MOURINHO: “Per essere un bravo allenatore devi far sì che la squadra si fidi di te. La pressione? Importante non farsi influenzare dall’esterno”

27
1320

AS ROMA NEWS – José Mourinho ha parlato dei segreti di come diventare un bravo allenatore e quali sono i segreti per affrontare al meglio la pressione ai microfoni di Forbes. Ecco le parole del tecnico della Roma: 

Come si diventa un buon manager?
“La cosa più importante è che le persone ti seguano. E per seguirti, devono credere in te. Normalmente, credono in te se si sentono empatici e onesti nei tuoi confronti. Nel mio caso personale, da leader, significa che ho la responsabilità di non deludere le persone, la mia squadra. Devi stare con loro e per loro tutto il tempo. Devono fidarsi di te”.

Quali sono le lezioni del coaching: il coaching sportivo può tradursi in affari o vita?
“Le lezioni che ho imparato dal coaching, direi che ho imparato molto prima di iniziare a fare coaching. In effetti, avevo un professore all’università che mi diceva sempre: Un allenatore che sa solo calcio non sa niente di calcio. Devi conoscere fondamentalmente l’essere umano, queste sono parole che uso ancora oggi. I calciatori non sono solo calciatori. Sono uomini che giocano a calcio e questa è una delle grandi lezioni che ho imparato all’inizio. Un’altra lezione che ho imparato dalla mia esperienza di coaching è che devi avere a che fare con l’essere umano. Nello sport c’è soprattutto un lato umano; e ovviamente può distinguersi negli affari e in altre aree della vita sociale. Penso che questa sia la cosa più importante che definisce la leadership”.

Come costruire e motivare un team, come gestire i talenti?
“Bisogna conoscere i giocatori, conoscerli bene. Sono tutti diversi e tutti hanno bisogno di un modo diverso di comunicare, di un modo diverso di ricevere feedback, di essere motivati. La cosa più importante è conoscerne la natura, sapere tutto di loro, per poter poi interagire con loro in modo quasi individuale. Direi che è un po’ come quando si va al ristorante e si mangia à la carte , come si dice in francese. A la carte, questo è fondamentalmente quello che devi fare con i giocatori. Non guardarli come se fossero tutti uguali, perché sono tutti diversi. È abbastanza facile da dire ma più difficile da fare. Per una squadra nel suo insieme, devi creare empatia con tutti. Devi far sentire tutti importanti, far sentire tutti parte della squadra e per questo devi conoscere le persone estremamente bene. Devi sapere come interagire con ognuno di loro, sapere come farli sentire importanti, farli sentire parte di una squadra e importanti per la squadra. È primordiale. Quindi, tornando alla mia risposta precedente, il lato umano è la cosa più importante, devi creare empatia con gli individui”.

Come ti attieni alla tua strategia nonostante le circostanze avverse?
“Costruire strategie significa cercare di ridurre l’imprevedibilità di tutto. Il calcio, come molti ambiti della nostra vita, è imprevedibile. Non possiamo prevedere tutto, ma più investiamo in formazione, più siamo preparati ad affrontare situazioni diverse. Questo riduce questa imprevedibilità e ci dà sicurezza che ci permette di fare le nostre scelte. Sappiamo che le partite di calcio comportano dei rischi, certo, ma dobbiamo cercare di ridurre questi rischi preparandoci al meglio”

Come prendere decisioni difficili?
“È difficile passare una settimana senza dover prendere una decisione difficile. Decisioni difficili in termini di leadership, per cercare di vincere una partita, per aiutare la tua squadra a vincere una partita. Come affrontare questo? Certamente a volte cerchiamo di prepararci, ma allo stesso tempo ci sono momenti in cui dobbiamo fidarci gli uni degli altri. Devi fidarti della tua analisi, ma a volte anche dei tuoi sentimenti e, fondamentalmente, saper apprezzare i rischi. Se non ti piace il rischio e ciò che ne deriva, non avrai mai successo. A volte è quindi necessario fare il grande passo, invece di essere sopraffatti dallo stress e semplicemente godersi la situazione”.

Come gestire la pressione?
“Cerco di non sentire troppa pressione nel mio lavoro. Penso di avere un buon rapporto con lo stress. Non sentire la pressione non va bene, ma anche sentire troppo, se lo senti profondamente, non va bene. Quindi devi cercare di avere un buon rapporto con la pressione e lo stress. Il mio miglior consiglio per affrontare la pressione? Penso che ci sia qualcosa di più importante della pressione: è la nostra identità, è ciò che sentiamo, ciò che pensiamo, le nostre idee. Non lasciarti influenzare dal mondo esterno e dallo stress che senti. Cerca di affrontarlo in modo positivo usando la tua conoscenza ed esperienza. La tua esperienza ti aiuta ad affrontarlo, ma la cosa più importante è ancora una volta sfruttare un po’ questa pressione”.

Come osi andare oltre i tuoi limiti?
“Penso che la chiave sia non accontentarsi mai di ciò che si ha e volere sempre di più. Quando vuoi guadagnare medaglie, vuoi guadagnare di più. Quando fai goal, vuoi segnare di più. Quando hai guadagnato soldi, vuoi guadagnare di più. Tutto ruota intorno al “di più”. Mai smettere! Questa sensazione non ha nulla a che fare con l’età, è una questione di personalità”.

Perché hai deciso di diventare un ambasciatore di XTB? Quali valori comuni condividi con XTB?
“Una strategia ben congegnata, la voglia di vincere, lo stesso vale per gli investimenti. Sai, tutti vogliono vincere. Nel mio caso, è nel calcio. Nel caso di XTB è ovviamente un campo diverso, ma abbiamo la stessa voglia di riuscire, di imparare ogni giorno, di cercare di essere migliori. A volte è una questione di intuizione. Ma è anche molta ricerca, preparazione e auto-investimento”.

Fonte: Forbes

Articolo precedenteMilanese alla Cremonese, le cifre dell’affare: alla Roma 750mila euro più il 30% della futura rivendita
Articolo successivoCalciomercato Roma, il Milan pronto a virare su Veretout e Cristante se salta Sanches

27 Commenti

  1. Sante parole, un professionista a 360°.
    Sono concetti basilari, ma pochi ne sono pienamente consci, questo fa la differenza.
    Come si dice, non tutti i grandi calciatori possono diventare grandi allenatori, la grandezza di un uomo è al di sopra dei diplomi incorniciati e appesi alla parete o dei trofei in bacheca. Un uomo è colui che sa difendere le proprie idee e i propri punti di vista, ma ha anche l’intelligenza di capire quando è il caso di cambiare opinione. Non è da tutti.

    • “Non sentire la pressione non va bene, ma anche sentire troppo, se lo senti profondamente, non va bene. Quindi devi cercare di avere un buon rapporto con la pressione e lo stress. Il mio miglior consiglio per affrontare la pressione? Penso che ci sia qualcosa di più importante della pressione: è la nostra identità, è ciò che sentiamo, ciò che pensiamo, le nostre idee. Non lasciarti influenzare dal mondo esterno e dallo stress che senti. Cerca di affrontarlo in modo positivo usando la tua conoscenza ed esperienza. La tua esperienza ti aiuta ad affrontarlo, ma la cosa più importante è ancora una volta sfruttare un po’ questa pressione”. Quindi ? Sembra la risposta di un politico, tante parole ma nessun contenuto. Mou sei un grande allenatore ma non filosofeggiare. E’ un errore di tanti grandi personaggi

  2. Di sicuro non è mai banale quando parla. Mi piacerebbe chiedergli quando boccia definitivamente un calciatore, su cosa si basa: Diawara ad esempio, non è un fenomeno, ma è stato bocciato senza rimedio, preferendogli dei ragazzini o gente assolutamente adattata a un ruolo. Cosa ci ha visto (o non visto) Mou per una bocciatura così netta? Alcune volte abbiamo giocato in emergenza, ma gente tipo Santon e Fazio, comunque a libro paga, lui li ha semplicemente “rimossi”…sarebbe interessante capire cosa lui giudica “essenziale” per preferire un Felix immaturo, a un giocatore magari più esperto ma che manca di…?

    • Per FELIX ho sempre pensato che abbian prevalso le diverse caratteristiche tecniche, rispetto al mettere dentro SHOMU accanto all’inglese.
      Se arrivasse dal mercato uno più simile a FELIX (e a PEREZ) piuttosto che all’uzbeko sar3bb3 un’ulteriore conferma.
      Su DIAWARA vorrei ricordare che é partito in rosa all’altezza degli altri, che per mesi prima della Coppa d’Africa ha avuto più di un’occasione, in campo dal primo o da subentrato, ma sostanzialmente ha sempre, massimo, svolto un lavoro molto banale. A differenza di CRISTANTE, ricordo dell’africano solo un bel lancio improvviso e preciso (ma allora sai farli!, pensai…) di 20 metri verticale, unico esempio tra passaggi accanto o appoggi dietro, e un trotterellare continuo.
      Mai ha dato l’impressione di aggredire un posto, a diffferenza di altri, di dare tutto, ma giocare in riserva.

    • Non capisco i pollici versi a @Criptico. Ha sollevato una questione interessante prendendo un esempio calzante. E non mi dite “eh ma è na pippa ecco perché”. Così so bono pure io.
      Posso dire la mia? Il ragazzo già quando stava a Bologna era un problema (ricordate si impuntò non andando agli allenamenti perché voleva andare via?) poi andò a Napoli. Nonostante un rendimento sufficiente DeLa non si fece il problema di appiopparcelo. Io credo che sia un problema caratteriale al di fuori del lato sportivo. Probabilmente Mou lo considera una mela marcia per questo motivo, questa è la mia idea.

    • Come non si capisce il poco utilizzo di Shomurodov e Bove ,le altre epurazioni hanno dato pienamente ragione a Mou

    • C’ha visto, in Diawara, per bocciarlo definitivamente, 2 gol dei 6 presi col Bodo grazie ad amnesie di Diawara, oltre ad un atteggiamento da lavativo e da scansafatiche ogni volta che questo giocatore è subentrato (e lo stesso dicasi per Villar, e per lo stesso Darboe, che a un certo punto ha fatto tribuna, manco panchina). Quindi non lo ha più utilizzato. Fazio invece è un ex giocatore in rotta e in polemica con la società dall’anno scorso, Santon un grande infermo (e Mou peraltro ben lo conosce, da anni, quindi non credo avesse problemi ad utilizzarlo, eventualmente). Felix, invece, per quanto immaturo, ti ha risolto una partita al suo esordio, col Napoli ha fatto un assist per il pareggio, era un giocatore “nuovo” quindi perlomeno da sperimentare e nel complesso ha consentito comunque a Mourinho di avere una seconda punta di ruolo veloce e che ha consentito (seppure non benissimo, spesso) un assetto tattico diverso al reparto offensivo. In rosa uno così mancava, e Borja Majoral non aveva quelle caratteristiche, e neppure Shomurodov. Ecco spiegati i “misteri”…

  3. L’ho pensato sin dalla 1ª volta che ho visto quest’uomo.
    Seguilo ed osservalo, ti saprà far crescere!
    Torna spesso sul concetto di empatia.
    È la sua parola chiave.
    È “il portale d’accesso” alla mente di un altro.
    Dio solo sa quanto è vero!!!
    MOURINHO “ti entra dentro” e non ne esce più.
    Se ti guardi intorno, soprattutto nel suo mondo, il calcio, capisci quanta differenza ci sia tra lui e gli altri.
    E ci sono giornalisti che “osano” sfidarlo, nel suo habitat naturale poi……
    Grande Jose’
    Finché sarai con noi
    NON POTREMO CHE CRESCERE.
    GRAZIE
    FORZA ROMA

  4. Luchino/Paolino non perde mai il vizietto del pollicino.
    Uno che c’ha Mourinho e sogna juric, de zerbi e gasperino.
    Buoni per la squadra sua…..
    ##LACOPPAINFACCIA

  5. José Mouu-rinho la Lalla lalla laaa….
    José Mouu-rinho la Lalla lalla laaa…
    José Mourinho la Lalla lalla laaaaaa…
    💛 ❤️ 🇮🇹

  6. Sempre detto e lo confermo, non so Mou come si poneva caratterialmente 15 anni fa, ma rispetto a Fonseca (aldilà dei successi che certo contano in così largo numero, o delle idee di come vincere una gara) ha un’empatia fondamentale in ogni campo della vita, per me, che l’altro portoghese non ha mai dimostrato di avere, con tutti i componenti della rosa.

    • Come per i calciatori, anche per gli allenatori esistono le categorie. Dirò una cosa impopolare ma secondo me Fonseca è un buon allenatore, con idee moderne e interessanti ma Mourinho… È semplicemente un’altra categoria. Un saluto e Forza Roma!

  7. Mister, la pressione è importante per tutti, non solo per te.
    Io per esempio me la controllo 2 volte a settimana 👈

    • Beh sempre un valore aggiunto,eh.
      Con uno spessore marxista(del peggior groucho di dilanodog, non confondere) comunicativo attendiamo con ansia cuoricini e battute da booooooooooomer.
      Eppure mi ricordo che promettesti di sparire col broccolaro ed invece broccolo joe non ti si è filato e si è ariportato adelmolo.
      Ormai abbandonato come un gabbiano su un secchione aspetti che i cantieri ripartano per avere un filo di attenzione.(senti che rima, zenoccolo).
      Saluta tanto il dalmata e portalo giù più spesso che quello deve corre.

  8. A me sembra che sta insegnando più che mai..

    “il mestiere di saper essere un essere umano”
    Di crescere come uomo..
    Di affrontarsi..
    Di migliorarsi..
    Di entrare in sintonia con il prossimo..

    Forse è proprio questo il segreto per portare un gruppo in sintonia con te e con le tue idee..

    Forza Roma

  9. signori Felix sarà fortunato se potrà fare una carriera dignitosa o nella serie cadetta o da centro classifica seria A anche se temo sia troppo.Io amo i giovani per me se sono bravi devono giocare ma lui onestamente non lo è.E’ tutto istinto e corsa…palla al piede sbaglia 9 su 10 la scelta non dà mai l’mpressione di essere un giocatore da massima serie felice di sbagliare ma non credo.Guardate Zale lo stesso Bove giocatore dalla giocata pulita e semplice ma dà la netta sensazione di essere un giocatore.Devo dire che spesso la scelta Felix a posto di Shomu non l’ho mai capita a parte quei 2 goal di cui il 2 trovato per strada ….cosa ha fatto?….solo il caos in mezzo al campo….

  10. Grandi e sagge parole di un grande leader, concetti semplici efficaci e vincenti, grande mou forza Roma, ci fidiamo di te !!!!

  11. Poi che un allenatore capisca di calcio e calciatori, che la società cacci i soldi per comprare calciatori e non i Cristante di turno ed avere qualche arbitro compiacente! Ops scusatemi mi sembrava di parlare di Juve, Milan ed Inter scusatemi ahahahah

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome