MOURINHO: “Vogliamo il play off, possiamo farcela. Abraham? Ai miei dico sempre: non conta l’errore, ma l’atteggiamento” (VIDEO)

29
1583

AS ROMA NEWS – Josè Mourinho parla in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Ludogorets, ultima giornata del girone C di Europa League che deciderà il destino dei giallorossi in coppa.

Queste le dichiarazioni dello Special One sulla decisiva sfida di domani sera contro i bulgari e sulle condizioni della squadra giallorossa:

Mangiante (Sky Sport): “La Roma deve solo vincere domani. Zaniolo come sta?”
“Se non vinciamo andiamo in Conference, ma non vogliamo. Vogliamo il play off. Giochiamo solo per un risultato, che è vincere. Partita difficile perchè esiste questa pressione, ma anche per l’avversario che ha vinto contro di noi dove abbiamo giocato seriamente. Cambiava solo il portiere, poi in campo c’erano prime scelte, non la Primavera. Ma stadio è esaurito di nuovo, si può creare un ambiente di partita decisiva. Creando questa atmosfera, con la motivazione dei ragazzi, possiamo farcela. Su Zaniolo penso che sia stata fatta giustizia, al massimo meritava una giornata di squalifica. E’ importante per noi, prima di tutto per il senso di giustizia e poi perchè può aiutarci a vincere. Prima dell’allenamento non so dirti se può giocare, l’ematoma era grosso e avvertiva dolore, vediamo come si sente oggi, ma mi piacerebbe averlo a disposizione”.

Serafini (As Roma): “Che Ludogorets si aspetta domani?”
“Mi aspetto un Lodogorets che gioca per due risultati, noi solo uno e questo fa la differenza. Squadra pericolosa in contropiede, ha giocatori veloci, ha questa soluzione di essere dominata ma di essere pericolosa. Però magari è meglio per noi, sappiamo che dobbiamo correre dei rischi, ma lo stadio dietro di noi non è piccolo. L’ambizione dei giocatori non è vincere di nuovo la Conference, ma andare ai play off, anche se sappiamo che scenderanno squadre che dovevano vincere la Champions, non l’Europa League. Sarà importante per noi l’ultima vittoria in campionato, tornare a casa con una vittoria dopo il ko col Napoli fa respirare una positività diversa. Non sarà facile per noi, ma non sarà facile nemmeno per il Ludogorets”.

Zotti (Gazzetta dello Sport): “Abraham sta passando un momento particolare. Per un allenatore esperto come lei, come si può aiutare? Dandogli fiducia o concedendogli un turno di riposo?”
“Ai miei giocatori da sempre dico che per me il portiere che sbaglia clamorosamente in un azione e l’attaccante che non segna, il difensore che commette errori, è tutto secondario. La cosa principale è l’atteggiamento. E’ pensare alla squadra. E’ lavorare seriamente. Non piangere nei momenti difficili, avere coraggio di tornare a fare. Pellegrini ha sbagliato un rigore contro l’Empoli che poteva essere decisivo, il rigore successivo era decisivo e ha avuto il coraggio di andare a tirarlo e ha segnato. Se non segnava non è un problema, però lo ha calciato. Non so che espressione hai visto sulla mia faccia, ma non ero arrabbiato con Abraham. Sono contento della sua partita, ha sbagliato due gol, ma per me non è un problema. Il problema era quando a inizio stagione non lo vedevo super concentrato, ora no, sta lavorando tanto per la squadra. I giocatori non sanno ancora chi gioca, ma rispondendo alla tua domanda: come si fa per aiutarlo? Si fa giocare”.

D’Ubaldo (Corriere dello Sport): “Lei ha detto che non era abituato a giocare con tanti giovani. Lo ritiene un motivo di orgoglio? E’ più contento dei giovani o più preoccupato dei titolari che segnano poco?”
“Non ho mai avuto tanta necessità di far crescere i giovani, ma questo non significa che ho lanciato pochi giovani nella mia carriera. Non sono pochi, e sono tanti bravi. Qui è un po’ necessità ma anche la conseguenza del profilo del nostro lavoro. Non è che sono un eroe perchè do opportunità a dei giocatori, ma sarei stupido a far giocare uno che non è preparato. E’ un processo. Prima è un Primavera, poi un giocatore che ogni tanto sale in prima squadra, poi diventa di prima squadra e aspetta l’opportunità che arriva. Dalla mia parte c’è quella fiducia che può compensare il nervosismo di chi è al debutto. Questo mi fa piacere. Per il club è importante, e per i giovani è importante sapere che la porta è aperta e la loro ora può arrivare. Fa piacere anche ai giocatori di prima squadra, si vede che sono felici quando un bambino debutta e fa bene. E’ un gruppo che li aiuta a crescere. Viverlo mi fa piacere. Io voglio vincere partite, non sono preoccupato se con A o con B. Quando perdiamo è diverso, ma quando vinciamo sono contento. Mi fa piacere quando i bambini fanno bene, ma sono anche contento dell’atteggiamento dell’attaccante come Belotti, che con la faccia ferita e gonfia era contento del gol di Volpato. Quando le cose cambieranno, gli attaccanti torneranno a far gol. Non sarei sorpreso se domani Tammy dovesse segnare”.

Balzani (Leggo): “Matic decisivo a Verona. E’ pronto per giocare dal primo minuto? Che impatto sta avendo sui giovani?”
“Un giocatore di 34 anni è infortunato ma vuole stare con noi per cercare di aiutare la squadra, e questo aiuta un giovane. Quando Namanja è venuto, lo conoscevo bene e sapevo quello che poteva dare non solo in campo. Se Volpato ne parla così, immagina Tahirovic che parla la sua stessa lingua e gioca nella stessa posizione. Vediamo oggi come sta, se può giocare titolare o no, ma sicuramente se ci può stare, starà sempre. Ho detto che gioca Abraham, giocherà anche Stephan El Shaarawy, che sta qua… Mancano gli altri nove…”

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

 

Articolo precedenteEL SHAARAWY: “Si può essere decisivi anche nei minuti finali, l’importante è la mentalità. Da esterno sono meno incisivo sotto porta, ma…”
Articolo successivoULTIME DA TRIGORIA – Zaniolo in gruppo nella rifinitura, ok per il Ludogorets

29 Commenti

    • pure per la Juve lo era… il Milan l’anno scorso, che dicevano?
      Aspe’, e “la semplice tappa di avvicinamento ” al vero spareggio, con la MACEDONIA del Nord, a Palermo dell’Italia…?
      per non tornare a VERONA, 1 a 0 per loro…, pari a fine 1T, e raddoppio (poi terzo, troppa grazia….) solo a fine gara…
      bho’…

    • Grande allenatore di menti, nelle parole, nei riferimenti, nelle espressioni c’è sempre l’uomo che domina la situazione, con semplicità e autorevolezza. Doti non comuni, poi ci sono gli schemi e le altre migliaia di allenatori che suggeriscono la sua sostituzione per conclamata demenza senile…vabbè!
      Forza Roma, sempre!

  1. Focolari fomentato dal furbo Melli,sostiene che occorre cambiare il regolamento affinché i falli a metà campo ,anche quelli spaccagambe,non siano sanzionati con l’espulsione,e che negli spogliatoi sia invece concesso tutto.

  2. E’ pure vero che ogni squadra che si incontra in Europa va rispettata e non sottovalutata, ma stiamo parlando del Ludogorets. Campionato bulgaro (con tutto il rispetto per i Bulgari per carità). Mettiamoci pure che giocheranno per due risultati e che sicuramente si chiuderanno cercando il contropiede. Ma noi siamo la Roma aoh non ci sto ad essere mandato in Conference dal Ludogorets.
    Giocando chiusi la loro difesa va scardinata quindi Zaniolo pur se disponibile non lo vedo tanto utile, meglio riposi per il derby. Io andrei con tre mezze punte dietro Tammy tipo Elsha, Zale, Volpato, dietro Camarà e Bove, difesa a 4 Ibanez, Smalling Kumbulla Karsdorp.

    • Rom 4
      Il calcio oggi è diverso. Non esistono più squadre cuscino.
      Dovunque si vada anche in Finlandia almeno per una squadra come la roma che non è ne Real ne Liverpool te la devi sudare. E basta un momento di leggerezza che paghi pegno.
      Oggi i calcio e’ così.
      Poi per carità capisco che non è il Ludoroez che vincerà la coppa. Ma mai dare nulla per scontato.

  3. sarà che son condizionato dalle ultime sul povero Mangiante, ma la sua domanda qui ha causato un’immediata e istintiva grattatio pallorum…😆

    • Eh ultimamente è bene seguire il vecchio ma sempre valido adagio “terque quaterque testiculis tactics omnia mala fugata sunt” di oraziana memoria

  4. …ogni tanto torna il nome, già dopo VERONA, e una volta in precedenza, lo ha fatto, di TAHIROVIC…
    io ho potuto veder di rado la primavera, ma già l’anno scorso i minuti visti di questo giovane centrocampista (che neanche partiva titolare) mi colpirono e lo scrissi qui.
    Penso perché quando giocavo era più o meno quello il mio ruolo e i movimenti…
    Magari MOU ha in mente di buttarlo dentro presto? Curioso e fiducioso.
    Spiacente (😉) per quelli che ritengono BRYAN e NEMANJA due inutili “bradipi di centrocampo” male assortiti, che pure lui mi sembrò piuttosto… riflessivo!

  5. Mou è uno che non sbaglia mai gli appuntamenti veramente importanti…e questo lo è…vuoi perchè giochiamo contro una squadra veramente modesta, vuoi perchè la partita è decisiva, mi aspetto una vittoria agevole. Il tutto con un occhio al derby, salvaguardando quei giocatori che ci servono per rimettere i burini al posto loro…

  6. Le prossime due partite diranno molto sulla nostra stagione. Non ci arriviamo certo col vento in poppa e personalmente sono molto teso. Ci aspettano due battaglie, sì anche con il ludogorets.

  7. D’accordo, possiamo anche prenderla con filosofia, se si parla di tiri sconclusionati meglio fare palo, e dire che un tiro sul palo è un tiro FORTUNATO perché è un tiro errato che torna in campo con la possibilità di metterla davvero in rete come nel caso di ZANIOLO!
    Atteggiamento giusto conta in ogni caso.
    Seguite i ragionamenti di Mou, lui ha sempre ragione..

  8. Non penso Mou abbia sempre ragione.
    Ma da circa metà della stagione scorsa mi trovo quasi sempre d’accordo.
    Anche stasera: l’importante è l’impegno e la serietà di un calciatore.
    Anche se sbaglia o vive un calo di forma, ma si impegna, sta onorando pur sempre la maglia.
    Vale ovviamente per Abraham e per tutti gli altri, a iniziare da Cristante, presi spesso di mira.

    PS personalmente ho preso di mira Pellegrini quando sbagliò il rigore contro la Juve all’Olimpico il 9 gennaio scorso: avevo perso la pazienza e mi sono pentito.

    • Andrea se non capisci che Pellegrini è imprescindibile in questa squadra è pure inutile startelo a spiegare … spesso, camminando, ha risolto la partita… magari con una punizione, un angolino un lancio
      #bastaxxagareilcaxxxoalorenzo

  9. Abramo, assist di sponda utilizzando il palo!
    Un fenomeno della carambola! 😜😏😂!
    Comunque dire che il tiro sul palo è una botta di culo, non ha attirato molti consensi! Molti del partito del
    ” chemme frega dell’atteggiamento, voio insacca’ e…. basta!!! Poche balle”
    In fondo anche questo è FORZAROMA!

  10. “…ora scendono in uefa squadre che dovevano vincere la Champions…”
    Ogni riferimento alla Rubentus è puramente casuale…
    Che spettacolo che sei Mou….😂😂😂
    💪🧡❤️

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome