Nainggolan: “All’Inter sono stato bene, ma Roma è un’altra cosa. Lukaku? Un giorno racconterà la sua verità”

12
488

NOTIZIE AS ROMA – “All’Inter sono stato bene, ma la Roma per me è stata una famiglia”. Basterebbe questa frase per far capire come vivrà Inter-Roma di oggi (ore 18), Radja Nainggolan.

Doppio ex per gli almanacchi, ma non si sbaglia quando si afferma che il suo cuore batterà per i giallorossi. L’ex centrocampista belga è intervenuto ieri pomeriggio ad un evento organizzato da “Prestito 24″ allo “Sport City” di Bruno Conti ad Anzio.

All’Inter finì nell’operazione che portò in giallorosso Zaniolo, ma se fosse dipeso da lui sarebbe rimasto. “Non mi lamento dell’esperienza all’Inter – le sue parole – ma ho avuto qualche problema rispetto a come mi sono trovato alla Roma. Quella nerazzurra è una grande società, dove ho potuto conoscere tante belle persone. Il ricordo nel complesso è positivo”, dice Nainggolan.

La Roma, però, è un’altra cosa.
“A Roma sono stato una meraviglia, abbiamo fatto stagioni splendide con squadre molto forti. Per me è stata come una famiglia e ogni volta mi sento a casa”.

Vista la forza di quella squadra, avreste potuto vincere di più?
“In quel periodo c’era la Juventus che era superiore, se potessimo trasportare la nostra squadra di allora nel campionato di oggi potremmo vincere qualche scudetto”.

Per fare risultato a San Siro servirà un’impresa da parte della Roma?
“L’Inter è la squadra più forte del campionato. Già lo scorso anno lo era, poi lo scudetto lo ha vinto il Napoli, ma io penso che il campionato l’abbia principalmente perso l’Inter. Da tre o quattro anni è la formazione più completa della serie A”.

Si parla tantissimo da giorni di Lukaku, che non sarà accolto bene dai tifosi interisti.
“Ci sono delle dinamiche che nessuno conosce, un giorno Romelu le racconterà. L’importante è che lui stia bene e che sia amato dai tifosi della Roma. È un calciatore che se si sente coccolato dà il massimo, infatti sta segnando a ripetizione perché i tifosi della Roma lo fanno sentire speciale. Con l’Inter non si è lasciato benissimo, ma credo che non ci sarà nessun problema per lui a giocare in un clima ostile”.

L’ha ringraziata pubblicamente per il suo ruolo nel passaggio alla Roma.
“Siamo sempre stati in contatto, ci siamo visti spesso. Mi ha chiesto informazioni e io ho sempre risposto raccontandogli la mia esperienza. Poi lui ha fatto la sua scelta”.

Si aspettava le difficoltà della formazione giallorossa di inizio stagione?
“In realtà le difficoltà ancora ci sono, anche contro il Monza hanno vinto 1-0 in 11 contro 10, hanno fatto una gran fatica. L’esultanza dei calciatori dopo il gol di El Shaarawy è stata come una liberazione, non va ancora tutto liscio ma l’importante è vincere perché i risultati ti danno fiducia, e la fiducia è la cosa più importante per i calciatori”.

Non essere mai stato allenato da Mourinho è un rimpianto?
“Ho avuto tanti allenatori forti, cerco di prendere il meglio di tutti. Mou è un grande tecnico e lo dimostra quello che ha vinto durante la sua carriera, non so come lavora, qualche curiosità ce l’ho ma non c’è stata la possibilità di lavorare insieme”.

Nemmeno recentemente?
“Da Trigoria nessuna chiamata”.

Fonte: Corriere della Sera

Articolo precedenteBove più di Aouar e il ballottaggio Zalewski-Celik come vice Spinazzola: le ultime sulla formazione anti-Inter
Articolo successivoSan Siro tra fischietti, app e il rischio dello stop al match. Lukaku: “Non ho paura, sono pronto”

12 Commenti

  1. Buona domenica Romanisti. Due brevi osservazioni: Radja non è finito nell’affare Zaniolo, ma é il contrario….
    A febbraio 2017 una delle più belle partite (forse in assoluto la più bella) del Ninja con la nostra maglia: doppietta capolavoro e vigili urbani nerazzurri k.o.
    SEMPRE FORZA ROMA SEMPRE

  2. continuo a pensare che questo, allenato e a due soldi in queste condizioni di organico, lo buttavi dentro mezz’ora e avrebbe assicurato impegno e dinamismo. boh.

    • allenato? lui era straripante con la gioventù( uno dei più forti centrocampisti d’Europa per almeno un quinquennio)ma il ninja non ha mai fatto vita esemplare da atleta e con l’età avanzata non è proponibile a certi livelli.

    • E basta, ma quale dinamismo, noi sogniamo sempre ad occhi aperti.
      Radja è un ex calciatore, punto.
      Si continuerà a volergli bene come lui ne vuole a noi.

  3. mi sembra di ricordare un inter roma dove il ninja sembrava un incrocio tra gattuso e ronaldinho….👊👍

    straripante

    ❤️🧡💛

    • Avoja, Inter-Roma 1-3 16/17, fece due gol spettacolari, uno dal vertice sinistro con un tiro a rientrare, e il secondo ancora più bello, dopo essere partito dalla propria trequarti (con una spintarella furbetta a Brozovic) esplose una mina all’incrocio sulla destra di Handanovic.
      In quella partita si vide la Roma più bella della stagione, sembrava potessimo lottare testa a testa con la Juve, e invece purtroppo, proprio dopo quella scintillante prestazione, la Roma di Spalletti accusò un brusco calo che ci costò in successione il primo posto in campionato, la Coppa Italia e l’Europa League.
      Era una squadra molto forte nei titolari, ma purtroppo la panchina era corta soprattutto a centrocampo e in attacco.
      A gennaio arrivò come “rinforzo” un Grenier ormai sulla sedia a rotelle.
      Ci riprendemmo in tempo utile per agganciare il secondo posto per la Champions senza passare dal play off, ma fu un peccato perché con un paio di alternative valide in più si sarebbe potuto portare a casa qualcosa.

    • Falcao, Cerezo, Ancelotti, De Rossi, Di Bartolomei…
      Con questi davanti, faccio veramente fatica a immaginare un centrocampo col Ninja (che ho adorato) titolare fisso.

      Siamo all’altezza di Piacenza e piove…

  4. il ninja quando giocava ed era in forma ,era un campione.non c’era un giocatore nel suo ruolo più bravo di lui .era il top ,ed era un cagnaccio .
    faceva quelle entrate in scivolata da dietro togliendo il pallone all avversario senza fare fallo .
    è stato un grande , è stato ed è ancora malato di Roma ed è per questo che Radja Nainggolan sarà sempre il benvenuto a Roma e sarà sempre amato dai tifosi romanisti!!!!

  5. grande radja…mitico centrocampista che dominava la sua zona e guai chi si avvicinava. le grandi scivolate e togliere palla senza fallo e si rimette a in piedi erano proprio da ninja. fantastico, aveva vita sregolata, vero ma lo diceva per lui io calcio era puro divertimento. .ricordo quando usciva dal campo zuppo fracico di sudore…peccato sei durato relativamente poco ..ma ti amiamo …forza Roma !!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome