Mourinho taglia gli over 30 dalla rosa: solo in quattro possono restare alla Roma…

40
7034

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Da una parte la Roma di Fonseca, che deve concentrarsi sul finale di stagione. Dall’altra quella di Mourinho, che è già al lavoro per costruire una squadra più competitiva.

Stando a quanto scrive l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, un aspetto da considerare nella rosa da consegnare allo Special One è l’età media, con molti giocatori over 30 che andranno valutati in vista del prossimo anno.

La Roma avrà ben undici calciatori sopra i trent’anni in rosa, e cinque di questi sono in scadenza: Mirante, Bruno Peres, Juan Jesus, Farelli e Mkhitaryan. Per i primi quattro non ci sarà rinnovo di contratto, mentre per l’armeno la questione è delicata: il giocatore ha accumulato delle ruggini con Mourinho dai tempi di Manchester e bisognerà vedere se potranno essere messe da parte.

Per quanto riguarda gli altri, gli unici che potrebbero restare in rosa sono Dzeko, Smalling e Pedro. Per gli altri si cercherà una sistemazione.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteSmalling, la stagione rischia di essere finita. Col Crotone spazio di nuovo ai Primavera
Articolo successivoNuovo stadio nell’era Friedkin: “Mercati generali o Gazometro”

40 Commenti

    • Chi capisce di calcio, oltre che, vedere cosa hanno vinto, non li può mandare via, punti di riferimento di ogni giovane e, sfruttati male da Fonseca. In mano a Mou saranno devastanti e determinanti.

    • Ma pensiamo a mandar via Pastore, Santon, E tutti quei cadaveri che rientrano dai prestiti.

    • Pastore stà nella lista dell’INPS.
      Ma in che lista vuoi che sia?
      Mourinho non ha l’anello al naso…

    • Io dicevo per chi ha scritto l’articolo, più che altro: se dici “over 30”, boh, metticelo, poraccio… Poi, guarda, so tre anni che diciamo che Pastore è… freddo, ma tutti l’anni rimane, co’ tutte le scarpe, e c’è pure, sempre, chi ci assicura che “è er mejo de tutti! Sicuro! Non ve preoccupate!”. Quindi…

    • ti sei confuso forse…si parla di questo e qualcosina l’ha vinte
      Competizioni nazionali
      Campionato spagnolo: 5
      Barcellona: 2008-2009, 2009-2010, 2010-2011, 2012-2013, 2014-2015
      RFEF – Copa del Rey.svg Coppa di Spagna: 3
      Barcellona: 2008-2009, 2011-2012, 2014-2015
      Supercoppa di Spagna: 4
      Barcellona: 2009, 2010, 2011, 2013
      Premier league trophy icon.png Campionato inglese: 1
      Chelsea: 2016-2017
      FA Cup.png Coppa d’Inghilterra: 1
      Chelsea: 2017-2018
      Competizioni internazionali
      Coppa Campioni.svg UEFA Champions League: 3
      Barcellona: 2008-2009, 2010-2011, 2014-2015
      Supercoppa UEFA.svg Supercoppa UEFA: 3
      Barcellona: 2009, 2011, 2015
      Copa do Mundo de Clubes da FIFA.png Coppa del mondo per club: 2
      Barcellona: 2009, 2011
      Coppauefa.png UEFA Europa League: 1
      Chelsea: 2018-2019
      Nazionale
      FIFA World Cup Icon (Campionato mondiale di calcio).svg Campionato mondiale: 1
      Sudafrica 2010
      UEFA European Cup.svg Campionato d’Europa: 1
      Polonia-Ucraina 2012

    • One moment,david,one moment….qualsiasi giocatore di pallone,perfino Brunetto Peres, se avesse giocato per una decina d’anni con 3 mostri come Messi,Xavi e Iniesta,avrebbe vinto una ventina di coppe e coppette varie. Non per niente uno scarparo come Busquets,che sta ancora al Barca,ha vinto 30-35 trofei…
      Pedro si sta godendo il vitalizio in una Società che c’ha i tifosi abbocconi.🙀

    • Pedro ha dimostrato di essere determinante con Barcelona e Chelsea per meriti propri non riflessi ma chi non segue il calcio e vede solo l’ultimo anno con la Roma può pensare questo

    • Pedro al primo campionato in Italia ,:
      5 gol 7 assist 3 rigori procurati.
      Contro il Toro con lui in campo : occasioni mancate/ sbagliate..vero
      Uscito Pedro =sconfitta.
      E magari vuoi ancora Dzeko.
      Per me Pedro è IL CALCIO molti danno solo un colpo al pallone ma CORRONO ( non si sa dove basta che corrono).

    • Cioè t’è piaciuto Pedro, quest’anno, Ingolstadt? Ma scherzi, spero. Peraltro dovresti anche calcolare, nelle tue buffe e bislacche statistiche, gli assist sbagliati, i palloni persi (banalmente) da Pedro, i gol toppati clamorosamente e perfino le palle ciccate… Ma su, dai! Pure Pastore è IL CALCIO, anche più di Pedro allora, in linea di… principio, ma io non lo vorrei vedere più, manco in cartolina, con la nostra maglia, perchè sta in piedi col vento a favore ormai.
      Quanto a Dzeko (che, comunque, ha 36 anni e penso sia logico e normale che vada via l’anno prossimo e che quest’anno non ha giocato bene), visto che giochi con i numerini e con le tabelline, caro Ingolstadt, ti dico questa, ed anzi segnatela, così te la ricordi: 257 presenze con la Roma e 156 gol, miglior marcatore straniero di sempre della Roma, quinto marcatore in assoluto e miglior marcatore della Roma nelle competizioni europee. E non è neppure un rigorista. Punto. Il resto è fuffa, caro Ingolstadt, fuffa alla… Pedro!

    • Straconcordo Zenone e Pedro non è il solo, a me sinceramente di ciò che hanno vinto in altri periodi, contesti (anche Monchi aveva vinto e ci ha massacrati) e magari squadroni interessa molto poco, mi interessa valutarlo per ciò che per 3 milioni netti ha fatto sin qui a Roma e cioè molto, molto poco e non penso che andando avanti con gli anni potrà dare molto di più, è logoro soprattutto di testa.

  1. Mourinho è garanzia di progetto ambizioso ma non necessariamente di spese folli.
    Penso che gli acquisti dovranno essere per forza di cose sostenibili e quindi non giocatori di 30 anni.
    Il plusvalore di questo tecnico dovrà essere necessariamente la rivalutazione di giocatori che si sono un po’ persi.
    Inoltre ha dimostrato in carriera di non aver paura a lanciare i giovani.

    • Le rivalutazioni dei giocatori lasciano un po’ il tempo che trovano se gli stessi non sono dei giocatori determinanti.
      Pure Fonseca ha riabilitato Diawara e Karsdorp, ma restano sempre due mezzi giocatori.

    • Però Mourinho non credo sia venuto a “rivalutare” Karsdorp, Cristante, Pau, Diawara e compagnia cantante. Poi per carità, probabilmente il primo anno una parte di questa zavorra (la più piccola possibile, mi auguro) rimarrà e tanto varrà “rivalutarla” o almeno provarci. Credo tuttavia che la cifra di Mou sia un’altra e cioè allenare una squadra con alcuni giocatori molto competitivi o addirittura top players. Ovunque è andato, li aveva o li ha pretesi. Qui invece tranne un Zaniolo da ricostruire e un Dzeko a fine corsa, io vedo pochino ad essere sinceri. Inoltre se la società voleva fare solo una squadra “sostenibile” prendeva Sarri o magari De Zerbi o l’ennesimo Carneade di turno. Francamente, non prendi Mourinho per consegnargli i tre quarti di questa rosa… da “rivalutare”. Lanciare i giovani, invece, è un’altra cosa e non è necessariamente far giocare i primavera: anche Scamacca è, poniamo, “giovane”, ma non lo trovi a chilometro zero (qualche anno fa sì, oggi no). Insomma io a ‘sta storia che a Mourinho gli va quasi o tutto bene di questa piccola squadra che da tre anni non combina un tubo o quasi (con ben tre allenatori diversi) esclusa la semifinale di EL giocata però a cavolo di cane, ebbene a me questa storia convince poco. Io invece mi aspetto cambiamenti sostanziali e… sostanziosi, già quest’anno e certo nell’arco d’un biennio. Poi, per carità, sarà interessante capire la ” compatibilità ” di alcuni giocatori, anche rientranti dai prestiti (Florenzi, Under, Kluivert, poi Dzeko, Smalling, Miki e anche Pedro, che forse con un allenatore diverso potrà… giocare a calcio almeno) ma insomma mi interessano più gli acquisti e gli arrivi. Che ci “dovranno” essere perché questa Roma, così, non va.

    • La bravura di Mourinho dovrà essere quella di tirare fuori il meglio da una rosa mediocre in molti elementi ma anche buona/ottima in altri. D’altronde l’Inter del triplete aveva giusto Eto’o e Sneijder come punte di diamante affiancati da buoni/ottimi giocatori e gregari come Muntari, Cambiasso ……
      Insomma non era una rosa stratosferica, ma Mourinho riuscì a cavare fuori il meglio da tutti ed ottenne il massimo.
      E difatti dopo il triplete nessuno di quelli ha reso come prima a partire da Milito.

    • Chi sarebbero i “buoni-ottimi”, scusa?… Non mi dire Pellegrini, ti prego, che è tutt’al più sufficiente o il famoso “uno qualsiasi”. Anche i suoi più cocciuti estimatori mi pare stiano comprendendo questa realtà oggettiva. Ti accetto (ma come discreti, nulla più) a parte Zaniolo e Dzeko, che però sono due incognite (uno è da ricostruire e rilanciare: per carità è giovane, ma insomma due infortuni di quella portata non sono bazzecole, mentre Dzeko va per i 36 anni ed è in una parabola oggettivamente discendente) Veretout, Mancini e Spinazzola (che, pure, in una probabile difesa a 4 vorrò vedere…), mentre la tenuta fisica complessiva di Smalling e Mkytharian, ottimi giocatori, è però da valutare molto attentamente. Ma mooooltoooo attentamente. Se no ricominciamo con gli “equivoci” e con le aspettative deluse: un nome per tutti, Pastore… Il Pedro visto quest’anno, poi, fa capire perché il Chelsea se ne è liberato abbastanza agevolmente. Quanto agli altri (Majoral, Karsdorp, Ibanez, Villar, Diawara, Calafiori, Cristante, Pau, C. Perez, ecc.), per cortesia… Guarda, potrei fare una “eccezione” per Villar e forse pure per Ibanez, gente giovane che ancora può crescere, ma insomma ci penserei bene se vale la pena davvero. Il resto è, con rispetto parlando, da discarica: Fazio, JJ, Pastore, il rientrante Nzonzi e forse pure qualcun altro di cui mi scordo ora. Quanto ai rientranti (Florenzi, Under, Kluivert) io aspetterei a inserirli sicuramente in rosa, e parliamo comunque di giocatori che non mi pare stiano facendo faville. Insomma c’è tanto da fare, per me, e tanta zavorra di cui liberarsi.

  2. Basta che comprate i giocatori di spessore sia tecnicamente sia caratterialmente va bene tutto! … io manderei via pure Dzeko … con quello stipendio per fare da panchinaro? Mi sembra esagerato e poi è finito … ma se così fosse significherebbe che Friedkin è Paperon de Paperoni 🤑 … quindi ben venga 😀

  3. Pero’ oltre agli over 30,in ottica “fisici bestiali” Pedro, Kluivert e Under che sembra siano di ritorno, dovrebbero rimanere fuori dal progetto…..

  4. Credo che sia l’inizio di un progetto importante che dovrà portare l’AS ROMA in alto. Intendo dire non per forza incentrato tutto sulla prossima stagione dove ci sarà necessariamente un cambio di marcia anche a costo di un gioco non bellissimo ma bensì fruttuoso.
    La nuova presidenza sa vedere lontano. Su Djeko la questione è delicata perché è comunque un top player e deve essere degnamente sostituito. Non diamo quindi niente per scontato.

  5. @RomaRomaRoma, a mio parere non basta che i nuovi acquisti siano tecnicamente e caratterialmente forti: devono essere anche SANI! E possibilmente non reduci da gravi infortuni. Credo sia ora che la AS Roma riesca finalmente a disputare qualche stagione con l’infermeria vuota…

  6. Articolo che evidenzia la mancanza di cognizione di causa di chi l’ha scritto.
    Per JJesus, Bruno e Mirante non andrà trovata nessuna sistemazione perché tra poco più di un mese gli scadrà il contratto e dove andranno è un problema loro.
    Peraltro pare che Bruno si sia già accasato al Tranzonspor e Mirante al Milan.
    Di quelli citati solo x Fazio che ha ancora un anno di contratto andrà trovato un club disposto ad accollarselo, cosa non facile visti i circa 5 mln lordi di stipendio che percepisce.
    Anche il dimenticato Santon ha 30 anni ed ancora un anno di contratto ed anche lui andrà piazzato, cosa decisamente più facile visto che guadagna la metà di Fazio.
    Ma i big ultra trentenni che andranno piazzati sono ben altri: Pastore e Dzeko.
    In due coprono circa 1/4 del nostro monte stipendi e piazzarli vorrebbe dire liberare risorse x i 2/3 Giocatori di livelllo che si spera possano arrivare alla corte dello special1.
    Il primo è già un miracolo che sia tornato in campo, ma sembra lontanissimo dal poter ritornare ai suoi ormai antichi livelli. Venuta meno l’opzione Cina x il suo stipendio potrebbe finire solo in MLS o dagli emiri, a meno che sia disposto a tagliarselo bruscamente pur di tornare a giocare in Argentina (in tal caso la società sarebbe sicuramente disposta a rescindere, anche se ciò comporterebbe una minusvalenza).
    Quanto a Dzeko, resta un giocatore forte, ma il gioco di Mou richiede punte veloci in grado di sfruttare le ripartenza ed a 35 anni suonati questo non rientra più nelle corde di Edin. Tuttavia p, con al crisi del calcio non sarà facile trovare un club disposto a sborsare 14 mln l’anno per il suo stipendio, sicché probabilmente rimarrà per l’ultimo suo anno di contratto, più per necessità che per volontà.

    • Ma se avessi letto con attenzione avresti trovato scritto “La Roma avrà ben undici calciatori sopra i trent’anni in rosa, e cinque di questi sono in scadenza: Mirante, Bruno Peres, Juan Jesus, Farelli e Mkhitaryan. Per i primi quattro non ci sarà rinnovo di contratto…”
      Me ne guardo bene dal difendere il giornalista ma almeno fate attenzione a quello che leggete e a quello che scrivete… la mancanza di cognizione l’hai avuta tu perché hai voluto sottolineare una cosa che già era riportata nell’articolo…

  7. Miki ha accumulato ruggini. .già inizia il tormentone. …eh già ora x ca**ate vecchie di anni fa Mikitharyan andrebbe via. ..eh si.
    Milanari e Illusi bianconeri attaccatevi al tram. ..

  8. Non capisco come si danno certe notizie, gli unici che potrebbero restare Dzeko Smalling e Pedro e chi lo stabilisce?

  9. e fa benissimo!!! via Pedro, via Dzeko, via fazio, via peres, via diawara, via santon, via Pau e mirante e pure fuzato, via pastore, via perez e via smalling se arrivasse dier…altrimenti meglio lui che tanti altri…peccato solo per i suoi infortuni….ma in condizione lo terrei a vita!!! vai josè pulizia ed identità…calciatori funzionali senza buttare soldi a casaccio!!! il telaio c’è…ora mettici il motore!!! forza special one i romanisti sono con te!!!

  10. Tocca lavorare, cercarle le notizie… Ora le strisciate non potranno più contare su di loro, parlo dei giornalettisti (poco) sportivi, per anticipare o complicare le trattative della nostra Roma. Toppo facile con i topolini che informavano loro e loro che informavano chi di dovere. Ora sarà un po’ più complicato anche dividere i tifosi sulla base di trattative fallite in realtà mai iniziate, perché, non prendendoci più, perderanno credibilità e anche le notizie che daranno non verranno più prese per oro colato. Il vento sta cambiando. Lo spero, almeno.
    Forza Roma.

  11. 4 2 3 1
    Se Smalling risolve definitivamente i suoi problemi in coppia con Mancini è una garanzia e dato che sono stati investiti 30ml x Kumbulla se serve fare cassa x aumentare il budget da reinvestire nel mercato, Ibanez x 30/35 ml potrebbe essere sacrificato.
    Oltre al PORTIERE Titolare, serve un TERZINO titolare in grado di poter giocare su entrambe le fasce da alternare con Spinazzola e Kardorp.

    In mezzo al Campo MOU non vuole un regista ma carrarmato che faccia prima di tutto filtro alla difesa e poi pensi ad impostare. Ecco perché MATIC era il suo preferito

    Lì davanti ovviamente serve una prima punta che vada in doppia cifra. BELOTTI sarebbe la soluzioni più semplice ma io un pensierino ad ICARDI o AGUERO ce lo farei specialmente se Dzeko dovesse salutare.

    Come Ali se Miki prolunga, con il rientro di Zaniolo + Pedro ed Elsharawy saremmo apposto così. Se l’Armeno dovesse salutare serve un titolare nel centro-sx. Da valutare Carlos Perez, Klyvert e Under.

  12. A chi li molliamo giocatori come Pastore e Fazio? Guadagnano troppo. Pastore e’ sempre infortunato. Fazio gioca malissimo da circa tre anni ormai

  13. Questo non è ciò che dice Mourinho,ma la logica. Mourinho hanno detto che risponde a tutti i giornalisti che gli inviano messaggi con 2 cuori giallorossi! Gran bel paraxulo!

  14. Articolo del…
    B Peres scadenza contratto
    Juan Jesus scadenza contratto
    Farelli preso per allenare i portieri
    Mirante scadenza contratto
    Fazio Santon e Pastore inutilizzati non voluti dalla Roma ( e da Fonseca) devono accettare il trasferimento ma la Roma pagargli quasi l’ intero ingaggio ( vedi Godin Nainggolan).
    Smalling da recuperare
    Dzeko che ” ama la Roma” vuole la liquidazione ..’ mmazza che amore).
    Pedro è un CAMPIONE e lo dimostrerà
    Miky ha avuto problemi con Mourinho ma NON ha difficoltà a trovare una squadra.
    Unico PROBLEMA ?
    DZEKO come sempre

  15. Credo sia arrivato il momento di prendere atto del fatto che con tutta probabilità nessuno degli ultratrentenni del gruppo può garantire vero valore aggiunto per la prossima stagione al di là di ogni ragionevole dubbio.
    Mkhitaryan ormai è molto che in campo non ne combina una buona, Pedro ha fatto una sola partita decente negli ultimi tempi, Smalling temo che fisicamente non si rimetterà mai del tutto e Dzeko oramai è al capolinea e a non volerlo ammettere si rischia solo di farsi tanto male.
    Non basterà un nuovo allenatore per rimediare al loro declino.
    Si potrebbe dare una nuova possibilità a Mkhitaryan, sempre se vorrà rimanere, ma il rischio che non sia più lo stesso è elevato.
    Pedro al limite potrebbe dare qualcosa se utilizzato ala o seconda punta, ma anche per lui i dubbi sono tanti.
    Se la Roma vorrà finalmente iniziare un vero nuovo cammino di crescita dovrà sostituire molti uomini già dal prossimo calcio mercato, senza guardare in faccia a nessuno.

  16. Purtroppo non di può discutere con gli idioti diceva Oscar
    Ti portano nel loro campo e ti battono con l esperienza
    Pedro ha segnato ed è stato determinante in tutti i trofei vinti
    Se non lo sai informati e falla finita
    Poi che quest anno è stato in declino dopo pochi mesi è vero ma basta con informazioni false sul suo trascorso

  17. Se discutessi con te Alessandro, sarei certamente un idiota, quindi non lo farò, non offendere quando non capisci cosa dicono quelli con più cervello di te.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome