“ON AIR!” – DE SANTIS: “Con la Fiorentina una semplice amichevole”, FERRETTI: “Solo una rottura di scatole”, PUGLIESE: “Il Siviglia concede in difesa”, CORSI: “Non potrai piazzare il pullman stavolta”

20
1656

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

Matteo De Santis (Tele Radio Stereo): “La partita di domani? Un’amichevole…Manco la Fiorentina pensa alla Roma, vengono da una finale persa e ne hanno un’altra… La formazione della Roma di domani sarà piena di bambini, mi aspetto Svilar, Tahirovic, Missori… Dybala? Mourinho la fa sempre più drammatica, aveva detto che Llorente ed El Shaarawy avevano finito la stagione, e invece sono tornati. Mourinho difficilmente sbaglia la preparazione di una finale, poi lo svolgimento della partita è un’altra cosa, quella è una tombola…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “La Roma c’è, quasi tutta. Il problema è quel quasi. Dybala è quello che ci ha portato alla finale con quel gol al Feyenoord all’89esimo. Lui ci può servire anche senza correre per tutto il campo, bastano dieci minuti del genio. Il problema è che il Siviglia è una squadra tosta, in palla, e non so se possono bastare 10 minuti. L’unico a cui bastavano 10 minuti era Maradona. Siccome Dybala è fortissimo, ma non è Maradona, per noi sarebbe un danno enorme averlo solo per dieci minuti. Questa partita del 31 maggio ce la stiamo immaginando in tutte le maniere…Io non penso che la Roma metterà il pullman davanti la porta, non può andarti sempre bene. Il problema è che non hai giocatori, come la giri la giri…però magari Abraham indovina la partita, o una bomba di Matic… Non lo so. Ma il compito è molto duro…”

Andrea Pugliese (Rete Sport): “Con le terapie a valanga che verranno fatte da qui a mercoledì spero che il dolore che sente Dybala al momento di calciare il pallone sia passato. Il Siviglia negli ultimi mesi ha ottenuto risultati sorprendenti rispetto alla stagione che aveva vissuto, mentre nella Roma è successo il contrario. Come valori assoluti le due squadre si equivalgono, ma la Roma ha il vantaggio dell’allenatore. Il Siviglia mi sembra una squadra che concede qualcosa dietro, e tu non potrai fare la partita difensiva fatta a Leverkusen. Formazione per Firenze? Mi aspetto Svilar, Llorente, potrebbe giocare Keramitsis, Missori a destra, Camara, Tahirovic, Wijnaldum, Solbakken e Belotti… La formazione per la finale invece è già fatta: giocano Celik e Spinazzola, Matic e Cristante a centrocampo, Wijnaldum e Pellegrini dietro Abraham…”

Daniele Lo Monaco (Radio Romanista): “Dybala? Mourinho ieri ha proprio detto che gli fa male la caviglia a calciare. La caviglia col tempo, se non c’è una lesione o una fattura, si rimette a posto, ma dipende dalla gravità di quello che hai avuto. E lui probabilmente non regge. Mou si è fatto scappare che quella di Budapest sarà l’ultima partita di Dybala della stagione, quindi lui sa che lo vedremo in campo. Mou in qualche modo spera vivamente di poterlo portare in panchina, e all’occorrenza farlo entrare. Ma magari non ne vessi bisogno. Magari. Ma se dovesse esserci bisogno, con antidolorifici e bendature, può provare…”

Ubaldo Righetti (Radio Romanista): “Totti poteva stare senza giocare per settimane, però poi aveva risorse fisiche sue e giocate che poi alla fine la prestazione nella partita secca la tirava fuori. Dybala è lo stesso, anche se non è in perfette condizioni fisiche ti può tirare fuori la giocata. Il problema suo è che qui si tratta dell’articolazione, della caviglia, non di gestione del muscolo. E poi al sinistro, lui lo usa in continuazione. E’ fastidioso…”

Mimmo Ferretti (Tele Radio Stereo): “La partita di domani? Una rottura di scatole in vista della finale di mercoledì. Penso che sarà una gara abbastanza complicata…entrambe le squadre avrebbero evitato di giocarla, e credo che tutte e due penseranno prima di tutto a non farsi male. Wijnaldum non ha giocato quasi mai, Belotti non ti ha dato niente, e Dybala lo ha sfruttato al 50% e di questo dovremo tenerne conto in fase di analisi di stagione. Matic? Il suo rendimento è stato così buono perchè è stato sempre disponibile. Senza quell’infortunio, non so se lo stesso sarebbe stato anche per Wijnaldum…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Dybala a Budapest ci andrà. E attenzione che in una finale che può durare 120 minuti, l’ingresso di Dybala potrebbe essere una botta importante. Se la Roma è lì, è perchè Dybala contro il Feyenoord all’89esimo non è che ha fatto gol, si è inventato un gol che nessun altro giocatore della Roma sarebbe stato in grado di fare. Mourinho la sta preparando in tutti i modi questa partita, sappiamo quanta forza ci mette, sa già studiando tutte le mosse per resistere e poi spararsi questa carta finale…”

Stefano Agresti (Gazzetta dello Sport): “Mourinho è straordinario a creare empatia col pubblico, e questa non è una qualità da poco. A Roma ci è riuscito in modo fantastico. Ma nel ritorno in massa allo stadio contano anche i prezzi, anche se lui è stato un elemento fondamentale. Comunque vada, anche se lui se ne andrà, il legame tra lui e la Roma resterà per sempre, anche se sarà diverso se vincerà o meno la coppa. Questa è una partita chiave, che determina un giudizio sul risultato tecnico della stagione: ci sarà un giudizio se vincerà e un altro molto diverso se invece non riuscirà a vincere la partita…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Dybala? Devi averlo in panchina e deve essere disponibile. Dopo un’ assenza così non si può pensare che lui possa stare in una condizione ottimale. Però sarebbe importante la sua presenza e la possibilità concreta di dare una mano contro una squadra come il Siviglia…”

Redazione Giallorossi.net

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteMourinho e la paura degli infortuni. Prima della partitella: “Occhio a non fare ca*ate…”
Articolo successivoSMALLING: “A Roma mi sento a casa. Mourinho ha sempre voglia di vincere. Matic il collante della squadra”

20 Commenti

  1. Se vi andate a rivedere i gol del Siviglia contro la Juve, ma anche col Manchester…ci sono stati degli spazi enormi in contropiede, spazi che la Roma di norma non concede.

    • Non li concederà nemmeno il Siviglia però. Sanno benissimo, da squadra esperta quale è, che concedere il vantaggio alla Roma sarebbe un handicap pesante da recuperare.
      E sono anche coscienti di essere meno forti di noi dal punto di vista prettamente difensivo.
      Io mi attendo una partita bruttissima dal lato estetico, nervosa e spezzettata.
      Entrambe proveranno a prevalere sull’altra dal punto di vista emozionale con ogni mezzo al limite del lecito.
      Dovremo stare attenti a non schiacciarci troppo nella nostra area e concedere facilmente il tiro da fuori, come fatto in numerose occasioni, perché loro hanno gente che dai 20 mt può farti male.
      Non dobbiamo farci trarre in inganno dal loro cammino in campionato: hanno buttato fuori Man Utd e Juve, quindi significa che è una squadra in grado di esprimere valori assoluti alti, ma che semplicemente non è in grado di tenerli per una stagione intera.

    • Ci sono state un sacco di cappelle tra difensori e portiere del ManU…non è che il Siviglia li ha asfaltati. Ce la giochiamo insomma…

  2. Dybala giocherà gli ultimi 20 minuti del secondo tempo anche in funzione di eventuali supplementari e rigori. Mou farà sfiancare il Siviglia per 70 minuti allestendo il fortino e sperando in una qualche giocata da gol.
    Poi Dybala a Siviglia poco lucido farà il suo lavoro…..
    Daje Roma

  3. Farei vincere la Viola solo per il rispetto che ha avuto in curva….💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

  4. A parte quelli che parlano alle radio…Ma quanti sono quelli della Lassio che si fanno il giretto su questo sito?
    Io non sono mai andato a curiosare su Blog\sito etc etc dedicato alla Lassio. Per il semplice motivo, che non riconosco un diversamente Romano, non esistono altri tipi di Romanità…!!!
    Chi è Romano e per certo Romanista, vabbè poi ci sono quelli che tifano le strisciate.
    Che sono casi davvero disperati, ma quelli con i colori della Grecia sono davvero fastidiosi !!
    FORZA MAGICA ROMA SEMPRE !!

    PS: Vediamo quanti pollici in giù arriveranno da i Lazie !!!

  5. a me, vincere con Fiorentina e Spezia non mi farebbe schifo, anche perchè siamo a 4 punti dal quarto posto e la famosa “mentalità” vincente, prevede che vinci pure se stai a giocà con tuo figlio nel pratino sotto casa…poi al fischio finale della 38esima ne parliamo, ma si scende sempre in campo per vincere…

    • Sarebbe bene anche arrivare davanti alla Juve, perché non si sa mai che si inventano per non penalizzarli ulteriormente

    • Dagli spifferi che arrivano pare che la Giuve prenderà più di un anno di squalifica dalle competizioni Uefa. Tenderei a non preoccuparmi di loro che probabilmente già sanno, considerata l’imbiancata che hanno preso a Empoli.
      Per cui non mi attendo che domani giochino chissà quale partita contro il Milan.
      Il quarto posto tramite il campionato è da considerarsi capitolo chiuso purtroppo.
      Domani il risultato conterà come quello di un’amichevole preseason.

  6. Noi abbiamo giocato con il Betis e abbiamo eliminato la Real Sociedad ( che ha attualmente 19 punti in più nel campionato spagnolo). Il Siviglia è forte in coppa ma non è il Real o il Mancity. Rispetto alla partita con il Leverkusen avremo la difesa titolare al gran completo. Anche il centrocampo sarà a posto. In attacco l’unica incognita è Dybala ( e non è poco) ma ci sarà il genio di Elsha.

  7. Ma come amichevole ? Intanto prendiamoci almeno il posto europa league difendendolo da juve e atalanta, poi si vedrà

  8. marione scambia una partita per un’altra, la Roma a Leverkusen aveva stretta necessità di fare quel tipo di match così difensivista perché si è presentata lì in vantaggio di 1-0 e perché aveva la squadra piuttosto rimaneggiata, poi giocava nel loro stadio e chi doveva segnare per forza era l’avversario.
    Stavolta è diverso, non c’è un’andata e ritorno, è gara unica in campo neutro, la Roma recupera i giocatori che mancavano, si parte quindi dal pari e patto, proprio da 0-0 e logicamente troverà i momenti per attaccare al fine di segnare per passare in vantaggio e poi si regolerà di conseguenza.
    Ovviamente lo stesso discorso vale per l’avversario come impostazione del match.

  9. Forza Roma,e anche oggi tutti concentrati, sia in campo che a casa.
    Vincere aiuta a vincere e se giocano i bimbi è bene che si abituino da subito.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome