non ci andranno giù pesanti con noi.

  6. Penso che i viola a meno che non siano completamente idioti staranno anche più attenti di noi,poi testa di giocatore buona solo per cappello….

  7. pensa come siamo fortunati, aver giocato un campionato intero senza Wjinaldum, pensa come siamo fortunati che Dybala non gioca per colpa di Palomino il dopatino, pensa come siamo stati fortunati von gli arbitraggi che ci hanno spinto a calci fuori dalle prime 4…

  8. A distanza di quasi 40 anni ho ancora vivo il ricordo della finale di Coppa de Campioni. Già mi ero trasferito al Nord e mi stavo preparando a sfottere i tanti amici e colleghi juventini: “con tutti i campionati che avete vinto non siete stati capaci di vincere manco una Coppa dei Campioni. E noi subito al primo colpo e pure a casa nostra. Mo’ sapete dove ve li potete mettere tutti quegli scudetti?”
    Purtroppo mi sono dovuto tenere tutto dentro, ma ancora adesso ci ripenso: ‘che bello sarebbe stato se quel giorno…’

  9. c’ero anchh’io a quella finale del 1984, Curva Sud entrato a mezzogiornoe uscito a mezzanotte.
    Ho ancora la bottiglia Cinzano Roma Campione d’Europa mai stappata

  10. Avevo quasi 12 anni e mi ero messo la maglietta mezza gialla e mezza rossa con scritto Roma Campione d’Europa e la Coppa dalle Grandi Orecchie in mezzo, così come il bandierone. Ma quella era una situazione diversa, il Liverpool era campione in carica, era una squadra più esperta anche se la partita si giocava all’Olimpico, poi l’orsato di Svezia ci ha messo del suo dando buono il gol loro dopo un fallo ai danni del nostro portierone (non di statura ma perché era fortissimo tra i pali) Franco Tancredi.
    Concordo col non fare cag. a livello di contrasti in allenamento, Mourinho sa come preparare una finale al meglio, su questo è espertissimo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome